^

Salute

Controlla la percezione del colore e la percezione del colore: come passare

, Editor medico
Ultima recensione: 26.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'uomo è uno dei pochi esseri viventi che hanno avuto la fortuna di vedere il mondo in tutta la diversità dei suoi colori. Ma, ahimè, non tutti vedono gli oggetti circostanti allo stesso modo. C'è una piccola percentuale di persone, per lo più uomini, la cui percezione dei colori è leggermente diversa dalla maggioranza. Tali persone sono chiamate daltonici e, se nella loro vita non interferiscono con la peculiarità della loro visione (molti potrebbero non sospettare per un lungo periodo di rifiuto), possono sorgere alcuni problemi quando si sceglie una processione e si passa una commissione medica. Il fatto è che le sfere di attività, legate al rischio per la vita degli altri, richiedono il corretto riconoscimento dei colori. Stiamo parlando di professioni come un medico, un autista, un macchinista, un pilota, un marinaio, dove uno degli elementi della selezione professionale è il controllo della percezione del colore. Problemi nell'implementazione dell'attività lavorativa possono insorgere a colori daltonici e nell'industria tessile, progettazione di paesaggi e interni, lavoro con reagenti chimici, ecc.

Incomprensione di colore

Il fatto che non tutte le persone possano vedere lo stesso oggetto nello stesso colore, gli scienziati hanno iniziato a parlare alla fine del XVIII secolo, quando John Dalton nei suoi scritti descriveva la storia della sua famiglia, in cui lui ei suoi due fratelli avevano una violazione della percezione del rosso. Lui stesso ha imparato questa particolare visione già in età adulta. Vale la pena dire che D. Dalton ha ancora discernuto i colori, ma non ha visto oggetti in bianco e nero. Solo la sua percezione dei colori era in qualche modo diversa da quella tradizionale.

Da quel momento, la patologia della visione, in cui una persona vede i colori in modo diverso, è diventata chiamata "daltonismo". Molti di noi sono abituati a considerare persone daltoniche che percepiscono solo toni in bianco e nero. Questo non è del tutto corretto, perché il daltonismo è un concetto generalizzato, all'interno del quale ci sono diversi gruppi di persone distinte dalla percezione del colore.

L'uomo discerne i colori grazie alla particolare struttura del suo organo visivo, nella parte centrale della retina di cui sono presenti recettori sensibili alla luce di una certa lunghezza d'onda. Questi recettori sono chiamati coni. L'occhio di una persona sana contiene 3 gruppi di coni con un pigmento specifico di proteina, sensibile al colore rosso (fino a 570 nm), verde (fino a 544 nm) o blu (fino a 443 nm).

Se una persona ha nei suoi occhi tutti e 3 i tipi di coni in quantità sufficiente, allora vede il mondo come naturale, senza distorcere i colori disponibili. Le persone con visione normale secondo la terminologia scientifica sono chiamate tricromati. La loro visione distingue tre colori base e colori aggiuntivi, formati mescolando le tonalità di base.

Se una persona non ha coni di uno dei colori (verde, blu, rosso), l'immagine è distorta e ciò che vediamo, ad esempio, in blu, può vedere rosso o giallo. Queste persone sono chiamate bicromatati.

Nell'ambiente dei dichromati c'è già una divisione in gruppi, a seconda dei coni di che colore sono assenti negli occhi dei pazienti. Le persone con una mancanza di recettori sensibili al colore verde sono chiamate deuteranopi. Quelli che non hanno un pigmento blu sono chiamati tritani. Se negli organi della visione non ci sono coni con un pigmento rosso, si tratta di protanopia.

Finora, si trattava della mancanza di coni di un certo pigmento. Ma una certa parte della gente ha tutti e tre i tipi di coni, tuttavia, la loro percezione del colore è in qualche modo diversa da quella tradizionale. La causa di questa condizione è il deficit dei coni di uno dei pigmenti (sono presenti, ma in quantità insufficiente). In questo caso, non stiamo parlando del daltonismo nel vero senso della parola, ma della tricromia anormale, in cui la percezione dei colori è indebolita. Con un deficit di coni in rosso, parlano di protanomalia, con una mancanza di blu o di verde - rispettivamente, sulla tritanomalia e sul deuteranomalia.

In assenza di coni sensibili al colore, una persona non può distinguere i colori e vede solo diverse tonalità di bianco e nero (acromatopsia). La stessa immagine si forma anche in quelle persone il cui organo di visione contiene coni di un solo colore (cono monochromasia). In questo caso, una persona può vedere solo le sfumature dei colori verde, rosso o blu, a seconda del tipo di coni disponibili. Entrambi i gruppi di persone sono uniti dal nome comune monocromatici.

Questa patologia è rara, tuttavia, ha l'impatto più negativo sulla vita di una persona, limitando gravemente la sua scelta professionale. I monocromati hanno problemi non solo nella scelta di una professione, ma anche nell'ottenere i diritti di guidare una macchina, perché hanno naturalmente difficoltà nel riconoscere i colori del segnale di un semaforo.

