Cardiologo

Ultima revisione di: , esperto medico, su 01.06.2018

Cardiologo - un medico il cui lavoro è legato alla diagnosi, il trattamento e la nomina delle necessarie misure di prevenzione in relazione ad una varietà di malattie del muscolo cardiaco e dei vasi sanguigni: aritmia, angina, arteriosclerosi, infarto del miocardio, e molti altri.

In medicina, ci sono molte industrie volte a identificare e trattare i singoli organi del corpo umano. La cardiologia è una scienza medica che si basa sullo studio della struttura e del funzionamento del sistema cardiovascolare.

Tutti gli organi del nostro corpo sono strettamente interconnessi, pertanto, la cardiologia è anche associata ad altre aree della medicina, ad esempio l'endocrinologia. Per la diagnosi più accurata di una malattia di cuore cardiologo paziente assegna vari studi, tra cui - angiografia, l'ecocardiografia ad ultrasuoni, elettrocardiografia, ecc Vantaggiosamente cardiologo assegna il trattamento medico dei pazienti di malattie del sistema cardiovascolare .. Tuttavia, se sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire la diagnosi e l'intervento chirurgico, il paziente viene indirizzato a un ricovero chirurgico per un altro specialista di cardiochirurgo.

Se i sintomi indicano un malfunzionamento nel cuore, è necessario contattare il cardiologo il più presto possibile.

Quando dovrei andare da un cardiologo?

Un cardiologo è un medico specializzato in varie malattie e problemi associati alla disfunzione cardiaca. Visite regolari a questo medico dovrebbero essere la norma per ogni persona che si preoccupa per la loro salute. Considerando quanto sia importante il normale lavoro del cuore per la vita di una persona, ignorare la consultazione tempestiva di un cardiologo è una supervisione imperdonabile.

Quando dovrei andare da un cardiologo? È difficile ottenere una risposta a questa domanda nel suo complesso. Tuttavia, ci sono alcuni sintomi e segni che indicano tale necessità. Tra questi:

  • dolore di qualsiasi tipo e intensità, sia nel cuore che dietro lo sterno, il più delle volte insorto durante lo sforzo fisico e scomparendo dopo la sua cessazione; 
  • aumento della pressione arteriosa di oltre 140/90 mm Hg. Articolo.; 
  • frequente mancanza di respiro, specialmente durante l'esercizio o in posizione orizzontale; 
  • sensazione di vari tipi di irregolarità nel lavoro del cuore; 
  • tachicardia (palpitazioni cardiache superiori a 100 battiti al minuto); 
  • bradicardia (frequenza cardiaca troppo bassa - meno di 50 battiti al minuto); 
  • gonfiore, il più spesso su gambe; 
  • debolezza generale del corpo, sudorazione eccessiva, vertigini e aumento della fatica; 
  • sincope, così come condizioni pre-svenimento che si verificano senza particolari ragioni; 
  • Malattia ipertonica, manifestata come crisi ipertensive; 
  • reumatismi; 
  • pianificazione della gravidanza.

Guardando da un cardiologo dovrebbe ricevere i pazienti con ipertensione, aritmia, malattie cardiache, angina, arteriosclerosi, i pazienti con una storia di infarto miocardico, così come le donne in gravidanza che hanno problemi con il cuore.

Il motivo per visitare un cardiologo è anche un fattore ereditario. Se la famiglia ha o ha parenti stretti affetti da malattie cardiache e vascolari, questa è un'occasione per diagnosticare l'organismo e individuare tempestivamente la patologia ereditaria in quest'area.

Va notato che nel nostro tempo i problemi cardiologici riguardano non solo gli anziani, ma anche i giovani. Ciò è dovuto principalmente al ritmo della vita moderna, all'alto livello di stress quotidiano, alla scarsa ecologia e allo stile di vita sedentario. Venendo fuori da questo, i medici raccomandano di visitare un cardiologo, a partire dall'età di 35 anni.

Quali test dovrei prendere quando vado da un cardiologo?

Il cardiologo durante la visita è obbligato ad esaminare il paziente e ascoltare attentamente i suoi reclami, ma una diagnosi più approfondita delle malattie cardiovascolari dovrebbe essere effettuata mettendo tutti i test necessari che identificheranno il problema principale della malattia

Quali test dovrei prendere quando vado da un cardiologo? Il medico stesso determina la loro direzione e tipo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, tra i test principali che consentono di effettuare la diagnosi corretta, è possibile identificare quanto segue: 

  • esami clinici generali del sangue e delle urine; 
  • analisi del sangue biochimica; 
  • livello di glucosio nel sangue; 
  • bilirubina comune e diretta; 
  • analisi per il colesterolo totale (comprese le HDL); 
  • alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi; 
  • urea; 
  • neopterina e creatinina; 
  • fotosfera alcalina; 
  • gamma hlyutamyltransferaza; 
  • analisi sui trigliceridi.

