^
A
A
A

Il primo siero dalla sindrome da shock tossico

 
, Editor medico
Ultima recensione: 05.10.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

12 August 2018, 09:00

Una grave malattia, chiamata sindrome da shock tossico, è più spesso provocata dall'influenza di tossine batteriche sul corpo. Questo è un pericoloso danno multiorgano causato da esotossine di Staphylococcus aureus o streptococco piogenico.
 
La sindrome non viene diagnosticata spesso, ma il grado del suo pericolo fa pensare sempre più ai medici i metodi della sua prevenzione.

Gli scienziati australiani sono stati in grado di sviluppare un siero specifico per la pratica nel mondo, prevenendo lo sviluppo della sindrome da shock tossico. Come descritto nelle pagine della rivista Science Daily, il farmaco è stato testato con successo nella prima fase degli studi clinici.
 
La sindrome da shock tossico divenne nota circa quarant'anni fa. La condizione patologica era più frequente nelle donne che usavano tamponi vaginali durante il sanguinamento di un mese. I segni di base della sindrome erano simili alle manifestazioni di sepsi: il deterioramento crebbe rapidamente e la patologia provocò spesso fatalità.
 
Per prevenire lo sviluppo della sindrome è un compito importante, a cui gli esperti hanno attirato l'attenzione. Ora il problema può essere risolto con il siero sviluppato dai dipendenti della Medical University di Vienna, con il supporto finanziario di Biomedizinische Forschungsgesellscaft mbH. La base del siero era una sostanza isolata da una tossina stafilococcica detossificata. La vaccinazione viene somministrata per via sottocutanea, come la maggior parte delle vaccinazioni.
 
La prima fase dei test clinici ha avuto esito positivo: quasi cinque dozzine di giovani (donne e uomini) hanno sperimentato l'effetto del farmaco. È stato rintracciato: dopo l'iniezione di siero, gli anticorpi diretti contro i microrganismi responsabili della sindrome da shock tossico sono stati sintetizzati nei partecipanti. Per controllare la concentrazione di anticorpi, gli specialisti hanno utilizzato un esame del sangue standard.
 
I risultati della prima ondata di test hanno permesso di dimostrare: il siero possiede l'azione necessaria, senza causare effetti collaterali negativi.
Ad oggi, gli specialisti hanno già avviato la seconda fase delle sperimentazioni cliniche. Presumibilmente, ora molti più volontari di diverse età parteciperanno alle prove.
 
La sindrome da shock tossico attirò l'attenzione degli scienziati nel 1980, quando fu osservato un immotivato aumento dell'incidenza della patologia, che di solito veniva diagnosticato in pazienti con gravi ustioni. Le cifre che riflettono le statistiche sono deludenti: su ottocento pazienti colpiti, 38 persone sono morte. La causa di questo fenomeno fu presto scoperta: tutte le donne malate usavano tamponi vaginali. Con l'uso prolungato nei mezzi di igiene, i microrganismi patogeni - gli stafilococchi si sono accumulati, causando lo sviluppo della sindrome da shock tossico.
 
I dettagli possono essere trovati sul periodico Diseases Il Lancet Infectious, sia http://www.thelancet.com/journals/laninf/article/PIIS1473-3099(16)30115-3/fulltext pagina

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.