^
A
A
A

A volte gli incubi sono utili

 
, Editor medico
Ultima recensione: 25.02.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

03 February 2021, 09:00

I medici di tutto il mondo consigliano di dormire bene la notte, poiché un riposo di qualità può proteggerci dallo stress cronico e dalle patologie cardiovascolari. Ma per alcune persone, un tale riposo diventa impossibile a causa di frequenti incubi, dopo di che si svegliano regolarmente nel cuore della notte e non riescono nemmeno ad addormentarsi. La maggior parte di noi pensa che gli incubi non siano buoni. Tuttavia, un team di scienziati americani e svizzeri ha scoperto che ci sono benefici da tali sogni.

Nel corso di due studi si è riscontrato che gli sfoghi emotivi negativi nel sonno sono un allenamento specifico del corpo di fronte a vere difficoltà.

La scienza studia da molti anni le caratteristiche del sonno umano. Uno studio estremo, gli scienziati si sono diretti a chiarire l'effetto degli incubi sulla funzione del cervello umano. L'obiettivo è stato raggiunto: i ricercatori sono stati in grado di determinare il ruolo di tali sogni come l'attività cerebrale.

Poco prima, è stato condotto un esperimento a cui hanno partecipato 18 volontari. Sono stati collegati a più di 250 elettrodi speciali collegati a un elettroencefalogramma, che ha permesso di misurare l'attività elettrica del cervello. Durante il lavoro, i partecipanti volontari si sono addormentati e, dopo essersi svegliati, hanno espresso i loro sogni e valutato il grado di ansia notturna.

Successivamente, gli scienziati hanno confrontato gli indicatori ottenuti dell'attività cerebrale e il livello di ansia dei partecipanti, il che ha permesso di fare una scoperta molto interessante. Si è scoperto che durante gli incubi venivano stimolate alcune aree del cervello chiamate "isolotto" e "giro del cingolo". L'isolotto è responsabile della formazione emotiva e cosciente e il giro cingolato determina determinati movimenti del corpo in caso di pericolo. Inoltre, queste zone del cervello sono responsabili di queste reazioni non solo durante il sonno, ma anche in uno stato di veglia.

Dopo il primo esperimento, gli scienziati sono passati al secondo: ai partecipanti è stato chiesto di tenere un diario e di annotare i dettagli dei loro sogni e le caratteristiche dello stato emotivo. I soggetti hanno tenuto tali diari per una settimana, dopo di che sono state mostrate una serie di fotografie e video con elementi di violenza e altre scene scioccanti e spiacevoli. L'elettroencefalografia ha mostrato che i partecipanti che hanno sperimentato regolarmente incubi hanno reagito in modo più calmo al filmato mostrato.

Di conseguenza, gli esperti hanno tratto le seguenti conclusioni: gli incubi allenano e temperano il sistema nervoso, che successivamente consente alle persone di reagire in modo meno doloroso a situazioni di stress reale. Forse questa conclusione aiuterà nello sviluppo di nuovi metodi di terapia per i disturbi d'ansia.

Inoltre, i risultati degli esperimenti possono servire come base per nuove ricerche. Dopotutto, gli incubi impediscono ancora alle persone di dormire e spesso portano all'insonnia , che prima o poi influisce negativamente sulla salute.

L'articolo originale è presentato nella pagina

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.