^
A
A
A

Pasta e dieta compatibili?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 07.06.2019
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

10 February 2019, 09:00

Il piccolo indice glicemico consente a volte di mangiare la pasta, compresi quelli che seguono la figura.

Per coloro che sono "seduti" su una dieta, carboidrati - questo è il tabù principale, ma non tutti possono ferire.

Ad esempio, prendi in considerazione tutti i piatti più noti e diffusi: pasta, pasta, spaghetti, ecc. I prodotti a base di grano, ricchi di glutine (le cosiddette varietà solide) hanno un basso indice glicemico. Ciò significa che dopo che sono stati consumati, il livello di glucosio nel sangue aumenterà gradualmente e non raggiungerà numeri elevati.

Se si fa una scelta tra pasta e pasta, è meglio dare la preferenza a quest'ultimo: i carboidrati da essi non vengono assorbiti immediatamente, ma gradualmente entrano nel flusso sanguigno, quindi non creano un carico per il pancreas. Di conseguenza, il sistema immunitario non affatica, il metabolismo non soffre, poiché non è necessario indirizzare tutte le forze per utilizzare grandi quantità di zucchero. Molti nutrizionisti ritengono che i carboidrati della pasta di grano duro siano relativamente sicuri.

Perché è apparsa la parola "relativo"? Infatti, le tagliatelle e le tagliatelle non rappresentano un pericolo per i processi metabolici che si verificano all'interno del corpo, quindi non dovrebbero provocare l'apparenza di peso in eccesso. Per convincersene, i medici che rappresentano il St. Michael's Hospital e l'Università di Toronto hanno studiato trenta articoli scientifici sulla nutrizione dietetica. In questi documenti è stata descritta un'attenta osservazione dei pazienti che seguivano una dieta utilizzando cibi con un basso indice glicemico.

Lo studio nel suo complesso ha coperto informazioni su due e cinquemila pazienti. Tutti loro hanno apportato modifiche alla loro dieta, sostituendo i cosiddetti carboidrati veloci per la pasta. La quantità media di pasta consumata a settimana per ogni persona era di quasi tre porzioni e mezzo. La porzione media era di circa mezza tazza con una capacità di 250 ml. Cosa hanno trovato i ricercatori alla fine?

Secondo i risultati di un'analisi cumulativa del lavoro dei nutrizionisti, gli esperti hanno confermato: pasta e altri tipi di pasta non portano ad un aumento di peso. Ancora di più: i pazienti che avevano assunto la pasta nella dieta avevano perso almeno 500 g entro tre mesi Naturalmente è necessario tener conto del fatto che le persone mangiavano non solo i noodles, ma il menu dietetico era diverso per tutti. E a proposito dei carichi fisici dei soggetti, i ricercatori tacquero.

Ora torniamo a perché la pasta può essere considerata "relativamente" sicura. Il fatto è che questi prodotti non saranno nocivi se aggiunti alla dieta in quantità ragionevoli. Bene, se gli spaghetti saranno conditi con verdure stufate in una piccola quantità d'acqua, una piccola quantità di formaggio duro. Tuttavia, salse grasse preparate sulla base di creme e oli possono aumentare il contenuto calorico di una porzione diverse volte. Questo momento deve essere preso in considerazione quando si prepara il menù dietetico.

Dettagli sullo studio possono essere trovati sulle pagine del BMJ Open (https://bmjopen.bmj.com/content/8/3/e019438).

trusted-source[1], [2], [3], [4]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.