^
A
A
A

Il senso infantile della giustizia si manifesta dall'età di 3 anni

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

24 July 2019, 09:00

A partire dalla giovane età, i bambini dimostrano un acuto senso di giustizia. Sono pronti a fare molto in modo che una persona che mostri tale ingiustizia sarà punita di conseguenza, anche se il bambino stesso deve sacrificare qualcosa per questo.

Un senso di giustizia può essere portato in una varietà di interpretazioni. Alcune idee simili possono essere viste nel comportamento degli scimpanzé. L'unica differenza è che le scimmie rispondono alla presenza o all'assenza di giustizia, se le riguardano personalmente. Per quanto riguarda le persone, qui il sentimento si diffonde in relazione agli altri.

I bambini già da tre anni si sentono e si preoccupano se una persona ne offende un'altra. Allo stesso tempo, il desiderio dei bambini non mira tanto a punire chi ha mostrato ingiustizia, ma ad aiutare la vittima.

Eppure, è necessario o no ripristinare la giustizia? Dopotutto, una persona che è un trasgressore deve essere punita, se non altro in modo che "sarebbe vergognoso per gli altri". In alcuni casi, per il trionfo della giustizia, è necessario sacrificare qualcosa. A che età il bambino è disposto a fare tali sacrifici? Questo è abbastanza difficile da capire, ma gli scienziati che rappresentano l'Università di New York hanno notato che i bambini, a partire dai 3 o 6 anni, hanno già la volontà di sacrificarsi per motivi di giustizia.

Lo studio ha coinvolto oltre duecento bambini di età compresa tra 3-6 anni. Tutti questi bambini erano visitatori del museo per bambini della città. I partecipanti sono stati portati nella stanza in cui si trovava lo scivolo a spirale: è stato permesso di uscire da esso. I bambini hanno iniziato a divertirsi e dopo un po 'sono stati mostrati filmati con un bambino che ha rovinato maliziosamente e strappato il mestiere di qualcun altro. Spiegarono ai bambini che questa cattiva ragazza sarebbe presto venuta da loro per cavalcare la collina. Inoltre, ai partecipanti sono state date le seguenti opportunità: scrivere un segno sulla diapositiva con la parola "chiuso" o "aperto". Se si presumeva che la diapositiva fosse aperta, ciò significava che tutti potevano cavalcare con essa, incluso un bambino dannoso. E la parola "chiuso" significava che nessuno avrebbe cavalcato. Si scopre che ogni bambino ha avuto l'opportunità di punire un altro bambino per aver danneggiato i mestieri di qualcun altro violando i propri interessi.

Si è scoperto che ogni secondo bambino esprimeva la volontà di sacrificare il proprio divertimento. Tra questi bambini c'erano sia partecipanti di tre che di sei anni.

Successivamente, gli esperti hanno deciso di determinare quale fattore influenza il desiderio dei bambini di punire i colpevoli. I bambini sono stati divisi in gruppi: a uno di loro è stato detto che questa ragazza è uguale a loro e appartiene persino al loro gruppo. Ad altri bambini fu detto che la ragazza era loro sconosciuta. La terza categoria di bambini ha ricevuto "poteri speciali" nel processo decisionale appendendo un distintivo dello sceriffo sul petto.

Si è scoperto che i bambini erano più inclini alla punizione degli "sconosciuti" e che l'opzione del "perdono" era più spesso applicata alla propria. Ma il "potere dello sceriffo" aggiuntivo ha cambiato tutto: piuttosto sono venuti nelle loro mani. I ricercatori hanno attribuito questo al fatto che una persona dotata si sente più responsabile delle "sue" persone, e farà di tutto in modo che "sua" non si offenda a vicenda.

I dettagli dello studio sono pubblicati su psycnet.apa.org/record/2019-26829-001?doi=1

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.