^

Salute

Coronavirus COVID 19

, Editor medico
Ultima recensione: 09.10.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Alla fine del 2019, il mondo è stato scioccato da un'infezione virale poco studiata: il cosiddetto "virus cinese" o il coronavirus COVID-19. Questa è una patologia virale acuta, caratterizzata da una lesione predominante dell'apparato respiratorio e, in misura minore, del tratto digestivo. Il coronavirus si riferisce alle infezioni zoonotiche, cioè a quelle che possono essere trasmesse all'uomo da animali malati.

Il coronavirus COVID-19 è pericoloso, prima di tutto, perché si sa poco su di esso e non esistono terapie e vaccini specifici che possano salvare dalle infezioni. Pertanto, è estremamente importante che le persone conoscano il più possibile la malattia: ciò è necessario per la prevenzione e la diagnosi precoce dei casi di patologia. Non è vano dire che: avvisato significa armato.

Struttura coronavirus COVID 19

Gli specialisti sono stati in grado di determinare la struttura proteica del coronavirus COVID-19, che gli consente di entrare nelle cellule. Questa scoperta è molto importante per la scienza, perché con il suo aiuto è più facile lavorare alla creazione di un vaccino antivirale specifico.[1]

In precedenza, gli scienziati hanno scoperto che il coronavirus COVID-19 è un "parente" diretto del SAR patogeno infettivo (SARS) . Tuttavia, dopo l'esperimento si è scoperto che gli anticorpi finiti contro l'agente patogeno SARS non sono in grado di legare il coronavirus "cinese". Qual è il problema?

Gli scienziati hanno descritto la struttura della proteina S che copre la membrana virale e svolge il ruolo dello strumento principale per il danno cellulare. Le proteine "mascherano" e assumono la forma di molecole necessarie per le cellule: questo dà loro l'opportunità di legarsi a determinati recettori avvolti e di entrare. In particolare, la proteina S COVID-19 del coronavirus interagisce con ACE2 (enzima di conversione dell'angiotensina).

Utilizzando il microscopico metodo CEM, è stato possibile determinare l'organizzazione tridimensionale della superficie proteica del coronavirus "cinese" con una risoluzione inferiore a 3,5 Angstrom. Gli specialisti hanno iniziato a studiare l'originale, non introdotto nelle proteine S cellulari.

Di conseguenza, la molecola praticamente non differiva da quella dell'agente causale dell'infezione da SARS. Ma alcuni punti di differenza erano ancora presenti: ad esempio, il segmento che entrava in contatto con il recettore ACE2 aveva una maggiore affinità per il bersaglio, che è responsabile dell'infezione rapida e facile delle cellule e dell'ulteriore diffusione del patogeno. Gli anticorpi contro l'infezione da SARS non sono in grado di rafforzarsi bene sulle proteine S del coronavirus COVID-19, quindi non si verifica l'azione di legame prevista. Tuttavia, sono in corso ricerche sulla struttura virale.[2]

Ciclo di vita coronavirus COVID 19

I coronavirus sono noti da tempo alla scienza. Questa è una famiglia virale su larga scala che può provocare lo sviluppo di varie patologie - lievi variazioni come il raffreddore comune e le più gravi (in particolare, sono note infezioni coronavirus complesse come la sindrome respiratoria del Medio Oriente MERS-CoV, la sindrome respiratoria acuta SARS-CoV). L'ultimo agente causale noto, il coronavirus COVID-19, è una nuova cultura di microrganismi che non è stata ancora identificata nell'uomo.

