^

Antiossidanti: effetti sul corpo e sulle fonti

, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Gli antiossidanti combattono i radicali liberi - le molecole la cui struttura è instabile e l'impatto sul corpo - sono dannose. I radicali liberi sono in grado di causare processi di invecchiamento, danneggiare le cellule del corpo. Per questo motivo, devono essere neutralizzati. Con questo compito, gli antiossidanti si adattano perfettamente.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5]

Cos'è i radicali liberi?

I radicali liberi sono il risultato di processi sbagliati che avvengono all'interno del corpo e il risultato della vita umana. I radicali liberi appaiono anche da un ambiente sfavorevole, in un clima malsano, condizioni di produzione dannose e fluttuazioni di temperatura.

Anche se una persona conduce uno stile di vita sano, è esposto ai radicali liberi che distruggono la struttura delle cellule del corpo e attivano la produzione delle seguenti parti di radicali liberi. Gli antiossidanti proteggono le cellule dai danni e dall'ossidazione come risultato dell'azione dei radicali liberi. Ma per mantenere il corpo sano, hai bisogno di porzioni sufficienti di antiossidanti. Vale a dire - prodotti con il loro contenuto e additivi con antiossidanti.

Effetti dei radicali liberi

Ogni anno, gli scienziati medici aggiungono all'elenco delle malattie causate dall'esposizione ai radicali liberi. Questo è il rischio di cancro, malattie cardiache e vascolari, malattie agli occhi, in particolare cataratta, nonché artriti e altre deformazioni del tessuto osseo.

Con queste malattie, gli antiossidanti stanno combattendo con successo . Aiutano a rendere una persona più sana e meno esposta all'ambiente. Inoltre, gli studi dimostrano che gli antiossidanti aiutano a controllare il peso e stabilizzare il metabolismo. Ecco perché una persona dovrebbe consumarli in quantità sufficienti.

trusted-source[6], [7], [8], [9], [10]

Beta-carotene antiossidante

È molto nelle verdure arancioni. È una zucca, una carota, una patata. E più beta-carotene è molto nelle verdure e nei frutti di colore verde: insalate di diversi tipi (foglie), spinaci, cavoli, in particolare broccoli, mango, melone, albicocche, prezzemolo, aneto.

La dose di beta-carotene al giorno: 10 000-25 000 unità

trusted-source[11], [12], [13], [14], [15], [16]

Vitamina antiossidante C

È buono per coloro che vogliono rafforzare la loro immunità, ridurre il rischio di calcoli nella bile e nei reni. La vitamina C viene rapidamente distrutta durante la lavorazione, quindi è necessario consumare verdure fresche e frutta. La vitamina C è abbondante in cenere di montagna, ribes nero, arance, limoni, fragole, pere, patate, peperoni, spinaci, pomodori.

La dose di vitamina C al giorno: 1000-2000 mg

trusted-source[17], [18], [19]

Vitamina E antiossidante

La vitamina E è indispensabile nella lotta contro i radicali liberi nel codice umana, aumento della sensibilità al glucosio, e il corpo - anche gran parte della sua concentrazione. La vitamina E aiuta a ridurlo, così come l'immunità all'insulina. La vitamina E, o tocoferolo, nella sua forma naturale che si trova in mandorle, arachidi, noci, nocciole e asparagi, piselli, grano, fagioli (soprattutto germogli), avena, mais, cavolo. Ce n'è in oli vegetali.

La vitamina E è importante non usare sintetizzati, ma naturali. Può essere facilmente distinto da altri tipi di antiossidanti con un segno sull'etichetta con la lettera d. Cioè, d-alfa-tocoferolo. Gli antiossidanti non naturali sono indicati come dl. Questo è dl-tocoferolo. Sapendo questo, puoi beneficiare il tuo corpo, non fare del male.

