^

Salute

A
A
A

Diagnosi dell'HIV / AIDS

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Diagnostica di laboratorio nei bambini con contatto perinatale per l'infezione da HIV

La maggior parte dei bambini nati da madri con infezione da HIV hanno anticorpi contro l'HIV nel sangue (madri). A questo proposito, i metodi sierologici di diagnosi dell'infezione da HIV, basati sulla definizione di anticorpi IgG (ELISA), non sono significativi dal punto di vista diagnostico fino a 18 mesi di vita, quando gli anticorpi materni sono completamente distrutti.

I propri anticorpi specifici appaiono nel bambino nel 90-95% dei casi entro 3 mesi dopo l'infezione, nel 5-9% - dopo 6 mesi e nello 0,5% - successivamente. Nei bambini di età superiore ai 18 mesi, la rilevazione dei marcatori sierologici è considerata diagnostica.

I test sierologici pianificati vengono eseguiti alla nascita, alle 6; 12 e 18 mesi di vita. Ottenere due o più risultati negativi ad intervalli di almeno 1 mese in un bambino senza ipogammaglobulinemia all'età di 12 mesi e oltre è indicativo di infezione da HIV.

Nei bambini di età pari o superiore a 18 mesi, in assenza di infezione da HIV e ipogammaglobulinemia, un test sierologico negativo per gli anticorpi anti-HIV può eliminare l'infezione da HIV.

I metodi biologici molecolari consentono di confermare in modo affidabile l'infezione da HIV nella maggior parte dei neonati infetti all'età di 1 mese e praticamente in tutti i bambini infetti all'età di 6 mesi.

Il rilevamento del DNA dell'HIV mediante PCR è il metodo preferito per diagnosticare l'infezione da HIV nei bambini piccoli. Tra i risultati positivi perinatally infetti di PCR, il 38% dei bambini sono nelle prime 48 ore di vita, e all'età di 14 giorni - il 93% dei bambini. La chemioprofilassi non riduce la sensibilità dei test virologici.

Il primo esame obbligatorio viene effettuato all'età di 1-2 mesi, il secondo - dopo 1 mese. Quando si riceve un secondo risultato positivo, è necessario determinare la carica virale (cioè il numero di copie dell'HIV RNA in 1 ml di plasma) in modo quantitativo, il che rende possibile valutare il rischio di progressione della malattia e l'adeguatezza della terapia antiretrovirale.

I bambini con risultati negativi alla nascita e all'età di 1-2 mesi devono essere nuovamente esaminati all'età di 4-6 mesi.

Uno dei metodi aggiuntivi per esaminare un bambino con infezione da HIV è la valutazione dello stato immunitario, cioè la determinazione della percentuale e il numero assoluto di linfociti T CD4 +.

Dopo aver ottenuto un risultato positivo degli acidi nucleici dell'HIV, è necessario uno studio quantitativo dei linfociti CD4 + e CD8 in un bambino, preferibilmente mediante citometria a flusso. Lo studio deve essere eseguito regolarmente ogni 3 mesi (2-3a immunocompatibilità) o 6 mesi (1a immunoglobulina).

Quando viene rilevato un cambiamento nel profilo immunologico (cellule CD4 + <1900 / mm 3 e cellule CD8> 850 / mm 3 ), il bambino dei primi 6 mesi di vita assume una forma rapidamente progressiva della malattia.

Diagnostica differenziale

L'infezione da HIV nei bambini deve essere differenziata prima di tutto con le immunodeficienze primarie, così come con condizioni di immunodeficienza derivanti dall'uso prolungato di glucocorticoidi e chemioterapia.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.