^
A
A
A

SARS o influenza: chi è più forte?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 26.02.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

23 February 2021, 09:00

L'infezione da Rhinovirus è considerata uno degli agenti causali più comuni delle infezioni respiratorie acute. È interessante notare che il rinovirus attiva la difesa antivirale nel corpo, prevenendo così lo sviluppo dell'influenza stagionale negli esseri umani. Questa informazione è stata annunciata dallo staff della Yale University.

La massiccia diffusione di COVID-19 ha attirato la maggior parte degli scienziati a uno studio approfondito di tutti i lati della possibile diffusione di malattie virali respiratorie. La ricerca ha anche toccato l'interferenza virale, un fenomeno specifico dell'immunità di una cellula alla doppia infezione se è già infettata da un altro virus. Il tipo eterologo di interferenza presuppone che l'infezione con un virus renda completamente impossibile la replica del secondo virus (correlato o meno).

Circa dieci anni fa, durante il periodo di attività di massa dell'influenza suina H1N1 in Messico e negli Stati Uniti, non si verificò un'ondata pronunciata nei paesi europei. Gli scienziati presumono che una pandemia non si sia verificata in Europa, poiché nello stesso periodo si è verificato un aumento dell'incidenza del rinovirus.

Scienziati dell'Università di Yale, guidati dal dottor Foxman, hanno studiato le storie mediche di oltre 13.000 pazienti che sono stati trattati per infezioni respiratorie al New Haven Hospital per tre anni. È stato riscontrato che durante l'intera stagione epidemiologica della circolazione di diversi tipi di virus, i pazienti con diagnosi di rinovirus praticamente non hanno contratto l'influenza.

Per testare l'interazione tra rinovirus e infezioni influenzali, specialisti di laboratorio coltivati da cellule staminali del tessuto epiteliale che rivestono il sistema respiratorio umano. A proposito, è una persona che diventa l'obiettivo principale di un'infezione virale respiratoria. Nella coltura cellulare risultante, gli scienziati hanno introdotto il rinovirus e tre giorni dopo il virus dell'influenza . La prima infezione introdotta il terzo giorno di infezione ha provocato lo sviluppo di una reazione all'interferone nelle colture cellulari, che ha causato una diminuzione di circa 50 mila volte dell'RNA H1N1 virale il quinto giorno dopo la lesione del rinovirus. Pertanto, la protezione antivirus è stata attivata anche prima dell'introduzione del virus dell'influenza, quindi non c'era alcuna possibilità.

Pertanto, gli esperti sono stati in grado di ottenere prove che un'infezione virale respiratoria è in grado di bloccare l'infezione con altri patogeni, poiché stimola la protezione antivirale sul tessuto mucoso del sistema respiratorio. I risultati ottenuti indicano che le caratteristiche dell'interferenza virale possono avere un impatto significativo sulla situazione epidemica. E questo fatto deve essere preso in considerazione quando si pensa alla portata delle misure riguardanti la diffusione stagionale dell'influenza contemporaneamente alla situazione pandemica in corso intorno a COVID-19.

Informazioni fornite sulla pagina della rivista medica The Lancet

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.