La dose di vitamina E al giorno: 400-800 unità (forma naturale di d-alfa-tocoferolo)

trusted-source[20], [21], [22]

Antiossidante al selenio

La qualità del selenio che entra nel tuo corpo dipende dalla qualità dei prodotti coltivati con questo antiossidante e anche dal terreno su cui sono cresciuti. Se il suolo è povero di minerali, il selenio nei prodotti che crescono su di esso sarà di scarsa qualità. Il selenio può essere trovato in pesci, pollame, grano, pomodori, broccoli,

Il contenuto di selenio nei prodotti vegetali dipende dallo stato del terreno su cui sono stati coltivati, dal contenuto di minerali in esso contenuti. Può essere trovato in broccoli, cipolle.

Dose di selenio al giorno: 100-200 μg

Quali antiossidanti possono effettivamente perdere peso?

Esistono questi tipi di antiossidanti che attivano il processo del metabolismo e aiutano a perdere peso. Possono essere acquistati in farmacia e utilizzati sotto la supervisione di un medico.

Coenzima antiossidante Q10

La composizione di questo antiossidante è quasi la stessa di quella delle vitamine. Promuove attivamente i processi metabolici nel corpo, in particolare, ossidativo ed energetico. Più a lungo viviamo, meno il nostro corpo produce e accumula il coenzima Q10.

Le sue proprietà per l'immunità sono inestimabili - sono anche superiori a quelle della vitamina E. Il coenzima Q10 può anche aiutare a far fronte al dolore. Stabilizzando la pressione, in particolare, con l'ipertensione e promuove anche un buon lavoro del cuore e dei vasi sanguigni. Il coenzima Q 10 è in grado di ridurre il rischio di insufficienza cardiaca.

Questo antiossidante può essere ottenuto da carne di sardine, salmone, sgombro, pesce persico e anche in arachidi, spinaci.

Per l' antiossidante Q10 è ben assorbito dal corpo, è preferibile prenderlo con l'olio - lì si dissolve bene e viene rapidamente assorbito. Se si utilizza l'antiossidante Q10 in compresse orali, è necessario studiare attentamente la sua composizione, in modo da non cadere nella trappola di prodotti di scarsa qualità. È meglio comprare questi farmaci che vengono messi sotto la lingua - in modo che siano più rapidamente assorbiti dal corpo. Ed è ancora meglio ricostituire le riserve del corpo con il coenzima Q10 naturale: il corpo assorbe e lo elabora molto meglio.

trusted-source[23], [24], [25], [26], [27], [28], [29], [30], [31]

L'effetto degli acidi grassi di base

Gli acidi grassi essenziali sono insostituibili per il nostro corpo, perché svolgono molti ruoli in esso. Ad esempio, promuovere la produzione di ormoni, così come i trasmettitori di ormoni - prostaglandine. Gli acidi grassi essenziali sono anche necessari per la produzione di ormoni come il testosterone, i corticosteroidi, in particolare il cortisolo e anche il progesterone.

Per l'attività cerebrale e nervi erano normali, sono necessari anche gli acidi grassi di base. Aiutano le cellule a proteggersi dai danni e recuperare da loro. Gli acidi grassi aiutano a sintetizzare altri prodotti del corpo: i grassi.

Acidi grassi - un deficit, a meno che una persona li consumi con il cibo. Perché il corpo umano non può produrli.

Acidi grassi omega-3

Questi acidi sono particolarmente buoni quando devi combattere l'eccesso di peso. Essi stabilizzano i processi metabolici nel corpo e contribuiscono a un funzionamento più stabile degli organi interni.

L'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido alfa-linolenico (ALA) sono rappresentanti degli acidi grassi omega-3. Sono meglio presi da prodotti naturali, e non da additivi sintetici. Questo pesce d'alto mare sgombro, salmone, sardine, oli vegetali - oliva, mais, noci, girasole - hanno la più grande concentrazione di acidi grassi.

