^

Salute

A
A
A

Metastasi nei linfonodi

 
, Editor medico
Ultima recensione: 19.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Nella pratica medica, sono noti i seguenti modi di diffondere neoplasie maligne: 

  • lymphogenous; 
  • hematogenous; 
  • misto.

Le metastasi linfogene sono caratterizzate dalla penetrazione delle cellule tumorali nel vaso linfatico e quindi dal flusso linfatico ai linfonodi vicini o lontani. Linfogenicamente, i cancri epiteliali sono più comuni (ad es. Il melanoma). I processi tumorali negli organi interni: lo stomaco, il colon, la laringe, l'utero - sono quindi in grado di creare metastasi nei linfonodi.

Per il percorso ematogeno è la diffusione dei processi tumorali con l'aiuto del flusso di sangue dall'organo interessato a quello sano. E il percorso linfogeno conduce a metastasi regionali (vicine all'organo stupito), e ematogena favorisce la diffusione delle cellule colpite a organi distanti. Le metastasi linfogene sono ben studiate, il che rende possibile riconoscere la maggior parte dei tumori nelle fasi di iniziazione e fornire cure mediche tempestive.

Nella zona del collo, i linfonodi formano un collettore, che accumula linfa, proveniente dagli organi della testa, dallo sterno, dagli arti superiori, nonché dal peritoneo, dal tronco e dalle gambe. I medici stabilirono una regolarità tra la via della metastasi e il decorso del canale linfatico. In relazione a ciò, le metastasi nei linfonodi localizzati a livello del mento e sotto la mandibola sono rivelate nei processi tumorali del labbro inferiore, nella parte anteriore della lingua e della bocca, nella mascella superiore. Metastasi neoplasie sezioni posteriori linguetta, pavimento della bocca, tiroide, faringe e laringe zone distribuite nei linfonodi della zona del collo, cioè nella regione fascio sonnolenza neurovascolari. Le metastasi nei linfonodi dell'area sopra la clavicola (al di fuori del muscolo sternocleidomastoideo) si sviluppano spesso nel cancro al seno o ai polmoni. Le neoplasie maligne della regione peritoneale si metastatizzano ai linfonodi sopra la clavicola (all'interno del muscolo sternocleidomastoideo). I linfonodi inguinali contengono metastasi nel cancro degli arti inferiori, zone del sacro e delle natiche, nonché organi genitali esterni.

Per metastasi si intende una lesione patologica secondaria delle cellule che cresce nei tessuti del corpo umano dal centro di una malattia primaria.

Funzione del sistema linfatico - mantenimento dei processi metabolici e purificazione (filtraggio) a livello cellulare, come aggiunta al sistema cardiovascolare. I linfonodi sono raggruppati in base alla localizzazione nel corpo umano e servono a produrre linfociti - cellule immunitarie che combattono con microrganismi estranei nocivi che entrano nel corpo.

Cause che influenzano lo sviluppo delle metastasi: 

  • fattore di età (le metastasi compaiono più spesso in età avanzata); 
  • sviluppo di malattie concomitanti (croniche, indebolendo le difese del corpo); 
  • dimensione e posizione del focus iniziale della neoplasia maligna (la presenza di un tumore di grandi dimensioni aumenta la possibilità di comparsa di metastasi); 
  • la diffusione di cellule tumorali (la proliferazione di formazioni maligne nella parete dell'organo è più pericolosa e spesso causa metastasi rispetto alle neoplasie che germogliano nel lume dell'organo).

trusted-source[1], [2], [3], [4]

Sintomi di metastasi nei linfonodi

La classificazione internazionale dei tumori maligni determina le metastasi nei linfonodi con la lettera latina N. Lo stadio della malattia è descritto dal numero di metastasi e non dalle dimensioni del tessuto interessato. N-0 indica l'assenza di metastasi, N-1 indica una singola metastasi dei nodi adiacenti alla neoplasia, N-2 - un gran numero di metastasi dei linfonodi regionali. La designazione N-3 significa il danno simultaneo ai linfonodi vicini e lontani, che è inerente al quarto stadio del processo tumorale.

Sintomi primari di metastasi nei linfonodi - un aumento significativo delle dimensioni, che è determinato dall'esame visivo e dalla palpazione. Molto spesso differenziano i cambiamenti nei linfonodi cervicali, sopraclaveari, ascellari e inguinali, che hanno una struttura elastico-morbida e sono indolori.

