^
A
A
A

Può bloccare la diffusione linfogena del cancro

 
, Editor medico
Ultima recensione: 25.02.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

09 February 2021, 09:00

Scienziati tedeschi hanno trovato un anticorpo che attacca i vasi linfatici nei tumori nei roditori. Si scopre che le cellule maligne non saranno in grado di diffondersi attraverso i vasi danneggiati in altri punti del corpo e di formare metastasi lì. Gli esperti proseguono la ricerca iniziata con il coinvolgimento di volontari, poiché se positiva sarà possibile prevenire una grave complicanza sotto forma di metastasi.

Sia nelle strutture sane che in quelle tumorali passano i sistemi circolatorio e linfatico: le cellule immunitarie vengono trasportate attraverso i vasi corrispondenti. Gli scienziati hanno da tempo dimostrato che le particelle maligne sono in grado di muoversi lungo la rete vascolare e di depositarsi sotto forma di metastasi in altre parti del corpo. Gli scienziati dell'Università di Heidelberg hanno iniziato a studiare in dettaglio i meccanismi biologici che potrebbero impedire una tale diffusione.

“Abbiamo trasferito parte del tessuto del tumore direttamente da un roditore all'altro. In un caso, c'era una struttura tissutale naturale preservata in cui un tumore maligno poteva formare vasi linfatici funzionanti collegati alla rete linfatica generale, che creava il rischio di diffusione linfogena di metastasi ", ha detto il coautore dell'esperimento, il dottor Gengenbacher.

Gli esperti hanno spiegato che le cellule maligne spesso si muovono attraverso i vasi linfatici: prima ai linfonodi e poi agli organi vitali. La chirurgia per rimuovere la neoplasia materna ha aiutato gli scienziati a simulare una situazione di vita reale. Per uno studio più dettagliato dei metodi per prevenire la diffusione delle metastasi, gli scienziati hanno iniziato a lavorare con le strutture endoteliali linfatiche che rivestono la cavità vascolare interna. Tali strutture forniscono alcune importanti capacità vascolari, producono più molecole di segnalazione con fattori di crescita. Gli esperti hanno scoperto che il peptide segnale angiopoietina-2 è responsabile della sopravvivenza delle strutture endoteliali linfatiche nelle neoplasie maligne. Un anticorpo che inibisce il peptide segnale provoca la necrosi linfatica, che blocca la diffusione del tumore. Di conseguenza, si formano un numero significativamente inferiore di neoplasie secondarie nel corpo e il tasso di sopravvivenza del paziente aumenta.

Questo problema è davvero importante per la medicina moderna. Dopotutto, la diffusione del tumore sotto forma di formazione di focolai secondari di crescita cancerosa è il criterio principale per la malignità della neoplasia e, di conseguenza, la sopravvivenza dei pazienti. La dimensione delle metastasi inizia con una cellula e nelle prime fasi non possono essere determinate utilizzando metodi diagnostici convenzionali. Nel tempo, metastasi così piccole si trasformano in tumori a tutti gli effetti. A proposito, sono le metastasi nel 90% dei casi che portano alla morte dei malati di cancro.

I risultati della ricerca sono pubblicati nelle pagine

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.