Ma nonostante l'aspetto naturale, molti di questi supplementi non possono essere utilizzati, perché possono aumentare il rischio di dolore ai muscoli e alle articolazioni a causa della maggiore concentrazione di sostanze eicosanoidi.

Rapporto di sostanze negli acidi grassi

Inoltre, assicurarsi che non vi siano sostanze negli additivi trattati termicamente - questi additivi distruggono le sostanze benefiche del preparato. È più utile per la salute usare quegli additivi, nella composizione di quali sostanze hanno passato il processo di purificazione dai decompositori (cotamine).

È meglio prendere tutti gli acidi che consumi da prodotti naturali. Sono meglio assorbiti dal corpo, dopo il loro uso non ci sono effetti collaterali e molto più utili per i processi metabolici. Gli integratori naturali non contribuiscono all'aumento di peso.

Il rapporto delle sostanze utili negli acidi grassi è molto importante in modo che non ci siano malfunzionamenti del corpo. È particolarmente importante per coloro che non vogliono recuperare, l'equilibrio degli eicosanoidi - sostanze che possono avere sia un cattivo effetto sia un buon effetto sul corpo.

Di norma, per l'effetto migliore è necessario utilizzare acidi grassi omega-3 e omega-6. Ciò darà un effetto migliore se il rapporto di questi acidi è 1-10 mg per omega-3 e 50-500 mg di omega-6.

Acidi grassi Omega-6

I suoi rappresentanti sono LC (acido linoleico) e GLA (acido gamma-linolenico). Questi acidi aiutano a costruire e riparare le membrane cellulari, promuovono la sintesi di acidi grassi insaturi, aiutano a ripristinare l'energia cellulare, controllano i mediatori che trasmettono gli impulsi del dolore, aiutano a rafforzare l'immunità.

Gli acidi grassi Omega-6 sono abbondanti in noci, fagioli, semi, oli vegetali, semi di sesamo.

Struttura e meccanismi di azione degli antiossidanti

Esistono tre tipi di preparazioni farmacologiche di antiossidanti - inibitori dell'ossidazione dei radicali liberi, che differiscono nel meccanismo d'azione.

  • Inibitori di ossidazione che interagiscono direttamente con i radicali liberi;
  • Inibitori che interagiscono con gli idroperossidi e li "distruggono" (un meccanismo simile è stato sviluppato usando l'esempio di dialchil solfuri RSR);
  • Sostanze che bloccano i catalizzatori di ossidazione dei radicali liberi, principalmente ioni metallici di valenza variabile (nonché EDTA, acido citrico, composti di cianuro), a causa della formazione di complessi con metalli.

Oltre a questi tre tipi principali, si possono identificare cosiddetti antiossidanti strutturali, effetto anti-ossidante che è causato da un cambiamento nella struttura della membrana (tali antiossidanti includono androgeni, glucocorticoidi, progesterone). Gli antiossidanti, a quanto pare, includono sostanze che aumentano l'attività o il contenuto di enzimi antiossidanti - superossido dismutasi, catalasi, glutatione perossidasi (in particolare, silimarina). Parlando di antiossidanti, è necessario menzionare un'altra classe di sostanze che migliorano l'efficacia degli antiossidanti; Essendo sinergizzanti del processo, queste sostanze, agendo come donatori di protoni per antiossidanti fenolici, contribuiscono al loro recupero.

La combinazione di antiossidanti e sinergizzanti supera in modo significativo l'azione di un antiossidante. Tali sinergizzanti, che migliorano significativamente le proprietà inibitorie degli antiossidanti, includono, per esempio, acido ascorbico e citrico, oltre a un certo numero di altre sostanze. Quando due antiossidanti interagiscono, di cui uno è forte e l'altro debole, quest'ultimo agisce principalmente come un protonador in accordo con la reazione.