La crescita dei linfonodi in termini di dimensioni è spesso accompagnata da perdita di peso e le condizioni del paziente sono caratterizzate da debolezza generale, anemia. Ai segni premonitori comprendono temperatura, frequenti raffreddori, nevrosi, ingrossamento del fegato, emicrania, arrossamento della pelle. La comparsa di metastasi indica la progressione della neoplasia maligna. Se rilevi indipendentemente la linfoadenopatia (ingrossamento del linfonodo), dovresti consultare uno specialista senza automedicazione.

È importante notare che spesso le metastasi nei linfonodi sono riconosciute prima della fonte del problema - un tumore maligno.

Metastasi nei linfonodi del collo

I tumori della regione del collo sono combinati in un gruppo di manifestazioni cliniche piccolo, ma piuttosto diverso. Si osservano neoplasie, sia nell'organo (laringe, faringe, esofago, ghiandola tiroidea, ecc.), Sia nei tessuti molli del collo che non appartengono all'organo.

Sul collo è il principale collettore linfatico, e la formazione di metastasi nei nodi si verifica a causa della sua distruzione linforeticolare tessuto come risultato della malattia di Hodgkin, gematosarkomy, linfosarcoma, metastasi di tumori maligni (metastasi Virchow).

Le metastasi nei linfonodi del collo portano ad un cambiamento nella forma, dimensione, struttura ed ecogenicità dei nodi. La linfogranulomatosi più spesso (60% dei casi) si verifica con metastasi ai nodi del collo. In questo caso, si possono osservare processi anormali nei linfonodi ascellari, inguinali, mediastinici e linfatici della zona retroperitoneale. Vi sono casi di lesione simultanea della ghiandola tiroidea e dei linfonodi del collo, che è clinicamente simile a un tumore della tiroide con metastasi nei nodi cervicali.

La linfogranulomatosi ha maggiori probabilità di interessare pazienti di età compresa tra 20 e 30 anni o persone con più di 60 anni (più spesso maschi). La manifestazione principale della malattia è un aumento del linfonodo o di un gruppo di nodi con una consistenza elastica. Inoltre, si nota l'unione dei linfonodi di diversa densità e dimensione in un singolo conglomerato. I pazienti si lamentano: debolezza generale, sudorazione, prurito della pelle, temperatura e mancanza di appetito. Il quadro clinico varia a seconda del decorso individuale e dello stadio della malattia, pertanto la sintomatologia descritta può essere sfocata o completamente assente.

Spesso le metastasi nei linfonodi sono rilevate con il linfosarcoma. I nodi sono ingranditi e hanno una struttura densa, e il tasso di cambiamenti interni del conglomerato interessato è in grado di causare una compressione degli organi adiacenti entro un paio di settimane. Durante l'esame, il paziente può rilevare la crescita dei linfonodi inguinali e ascellari.

Insieme con neoplasie della testa e del collo (processi neoplastici lingua, ghiandole salivari, tiroide, laringe) metastasi nei linfonodi del collo rilevata nel cancro della mammella, malattie polmonari, o organi addominali, che indica il quarto stadio della malattia.

Circa il 30% delle situazioni dei processi tumorali primari rimane non differenziabile. La diagnosi con l'uso di anestesia viene utilizzata per esaminare il paziente per la presenza di formazioni tumorali del collo. Il cancro della ghiandola tiroidea può assumere una forma latente, manifestandosi solo metastasi nei linfonodi cervicali. Il metodo della palpazione e degli ultrasuoni non rivela sempre neoplasie dense, pertanto una biopsia della puntura viene ampiamente utilizzata.

Metastasi nei linfonodi cervicali

La sconfitta dei linfonodi cervicali - le metastasi nei linfonodi cervicali sono caratterizzate da sintomi comuni: 

  • crescita significativa dei nodi; 
  • cambia forma (contorni irregolari, sfocati); 
  • Il destino anecogeno è notato.

L'esame ecografico rivela una violazione del rapporto tra dimensioni trasversali e longitudinali del nodo o una differenza (inferiore a 1,5) tra l'asse lungo e quello corto. In altre parole, se il linfonodo assume una forma arrotondata, allora la probabilità della sua distruzione è alta.

Processi cancerogeni nei linfonodi aumentano il contenuto di fluido in essi. L'ecografia mostra la sfocatura del contorno del sito. La capsula dei linfonodi è ancora riconosciuta in una fase precoce della malattia. Man mano che le cellule maligne crescono, i contorni vengono cancellati, il tumore cresce nei tessuti circostanti, ed è anche possibile collegare diversi linfonodi malati in un singolo conglomerato.