Il ciclo di vita del coronavirus COVID-19 non ha bisogno del DNA, e questa è la sua differenza significativa rispetto ad altre infezioni contenenti RNA che sono già state studiate (ad esempio, l'HIV). Ciò, in particolare, spiega l'inefficacia del trattamento antiretrovirale utilizzato per sopprimere lo sviluppo dell'HIV. Il corriere di dati genetici nel coronavirus non è il DNA, ma un singolo filamento di RNA della durata di 20-30.000 nucleotidi. Ciò significa che la proteina virus viene prodotta dalla cellula interessata immediatamente sull'RNA, che si maschera da RNA matrice del vettore. Dopo la penetrazione nella cellula, il virus produce una specifica sostanza enzimatica, l'RNA polimerasi, che crea copie del genoma del virus. Successivamente, la cellula interessata produce le proteine rimanenti e nuovi virioni iniziano a svilupparsi su di essa.

L'esame microscopico della particella virale ha la forma di un ovale con una massa di piccole spine formate dalla proteina S. Questa particolare proteina svolge il ruolo di una sorta di magnete, legandosi a un bersaglio sulla superficie cellulare nel corpo interessato.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, il periodo di incubazione per la coronavirus COVID-19 è in media di 2-14 giorni. Tuttavia, i medici cinesi hanno già dichiarato che ci sono stati casi in cui questo periodo è stato esteso a 27 giorni. Inoltre, una persona infetta è in grado di diffondere l'infezione dal primo giorno di incubazione.[3]

Altri fatti interessanti sul coronavirus COVID-19:

  • Il coronavirus ha ricevuto questo nome in connessione con la configurazione specifica del composto proteico che ricorda una corona.
  • Il coronavirus COVID-19 è risultato essere meno patogeno rispetto al precedente simile virus SARS, che "infuriava" nel 2003 e ha portato alla morte del 10% dei malati (per confronto: circa il 3% dei malati muore per COVID-19).
  • Secondo gli esperti, l'incidenza dovrebbe diminuire con l'arrivo del calore, poiché il coronavirus si sviluppa meglio e persiste in condizioni di freddo.
  • Il principale pericolo del coronavirus COVID-19 è l'elevata probabilità di danni ai polmoni. Molto spesso, la morte si verifica dal decorso grave della polmonite.
  • Non sono state ancora riportate informazioni sull'immunità dopo l'infezione da coronavirus. All'inizio, i medici hanno parlato della formazione dell'immunità acquisita, ma poi sono stati registrati diversi casi di re-malattia nelle persone che avevano il coronavirus COVID-19. Pertanto, ad oggi, la questione dell'immunità rimane aperta.

Le informazioni annunciate dal Ministero della Salute affermano: questo tipo di coronavirus viene trasmesso da goccioline trasportate dall'aria da un organismo infetto a un altro. [4

Le persone sono considerate le più contagiose quando mostrano sintomi. La distribuzione è possibile prima che le persone sviluppino sintomi.

Quanto è facile diffondere il virus? Diffuso dal contatto con superfici o oggetti infetti. È possibile che una persona possa essere infettata da COVID-19 toccando la superficie o l'oggetto su cui si trova il virus e quindi toccando la propria bocca o il proprio naso. 

È consentito anche il tipo di trasmissione fecale-orale: ad esempio, a Hong Kong, le persone sono state infettate attraverso il sistema fognario e le mani non lavate.

Non vi è motivo di ritenere che eventuali animali, compresi gli animali domestici, possano essere la fonte di infezione da questo nuovo coronavirus. Ad oggi, il CDC non ha ricevuto alcuna segnalazione della malattia di animali domestici o di altri animali COVID-19. Al momento non ci sono prove che gli animali domestici possano distribuire COVID-19. Tuttavia, poiché gli animali possono trasmettere altre malattie agli esseri umani, è sempre utile lavarsi le mani. [5]

Il coronavirus si diffonde più velocemente. L'influenza normale ha un numero riproduttivo di circa 1,3, il che significa che ogni persona infetta può infettare in media 1,3 persone. Questo numero viene utilizzato per misurare il potenziale dell'epidemia. Quando è più grande di uno, la malattia tende a diffondersi. Nel 2009, durante la pandemia di influenza H1N1, il virus aveva un numero riproduttivo di 1,5. Gli studi disponibili mostrano che il numero riproduttivo di coronavirus è compreso tra 2 e 3. 