In base alle velocità di reazione, qualsiasi inibitore dei processi di perossido può essere caratterizzato da due parametri: attività antiossidante e attività antiradicalica. Quest'ultimo è determinato dalla velocità con cui l'inibitore reagisce con i radicali liberi e il primo caratterizza la capacità totale dell'inibitore di inibire la perossidazione lipidica, è determinato dal rapporto delle velocità di reazione. Questi indicatori sono i principali nel caratterizzare il meccanismo di azione e attività di un antiossidante, ma lungi da tutti i casi questi parametri sono stati sufficientemente studiati.

La questione della relazione tra le proprietà antiossidanti di una sostanza e la sua struttura rimane aperta fino ad ora. Forse, questo problema è stato sviluppato completamente per i flavonoidi, il cui effetto antiossidante è dovuto alla loro capacità di estinguere i radicali OH e O2. Così, nel sistema modello in termini di attività di flavonoidi "eliminazione" di radicali idrossilici aumenta con il numero di gruppi ossidrilici nell'anello, e in maggiore attività svolge anche il ruolo di un ossidrile a C3 e gruppo karbonialnaya nella posizione C4. La glicosilazione non altera la capacità dei flavonoidi di estinguere i radicali idrossili. Allo stesso tempo, secondo altri autori, miricetina, al contrario, aumenta la velocità di formazione di perossidi lipidici, mentre kaempferol abbassa, e l'azione di morin dipende dalla sua concentrazione, in cui tre di dette sostanze Kaempferol più efficace in termini di prevenire effetti tossici di perossidazione . Quindi, anche rispetto ai flavonoidi, non c'è una chiarezza finale in questa materia.

Nell'esempio di derivati dell'acido ascorbico aventi sostituenti alchilici in 2 - O, si dimostra che per l'attività biochimica e farmacologico di tali sostanze è importante molecola in presenza di 2 gruppi idrossilici fenolici e una lunga catena alchilica in posizione 2 - O. Il ruolo essenziale della presenza della catena lunga è noto per altri antiossidanti. Antiossidanti sintetici sono idrossilico fenolico e schermato con una catena corta derivati di tocoferolo avere un effetto dannoso sulla membrana mitocondriale, provocando il disaccoppiamento della fosforilazione ossidativa, mentre si tocoferolo e suoi derivati, a catena lunga non hanno tali proprietà. Sintetico antiossidanti fenolici nave privi catene idrocarburiche pendente tipici di antiossidanti naturali (tocoferoli, ubiquinoni, naftochinoni) causano anche "fughe» Ca attraverso le membrane biologiche.

In altre parole, antiossidanti brevi o antiossidanti catene laterali carbonio privo tendono ad avere più debole effetto antiossidante e causare effetti collaterali rad così (alterata omeostatica induzione Ca di emolisi e altri.). Tuttavia, i dati disponibili non consentono rendendo la conclusione finale sulla natura del rapporto tra la struttura della materia e le sue proprietà antiossidanti troppo grande numero di composti con proprietà antiossidanti, tanto più che l'effetto antiossidante può essere il risultato di non uno ma diversi meccanismi.

Le proprietà di qualsiasi sostanza che agisce come antiossidante (a differenza di altri effetti) sono aspecifiche e un antiossidante può essere sostituito da un altro antiossidante naturale o sintetico. Tuttavia, qui sorgono numerosi problemi legati all'interazione degli inibitori naturali e sintetici della perossidazione lipidica, alle possibilità della loro intercambiabilità, ai principi di sostituzione.

