^

Cachi per la gastrite

, Editor medico
Ultima recensione: 25.02.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Nella stagione dei cachi, vuoi assolutamente goderti il tuo frutto preferito, ma non tutti possono trovarlo utile. Ad esempio, il cachi per la gastrite non è consentito per nessuna forma di malattia. E se consideriamo che quasi il 50% della popolazione mondiale soffre di gastrite, la questione della possibilità di utilizzare questo frutto rimane piuttosto rilevante.

Il cachi è possibile per la gastrite?

Da circa novembre, i frutti lisci e arancioni compaiono sulle bancarelle di cibo nella zona della frutta - sani e dolci, come il miele, i cachi. Viene coltivato in molti paesi asiatici, oltre che in Sud America e persino in Giappone. Esistono molte varietà di questo frutto: differiscono per colore, densità, forma, presenza o assenza di semi e hanno le proprie caratteristiche gustative.

Non ci sono controindicazioni categoriche all'uso dei cachi per la gastrite. Tuttavia, ci sono una serie di sfumature che devono essere prese in considerazione. Ad esempio, la polpa arancione brillante contiene i tannini, i componenti astringenti che conferiscono al frutto il suo sapore caratteristico. I tannini contrastano lo sviluppo della diarrea, ma allo stesso tempo aumentano il carico sul tratto digerente, rendendo difficile la digeribilità del cibo.

I cachi con gastrite possono rimanere nello stomaco per diverse ore, specialmente se una persona ha mangiato più frutti alla volta. In una situazione del genere, si può sentire pesantezza nella zona epigastrica o addirittura dolore. [1]

Per evitare disagi, devi almeno seguire queste regole:

  • non mangiare frutti densi e acerbi;
  • non mangiare più frutti contemporaneamente (1 / 2-1 frutto è sufficiente per una volta).

Inoltre, non dobbiamo dimenticare che durante il periodo di ricaduta della gastrite è vietato mangiare cachi: è necessario attendere lo stadio di remissione. Il cachi danneggerà la salute durante l'erosione nello stomaco, poiché può irritare i tessuti danneggiati, causando così la formazione di difetti ulcerativi. Ma con la gastrite iperacida, l'inclusione dei cachi nella dieta non solo non è vietata, ma addirittura incoraggiata: ovviamente, in questo caso, è necessario posticipare il consumo del frutto fino all'inizio della remissione.

Cachi per gastrite ad alta acidità

Il cachi è raccomandato per l'uso nella gastrite con ipersecrezione di succo gastrico. Il frutto contiene una piccola quantità di acidi, quindi non irrita la mucosa infiammata. Inoltre, la polpa matura contiene tiamina, una sostanza che mantiene un livello stabile di acido nel succo digestivo e ha un lieve effetto antinfiammatorio. Grazie alla tiamina, lo sviluppo dei batteri patogeni Helicobacter pylori è inibito. [2]

Ma con la tendenza a formare ulcere ed erosione, è meglio non aggiungere cachi alla dieta, in modo da non aggravare la situazione. Non puoi mangiare il cachi e con un'esacerbazione della patologia: devi aspettare lo stadio di sollievo dai sintomi.

I cachi si consumano freschi, dopo averli congelati per un breve periodo, e poi scongelati in frigorifero. Questa tecnica consente di eliminare l'astringenza e la viscosità specifica del prodotto. Rimuovere prima dell'uso.

Inoltre, i cachi per la gastrite possono essere cotti al forno, soufflé, frullati, budini.

Cachi con gastrite erosiva

Ai pazienti a cui viene diagnosticato un processo infiammatorio erosivo acuto nello stomaco, si consiglia di eliminare i cachi dalla dieta. Se non lo fai e continui a consumare questo frutto, tale negligenza può portare ad un'accelerazione del decorso della malattia e ad un aumento del rischio di complicanze avverse.

Con la gastrite erosiva, le pareti gastriche non sono solo infiammate, ma presentano lesioni e difetti individuali. I componenti della polpa di cachi in una tale situazione sono in grado di provocare dolori spastici e aggravare il problema. [3]

Nonostante tutti i noti benefici dei frutti di cachi, non dovrebbero essere mangiati con gastrite erosiva. Sullo sfondo di una dieta moderata, al di fuori della fase di esacerbazione, è consentito mangiare una piccola quantità di gelatina dolce preparata sulla base di questo frutto. Tuttavia, si consiglia di discutere questo passaggio in anticipo con il proprio medico.

Cachi per gastrite e pancreatite

Se la gastrite è complicata dalla pancreatite, non è vietato mangiare cachi al di fuori dello stadio di esacerbazione, ma in quantità strettamente limitate. È meglio che si tratti di frutta cotta o di piatti preparati da loro.

Non puoi mangiare più di un frutto al giorno.