In alcuni casi, è necessaria una radiografia del torace del paziente.

In aggiunta a queste analisi, il cardiologo può nominare diverse analisi e prove aggiuntive: ECG, compreso il carico (test tapis roulant o ergometro), tomografia computerizzata, ecocardiografia (ecocardiografico o ultrasuoni del cuore), risonanza magnetica nucleare (NMR o MRI), scintigrafia, coronarografia cuore, ecc. Tutto dipende dalle caratteristiche individuali del decorso e dai sintomi della malattia.

Quali metodi di diagnosi utilizza il cardiologo?

Il cardiologo utilizza vari tipi di diagnosi di malattie cardiovascolari, che consentono di diagnosticare il più presto possibile e di stabilire la causa dello sviluppo di una particolare patologia. Pertanto, l'obiettivo è raggiunto: determinare lo stadio della malattia e iniziare una terapia intensiva finalizzata all'eliminazione dei sintomi e dei principali problemi associati alle violazioni nel lavoro del muscolo cardiaco. La diagnosi puntuale consente in molti casi di salvare la vita di una persona, soprattutto quando ha bisogno di un'operazione cardiaca urgente.

Quali metodi di diagnosi utilizza il cardiologo? Prima di tutto, è possibile notare quelli che sono volti a rilevare malfunzionamenti nel lavoro del muscolo cardiaco: 

  • elettrocardiogramma; 
  • ecocardiogramma; 
  • angiografia; 
  • monitoraggio della pressione sanguigna; 
  • kardiorisk; 
  • marcatori genetici volti a determinare la malattia (con il loro aiuto possono identificare CHD, aterosclerosi, ipertensione, nonché infarto del miocardio); 
  • marcatori di cardiopatie autoimmuni; 
  • cardiogramma giornaliero del miocardio (il cosiddetto "monitoraggio Holter"); 
  • Diagnosi di vari tipi di miocardiopatia.

Sulla base dei risultati dei suddetti metodi diagnostici, il cardiologo determina quale sarà il successivo trattamento di una malattia cardiovascolare stabilita.

Cosa fa il cardiologo?

Il cardiologo è specializzato in problemi legati al lavoro del sistema cardiovascolare. Al giorno d'oggi, le malattie cardiache occupano una posizione di primo piano tra le altre malattie, che spesso portano a esiti fatali.

Cosa fa il cardiologo? Prima di tutto, la diagnosi di problemi cardiaci e vascolari, così come il trattamento della malattia cardiovascolare identificato come risultato dell'esame e la nomina di misure preventive per la riabilitazione del paziente. Per prescrivere il trattamento, è necessario, prima di tutto, identificare le cause della malattia e stabilire una diagnosi accurata.

Ad oggi, è possibile tracciare le statistiche di questo campo di medicina, e semplicemente stupisce. Per un anno, circa 17 milioni di persone muoiono di malattie cardiache in tutto il mondo! Tra le malattie progressive - cardiopatia ischemica, infarto del miocardio e ictus. Sfortunatamente, il numero di persone che soffrono di malattie cardiache aumenta di anno in anno e l'età dei pazienti diminuisce. Ecco perché la consultazione tempestiva con un cardiologo è così importante per prevenire lo sviluppo di una malattia pericolosa.

Va notato che è l'atteggiamento irresponsabile nei confronti della propria salute che diventa la causa principale dei problemi cardiaci. Il cardiologo è chiamato ad aiutare in tempo per rilevare la malattia e trovare i modi per trattarlo.

Quali malattie tratta il cardiologo?

Cardiologo come specialista nel campo della cardiologia non solo diagnostica le malattie del sistema cardiovascolare, ma è anche attivamente coinvolto nella riabilitazione di pazienti che hanno avuto diversi gradi di malattia cardiaca acuta. Se si hanno sintomi che causano gravi motivi per l'esperienza, è necessario visitare l'ufficio del cardiologo.

Quali malattie tratta il cardiologo? Tra i disturbi cardiaci più comuni che sono di competenza di questo specialista, possiamo notare quanto segue:

  • IHD (cardiopatia ischemica); 
  • difetti cardiaci (sia congeniti che acquisiti); 
  • insufficienza cardiaca di diverse eziologie; 
  • aritmie (tra queste - blocco incompleto del cuore, così come tachicardia, bradicardia, ecc.); 
  • angina causata da insufficienza acuta e manifestata sotto forma di attacchi di dolore; 
  • aneurismi aortici; 
  • trombosi, tromboflebite, che portano all'ostruzione dei vasi sanguigni; 
  • cardite (lesioni infiammatorie che si verificano in diverse parti del muscolo cardiaco); 
  • attacchi di cuore e stati pre-infarto.

