^

Salute

You are here

Immunità

Ricerca immunologica in urologia

L'assegnazione di un immunogramma a un paziente urologico significa che il medico curante assume la presenza di disturbi nel sistema immunitario. Duplicare, virali, infezioni fungine batteriche, reazioni allergiche, malattie sistemiche possono essere sintomi di questi disturbi, che sono caratterizzati da un certo numero di sindromi (infezione, cancro, allergie, autoimmune, linfoproliferativa).

Complemento di sistema

Il sistema di complemento comprende 9 componenti attivati consecutivamente e 3 inibitori. Questo sistema svolge un ruolo importante, in particolare con l'infiammazione e lo sviluppo di resistenza agli agenti infettivi.

Test spontaneo con NST

Il test spontaneo con NST (nitrosinium tetrazolium) consente di valutare lo stato del meccanismo battericida ossigeno-dipendente dei fagociti (granulociti) del sangue in vitro. Caratterizza lo stato e il grado di attivazione del sistema antibatterico NADP-H-ossidasi intracellulare.

Indagine sulla fagocitosi

La fagocitosi è l'assorbimento da parte della cellula di grandi particelle visibili al microscopio (ad esempio, microrganismi, virus di grandi dimensioni, corpi cellulari danneggiati, ecc.). Il processo di fagocitosi può essere suddiviso in due fasi. Nella prima fase, le particelle si legano alla superficie della membrana. Nella seconda fase, si verifica l'effettivo assorbimento della particella e la sua ulteriore distruzione.

Reazione stimolata della trasformazione dell'esplosione dei linfociti con i mitogeni

L'attività funzionale dei linfociti T e B è giudicata dalla reazione di trasformazione dei linfociti in blast con l'uso di mitogeni - PHA, ConA, lattice, lipopolisaccaridi, ecc.

Reazione spontanea della trasformazione dell'esplosione dei linfociti

La trasformazione spontanea da esplosione dei linfociti è la capacità dei linfociti di trasformarsi senza stimolazione. Lo studio viene eseguito per valutare l'attività funzionale dei linfociti T.

La reazione di inibizione della migrazione dei leucociti nel sangue

La reazione di inibizione della migrazione dei leucociti consente di valutare la capacità dei linfociti T di produrre linfochine in risposta alla stimolazione antigenica. Questo test che valuta l'attività funzionale dei linfociti T può essere utilizzato per diagnosticare l'insufficienza immunologica (reazione con i mitogeni), l'ipersensibilità (allergie) di tipo ritardato (reazione con un antigene specifico o un allergene).

Linfociti NK (CD56) nel sangue

I linfociti CD56 sono effettori cellulari dell'immunità cellulare, responsabili dell'immunità antivirale, antitumorale e di trapianto (vedi sopra CD16-linfociti). Ridurre il numero di linfociti CD56 porta allo sviluppo del cancro e alla ponderazione del decorso delle infezioni virali.

T-linfociti con recettori dell'interleuchina-2 (CD25) nel sangue

CD25 - T-linfociti attivati, formazione di anticorpi stimolanti e citotossicità. Questo indicatore riflette la capacità dei linfociti di proliferare e differenziare e caratterizza lo stato funzionale dei linfociti T attivati.

Linfociti NK (CD16) nel sangue

I linfociti CD16 sono cellule effettrici responsabili dell'immunità antitumorale, antivirale e dei trapianti. Le cellule NK sono una popolazione separata di linfociti, differiscono da linfociti T e B sia in origine che in proprietà funzionali e recettori di superficie (nell'uomo ci sono 2 sottopopolazioni - CD16 e CD56).

Pages

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.