Come il virus dell'influenza, i coronavirus sono virus avvolti, il che li rende sensibili a condizioni ambientali come alte temperature, secchezza e luce solare. Il virus sopravvive in un calo di 28 giorni se la temperatura è inferiore a 10 gradi e solo un giorno quando la temperatura supera i 30 gradi.[6]

Sintomi

Secondo i dati segnalati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle patologie, i seguenti sintomi di base sono caratteristici del coronavirus COVID-19:

  • febbre;
  • tosse di varia intensità;
  • difficoltà respiratoria, respiro corto;
  • dolori muscolari;
  • una forte sensazione di affaticamento.

Altri possibili segni di coronavirus possono essere nausea e diarrea: sono registrati nel 10% dei casi e possono anche precedere altri sintomi. Nei primi rapporti di Wuhan, il 2-10% dei pazienti con COVID-19 presentava sintomi gastrointestinali come diarrea, dolore addominale e vomito. [7], [8]Il dolore addominale è stato registrato più spesso nei pazienti ricoverati nell'unità di terapia intensiva che nelle persone che non avevano bisogno di cure nell'unità di terapia intensiva e il 10% dei pazienti aveva diarrea e nausea 1-2 giorni prima dello sviluppo di febbre e sintomi respiratori

Alcuni pazienti hanno congiuntivite. Si può notare che i sintomi in generale hanno molto in comune con l'infezione influenzale. [9]Tuttavia, alcune differenze dall'influenza sono:

  • l'infezione da coronavirus inizia letteralmente bruscamente - il paziente si ammala, anche se neanche un minuto fa nulla ha presentato problemi;
  • la temperatura aumenta bruscamente e fortemente - spesso sopra i 39 ° C;
  • tosse secca, non allevia, debilitante;
  • la mancanza di respiro può essere accompagnata da dolore intratoracico, che indica lo sviluppo di polmonite virale;
  • La debolezza del paziente è così pronunciata che le persone spesso non possono sollevare banalmente il braccio o la gamba.

Il coronavirus COVID-19, che entra nel corpo, colpisce principalmente il tratto respiratorio inferiore. Con l' influenza , il sistema respiratorio superiore è interessato per primo.

Se compaiono sintomi sospetti, è necessario contattare immediatamente un medico di malattie infettive o il medico di famiglia.

Diagnostica

Se si sospetta un'infezione da coronavirus COVID-19, è necessario consultare un medico. Se i sospetti sono giustificati, i medici prenderanno il materiale biologico dal paziente e lo invieranno a un laboratorio dotato di speciali sistemi di test per determinare il virus. Questi sistemi sono disponibili in quantità sufficienti nelle principali istituzioni e laboratori medici: non mancano.

L'effetto di tali test si basa sul noto metodo PCR - reazione a catena della polimerasi. Questa tecnica ha molti vantaggi: è comune, altamente sensibile e il risultato può essere ottenuto abbastanza rapidamente. Per determinare una malattia infettiva, il biomateriale viene spesso prelevato dal rinofaringe del paziente, tuttavia muco, espettorato, urina, sangue, ecc. [10], Possono anche diventare un materiale per la ricerca, [11]

Ad oggi, sono già state sviluppate diverse opzioni del sistema di test. Alcuni di essi mirano a rilevare esclusivamente il coronavirus COVID-19, mentre altri possono anche rilevare l'agente causale della SARS, una grave sindrome respiratoria acuta. È importante che tutti i test consentano di determinare la patologia anche nelle primissime fasi di sviluppo.[12]

Come per altri metodi di diagnosi del coronavirus, sono ausiliari e possono essere utilizzati per valutare il grado di danno agli organi interni, al sistema respiratorio. Ad esempio, per escludere o confermare lo sviluppo della polmonite, viene eseguita la radiografia.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale dell'infezione da coronavirus viene effettuata con infezione da rinovirus , gastroenterite virale, infezione respiratoria sinciziale .

