^
A
A
A

Supplementi proteici

 
, Editor medico
Ultima recensione: 12.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I produttori di integratori proteici li stanno offrendo fortemente a molti atleti che considerano ancora le proteine come la sostanza nutritiva più importante. Gli integratori proteici possono essere suddivisi in due categorie: la prima comprende proteine intere - uova, latte o proteine di soia, la seconda contiene singoli amminoacidi liberi o loro combinazioni.

  • Proteina intera

Gli integratori proteici integrali sono usati per aumentare la quantità totale di proteine nel cibo, a volte vengono rafforzati con amminoacidi separati. Per soddisfare il fabbisogno proteico, non vengono utilizzati integratori proteici integrali poiché il cibo ne contiene un numero sufficiente. Tuttavia, questi supplementi sono convenienti, soprattutto per gli atleti con bisogni calorici elevati e non hanno abbastanza tempo per cucinare e mangiare. Alcuni additivi sono molto compatti, non richiedono congelamento e sono convenienti per l'applicazione in giorni "caldi". Alcuni di essi possono essere miscelati con il latte e fornire fino a metà del fabbisogno proteico, altri (proteine in polvere) - con acqua e sono adatti per gli atleti che non tollerano il lattosio. Le compresse o le pillole di proteine di solito contengono meno proteine rispetto alle polveri. Le miscele solubili per colazione sono una buona alternativa alle costose polveri proteiche. Piastrelle energetiche contenenti un minimo di 7-14 g di proteine (1-2 once), contribuiscono alla soddisfazione dei fabbisogni proteici e sono facili da usare. Gli atleti devono essere consapevoli del fatto che alcuni integratori contengono una quantità eccessiva di proteine per porzione (oltre 50 grammi) e non sono necessari.

  • Amminoacidi individuali

Gli studi hanno dimostrato che gli integratori contenenti piccole quantità di alcuni aminoacidi possono migliorare le prestazioni abbassando le concentrazioni di lattato nei muscoli e nel sangue. Grandi dosi di questi supplementi non migliorano le prestazioni. Gli additivi con alcuni amminoacidi sono rischiosi perché possono causare squilibri metabolici, cambiamenti nella trasmissione degli impulsi nervosi e persino avvelenamento.

  • Amminoacidi con catena ramificata

Affaticamento del sistema nervoso centrale. Gli amminoacidi a catena ramificata (ACRT) -leucina, isoleucina e valina-sono stati studiati in connessione con la fatica del sistema nervoso centrale. Si ritiene comunemente che la fatica causata da un eccessivo esercizio fisico abbia un'origine muscolare, ma si manifesta nel cervello. C'è una teoria che, durante gli sforzi prolungati, l'eccesso di serotonina supera la barriera emato-encefalica e causa affaticamento; alcuni ricercatori descrivono questa condizione come sovrallenamento. Il triptofano dell'amminoacido è un precursore della serotonina. Durante il carico dei muscoli scheletrici BCAA vengono ossidati, mentre il loro numero diminuisce, e la quantità di sangue aumento acidi grassi, spostando triptofano dal luogo della sua connessione all'albumina plasma e aumentando la quantità nel cervello. Quando il rapporto di triptofano e ACRT aumenta, più serotonina entra nel cervello. Cambiare questo rapporto aumentando la quantità di ACPT o carboidrati può ridurre il flusso di triptofano nel cervello. Questo studio conferma l'opinione sull'uso dei carboidrati per modificare il livello di serotonina, ma non dimostra l'efficacia di ACRT per prevenire l'affaticamento.

L'ormone della crescita. Si presume che gli aminoacidi arginina e lisina aumentino la sintesi dell'ormone della crescita, inducendo in tal modo un effetto anabolico accompagnato dalla crescita della massa muscolare.

Glutammina. Sebbene la glutammina non sia un aminoacido essenziale, alcuni ricercatori ritengono che sia necessario in grandi dosi durante i carichi eccessivi. La glutammina è coinvolta nelle reazioni immunitarie. Negli atleti con una sindrome da sovrallenamento, il livello di glutammina plasmatica è sottovalutato, il che può peggiorare l'immunità. Un carico fisico teso senza un adeguato recupero impoverisce i depositi di glutammina e il corpo non è in grado di sintetizzare la glutammina con una velocità sufficiente per raggiungere un livello di pre-carico. La glutammina può anche essere coinvolta nella sintesi del glicogeno muscolare. Un contenuto adeguato di glutammina aiuta a migliorare la sintesi proteica dopo l'esercizio. Gli studi non forniscono prove conclusive a sostegno dell'uso di integratori di glutammina.

Altri due additivi proteici che meritano attenzione sono la creatina e il beta-idrossi-beta-metilbutirrato. Entrambi possono contribuire alla crescita della massa e della forza muscolare, ma non è noto se il loro uso a lungo termine sia sicuro.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.