È noto che gli antiossidanti efficaci sostitutivi naturali (soprattutto a-tocoferolo) nel corpo possono essere eseguite solo con l'introduzione di tali inibitori che hanno una elevata attività antiradicalica. Ma qui ci sono altri problemi. L'introduzione di inibitori sintetici nel corpo ha un effetto significativo non solo sui processi di perossidazione lipidica, ma anche sul metabolismo degli antiossidanti naturali. L'azione degli inibitori naturali e sintetiche può sviluppare, risultando in un effetto più efficace sui processi di perossidazione lipidica, ma in aggiunta, l'introduzione di antiossidanti sintetici può influenzare la sintesi reazione ed utilizzazione di inibitori naturali di perossidazione nonché causano alterazioni nelle attività antiossidante lipidico. Così, antiossidanti sintetici possono essere usati in biologia e medicina come farmaci che influenzano non solo sui processi di ossidazione dei radicali liberi, ma anche gli antiossidanti naturali sistema interessano cambiamenti attività antiossidante. Questa possibilità di influenzare il cambiamento di attività antiossidante è estremamente importante in quanto è stato dimostrato che tutte le condizioni esaminati e cambiamenti patologici nei processi metabolismo cellulare possono essere classificati in base alla natura delle variazioni dell'attività antiossidante per processi a elevata, ridotta step modo e variando il livello di attività antiossidanti. E c'è un legame diretto tra la velocità del processo, la gravità della malattia e il livello di attività antiossidante. A questo proposito, l'uso di inibitori sintetici dell'ossidazione dei radicali liberi è molto promettente.

Problemi di gerontologia e antiossidanti

Data la partecipazione dei meccanismi dei radicali liberi nel processo di invecchiamento, è stato naturale assumere la possibilità di aumentare l'aspettativa di vita con l'aiuto di antiossidanti. Tali esperimenti su topi, ratti, porcellini d'India, Neurospora crassa e Drosophila sono stati effettuati, ma i loro risultati sono piuttosto difficili da interpretare in modo inequivocabile. La natura contraddittoria dei dati ottenuti può essere spiegata dall'inadeguatezza dei metodi per valutare i risultati finali, l'incompletezza del lavoro, un approccio superficiale alla valutazione della cinetica dei processi dei radicali liberi e altre cause. Tuttavia, in esperimenti su moscerini della frutta, è stato osservato un aumento significativo dell'aspettativa di vita sotto l'azione di tiazolidina carbossilato, e in un certo numero di casi è stato osservato un aumento della probabile aspettativa di vita media ma non effettiva. L'esperimento, condotto con la partecipazione di volontari anziani, non ha dato risultati definitivi, in gran parte a causa dell'incapacità di garantire la correttezza delle condizioni dell'esperimento. Tuttavia, il fatto di un aumento dell'aspettativa di vita nella Drosophila, causato da un antiossidante, è incoraggiante. Forse, ulteriori lavori in quest'area avranno più successo. Una prova importante a favore delle prospettive di questa direzione sono i dati sul prolungamento dell'attività vitale degli organi in esame e la stabilizzazione del metabolismo sotto l'azione degli antiossidanti.

Antiossidanti nella pratica clinica 

Negli ultimi anni, c'è stato un notevole interesse per l'ossidazione dei radicali liberi e, di conseguenza, per i farmaci in grado di esercitare un effetto su di esso. Tenendo conto delle prospettive di utilizzo pratico, gli antiossidanti attirano particolare attenzione. Non meno attivo dello studio delle già note proprietà antiossidanti dei farmaci, la ricerca di nuovi composti che hanno la capacità di inibire l'ossidazione dei radicali liberi nelle diverse fasi del processo.

Agli antiossidanti più studiati, soprattutto, alla vitamina E. Questo è l'unico antiossidante liposolubile naturale, che chiude le catene di ossidazione nel plasma sanguigno e nelle membrane degli eritrociti umani. Il contenuto di vitamina E nel plasma è stimato tra il 5 e il 10%.

L'alta attività biologica della vitamina E e, prima di tutto, le sue proprietà antiossidanti hanno causato l'uso diffuso di questo farmaco in medicina. E 'noto che la vitamina E causa un effetto positivo sulla danni da radiazioni, crescita maligna, malattia coronarica e infarto del miocardio, l'aterosclerosi, e nel trattamento di pazienti con dermatosi (panniculite spontanea, eritema nodulare), per le ustioni e altre condizioni patologiche.

