^

Caffè e pressione

, Editor medico
Ultima recensione: 12.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Molti di noi sono abituati a bere al mattino una tazza o due di fragrante caffè appena fatto. Questa bevanda unica ci fa svegliare, dona forza ed energia, si adatta a un nuovo giorno. Per la maggior parte delle persone, la mattina senza una tazza di caffè diventa una specie di inferiore, incompleto. Tuttavia, molti amanti del caffè sono spesso disturbati dai numerosi miti e proibizioni che si aggirano intorno a una normale tazza di caffè: caffè e pressione, cuore, vasi sanguigni. Il caffè è tanto terribile quanto "dipinto"? In che modo il caffè influenza la pressione e può essere utilizzato dagli ipertesi? Parleremo di tutto questo in questo argomento.

trusted-source[1], [2], [3], [4]

Il caffè alza o abbassa la pressione?

Il fatto che la caffeina aumenti la pressione arteriosa è noto da molto tempo: ci sono stati molti studi su questo argomento. Ad esempio, alcuni anni fa, gli specialisti della cattedra profilattica dell'Università di Madrid dell'Università di Madrid hanno condotto un esperimento che determina gli indicatori esatti dell'aumento di pressione dopo aver bevuto una tazza di caffè. Durante l'esperimento, si è riscontrato che la caffeina in una quantità di 200-300 mg (2-3 caffè) aumenta sistolica indice di pressione arteriosa all'8,1 mmHg. E l'indice diastolico è 5,7 mm Hg. Art. L'aumento della pressione si osserva durante i primi 60 minuti dopo aver consumato caffeina e può essere tenuto per circa 3 ore. L'esperimento è stato condotto su persone sane che non soffrono di ipertensione, ipotensione o patologie cardiovascolari.

Tuttavia, quasi tutti gli specialisti sono convinti inequivocabilmente che, al fine di garantire l'innocuità della caffeina, sono necessari studi a lungo termine che ci consentiranno di osservare l'uso del caffè per diversi anni e persino decenni. Solo questi studi permetteranno di stabilire con esattezza gli effetti positivi o negativi della caffeina sulla pressione e sull'organismo nel suo insieme.

trusted-source[5], [6], [7]

In che modo il caffè influisce sulla pressione?

I prossimi studi furono condotti da specialisti italiani. Hanno assegnato 20 volontari, che ogni mattina hanno dovuto bere una tazza di caffè espresso. Secondo i risultati, una tazza di caffè espresso abbassa il flusso sanguigno coronarico di circa il 20% per 60 minuti dopo l'ingestione. Se inizialmente ci sono problemi con il cuore, l'uso di una sola tazza di caffè forte può causare disturbi cardiaci e della circolazione periferica. Naturalmente, se il cuore è completamente sano, una persona potrebbe non avere un impatto negativo.

Lo stesso vale per l'effetto del caffè sulla pressione.

Il caffè a pressione ridotta è in grado di stabilizzare le prestazioni e riportare la pressione ridotta alla normalità. Un'altra cosa è che il caffè causa una certa dipendenza, quindi una persona ipotonica che beve caffè al mattino per aumentare la pressione sanguigna potrebbe eventualmente aver bisogno di dosi sempre più grandi della bevanda. E questo può già influire sulle condizioni del sistema cardiovascolare.

Il caffè ad alta pressione è più dannoso. Perché? Il fatto è che con l'ipertensione c'è già un aumento dello stress sul cuore e sui vasi sanguigni e l'uso del caffè aggrava questa condizione. Inoltre, un leggero aumento della pressione dopo aver bevuto il caffè può "spronare" e avviare un meccanismo per aumentare la pressione nel corpo, il che influenzerà significativamente le prestazioni. Il sistema di regolazione della pressione nei pazienti ipertesi è in uno stato "irritabile" e l'uso di una bevanda a due tazze può essere scatenato da un aumento della pressione.

Le persone con una pressione stabile non possono avere paura di bere caffè. Naturalmente, entro limiti ragionevoli. Due o tre tazze di caffè biologico appena fatto non fa male nel corso della giornata, tuttavia gli esperti consigliano di non bere il caffè istantaneo o un surrogato, e usarlo per più di 5 tazze al giorno, in quanto ciò può provocare la deplezione delle cellule nervose e la comparsa della costante sensazione di stanchezza.

Il caffè aumenta la pressione?

Il caffè appartiene a una delle bevande più popolari. Il suo ingrediente principale è la caffeina, riconosciuta come stimolante naturale naturale. La caffeina può essere trovata non solo nei chicchi di caffè, ma anche in alcune noci, frutta e parti di piante frondose. Tuttavia, molte persone prendono questa sostanza con tè o caffè, così come con coca cola o cioccolato.