Trattamento

Ad oggi, non esiste un trattamento specifico per la malattia causata dal coronavirus COVID-19. La terapia principale mira a mantenere il corpo del paziente in conformità con le sue condizioni cliniche.

I medici cinesi stanno testando una combinazione di diversi farmaci antivirali contemporaneamente. Vengono utilizzate alte dosi del noto farmaco antinfluenzale Oseltamivir, nonché farmaci per il trattamento dell'infezione da HIV, come Lopinavir e Ritonavir. [13]Molti pazienti sono stati trattati con successo con il farmaco antivirale Abidol: [14]questo farmaco è stato incluso in uno dei regimi di trattamento per il coronavirus COVID-19, in combinazione con ribavirina e cloroquin fosfato, [15]interferone o Ritonavir (Lopinavir). [16]È iniziata una sperimentazione clinica di Remdesivir, [17]Baricitinib [18]per il trattamento di COVID-19.

L'ivermectina approvata dalla FDA per il trattamento delle infezioni parassitarie inibisce la replicazione in vitro di SARS-CoV-2 (COVID-19). Un singolo trattamento può causare una riduzione del virus di 5.000 volte in 48 ore nella coltura cellulare. Durante il trattamento con ivermectina, è stata osservata una riduzione del 99,8% dell'RNA virale associato alle cellule (che indica virioni non rilasciati e non compressi). [19]L'ivermectina è ampiamente disponibile grazie alla sua inclusione nell'elenco dei modelli di medicinali essenziali dell'OMS.

Oltre ai farmaci antivirali, è obbligatoria la terapia sintomatica. I farmaci sono prescritti per normalizzare la temperatura, alleviare la tosse, alleviare l'edema, ecc. È anche possibile utilizzare immunoglobuline e corticosteroidi specifici - con un deterioramento crescente delle condizioni del paziente, con linfopenia prolungata, con ridotta saturazione di ossigeno nel sangue.

Se ci sono rischi di sviluppare complicanze da coronavirus, vengono eseguite la terapia antibiotica e la ventilazione meccanica.

Prevenzione coronavirus COVID 19

Non esiste una profilassi specifica per l'infezione da coronavirus COVID-19, sebbene il lavoro sullo sviluppo dei vaccini sia abbastanza attivo. Tuttavia, ci sono modi generali per prevenire le malattie virali, che si applicano anche all'infezione da coronavirus. Quindi, come proteggersi dai danni del coronavirus?

È importante lavarsi regolarmente le mani e disinfettare oggetti di uso sistematico (telefoni, telecomandi, mouse per computer, chiavi, maniglie delle porte, ecc.).

Non toccare le mani non lavate su viso, occhi, ecc.

Ogni persona dovrebbe sempre avere con sé disinfettanti - prima di tutto, per la disinfezione delle mani. Il coronavirus muore se esposto all'alcool.

Bisogna fare attenzione quando si visitano le aree di un grande raduno di persone (trasporti, supermercati, ecc.) - è meglio toccare le superfici e gli oggetti di uso comune il meno possibile o indossare guanti protettivi.

Non puoi prendere cibo da un contenitore o pacchetto comune, salutare la mano e comunicare a stretto contatto con persone non familiari, almeno fino a quando il quadro epidemiologico sul coronavirus non si stabilizzerà.

Per la prevenzione, puoi indossare una benda protettiva (maschera), sebbene sia più indicata per le persone già malate. Le maschere monouso devono essere cambiate ogni 2-3 ore. Indossarli di nuovo è vietato.

A casa e al lavoro, tutte le stanze devono essere sistematicamente ventilate.