Un aspetto importante dell'uso di a-tocoferolo e di altri antiossidanti è il loro uso in varie condizioni di stress, quando l'attività antiossidante è nettamente ridotta. È dimostrato che la vitamina E riduce l'intensità della perossidazione lipidica aumentata a causa dello stress durante l'immobilizzazione, gli stress acustici ed emotivo-dolorosi. Il farmaco previene anche le violazioni del fegato durante l'ipocinesi, che provoca un aumento dell'ossidazione dei radicali liberi degli acidi grassi lipidici insaturi, specialmente nei primi 4-7 giorni, cioè durante un periodo di grave reazione allo stress.

Tra gli antiossidanti sintetici, il più efficace è lo ionolo (2,6-di-terz-butil-4-metilfenolo), noto in clinica come dibunolo. Attività antiradicalica del farmaco è inferiore a quella della vitamina E, ma molto superiore a quella del antiossidante a-tocoferolo (per esempio, a-tocoferolo inibisce ossidazione di oleato di metile a 6 volte, e arachidonil ossidazione di -3 volte più debole di ionolo).

Lo ione, come la vitamina E, è ampiamente usato per prevenire disturbi causati da varie condizioni patologiche che avvengono sullo sfondo di una maggiore attività dei processi di perossido. Come l'a-tocoferolo, lo ionolo è usato con successo per la prevenzione del danno ischemico acuto agli organi e ai disordini postischemici. Il farmaco è altamente efficace nel trattamento del cancro, utilizzato nelle lesioni radiali e trofiche della cute e delle mucose, è stato utilizzato con successo nel trattamento di pazienti con dermatosi, favorisce una rapida guarigione delle lesioni ulcerative dello stomaco e del duodeno. Come l'a-tocoferolo, il dibunolo è altamente efficace nello stress, causando una normalizzazione del livello di perossidazione lipidica aumentata a causa dello stress. Ionolo ha anche alcune proprietà antigipoksantov (aumento di durata della vita in ipossia acuta, accelera il recupero da disturbi ipossiche) che appaiono anche essere correlato alla intensificazione dei processi di perossido durante l'ipossia, specialmente durante riossigenazione.

Dati interessanti sono stati ottenuti con l'uso di antiossidanti nella medicina sportiva. Così, ionolo impedisce l'attivazione di perossidazione lipidica, sotto l'influenza della fatica fisica massima aumenta la durata dei lavori di atleti a carichi massimi, vale a dire. E. Resistenza durante l'esercizio fisico, migliora l'efficienza del ventricolo sinistro del cuore. Insieme a questo, lo ionolo previene le violazioni delle parti superiori del sistema nervoso centrale che si verificano quando il corpo esercita il massimo sforzo fisico ed è anche associato a processi di ossidazione dei radicali liberi. Sono stati fatti tentativi per utilizzare nello sport anche vitamina E e vitamine del gruppo K, che aumentano anche le prestazioni fisiche e accelerano i processi di recupero, ma i problemi legati all'uso di antiossidanti negli sport richiedono ancora uno studio approfondito.

L'effetto antiossidante di altri farmaci è stato studiato in minor dettaglio rispetto agli effetti della vitamina E e del dibunolo e queste sostanze sono spesso considerate una sorta di standard.

Naturalmente, si presta maggiore attenzione ai farmaci vicino alla vitamina E. Quindi, insieme con la vitamina E si hanno proprietà antiossidanti e suoi analoghi solubili: trolaks C e a-tocoferolo polietilenglicole 1000 succinato (TPGS). Trolox C agisce come un efficace quencher di radicali liberi nel stesso meccanismo di quello della vitamina E, TPGS e ancora più efficace protezione della vitamina E come perossidazione lipidica SCC-indotta. Sufficientemente efficace effetto antiossidante di a-tocoferolo acetato: normalizza siero bagliore, aumentato a seguito di pro-ossidanti, inibisce la perossidazione lipidica nelle membrane cerebrali, cuore, fegato e globuli rossi nelle condizioni di stress acustico è efficace nel trattamento delle dermatiti, regolando l'intensità dei processi perossido .

