^
A
A
A

Rischio di consumo di quantità inadeguate di proteine

 
, Editor medico
Ultima recensione: 15.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Molti atleti, anche se concentrano la loro attenzione sulle proteine, ma alcuni di loro consumano proteine in quantità insufficiente. Questo problema esiste per gli atleti che si allenano per la resistenza, ad esempio i corridori. Questi atleti focalizzano la loro attenzione non sulla costruzione della massa muscolare, ma sul consumo di calorie in eccesso e sull'aumento del peso corporeo. Le diete nordamericane più comuni, che sono fonti di proteine, contengono spesso molti grassi che possono essere sostituiti con carboidrati. Una proteina inadeguata può mettere un atleta di fronte al rischio di ridurre la massa muscolare. Assunzione inadeguata di esso significa una mancanza di aminoacidi per la riparazione e la sintesi dei tessuti e minaccia l'atleta con lesioni. L'affaticamento cronico in questi atleti indica anche la debolezza dei muscoli.

Triade di atleti di sesso femminile

La triade delle atlete è caratterizzata, prima di tutto, da un consumo inadeguato di calorie con la successiva violazione del ciclo mestruale (amenorrea) e, infine, con l'osteoporosi. Si suggerisce che l'assunzione inadeguata di proteine possa essere associata all'insorgenza di amenorrea. È dimostrato che una violazione del ciclo mestruale normale e la mancanza di estrogeni portano ad un inadeguato accumulo di calcio e, di conseguenza, a difetti ossei, tra cui fratture e osteoporosi.

Clark et al. Determinato che i corridori di sesso femminile amenorici consumano 300-500 calorie al giorno in meno rispetto agli atleti di sesso femminile con un normale ciclo mestruale. Helson et al. Ha dimostrato che l'82% delle donne amenoriche aveva un apporto di proteine inferiore rispetto a RDN e solo il 35% delle donne con cicli mestruali normali presentava un apporto proteico inferiore a RDN. L'assunzione di calcio in questi due gruppi non differiva. È dimostrato che le diete degli atleti coinvolti nella corsa, nella danza e nella ginnastica non sono adeguate per molte sostanze nutritive, incluso il numero totale di calorie e proteine. La relazione tra la quantità di proteine e la funzione mestruale non è ancora chiara, ma esiste il rischio di amenorrea per gli atleti con carenza di proteine nel cibo. È anche interessante sapere se la qualità delle proteine si riferisce al rischio di amenorrea o meno.

Un menu approssimativo che mostra l'assunzione di proteine dal cibo

  • Vegetariani: proteine di qualità

L'utilizzo delle proteine è più efficace in alta qualità. FAO / OMS utilizza la proteina dell'uovo come standard rispetto al quale viene confrontata la qualità delle altre proteine.

Una dieta senza prodotti di origine animale chiama in causa la sintesi di tutti gli amminoacidi. Minore è la proteina animale nella dieta dell'atleta, maggiore è la quantità di proteine vegetali necessaria per soddisfare il fabbisogno di aminoacidi. L'eccezione sono i prodotti di soia. Per valutare la qualità della proteina FAO / OMS, viene utilizzata una "stima degli amminoacidi", in alternativa al metodo precedente, il fattore di efficienza proteica (CAB). Come valutazione, vengono utilizzati idrolisati e concentrati di proteine di soia equivalenti a proteine animali nella capacità di soddisfare i bisogni a lungo termine dei bambini negli amminoacidi.

I vegetariani che includono latticini, uova e prodotti a base di soia nella loro dieta non dovrebbero avere difficoltà a soddisfare i loro bisogni di aminoacidi e proteine comuni.

  • Le donne che si preoccupano del peso corporeo

Molte donne consumano una quantità inadeguata di proteine per ridurre l'assunzione di calorie. L'utilizzo delle proteine diminuisce quando il livello di energia scende al di sotto dei suoi costi.

  • Donne incinte

Durante la gravidanza, aumenta il fabbisogno di proteine. Le donne incinte hanno bisogno di circa 60 grammi di proteine al giorno, rispetto ai 45 grammi al giorno per RDN per le donne non gravide. Gli studi relativi all'esercizio fisico durante la gravidanza sono relativamente recenti. Molti atleti si allenano durante l'intera gravidanza. L'intensità e la durata del carico, così come il suo effetto sulla gravidanza, dipendono da molti fattori, incluso il livello di idoneità fisica della donna. Un programma di allenamento per una donna incinta dovrebbe essere discusso con il suo medico. Non è stata stabilita la necessità di proteine per una donna incinta preparata. Le raccomandazioni di sicurezza sono comprese tra 1,0-1,4 g / kg di peso corporeo.

  • Le persone anziane

L'utilizzo delle proteine cambia con l'età. Poiché le persone diventano meno attive con l'età, i loro bisogni nelle proteine richiedono ulteriori studi.

  • diabete

Si raccomanda ai pazienti diabetici di non superare l'RDN per le proteine. I pazienti diabetici che sono stati addestrati dovrebbero soddisfare le loro maggiori esigenze di proteine fino a quando non ci sono problemi con i reni e consultare il proprio medico su base regolare.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.