^
A
A
A

L'OMS suggerisce di usare i test per autoidentificare l'HIV

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

16 December 2016, 09:00

In onore della Giornata mondiale contro l'AIDS, l'OMS ha emesso nuove raccomandazioni sull'autoidentificazione dell'HIV.

Gli esperti sottolineano che fino ad oggi, i metodi diagnostici di HIV non è perfetto, che è il motivo per cui una parte del virus HIV-infetti non ricevono farmaci antiretrovirali, perché sono entrambi consapevoli del loro status, o non può, per qualsiasi motivo, da applicare a un istituto speciale per la diagnosi. Gli esperti sottolineano che la maggior parte della gente non sa nemmeno di essere infettata dall'HIV, molti sono ad alto rischio di infezione, inoltre, si nota che è difficile per alcune persone rivolgersi a servizi specializzati per verificare il loro stato di HIV. 

Margaret Chan, direttore generale dell'OMS, ha affermato che molte persone infette dall'HIV non solo non possono ricevere cure adeguate, ma rappresentano anche una minaccia per le persone circostanti, ed è l'autoidentificazione dell'HIV che aiuterà molti a conoscere il loro stato di HIV. Un nuovo test può essere fatto a casa e richiederà saliva o sangue dal dito, e dopo 15-20 minuti sarete in grado di scoprire i risultati. Se il risultato è positivo, si consiglia di andare immediatamente in un istituto medico per confermare la diagnosi.

Tali pazienti riceveranno consigli sulla malattia e sul suo trattamento, nonché un riferimento a istituzioni speciali per la prevenzione e il trattamento dei pazienti affetti da HIV.

Secondo gli esperti dell'OMS, l'autoidentificazione dell'HIV consentirà di testare più persone ed espandere i diritti e le opportunità di alcune categorie di cittadini, effettuare una diagnosi precoce dell'HIV. Il nuovo test è particolarmente importante per le persone che per qualche motivo non possono chiedere aiuto ai servizi competenti.

Negli ultimi 10 anni, il numero di persone che conoscono il loro stato di HIV è aumentato di quasi il 50% a livello globale e circa il 90% dei pazienti riceve i farmaci necessari .

A livello globale, diverse categorie di popolazione hanno problemi ad accedere alla diagnosi dell'HIV, gli uomini hanno meno probabilità di cercare aiuto rispetto alle donne e l'HIV è più spesso rilevato per caso. Tra le donne, un alto tasso di incidenza è osservato nei paesi dell'Africa meridionale e orientale. Inoltre, si osservano alti tassi di incidenza dell'HIV tra prostitute, omosessuali, persone transgender, tossicodipendenti, detenuti - circa il 50% dei casi si verifica in queste categorie di cittadini.

Anche i partner delle persone infettate dall'HIV sono gravemente minacciati - fino al 70% sono anche infetti, ma non ne sono nemmeno a conoscenza. 

Le nuove raccomandazioni hanno anche elementi che aiuteranno le persone con HIV ad aprirsi ai loro partner e aiutarli a superare la diagnosi. Il test di auto-test per l'HIV consentirà alle persone di conoscere il loro stato di HIV e adottare le misure appropriate in modo tempestivo.

Il nuovo test ha quasi raddoppiato i tassi di rilevamento dell'HIV tra gli omosessuali, gli studi condotti in Kenya hanno dimostrato che i metodi diagnostici standard sono la metà efficaci di un nuovo test per l'auto-HIV.

Ora 23 paesi hanno sostenuto l'idea di introdurre test per l'auto-HIV, un certo numero di paesi stanno sviluppando politiche per ridurre la diffusione dell'HIV, tuttavia l'autoidentificazione dell'HIV in essi è limitata.

L'OMS si è offerta di distribuire test per l'autoesposizione dell'HIV gratuitamente o di rendere il prezzo accessibile a tutti i segmenti della popolazione possibile.

Attualmente, l'OMS supporta 3 paesi in Sud Africa, dove hanno già iniziato a utilizzare il self-HIV testing nell'ambito del progetto STAR.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.