^
A
A
A

Acidi grassi

 
, Editor medico
Ultima recensione: 21.02.2019
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Gli acidi grassi sono i lipidi più semplici e sono costituiti da lunghe catene di idrocarburi.

Gli acidi grassi sono un componente dei lipidi più complessi, forniscono la maggior parte delle calorie dai grassi commestibili.

Gli acidi grassi sono classificati in base al numero di atomi di carbonio nella molecola (lunghezza della catena). Possono essere saturi, vale a dire senza doppi legami. Questi includono acidi laurico (C12: 0), miristico (C14: 0), palmitico (C16: 0) e stearico (C 18: 0). Gli acidi grassi monoinsaturi, come l'oleico (C18: 1), contengono un doppio legame. Gli acidi grassi polinsaturi, come l'acido linoleico (C 18: 2), contengono più di un doppio legame. Alcuni degli acidi grassi polinsaturi, cioè linoleico e linolenico, non possono essere sintetizzati nel corpo, quindi sono indicati come acidi grassi essenziali. Devono entrare nel corpo con il cibo. Questi acidi sono usati per sintetizzare altri acidi grassi polinsaturi con una lunga catena, che sono di grande importanza nella sintesi degli eicosanoidi. Gli acidi grassi insaturi sono inoltre classificati in base alla posizione del doppio legame, cioè. E. L'omega-9 (Q-9, o n-9), omega-6 (Q-6 o n-6), omega-3 (Q-3, o n-3), in base alla posizione del primo doppio legame dal gruppo terminale metilico. Inoltre, questi acidi grassi insaturi sono anche classificati in base alla configurazione isomerica dei doppi legami, vale a dire cis- e trans-, che determinano le proprietà di questi acidi.

Il tipo di acido grasso può influenzare le proprietà fisiche del grasso, il suo assorbimento, assorbimento, metabolismo, utilizzo e, infine, la salute.

Nella dieta americana, circa l'80% del grasso totale è fornito da carne, pesce, insalate, grassi, su cui il cibo viene preparato e aggiunto all'impasto e ai latticini. Inoltre, carne, pollame, pesce, uova e latticini sono le principali fonti di acidi grassi saturi. I prodotti a base di cereali, come il pane di lievito, le torte, i biscotti, contribuiscono notevolmente al consumo di acidi grassi mono e polinsaturi. Pesce e crostacei sono le principali fonti di acidi grassi polinsaturi con una lunga catena.

Trïacïlglïcerïdı

Grassi alimentari e oli vegetali sono triacilgliceroli (TAG) in cui tre acidi grassi esterificati a glicerolo di acidi grassi a predominanza caratteristica che influenza la composizione della dieta complessiva e la selezione della dieta. Grassi e oli sono costituiti da molti acidi grassi, presentati in proporzioni, caratteristiche per il grasso o l'olio corrispondente. Di solito uno o due acidi grassi predominano in grasso o olio. Ad esempio, l'acido linoleico rappresenta il 78% degli acidi grassi nell'olio di girasole. Il volume di oli vegetali tranne palme tropicali e cocco, sono importanti fonti di acidi grassi insaturi, e fonti di grassi animali di acidi grassi saturi, tuttavia, modificare il profilo di acidi grassi nella dieta può solo sostituendo una fonte di grassi. Inoltre, la biotecnologia consente la produzione di grassi e prodotti con una composizione specifica di acidi grassi, i cosiddetti prodotti costruiti.

 Raccomandazioni dietetiche e assunzione di grassi

Le raccomandazioni dietetiche generali forniscono energia assorbita totale <30% per il grasso totale e <10% per gli acidi grassi saturi e per l'assunzione di colesterolo <300 mg al giorno.

Diverse indagini nazionali condotte da varie organizzazioni statunitensi indicano che il consumo totale di grassi della popolazione è diminuito a circa il 34% delle calorie rispetto al 1990. I dati mostrano che solo il 18, il 14 e il 21% degli uomini e il 18, il 18 e il 25% delle donne all'età di 6-11 anni, 12-19 e oltre 20 anni, rispettivamente, hanno ricevuto <30% di energia dai grassi.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.