L'uso massiccio del caffè e fu la causa di tutti i tipi di studi che furono condotti per studiare l'effetto del caffè sulla pressione sanguigna.

Il caffè stimola il sistema nervoso centrale, quindi è spesso usato per la stanchezza, la mancanza di sonno e per migliorare l'attività mentale. Tuttavia, grandi concentrazioni di caffeina nel sangue possono portare a spasmi vascolari, che a loro volta influenzano l'aumento della pressione sanguigna.

L'adenosina nucleosidica endogena è sintetizzata nel sistema nervoso centrale, che è responsabile del normale processo di addormentamento, di un sonno sano e di una diminuzione dell'attività entro la fine della giornata. Se non fosse per l'azione dell'adenosina, una persona sarebbe sveglia per molti giorni di fila, e in seguito semplicemente cadrà per esaurimento e esaurimento. Questa sostanza determina il bisogno di riposo della persona e spinge il corpo a dormire e ripristinare la forza.

La caffeina ha la capacità di bloccare la sintesi di adenosina, che, da un lato, stimola l'attività cerebrale, ma, d'altra parte, è un fattore di aumento della pressione sanguigna. Inoltre, la caffeina stimola la produzione di adrenalina da parte delle ghiandole surrenali, che favorisce anche l'aumento della pressione sanguigna.

Sulla base di questo, molti scienziati hanno concluso che il consumo regolare di caffè può provocare un costante aumento della pressione sanguigna anche nelle persone con pressione arteriosa inizialmente normale.

Ma tali conclusioni non sono completamente vere. Secondo i risultati degli ultimi esperimenti, il grado di aumento della PA con l'uso regolare della bevanda in una persona sana è molto lento, ma in una persona soggetta a ipertensione questo processo procede più rapidamente. Quindi, se una persona ha la tendenza ad aumentare la pressione, allora il caffè può contribuire a questo aumento. È vero, alcuni scienziati dicono che per sviluppare una tendenza ad aumentare la pressione si dovrebbero bere più di 2 tazze di caffè al giorno.

trusted-source[8], [9], [10]

La pressione del caffè diminuisce?

Torniamo ai risultati di studi condotti da esperti mondiali. Abbiamo già detto che il grado di aumento della pressione dopo l'assunzione di caffeina nelle persone sane è meno pronunciato rispetto ai pazienti ipertesi. Ma questi indicatori, di norma, non sono critici e non durano a lungo. Inoltre, a causa di quegli stessi studi hanno fornito dati che gli scienziati non riescono ancora a spiegare comprensibile: nel 15% dei soggetti affetti dal regolare aumento della pressione sanguigna quando si consumano 2 tazze di caffè al giorno pressioni sono ridotti.

Come spiegano gli specialisti?

  1. Il rapporto tra caffè e pressione è in realtà molto più complicato di quanto sembrasse prima. È dimostrato che l'uso costante e prolungato di varie dosi di caffeina sviluppa un certo grado di dipendenza (insensibilità) dal caffè, che può ridurre il grado del suo effetto sulla pressione sanguigna. Alcuni esperimenti suggeriscono che le persone che non bevono caffè hanno meno probabilità di sviluppare ipertensione. Altri studi dimostrano il fatto che coloro che bevono caffè costantemente ma moderatamente hanno un rischio ridotto. Il loro corpo "si abitua" alla caffeina e cessa di reagire ad esso, come fonte di maggiore pressione.
  2. L'effetto del caffè sulla pressione del sangue individualmente, e può dipendere dalla presenza o dall'assenza di malattia, dal tipo di sistema nervoso e dalle caratteristiche genetiche del corpo. Non è un segreto che alcuni geni nel nostro corpo sono responsabili della velocità e del grado di scissione della caffeina nel corpo umano. Per alcuni, questo processo è veloce e per alcuni è lento. Per questo motivo, in alcune persone, anche una sola tazza di caffè può causare un aumento della pressione, mentre altre saranno innocue e hanno un volume molto più grande di bevanda.

trusted-source[11], [12], [13]

Perché il caffè aumenta la pressione?

Esperimenti sperimentali, durante i quali le misurazioni dell'attività degli impulsi elettrici del cervello, hanno mostrato che il consumo di 200-300 ml di caffè ha un effetto significativo sul grado di attività cerebrale, portandolo da uno stato calmo a uno stato altamente attivo. A causa di questa proprietà, la caffeina viene spesso definita una droga "psicotropa".