Oltre alle malattie cardiache di cui sopra, ci sono una serie di altri problemi legati alle interruzioni nel lavoro del miocardio. Possono essere associati alla presenza di alcune malattie correlate ad un'altra area della medicina. In ogni caso, se si riscontrano le più piccole deviazioni nel lavoro del sistema cardiovascolare, è necessario consultare un cardiologo. Questa è la soluzione ottimale per eliminare i processi negativi e la loro completa stabilizzazione.

Consigli di un cardiologo

Il cardiologo è chiamato a determinare la malattia cardiovascolare, a prescrivere il suo trattamento e anche a garantire che il paziente si sottoponga a un ciclo di riabilitazione dopo aver sofferto di una cardiopatia. Questo è un passo molto importante, perché la fase finale del trattamento di qualsiasi malattia è un ciclo di azioni volte ad eliminare i fattori che possono causare un secondo attacco. Prima di tutto, il paziente dovrebbe pensare a uno stile di vita sano, abbandonare le cattive abitudini, fare esercizi fisici e prendersi cura della qualità della nutrizione.

Il consiglio di un cardiologo, volto a prevenire lo sviluppo di malattie cardiovascolari, può essere il seguente:

  • Per evitare lo sviluppo di ipertensione (pressione del sangue elevata), è necessario monitorare il peso e non consentire un aumento del peso corporeo. Il rischio di crisi ipertensive è sei volte più alto nelle persone complete rispetto alle persone con peso normale. Ridurre il peso corporeo porta ad abbassare la pressione sanguigna. 
  • È necessario limitare il consumo di zucchero, cibi dolci e sale (cloruro di sodio). L'eccesso di zucchero nel corpo porta ad un blocco dei vasi sanguigni a causa dell'accumulo di carboidrati sulle loro pareti, e il sale attrae l'acqua e si deposita nei vasi, causando loro gonfiore e spasmo. Per limitare gli effetti pericolosi del cloruro di sodio sul corpo umano, è necessario aumentare l'assunzione di alimenti contenenti potassio. Prima di tutto, sono frutta e verdura fresca. 
  • Un grande valore per il corretto funzionamento del cuore è il rifiuto delle cattive abitudini: prima di tutto fumo e consumo eccessivo di alcol. Questi fattori nocivi provocano lo sviluppo di ipertensione. 
  • È necessario imparare i metodi dell'autocontrollo psicoemotivo e anche limitare i conflitti e lo stress il più possibile. Buono per questo scopo, aiuta i metodi di auto-allenamento per calmare, rilassare e aumentare le riserve di energia del corpo umano. 
  • Al di fuori della esacerbazione della malattia si consiglia di utilizzare l'esercizio ciclico: camminare (preferibilmente fino a 4-6 km al giorno), nuotare, correre, andare in bicicletta. Naturalmente, prima di iniziare tali esercizi, il paziente dovrebbe consultare un medico. Il carico deve essere ridotto se ci sono mancanza di respiro, vertigini, vertigini, battito cardiaco irregolare. La condizione normale è leggerezza nel corpo e piacevole affaticamento. 
  • Il trattamento prescritto da un cardiologo dovrebbe essere regolare ea volte durare tutta la vita. La dose minima del farmaco deve essere assunta anche con la normalizzazione della pressione arteriosa. Solo con una stabilizzazione prolungata dello stato può iniziare il ritiro dei farmaci. 
  • È necessario essere in grado di distinguere tra i sintomi della crisi ipertensiva. Questa condizione è accompagnata da un forte mal di testa, dolore nella parte sinistra del torace, nausea e vomito, indebolimento della vista, comparsa di "mosche" davanti agli occhi. Quando si osservano tali segni, si dovrebbe prendere una posizione orizzontale, misurare la pressione sanguigna, prendere una compressa di captopril (0,25 mg) ad un tasso elevato e chiamare un medico.

La salute umana dipende interamente dal suo atteggiamento nei confronti della sua vita. In questo numero, la cosa principale è mostrare responsabilità e rispettare rigorosamente tutte le prescrizioni di un cardiologo. Allora il cuore funzionerà stabilmente e senza fallimenti!

È importante sapere!

La dieta con cardiopatia dovrebbe mantenere l'equilibrio di vitamine e oligoelementi di cui il sistema cardiovascolare ha bisogno: le vitamine A, C, E, e anche il gruppo B, il potassio e il magnesio. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.