Le metastasi nei linfonodi cervicali sono formate da linfomi, tumori polmonari, tratto digestivo, prostata o carcinoma mammario. Molto spesso, quando vengono rilevate metastasi nei linfonodi del collo, la localizzazione del tumore primario è la parte superiore del sistema respiratorio o digestivo.

L'ingrossamento dei linfonodi della regione del collo avviene con le seguenti malattie oncologiche: 

  • processi di cancro della laringe, della lingua, della mucosa della bocca; 
  • sconfitta della ghiandola tiroidea; 
  • linfogranulematoz (linfoma di Hodgkin).

La diagnosi viene effettuata mediante puntura o escissione biopsia. I metodi di trattamento sono l'irradiazione e la rimozione chirurgica del nodo interessato.

Metastasi nei linfonodi all'inguine

I linfonodi della zona inguinale trattengono e distruggono i microrganismi patogeni che penetrano nel sistema linfatico dagli organi della piccola pelvi (più spesso la sfera sessuale) e degli arti inferiori. Nei linfonodi inguinali stessi possono formare neoplasie maligne primarie o linfomi.

I linfonodi inguinali sono divisi in profondità e superficiali. Questi ultimi si trovano nell'area del cosiddetto "triangolo femorale" e sulla superficie dell'ampia fascia della coscia, il loro numero varia da quattro a venti pezzi. I linfonodi inguinali comunicano con i tessuti degli arti inferiori, la zona perineale, la parete anteriore del peritoneo sotto l'ombelico. Il numero di linfonodi profondi nell'inguine va da uno a sette. La loro posizione è al di sotto della superficie del piatto dell'ampia fascia della coscia. Questi nodi sono correlati con vasi linfatici situati sulla superficie della regione inguinale e in profondità nella zona femorale.

Un sintomo indolore con un aumento caratteristico dei nodi di dimensioni può indicare metastasi nei linfonodi nell'inguine. La crescita dei linfonodi inguinali si verifica con le seguenti malattie oncologiche: 

  • melanoma lombare o cancro della pelle degli arti inferiori; 
  • neoplasma maligno nel retto; 
  • cancro della zona genitale; 
  • linfogranulematoz (linfoma di Hodgkin).

I casi di linfonodi inguinali richiedono un esame approfondito della condizione della pelle delle gambe, così come degli organi situati nella piccola pelvi e nella cavità peritoneale. Con lo scopo diagnostico si applicano: una tomografia computerizzata (CT), una colonscopia, una cistoscopia, un'isteroscopia, FEGDS.

Metastasi nei linfonodi inguinali

I linfonodi della zona inguinale lasciano la linfa provenire dai genitali, dal fondo del retto e dalla parete addominale, dagli arti inferiori. Al sito i nodi sono divisi in superficiali e profondi.

Neoplasie maligne delle gambe, zona sacro-glutea, organi genitali esterni formano metastasi nei linfonodi inguinali. I linfonodi assumono la forma di sigilli arrotondati nell'area delle pieghe inguinali. I nodi sono saldamente saldati ai tessuti vicini e sono inattivi, il che viene osservato quando si cerca di spostarli.

Tipi di cancro che causano un aumento dei linfonodi nell'inguine: 

  • melanoma o cancro della pelle delle gambe (zona lombare); 
  • oncologia del retto; 
  • formazioni maligne dell'area genitale; 
  • Linfoma di Hodgkin (linfogranulomatosi).

Lo sviluppo iniziale della linfogranulomatosi da lesioni dei linfonodi nell'inguine è piuttosto raro (10%). La malattia è caratterizzata da perdita di peso, aumento irragionevole della temperatura, sudorazione eccessiva durante la notte.

Durante l'esame, il medico sonda i linfonodi prima lungo e poi attraverso la piega dell'inguine, applicando movimenti circolari scorrevoli e passa nella zona dell'ampia fascia della coscia.

Metastasi nei linfonodi retroperitoneali

Lo spazio retroperitoneale è la zona addominale dietro la parete del peritoneo, delimitata dal peritoneo, i muscoli della schiena, il sacro, il diaframma e le pareti laterali dell'addome. Il sistema linfatico dello spazio retroperitoneale comprende linfonodi regionali, vasi e linfociti di grandi dimensioni, dai quali origina il dotto linfatico.