Il caffè influisce sulla funzione cerebrale, inibendo la produzione di adenosina, che, tra le altre cose, aiuta a trasferire gli impulsi nervosi lungo le fibre nervose. Di conseguenza, la capacità calmante dell'adenosina non lascia una traccia: i neuroni sono rapidamente e continuamente eccitati, stimolati fino all'esaurimento.

Contemporaneamente a questi processi, vi è un effetto sulla corteccia surrenale, che provoca un aumento del flusso sanguigno della quantità di "ormoni dello stress". Questi sono adrenalina, cortisolo e norepinefrina. Queste sostanze vengono generalmente prodotte se la persona è in uno stato ansioso, nervoso o spaventato. Di conseguenza, vi è un'ulteriore stimolazione dell'attività cerebrale, che prima o poi porta ad un'accelerazione dell'attività cardiaca, a un aumento della circolazione sanguigna e agli spasmi dei vasi periferici e dei vasi cerebrali. Il risultato: aumento dell'attività motoria, agitazione psicomotoria e aumento della pressione sanguigna.

Caffè verde e pressione

I chicchi di caffè verde sono utilizzati attivamente in medicina come mezzo per stimolare il metabolismo, stabilizzando il livello di zucchero, attivando il sistema nervoso centrale. Naturalmente, come il caffè normale, i grani verdi richiedono la conformità, altrimenti l'abuso di caffè verde può influenzare il lavoro di molti sistemi corporei.

È stato provato sperimentalmente che 2-3 tazze di caffè verde al giorno riducono la probabilità di malattie oncologiche, obesità, diabete di tipo II e problemi con i capillari.

Come si confronta il caffè verde e la pressione?

Il caffè verde contiene la stessa caffeina dei chicchi di caffè nero tostato. Per questo motivo, si consiglia di bere caffè verde a persone che non hanno problemi di pressione, o persone ipotoniche - persone con una tendenza a ridurre la pressione.

Sotto pressione ridotta, il caffè verde può produrre tali effetti:

  • stabilizzare la condizione dei vasi coronarici;
  • equilibrare il sistema vascolare cerebrale;
  • stimolare i centri respiratori e motori;
  • normalizzare il sistema vascolare della muscolatura scheletrica;
  • stimolare l'attività cardiaca;
  • per accelerare la circolazione sanguigna.

Non vi è alcun fatto confermato che il caffè verde abbassa la pressione. Medici affermano in modo inequivocabile: alle persone con II e III st. Malattia ipertensiva, l'uso del caffè, compreso il verde, è altamente indesiderabile.

In tutte le altre persone, l'uso di caffè verde entro limiti ragionevoli non dovrebbe causare un aumento significativo della pressione sanguigna. Tuttavia, non si deve dimenticare che l'abuso della bevanda e l'eccesso regolare dei dosaggi consentiti può portare a spasmi vascolari nel cervello, aumento della pressione sanguigna e gravi malfunzionamenti delle funzioni cardiache e cerebrali.

Come dimostrato dalle osservazioni sistematiche, ogni quinta persona che beve caffè, aumenta la pressione. Tuttavia, il meccanismo esatto di questo aumento non è stato ancora studiato a fondo.

Il benzoato di sodio caffeina aumenta la pressione sanguigna?

Il benzoato caffeina-sodio è un farmaco psico-stimolante, quasi completamente analogo alla caffeina. Di norma, è usato per stimolare il sistema nervoso centrale, con intossicazioni narcotiche, ecc., Malattie che richiedono l'eccitazione dei centri vasomotori e respiratori.

Certo, il benzoato di caffeina e sodio aumenta la pressione sanguigna, così come la caffeina ordinaria. Può anche causare l'effetto "coinvolgente", disturbi del sonno e agitazione generale.

La caffeina-benzoato di sodio non viene utilizzata con un costante aumento della pressione sanguigna, con aumento della pressione intraoculare, aterosclerosi e disturbi del sonno.

L'effetto del farmaco sugli indici di pressione è determinato dal dosaggio di questo psicostimolante e anche dai valori iniziali della pressione arteriosa.

trusted-source[14], [15], [16], [17], [18]

Il caffè con latte aumenta la pressione?

Affermare l'effetto positivo o negativo del caffè con l'aggiunta di latte sul corpo è molto difficile. Molto probabilmente, il nocciolo della questione non è tanto in una bevanda quanto nella sua quantità. Se l'uso di qualsiasi bevanda di caffè, anche il latte, sarà moderato, qualsiasi rischio sarà minimo.

È dimostrato che la caffeina può aiutare ad aumentare la pressione sanguigna. Per quanto riguarda il latte, questa è una questione controversa. Molti esperti sono inclini a ritenere che l'aggiunta di latte al caffè possa ridurre la concentrazione di caffeina, ma non sarà in grado di neutralizzarla completamente. Perciò è consigliato bere il caffè con latte, ma di nuovo in limiti ragionevoli: non più di 2-3 tazze al giorno. Inoltre, la presenza di un prodotto caseario nel caffè può compensare la perdita di calcio, che è molto importante, soprattutto per gli anziani.

