^
A
A
A

I batteri possono aiutare a curare l'avvelenamento

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.06.2019
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

04 February 2019, 09:00

Intossicazione alimentare: questa diagnosi è familiare a molte persone. Probabilmente ognuno di noi almeno una volta nella sua vita ha vissuto questo stato spiacevole. Ma alcune forme di microrganismi possono provocare un disturbo intestinale piuttosto grave, non limitato alla normale diarrea. Non è un segreto che alcune malattie in medicina siano curate secondo il principio "trattiamo simili con simili". Questa tecnica sarà presto applicata in relazione alle infezioni tossiche alimentari.

Un gruppo di specialisti della Stanford University (Stati Uniti) sotto la guida del Dr. Denis Monak scoprì l'esistenza di propionato, un prodotto metabolico ausiliario, che si forma come risultato dell'attività vitale di un tipo di microbi intestinali. Il propionato ha la capacità di inibire lo sviluppo della salmonella (l'agente eziologico della ben nota salmonellosi).

Cos'altro si sa del propionato? Questa sostanza è prodotta da anaerobi gram-negativi a forma di bastoncello, che appartengono alla famiglia dei batteri. Questi microbi fanno parte della normale microflora intestinale umana.

"Possiamo osservare diverse reazioni allo sviluppo di un'infezione batterica in persone diverse. In alcuni pazienti, l' avvelenamento si manifesta in un quadro clinico tempestoso e richiede un trattamento ospedaliero, mentre in altri procede in modo quasi impercettibile. Ci siamo dati il compito di capire perché questo sta accadendo ", spiegano i ricercatori. "Il microbioma intestinale è un meccanismo molto complesso che coinvolge miliardi di rappresentanti della flora microbica, virale e fungina. Interagiscono strettamente tra loro e spesso è quasi impossibile isolare singole molecole da altri "abitanti" dello spazio intestinale. "

Gli scienziati hanno analizzato l'effetto del proponiato sulla flora batterica, in particolare sulla Salmonella. Si è constatato che questa sostanza influenza la qualità del pH del mezzo all'interno della cellula batterica: di conseguenza, la cellula impiega molto più tempo per iniziare a crescere e moltiplicarsi. Con un'alta concentrazione di propionato nella cavità intestinale, i microbi perdono la capacità di aumentare il pH intracellulare, il che complica la loro funzionalità. Questo porta alla morte di un enorme numero di Salmonella.

"Le informazioni che abbiamo ricevuto, grazie alla ricerca, porteranno notevoli benefici nella lotta contro l'intossicazione e l'infezione infettive. Forse, saranno apportate modifiche al trattamento di tali malattie. Allo stato attuale, con le infezioni alimentari, gli antibiotici diventano i farmaci di scelta. Tuttavia, sappiamo tutti gli svantaggi della terapia antibiotica, e questo non è solo una massa di eventi avversi, ma anche lo sviluppo di resistenza di molti ceppi batterici, che è davvero un problema. Ora, in molti casi, gli antibiotici possono essere abbandonati ", dicono gli scienziati.

Informazioni pubblicate sul sito Web hi-news.ru

trusted-source[1], [2]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.