^
A
A
A

Il valore energetico per l'esercizio anaerobico e aerobico

 
, Editor medico
Ultima recensione: 15.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'energia, che fornisce attività fisica e attività, si forma a causa dei legami chimici del cibo. I modi di accumulo di energia e la sua distribuzione nel corpo sono numerosi e diversi. L'energia fornisce l'attività delle cellule e la riduzione delle fibre muscolari. L'esercizio, basato su fattori come la velocità di contrazione delle fibre muscolari, dipende dalla presenza di energia nelle fibre muscolari, quindi la conservazione e il trasferimento di energia sono i fattori determinanti nell'esecuzione degli esercizi fisici. Questi processi dipendono dal consumo di nutrienti, così come dall'idoneità, dai dati genetici e dal tipo di attività fisica svolta. Conoscere questi processi e i fattori che li influenzano è molto importante per lo sviluppo di diete individuali e programmi di allenamento progettati per ottimizzare l'esercizio fisico e la salute generale.

Accumulo di energia

L'energia si accumula nei legami chimici di carboidrati, grassi o proteine. Tuttavia, l'energia chimica delle proteine come fonte di attività fisica non viene immediatamente utilizzata. I principali fornitori di energia per i legami chimici sono grassi e carboidrati. I grassi del cibo si trasformano in acidi grassi e sono usati dal corpo. Possono essere utilizzati in vari processi di sintesi o direttamente come fonte di energia. Gli acidi grassi in eccesso vengono convertiti in trigliceridi e si accumulano principalmente nel grasso e, in parte, nel tessuto muscolare. I limiti nell'accumulo di grasso non esistono, quindi il livello di grasso accumulato nelle persone è molto diverso. Le riserve di grasso 100 volte o più superano le riserve energetiche di carboidrati.

I carboidrati del cibo si trasformano in glucosio e altri zuccheri semplici e vengono utilizzati dall'organismo. Gli zuccheri semplici vengono convertiti in glucosio, che può essere utilizzato nei processi di sintesi e come fonte di energia. Le molecole di glucosio in eccesso vengono quindi incorporate in lunghe catene di glicogeno e si accumulano nel fegato e nel tessuto muscolare. La quantità di glicogeno che può essere immagazzinata è di circa 100 g nel fegato e 375 g nei muscoli degli adulti. I carichi di allenamento aerobico possono aumentare il livello di accumulo di glicogeno muscolare di un fattore 5. L'eccesso di carboidrati alimentari consumati, superiore al loro livello, necessario per il massimo riempimento del potenziale deposito di glicogeno, si trasforma in acidi grassi e si accumula nel tessuto adiposo.

Rispetto a qualsiasi carboidrato o proteina, i grassi aumentano più di 2 volte la quantità di energia misurata in chilocalorie, quindi sono un mezzo efficace per accumulare energia riducendo al minimo il peso corporeo. L'energia nel grasso immagazzinato o nel glicogeno è immagazzinata nei legami chimici di queste sostanze.

Un'altra forma di accumulo di energia che proviene direttamente dai legami chimici del cibo utilizzato per mantenere l'attività motoria è la creatina fosfato (CRF), o fosfocreatina. Il corpo sintetizza la fosfocreatina e ne accumula piccole quantità nei muscoli. I supplementi di creatina aumentano significativamente i livelli intramuscolari di creatina e fosfocreatina.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.