I cachi possono essere inclusi nella dieta solo con una prolungata assenza di sintomi di gastropancreatite.

Al paziente viene inizialmente offerta una piccolissima quantità di polpa trattata termicamente. Se tutto va bene e non c'è disagio, dopo alcuni giorni puoi provare un po 'di frutta fresca senza la pelle - solo un paio di cucchiaini. [4]

Per un paziente con gastropancreatite, dovresti scegliere solo frutti completamente maturi che non abbiano proprietà astringenti.

Se tutto è fatto correttamente, il cachi sarà molto utile anche per una persona malata che soffre di disturbi digestivi.

Benefici

Il cachi è considerato un frutto estremamente sano. Molti guaritori orientali parlano delle proprietà curative di questi frutti, il che si spiega con la preziosa e varia composizione, rappresentata da vitamine e minerali, proteine, amminoacidi, grassi, ecc. [5]

In generale, le capacità benefiche del cachi possono essere facilmente elencate:

  • tonifica e rinfresca, satura di componenti utili e umidità (in un frutto maturo c'è circa l'80% di umidità);
  • contiene una grande percentuale di vitamina A e acido ascorbico, grazie ai quali supporta le forze immunitarie, che è particolarmente importante durante la fase di recupero dopo una malattia;
  • crea protezione contro lo sviluppo di tumori maligni;
  • stabilizza il sistema digestivo;
  • fornisce un effetto diuretico, purifica gli organi urinari;
  • ha un certo effetto antimicrobico, poiché inibisce lo sviluppo di batteri come Staphylococcus aureus, Escherichia coli;
  • abbassa i livelli di colesterolo nel sangue;
  • migliora la funzione cardiaca, influenza favorevolmente la vista, accelera la guarigione delle ferite;
  • rafforza i vasi sanguigni;
  • aumenta il tono generale del corpo.

Affinché il cachi sia benefico e non dannoso, devi scegliere i frutti giusti e usarli correttamente. Prima di acquistare un dolcetto all'arancia, esamina attentamente il frutto: dovrebbe essere moderatamente morbido, traslucido, con foglie secche. Foglie verdi e opacità indicano immaturità ed eccessiva astringenza del frutto. È consentita la presenza di una caratteristica "ragnatela" e macchie o linee scure sulla pelle. È meglio mettere da parte i frutti marci, così come i frutti acerbi. [6]

È inoltre necessario utilizzare il cachi per la gastrite secondo le regole:

  • non a stomaco vuoto, ma non in combinazione con altri cibi (in modo ottimale - mezz'ora dopo aver mangiato);
  • togliere la pelle è d'obbligo;
  • con l'inizio della stagione dei frutti, l'uso dei cachi dovrebbe iniziare con un cucchiaino di polpa, aumentando gradualmente la dose giornaliera.

Quando compare il disagio nell'addome, l'uso del frutto viene interrotto.

Controindicazioni

Ecco i casi in cui non dovresti assolutamente usare il cachi per la gastrite:

  • se sei allergico a tali frutti;
  • con una tendenza all'aumento della formazione di gas, lo sviluppo di processi di fermentazione nell'intestino;
  • nel periodo acuto della gastrite, indipendentemente dall'acidità del succo gastrico;
  • con sindrome dell'intestino irritabile;
  • con costipazione persistente, emorroidi acute, ragadi anali;
  • nel periodo acuto di cistite, pielonefrite;
  • con diabete mellito;
  • con gastrite erosiva, ulcera peptica.

Complicazioni dopo la procedura

Quando si elabora un menu dietetico per un paziente con gastrite, è importante consultare prima un medico: farà un elenco di prodotti consentiti, accettabili e completamente indesiderabili nella dieta del paziente. È importante tenere conto sia delle condizioni dell'apparato digerente nel suo insieme, sia della risposta dello stomaco del paziente al trattamento.

Anche la qualità e la maturità del frutto è di grande importanza. Più la polpa è tenera, più lo stomaco la digerirà. La pelle deve essere rimossa in tutti i casi, indipendentemente dalla forma e dallo stadio della malattia. [7]

Se ignori le raccomandazioni del medico sull'uso dei cachi per la gastrite, possono sorgere tali difficoltà:

  • ricaduta del processo infiammatorio;
  • la formazione di ulcere ed erosioni, lo sviluppo di ulcera gastrica.

Solo il medico curante può emettere un verdetto finale sulla possibilità di utilizzare i cachi per la gastrite. Dopotutto, è lui che ha informazioni complete sui risultati della diagnostica, sulle dinamiche della malattia, sulla sua risposta al trattamento e sull'uso di vari alimenti. Tuttavia, se vuoi ancora provare un po 'di frutta, ricorda: la porzione dovrebbe essere davvero piccola, non assunta a stomaco vuoto o in fase di ricaduta.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.