La localizzazione di tumori maligni nella zona peritoneale dei seguenti sintomi: aumento della temperatura, la sindrome di dolore addominale crampi (appare parossistica), disturbo sgabello come diarrea (meno stipsi). Le metastasi nei linfonodi retroperitoneali sono osservate nei processi tumorali germinogenici nel testicolo, nel rene, nel cancro del tratto gastrointestinale. Un aumento dei linfonodi retroperitoneali porta a un grave mal di schiena dovuto alla compressione delle radici nervose, a volte abbracciando il muscolo lombare. I sintomi gastrointestinali sono comuni, si osserva una forte diminuzione del peso.

La valutazione della condizione dei linfonodi e degli organi dello spazio retroperitoneale viene effettuata mediante ultrasuoni, computer e risonanza magnetica. La scansione ad ultrasuoni mostra nodi con metastasi, sia rotonde che oblunghe, caratterizzate da chiari contorni e uniformità della struttura. Con TC, le metastasi nei linfonodi sono determinate da una forma arrotondata, una struttura dei tessuti molli. I linfonodi affetti della cavità retroperitoneale hanno una struttura e una densità uniformi, così come i contorni chiari, possono fondersi in grandi conglomerati. Nel caso in cui le matrici di linfonodi coprano la colonna vertebrale, l'aorta nel peritoneo e la vena cava inferiore, viene utilizzato il contrasto endovenoso per riconoscere meglio i processi del tumore.

Metastasi nei linfonodi para-aortici

La posizione dei linfonodi paraaortici è la parte anteriore della colonna lombare, lungo l'aorta.

Le metastasi nei linfonodi paraortici sono osservate in pazienti con cancro dell'area genitale, reni e ghiandole surrenali e parti del tratto gastrointestinale. Ad esempio, in neoplasie maligne dello stomaco nel 40% dei casi, vengono rilevati i linfonodi paraortali interessati. I processi tumorali con metastasi nei linfonodi paraortici sono indicati come terzo o quarto stadio della malattia. Inoltre, la frequenza delle lesioni dei nodi para-aortici del terzo grado di oncologia raggiunge il 41% e il quarto grado - il 67%. Va notato che, ad esempio, le metastasi nei linfonodi paraortici del cancro ovarico hanno una resistenza alla chemioterapia.

Lo sviluppo del cancro del pancreas ha le sue fasi di metastasi linfogene: 

  • il primo stadio: le metastasi raggiungono la testa del pancreas; 
  • il secondo stadio - i linfonodi retropilorici ed epatoduodenali sono interessati; 
  • il terzo stadio: la penetrazione delle metastasi nei nodi celiaci e mesenterici superiori; 
  • Il quarto stadio è la metastasi nei linfonodi para-aortici.

I medici notano che il tumore maligno del pancreas è caratterizzato da un decorso aggressivo e una prognosi infausta. Casi di morte per cancro del pancreas di grado 4-5 tra tutte le malattie oncologiche. L'elevata mortalità è associata alla ricorrenza dei processi tumorali nel periodo postoperatorio (mutazioni di K-ras nei linfonodi paraortici).

Metastasi nei linfonodi della cavità addominale

Un gran numero di linfonodi si trovano nella cavità addominale, che rappresentano una barriera alle cellule tumorali e di infezione. I linfonodi del peritoneo sono suddivisi in parietale (concentrati nella zona del lombo) e intra-parete (situati in file).

La sconfitta dei linfonodi peritoneali è il risultato di una malattia linfoproliferativa (il tumore primario si forma nel linfonodo stesso) o una conseguenza delle metastasi. La linfogranulomatosi e il linfosarcoma sono correlati a malattie linfoproliferative, causando compattazione e crescita delle dimensioni del nodo senza sindrome del dolore. Le metastasi nei linfonodi della cavità addominale sono rilevate in un certo numero di malattie tumorali, quando le cellule tumorali entrano nei linfonodi dall'organo interessato con flusso linfatico. Quindi i tumori maligni del peritoneo (ad esempio lo stomaco) e il piccolo bacino (ad esempio l'ovaio) causano la formazione di metastasi nei linfonodi peritoneali.

Il criterio principale che conferma la presenza di metastasi nei linfonodi, è considerato aumentare la dimensione del nodo (fino a 10 cm o più). Per aiutare a venire anche studi TC e RM della cavità peritoneale al fine di ottenere la visualizzazione di strutture anatomiche.

