^
A
A
A

Il ruolo delle proteine nell'esercizio

 
, Editor medico
Ultima recensione: 15.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Le proteine rappresentano fino al 45% del peso corporeo. L'unicità degli aminoacidi sta nel fatto che possono combinarsi con altri aminoacidi, formando strutture complesse. Questi sono enzimi che catalizzano le reazioni; ormoni come insulina e glucagone; emoglobina e mioglobina, che sono portatori di ossigeno; tutte le strutture tissutali, compresa la miosina e l'actina, formano la proteina muscolare. Tutti loro sono molto importanti per l'attività motoria.

Gli studi dimostrano che le proteine contribuiscono come fonti di energia durante il digiuno e l'esercizio fisico intenso, forse il 15% di tutte le chilocalorie durante l'esercizio.

Metabolismo delle proteine

Le proteine nutrizionali si combinano nell'intestino con proteine endogene del tratto gastrointestinale, digerite e assimilate sotto forma di amminoacidi. Circa il 10% delle proteine viene escreto con le feci e il restante 90% di aminoacidi forma un pool di aminoacidi, che comprende anche proteine formate durante la scissione del tessuto.

Se durante la sintesi delle proteine il corpo è in equilibrio, utilizza gli amminoacidi dalla piscina per mantenere la degradazione delle proteine. Se gli amminoacidi non sono sufficienti per essere inclusi nel pool (cioè, assunzione insufficiente di proteine alimentari), la sintesi proteica non può sostenere la loro rottura e le proteine del corpo vengono scisse per soddisfare il fabbisogno di pool di aminoacidi.

Di conseguenza, il ripristino dei tessuti rallenta, con conseguente riduzione delle prestazioni fisiche. Altrimenti, se il consumo di proteine alimentari supera il bisogno, si verifica la deaminazione degli amminoacidi (rimozione del gruppo amminico) e l'eccesso di azoto viene rilasciato principalmente sotto forma di urea, così come l'ammoniaca, l'acido urico e la creatina. La struttura che rimane dopo la deaminazione è chiamata acido alfa-cheto. Può essere ossidato per produrre energia o trasformarsi in grasso sotto forma di trigliceridi.

Equilibrio di azoto

Il problema controverso della necessità di proteine è causato dalla divergenza dei metodi per valutare la biosintesi delle proteine nel corpo. Il bilancio azotato è uno dei criteri più utilizzati per valutare il metabolismo proteico, ma non il più perfetto. Il bilancio azotato misura il rapporto tra l'azoto rimosso dal corpo e l'azoto, che è entrato nel corpo (blocco alimentare). Un bilancio negativo di azoto viene stabilito quando l'escrezione di azoto supera la sua offerta. Un bilancio positivo di azoto si nota quando l'assunzione supera l'escrezione della proteina, solitamente durante il periodo di crescita (adolescenza, gravidanza). Sotto il normale bilancio dell'azoto, l'assunzione e il rilascio di azoto sono uguali. Le misurazioni dell'equilibrio dell'azoto non sono considerate determinanti, poiché tengono conto delle perdite di azoto solo nelle urine e, in parte, nelle feci. Perdite di azoto possono verificarsi durante la traspirazione e altre secrezioni del corpo, come desquamazione della pelle, perdita di capelli e altri. Dal conversione proteina non può essere tracciata con precisione e misurata dopo la sua assunzione, bilancio azotato non tiene conto di tutti gli aspetti del metabolismo proteico. L'equilibrio di azoto suggerisce che ciò che non è stato isolato è usato per la sintesi proteica.

Quindi, se l'assunzione di proteine cambia (aumenta o diminuisce), è importante considerare che vi è un periodo obbligatorio di adattamento al nuovo regime, durante il quale l'escrezione quotidiana di azoto non sarà affidabile. Questo è un punto importante da tenere a mente quando si valuta la validità e la validità degli studi sull'equilibrio dell'azoto come misura dello stato del metabolismo delle proteine. L'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (FAO) e l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno designato un minimo di 10 giorni di adattamento per determinare il fabbisogno di proteine durante il cambiamento del consumo di azoto.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.