In esperimenti in vitro dell'attività antiossidante di un certo numero di farmaci stabilito che gli effetti in vivo possono essere in gran parte determinato da questi meccanismi. Così, la capacità di mostrare un antiallergico traniolasta farmaco dose-dipendente ridurre il livello di O2, H2O2 e OH- in sospensione leucociti polimorfonucleati umani. Anche con successo in vitro inibisce la perossidazione Fe2 + / askorbatindutsirovannoe in liposomi (per ~ 60%) e leggermente peggio cloropromazina (-20%) - N- suoi derivati sintetici benzoiloksimetilhloropromazin e N-pivaloilossimetile-cloropromazina. D'altra parte, lo stesso composto incorporato in liposomi, irradiando l'ultima luce vicino all'atto ultravioletta come agenti fotosensibilizzanti e portare all'attivazione di perossidazione lipidica. Studio dell'effetto di protoporfirina IX perossidazione in omogenati di fegato di ratto e organelli subcellulari anche mostrato la capacità di inibire Fe protoporfirina e ascorbato perossidazione lipidica, ma allo stesso tempo il farmaco non possiede la capacità di inibire autossidazione in miscela di acidi grassi insaturi. Studio del meccanismo di azione antiossidante protoporfirina mostrata solo che non è associato con spegnimento radicale, ma non ha dato dati sufficienti per più precisa caratterizzazione del meccanismo.

Con metodi chemiluminescenti, la capacità dell'adenosina e dei suoi analoghi chimicamente stabili di inibire la formazione di radicali reattivi dell'ossigeno nei neutrofili umani è stata stabilita in esperimenti in vitro.

Studio dell'effetto oksibenzimidazola e suoi derivati alkiloksibenzimidazola e alkiletoksibenzimidazola su membrane microsomi epatici e sinaptosomi cervello attivazione della perossidazione lipidica mostrato alkiloksibenzimidazola efficacia più idrofoba che oksibenzimidazol e presentante differenza alkiletoksibenzimidazola gruppo OH necessaria per l'attività antiossidante come un inibitore di radicali liberi processi.

Efficace quencher altamente reattivo radicale idrossile è allopurinolo, in cui uno dei prodotti di reazione allopurinolo con il radicale idrossile è oksipurinola - suo principale metabolita, più efficiente quencher radicale idrossile che allopurinolo. Tuttavia, i dati sull'allopurinolo ottenuti in diversi studi non sono sempre d'accordo. Pertanto, lo studio di perossidazione lipidica in omogenati di rene di ratto hanno mostrato che il farmaco ha nefrotossicità, che è la causa di aumento della formazione di radicali liberi citotossici ossigeno e una diminuzione della concentrazione di enzimi antiossidanti provoca una corrispondente riduzione nell'utilizzo di questi radicali. Secondo altri dati, l'effetto dell'allopurinolo è ambiguo. Così, nelle prime fasi di miociti ischemia si può proteggere contro i radicali liberi, e in una seconda fase di morte cellulare - al contrario, di promuovere danni ai tessuti, nel periodo di riduzione, è di nuovo effetto favorevole sul recupero della funzione contrattile del tessuto ischemico.

In miocardica perossidazione ischemia è soppresso da un certo numero di farmaci: agenti antianginosi (Curantylum, nitroglicerina, obzidan, Isoptin), antiossidanti idrosolubili dalla classe dei fenoli stericamente impediti (ad esempio, fenozanom, ritardando anche indotta da sostanze chimiche cancerogene crescita del tumore).

