Entro il 2030, l'HIV scomparirà

2016-04-13 19:00

L'infezione da HIV è apparsa per la prima volta più di 30 anni fa e ha iniziato a diffondersi rapidamente in tutto il pianeta, da allora tutti gli sforzi degli scienziati sono stati mirati a sviluppare farmaci efficaci contro questa malattia. La vittoria per l'HIV e l'AIDS è uno degli obiettivi principali per tutta l'umanità e gli ultimi risultati scientifici indicano che gli scienziati sono vicini a questo.

Alla conferenza internazionale dedicata alla discussione sui temi dell'HIV e dell'AIDS, Michel Sidibé, il vice segretario generale dell'ONU, ha dichiarato che entro il 2030 l'epidemia di HIV nel mondo sarà finita. Secondo Sidibé, è ora sicuro affermare che uno degli obiettivi del programma delle Nazioni Unite sull'HIV / AIDS include tassi di mortalità zero tra i pazienti con HIV e AIDS, così come l'eliminazione totale di nuove infezioni.

Nella sua dichiarazione, Michel Sidibé ha osservato che alcuni anni fa non c'era speranza per l'emergenza di una cura per l'AIDS, i pazienti stavano morendo, gli ospedali erano sovraffollati ei medici non potevano dare speranza a persone disperatamente malate. Tuttavia, fino al 2015, è stato possibile affrontare l'attuazione del programma delle Nazioni Unite e fornire farmaci a 15 milioni di persone. Inoltre, ci sono stati cambiamenti nella base scientifica per quanto riguarda l'infezione da HIV - in precedenza tutti infetti dal virus dell'immunodeficienza hanno ricevuto circa 18 farmaci al giorno, ma oggi la quantità di farmaci è stata ridotta a una sola compressa al giorno. Ma un risultato speciale, secondo Sidibe, è il declino nel costo dei farmaci con HIV e AIDS in tutto il mondo. Sulla base di tutto ciò, si può presumere che nei prossimi anni la situazione cambierà radicalmente e gli scienziati saranno in grado di trovare una cura per l'HIV e fermare l'epidemia. Sidibé ha osservato che sarebbe più logico aspettarsi una vittoria sull'HIV entro il 2030.

A questo punto, si aspetta la comparsa di un farmaco contro l'HIV e il fondatore della famosa società "Microsoft" Bill Gates. Vale la pena ricordare che Gates non risparmia milioni di dollari per sviluppare farmaci per questa malattia e finanzia generosamente progetti di ricerca in questo settore. Lui e sua moglie hanno fondato un fondo che finanzia ricerche sui metodi per combattere non solo l'HIV, ma anche altre gravi malattie, che oggi sono considerate incurabili.

Al forum in Svizzera, Bill Gates ha tenuto un discorso in cui ha parlato delle tecnologie del futuro. Secondo lui, l'umanità dimenticherà completamente questa terribile malattia in 15 anni, poiché nei prossimi anni gli scienziati svilupperanno farmaci efficaci contro il virus dell'immunodeficienza umana.

L'HIV è stato scoperto nel 1983 in due diversi laboratori - in Francia e negli Stati Uniti, i risultati dei loro ricercatori scientifici pubblicati in una delle pubblicazioni scientifiche nel maggio dello stesso anno. Un nuovo retrovirus è stato coltivato nei linfociti T e gli scienziati hanno suggerito che il virus è in grado di provocare lo sviluppo dell'AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).

Inizialmente, specialisti francesi e americani hanno dato nomi diversi al virus trovato e solo dopo 3 anni si è appreso che i virus scoperti in diversi laboratori erano geneticamente uguali e un nuovo retrovirus veniva chiamato HIV.

Il virus viene trasmesso con i fluidi biologici della persona infetta (sangue, sperma, sperma, latte materno, ecc.) Attraverso la mucosa o la pelle danneggiata.

È importante sapere!

La prognosi dei pazienti con infezione da HIV e AIDS in scena avversa: malattia progredisce a un prezzo molto basso stato immunitario, non esiste alcun trattamento efficace per etiotropic, anche con un'adeguata terapia protivoretrovirusnoi patogenetico e il numero di CD4 lpmfotsitov non ha il tempo per salire a livelli protettivi. Nei pazienti con un numero normale di CD4-linfociti o minore dell'immunodeficienza prognosi favorevole. Leggi di più...

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 20.05.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.