Non dovresti assumere alcun farmaco "per prevenzione": tali azioni non proteggeranno dal coronavirus, tuttavia possono "lubrificare" il quadro clinico in caso di malattia, che influirà negativamente sulla prognosi. [20]

Durante l'epidemia, è indesiderabile fare lunghi viaggi e viaggi. Tuttavia, se non puoi farne a meno, è importante seguire queste regole:

  • anche nella fase di pianificazione del viaggio, è necessario effettuare indagini sulla situazione epidemiologica del coronavirus;
  • è necessario prendere e usare dispositivi per proteggere il sistema respiratorio;
  • durante i viaggi, puoi bere solo acqua acquistata nei negozi in contenitori chiusi, mangiare solo cibi che sono stati precedentemente trattati termicamente;
  • lavarsi le mani regolarmente, anche prima dei pasti e dopo aver visitato le aree pubbliche.

È necessario evitare i mercati in cui vengono venduti animali e frutti di mare, nonché vari eventi in cui gli animali che possono essere una fonte di infezione da un'infezione da coronavirus sono coinvolti in modo massiccio. [21]

Altre importanti raccomandazioni preventive:

  • Cerca di stare lontano dalle altre persone - almeno non più vicino di 1 m.
  • Mangia bene, conduci uno stile di vita sano, cammina spesso all'aria aperta.
  • Se qualcuno è malato a casa, avvisare il medico di famiglia. Se possibile, fornire al paziente una stanza separata, limitare il contatto con lui, indossare una fasciatura medica. Lavarsi le mani più spesso con detergente, disinfettare oggetti e arieggiare le stanze.

Se sospetti di aver avuto contatti con un paziente infetto da coronavirus COVID-19 o sei tornato di recente da un altro paese, chiama il medico di famiglia e spiega la situazione. Non è necessario andare autonomamente in un istituto medico per non mettere a rischio gli altri. Successivamente, è necessario seguire chiaramente le istruzioni del proprio medico.

Previsione

In media, la durata totale del decorso della malattia con il coronavirus COVID-19 insieme al periodo di incubazione è di poco più di un mese. In assenza di trattamento, nonché in altre circostanze avverse, possono svilupparsi complicazioni:

  • grave intossicazione del corpo;
  • aumento dell'insufficienza respiratoria acuta;
  • edema polmonare;
  • insufficienza multipla di organi.

Con lo sviluppo di complicanze, la prognosi della patologia del coronavirus è sfavorevole: il paziente muore in molti casi.

Secondo l'OMS, a Wuhan, il 2% dei pazienti identificati è deceduto e circa lo 0,7% al di fuori di Wuhan. I tassi di mortalità sono 15 volte superiori rispetto all'influenza convenzionale (0,13%) e all'influenza H1N1 (0,2%). 

Uno studio pubblicato sulla rivista medica The Lancet Infecious Diseases del 30 marzo 2020 ha mostrato che il tasso di mortalità per coronavirus è inferiore a quanto precedentemente riportato, ma è ancora più pericoloso dell'influenza stagionale e si aggira attorno allo 0,66%. Questo tasso di mortalità per coronavirus è inferiore rispetto alle stime precedenti, poiché tiene conto dei casi potenzialmente più lievi che spesso non vengono diagnosticati, ma è comunque molto più elevato rispetto allo 0,1% delle persone decedute per influenza. [22]

Per quanto riguarda la prognosi della diffusione dell'infezione virale, qui gli esperti hanno espresso due opzioni. Il primo di questi riguarda la diffusione del coronavirus a un livello di pandemia. Nella seconda opzione, parlano di focolai della malattia in diverse parti del pianeta con l'ulteriore instaurazione del controllo sul patogeno e la graduale estinzione della diffusione.

Per migliorare la prognosi della morbilità, dovrebbero essere introdotte misure tempestive di quarantena e le folle di massa dovrebbero essere limitate. La maggior parte degli esperti è certa che con l'avvento del riscaldamento il coronavirus COVID-19 perderà la sua attività e la percentuale di casi diventerà molto più bassa.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.