Metastasi del melanoma nei linfonodi

Il melanoma è un raro tumore maligno, che è più spesso colpito dai residenti delle regioni meridionali. Va notato che nel 70% dei casi il melanoma si forma sul sito del nevo pigmentato esistente o della voglia.

Lo sviluppo del melanoma si verifica in due fasi: 

  • orizzontale - proliferazione all'interno dello strato epiteliale (che dura da 7 a 20 anni); 
  • verticale - la crescita degli strati dell'epidermide e la successiva invasione della membrana basale nel derma e tessuto adiposo sottocutaneo.

Lo stadio verticale è caratterizzato dalla rapidità e dalla capacità di metastatizzare. Le metastasi del melanoma nei linfonodi sono principalmente dovute alle caratteristiche biologiche del tumore. Metastasi da via linfogena si verifica nella pelle, linfonodi regionali. I linfonodi affetti diventano densi nella consistenza e aumentano di dimensioni.

I metodi diagnostici comprendono la biopsia dell'aspirazione, la biopsia chirurgica dei linfonodi, la radiografia, la TC e la risonanza magnetica dell'intero organismo. La rimozione delle metastasi del melanoma nei linfonodi viene effettuata mediante escissione completa del linfocita regionale o rimozione dei linfonodi vicini (se la diagnosi viene effettuata sulla base di una biopsia).

Metastasi nei linfonodi sopraclaveari

Le metastasi nei linfonodi sopraclaveari si verificano quando: 

  • cancro indifferenziato (il tumore primitivo si trova nella regione del collo o della testa); 
  • processi neoplastici nei polmoni; 
  • cancro del tratto digestivo.

L'individuazione dei noduli di Virchov (Troyes) nella zona sopraclavicolare sinistra indica la presenza di una neoplasia maligna della cavità addominale. La sconfitta dei nodi sopraclaveari del lato destro rende possibile sospettare il cancro del polmone o la ghiandola prostatica. Le metastasi nei linfonodi del triangolo succlavia possono indicare il cancro al polmone o al seno.

Uno dei tumori più comuni - il cancro gastrico è diagnosticato rivelando "metastasi di Virchow" (più spesso nei linfonodi sopraclavicolari di sinistra). Cellule ovariche maligne talvolta penetrano linfatici apertura e linfonodi lombari, causando metastasi lymphogenous sopra il diaframma - sopraclaveari metastasi linfonodali.

L'aumento dei linfonodi sopraclaveari è un sintomo allarmante, che spesso indica i processi tumorali nello sterno o nella regione addominale. Nel 90%, questa sintomatologia si verifica in pazienti di età superiore ai 40 anni, con casi più giovani che rappresentano il 25% dei casi. La sconfitta dei linfonodi a destra corrisponde al tumore del mediastino, dei polmoni, dell'esofago. La crescita delle dimensioni dei nodi a sinistra nella zona sopraclavicolare indica il cancro delle ovaie, dei testicoli, della prostata, della vescica, dei reni, dello stomaco e del pancreas.

Metastasi nei linfonodi del mediastino

Mediastino - una divisione della cavità toracica, che limita la parte anteriore dello sterno, cartilagine costale e pozagrudinnaya fascia posteriore - la zona anteriore della colonna vertebrale toracica, costole cervicali, fascia prespinal su ogni lato - fogli di pleura mediastinica. L'area del mediastino dal basso è indicata da un diaframma e dall'alto da una linea orizzontale condizionale. Nella zona di mediastino entrano linfoprolling toracico, linfonodi pettorali e linfonodi mediastino.

Inoltre metastasi del cancro del polmone nei linfonodi del mediastino costituiscono processi neoplastici tiroide e l'esofago, ipernefroma renali, cancro del testicolo (seminoma), malignità pigmento (il cancro nero), il cancro dell'utero (horionepitelioma) e altre neoplasie. La sconfitta dei linfonodi del mediastino occupa il terzo posto nello sviluppo dei processi maligni dopo linfogranulomatosi e linfosarcoma. Le cellule tumorali coprono tutti i gruppi di linfonodi mediastinici, più spesso colpiti paratracheale e biforcazione.