Può essere confermato con sicurezza: è possibile che il caffè con latte sollevi la pressione, ma, di regola, è insignificante. Fino a 3 tazze di caffè non forte con latte possono essere consumate da qualsiasi persona.

trusted-source[19], [20], [21]

Il caffè decaffeinato aumenta la pressione sanguigna?

Caffè senza caffeina - sembrerebbe un'eccellente via d'uscita per coloro che non raccomandano il caffè normale. Ma è tutto così semplice?

La difficoltà è che il "caffè decaffeinato" non è esattamente il nome giusto per la bevanda. Sarebbe più corretto dire "caffè con meno caffeina". La produzione di tale caffè consente il contenuto di un alcaloide indesiderato in quantità superiore a 3 mg. Infatti, una tazza di bevanda decaffeinata solubile contiene ancora fino a 14 mg di caffeina e in una tazza di caffè "senza caffeina" caffeina - fino a 13,5 mg. E cosa accadrà se un paziente iperteso, essendo sicuro di bere caffè decaffeinato, userà 6-7 tazze di bevanda? Ma questa quantità di caffeina può già influenzare il corpo.

Mentre i dettagli tecnologici processo di decaffeinizzazione del caffè imperfetta, gli esperti consigliano di non appoggiarsi su una tale bevanda: aggiunta di basse dosi di caffeina, il caffè contiene tali contaminanti rimanenti dalle reazioni di depurazione delle bevande da caffeina, e una maggiore quantità di grasso che nel caffè convenzionale. E il gusto, come si dice, "per l'amante".

Se vuoi davvero un caffè, allora bevi il solito nero, ma naturale, non solubile. E non esagerare: una tazza, è possibile con il latte, è improbabile che porti molti danni. O davvero andare alla cicoria: qui certamente non c'è caffeina.

trusted-source[22], [23], [24], [25]

Caffè con pressione intracranica

La caffeina è controindicata con l'aumento della pressione intraoculare e intracranica.

La causa più comune di aumento della pressione intracranica è lo spasmo dei vasi cerebrali. E la caffeina, come abbiamo detto sopra, può solo esacerbare questi spasmi, che complicheranno notevolmente la circolazione del sangue e peggioreranno le condizioni del paziente.

Con aumento della pressione intracranica dovrebbe mangiare e bere prodotti che ampliano il lume dei vasi sanguigni, migliorare la circolazione sanguigna, che può alleviare i sintomi e, in particolare mal di testa.

Sperimentare l'uso del caffè con la pressione intracranica non dovrebbe: dovresti bere bevande e cibo, solo con la piena certezza che non ti danneggeranno.

trusted-source[26], [27], [28], [29], [30], [31]

Quale caffè stimola la pressione?

Quale caffè stimola la pressione? In linea di principio, questo può essere attribuito a qualsiasi tipo di caffè: il solito caffè solubile o macinato, verde e anche decaffeinato, se consumato senza misura.

Una persona sana che consuma moderatamente il caffè può trarre molti benefici da questa bevanda:

  • stimolazione dei processi metabolici;
  • riduzione del rischio di diabete di tipo II e malattie oncologiche;
  • miglioramento della funzione degli organi di senso, concentrazione dell'attenzione, memoria;
  • aumentare le prestazioni mentali e fisiche.

Con una tendenza all'aumento della pressione sanguigna, e in particolare all'ipertensione diagnosticata, il caffè dovrebbe essere usato più volte in modo più accurato: non più di 2 tazze al giorno, non forte, solo terreno naturale, con latte e non a stomaco vuoto.

E ancora: prova a non bere caffè ogni giorno, a volte sostituendolo con altre bevande.

L'uso del caffè e della pressione possono coesistere, se la mente si avvicina a questo problema, non abusando e osservando la misura. Ma, in ogni caso, con un marcato aumento della pressione sanguigna, prima di versare una tazza di caffè, chiedere consiglio ad un medico.

Attenzione!

Per semplificare la percezione delle informazioni, questa istruzione per l'utilizzo del farmaco "Caffè e pressione" è stata tradotta e presentata in una forma speciale sulla base delle istruzioni ufficiali per l'uso medico del farmaco. Prima dell'uso leggere l'annotazione che è arrivata direttamente al farmaco.

Descrizione fornita a scopo informativo e non è una guida all'autoguarigione. La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante. L'automedicazione è pericolosa per la tua salute.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.