Farmaci anti-infiammatori come l'indometacina, fenilbutazone, antiinfiammatori steroidei e non steroidei (per esempio, acido acetilsalicilico), hanno la capacità di inibire svobodnoradikalnos ossidazione, mentre un numero di antiossidanti - vitamina E, acido ascorbico, etossichina, ditiotrentol, acetilcisteina e difenilendiamid possiedono attività antiinfiammatoria . Basti sembra un'ipotesi convincente che uno dei meccanismi d'azione dei farmaci antinfiammatori è l'inibizione della perossidazione lipidica. Al contrario, la tossicità di molti farmaci è dovuta proprio alla loro capacità di generare radicali liberi. Così, la cardiotossicità di adriamicina e cloridrato rubomycin associato con il livello di perossidi lipidici nel cuore, cellule promotori trattamento tumorali (in particolare, esteri di forbolo) porta anche alla generazione di forme radicali liberi dell'ossigeno, v'è evidenza per il coinvolgimento di meccanismi radicali liberi nella citotossicità selettiva di streptozotocina e allossana - interessano su cellule beta pancreatiche, anormale attività di radicali liberi nel sistema nervoso centrale causando fenotiazina, stimolare calci perossidazione righe nei sistemi biologici, e altri farmaci - paraquat, mitomicina C, menadione, composti azotati aromatici, il metabolismo del corpo che sono formate forme radicali liberi dell'ossigeno. La presenza di ferro gioca un ruolo importante nell'azione di queste sostanze. Tuttavia, ad oggi, il numero di sostanze con attività antiossidante, molto di più rispetto ai farmaci, pro-ossidanti, e non esclude la possibilità che la tossicità preparatov- pro-ossidanti non è ancora collegato alla perossidazione lipidica, l'induzione di che è solo il risultato di altri meccanismi che spiegano la loro tossicità.

Induttori indiscussi processi radicali liberi nel corpo sono diverse sostanze chimiche, e in particolare metalli pesanti, mercurio, rame, piombo, cobalto, nichel, sebbene in gran parte questo è mostrato in condizioni in vitro, in esperimenti l'aumento in vivo in perossidazione non è molto grande, e non ha ancora trovato una correlazione tra i metalli tossici e loro induzione perossidazione. Tuttavia, questo può essere dovuto al scorrettezza dei metodi utilizzati, dal momento che praticamente non è metodi adeguati per misurare perossidazione in vivo. Insieme con i metalli pesanti proossidante attività mostra altre sostanze chimiche ferro, idroperossidi organici, composti idrocarbonile galodenovye fendendo glutatione, etanolo e ozono, e materiali che sono inquinanti ambientali come pesticidi e sostanze come fibre di amianto , che sono prodotti da imprese industriali. Effetto proossidante e ha una serie di antibiotici (ad esempio, tetraciclina), idrazina, paracetamolo, isoniazide e altri composti (etile, alcool allilico, tetracloruro di carbonio, ecc. P.).

Allo stato attuale, numerosi autori ritengono che l'inizio dell'ossidazione dei lipidi dei radicali liberi possa essere una delle ragioni dell'invecchiamento accelerato dell'organismo a causa dei numerosi cambiamenti metabolici descritti in precedenza.

trusted-source[32], [33], [34], [35], [36], [37], [38], [39], [40], [41], [42], [43], [44]

Attenzione!

Per semplificare la percezione delle informazioni, questa istruzione per l'utilizzo del farmaco "Antiossidanti: effetti sul corpo e sulle fonti" è stata tradotta e presentata in una forma speciale sulla base delle istruzioni ufficiali per l'uso medico del farmaco. Prima dell'uso leggere l'annotazione che è arrivata direttamente al farmaco.

Descrizione fornita a scopo informativo e non è una guida all'autoguarigione. La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante. L'automedicazione è pericolosa per la tua salute.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.