I piccoli tumori primitivi producono spesso metastasi estese nei linfonodi mediastinici. Un chiaro esempio di questa metastasi è il cancro ai polmoni della forma mediastinica. Il quadro clinico descritto per soffiatura dei tessuti molli del collo e della testa, gonfiore e entanglement fronte delle vene del torace ( "Testa di Medusa"), v'è disfagia, raucedine, respirazione tipo canto. La radiografia nella maggior parte dei casi rivela la predominanza di metastasi nel mediastino posteriore.

Nel carcinoma mammario, l'accumulo dei linfonodi colpiti è localizzato nel mediastino anteriore. Per il metodo di raffinazione, viene utilizzata la mammariografia (studio di contrasto delle vene delle ghiandole mammarie). L'interruzione del letto venoso, la compressione, la presenza di difetti ai bordi servono come prova della presenza di metastasi, che richiedono la rimozione o il trattamento mediante irradiazione.

Chi contattare?

Trattamento delle metastasi nei linfonodi

La principale regola dell'oncologia è lo studio dello stato dei linfonodi, sia nella zona tumorale stessa che nella zona remota. Ciò consente la diagnosi più accurata e un programma di trattamento efficace.

Trovandosi sulla superficie dei linfonodi, che sono accessibili all'esame esterno, vengono esaminati con metodi di biopsia e puntura. Lo stato dei linfonodi più profondi viene esaminato con l'aiuto di ultrasuoni, TC, risonanza magnetica. Il metodo più accurato per rilevare metastasi nei linfonodi è considerato tomografia ad emissione di positroni (PET), attraverso il quale è possibile riconoscere la comparsa di cellule maligne nei linfonodi più remoti e leggermente ingrandita.

Il trattamento delle metastasi nei linfonodi si basa sugli stessi principi della lotta contro il tumore primario - intervento chirurgico, chemioterapia, radioterapia. La combinazione di questi metodi viene applicata individualmente, in base allo stadio della malattia (malignità), al grado di coinvolgimento del sistema linfatico.

L'escissione del tumore primario, di regola, è accompagnata dalla rimozione di tutti i suoi linfonodi regionali (linfoadenectomia). Sui linfonodi con le cellule colpite localizzate più lontano dal tumore, agiscono con metodi di radioterapia o eseguono un'operazione radio-chirurgica senza sangue con l'aiuto di un cyber-coltello.

La diagnosi tempestiva e il trattamento delle metastasi nei linfonodi consentono di bloccare la crescita delle cellule tumorali e prolungare la vita del paziente.

Prognosi delle metastasi linfonodali

I fattori che influenzano la sopravvivenza dei pazienti sono convenzionalmente suddivisi in correlati: 

  • con un tumore canceroso; 
  • con il corpo del paziente; 
  • con il trattamento fornito.

Il fattore più importante nella prognosi è la sconfitta dei linfonodi regionali senza la presenza di metastasi a distanza. Ad esempio, la prognosi delle metastasi nei linfonodi del collo del "carcinoma a cellule non squamose" rimane deludente - 10-25 mesi. La sopravvivenza di pazienti con cancro di stomaco dipende dalla possibilità di effettuare un'operazione radicale. Solo una piccola parte dei pazienti che non sono gestiti o operati negativamente stanno raggiungendo il limite di cinque anni. L'aspettativa di vita media è di 3-11 mesi e l'effetto su questa figura è esercitato dalla presenza o dall'assenza di metastasi a distanza.

La presenza di metastasi nei linfonodi nel carcinoma mammario peggiora significativamente la prognosi. Di norma, recidive e metastasi si osservano nei primi cinque anni dopo l'intervento chirurgico nel 35-65% delle donne, il che indica l'attivazione del processo. L'aspettativa di vita dopo il trattamento è di 12-24 mesi.

I pazienti con melanoma della testa, del collo e del tronco hanno una prognosi più sfavorevole rispetto a quelli con melanoma della regione dell'arto, poiché il rischio di metastasi ai linfonodi di questi tumori è maggiore del 35%.

Il criterio del trattamento di successo può servire da indicatore della sopravvivenza a cinque anni. La prognosi dopo l'escissione del tumore è determinata non solo dalla presenza o dall'assenza di metastasi nei linfonodi regionali, nonché dal numero di nodi interessati.

Se le metastasi si trovano nei linfonodi senza un focus primario sul tumore, la prognosi può essere favorevole. Exodus trattamento speciale sulla base dell'indice di sopravvivenza a cinque anni di metastasi ai linfonodi isolato è: nel caso di linfonodi ascellari - oltre il 64%, inguinali - oltre il 63% del collo dell'utero - 48%.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.