Molto spesso ci sono persone con una violazione della percezione del colore di rosso e verde. Secondo le statistiche, questa patologia è diagnosticata in 8 uomini su 100. Tra le donne, daltonismo è considerato un evento raro (1 su 200).

Incolpare le persone con una percezione alterata nella loro patologia è impossibile, perché nella maggior parte dei casi è congenito (mutazione genetica del cromosoma X o cambiamenti nel cromosoma 7). È vero, c'è una certa percentuale di persone la cui patologia è considerata acquisita e colpisce principalmente un occhio. La violazione della percezione del colore in questo caso può essere temporanea o permanente ed è associata a cambiamenti legati all'età (torbidezza della lente negli anziani), farmaci (effetti collaterali) e alcuni traumi agli occhi.

Qualunque cosa fosse, se nella vita di tutti i giorni le persone con anomalie della percezione del colore sono più o meno lisce, allora professionalmente, tutto non è così roseo. Non è per niente che una commissione medica quando si applica per un lavoro in alcune specialità comporta il controllo della percezione del colore. Una procedura identica viene eseguita anche al rilascio delle patenti di guida.

Se, in caso di tricromatologia anomala, esiste la possibilità di ottenere diritti, è vero che esiste una certa condizione: la necessità di indossare colori correttivi per lenti o occhiali. Se una persona non fa distinzione tra i colori rosso e verde, iniziano i problemi. Ma pur avendo ottenuto i diritti di guidare un'auto di categoria A o B, il daltonico non può impegnarsi professionalmente nel trasporto di passeggeri.

Sì, le leggi al riguardo variano da paese a paese. In Europa, ad esempio, non ci sono limitazioni di questo tipo nell'emissione di diritti, perché anche il monocromatico dopo un certo allenamento è in grado di ricordare la posizione dei colori del semaforo e aderire alle regole. Abbiamo problemi con questo nel nostro paese. E anche se le leggi in questo senso sono costantemente riviste, i piloti non hanno ancora controllato la percezione dei colori dei piloti. E non c'è niente di sbagliato nel prendersi cura della sicurezza come una persona con una violazione della percezione del colore, e le persone intorno a lui (guidatori e pedoni).

Controllo della percezione del colore

Durante il passaggio della commissione medica quando si fa domanda per un posto di lavoro (idealmente, anche nella fase di ammissione all'istituzione educativa del profilo corrispondente), la conclusione dell'oculista sulla possibilità di svolgere questa o quella attività è obbligatoria. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente verificare l'acuità visiva. Tuttavia, ci sono attività che richiedono uno studio più attento delle caratteristiche della visione, una delle quali è la percezione del colore.

Anche per ottenere i diritti con tutti i possibili cambiamenti nella composizione dei medici per altre professioni, la conclusione di un oculista gioca ancora un ruolo importante.

Il controllo della percezione del colore viene effettuato dall'oculista in una stanza appositamente attrezzata con una buona illuminazione, che non distorce i colori percepiti dall'occhio. L'illuminazione è una delle condizioni più importanti, perché influisce sulla precisione del risultato dello studio. Secondo l'annotazione ai tavoli di Rabkin, l'illuminazione della stanza dovrebbe essere di almeno 200 lux (idealmente 300-500 lux). È meglio se è una luce naturale dalla finestra, ma puoi anche usare luci fluorescenti. Una luce artificiale inadeguata o una luce artificiale convenzionale possono distorcere i risultati dello studio, cambiando la percezione della gamma cromatica dell'occhio umano.

La fonte luminosa non dovrebbe essere nel campo visivo del ricercatore, abbagliandola o formando abbagliamento, se viene utilizzato un monitor per visualizzare le tabelle. È meglio posizionare la fonte di luce dietro la persona ricercata.

In oftalmologia, ci sono 3 metodi principali per testare la sensibilità del colore:

  • Il metodo spettrale (utilizzando un dispositivo speciale - un anomaloscopio, dotato di filtri colorati).
  • Il metodo elettrofisiologico, che include:
    • perimetria cromatica (definizione dei campi visivi per il bianco e altri colori),

Elettroretinografia: diagnostica computerizzata del disturbo del lavoro dei coni sui cambiamenti del biopotenziale della retina e dell'esposizione ad esso da parte dei raggi luminosi.

Questo metodo viene utilizzato per sospette patologie oftalmiche, che possono essere associate sia a traumi agli occhi che a patologie di altri sistemi corporei.

  • Metodo policromatico Questo metodo è abbastanza semplice e non richiede l'acquisto di dispositivi costosi speciali. Con tutto ciò, dà risultati accurati. Un metodo è basato sull'uso di tabelle policromatiche. Le tabelle più comunemente utilizzate sono Rubkin e Justov, meno spesso i test Ishekhar e Shtilling, che sono analoghi alle tabelle di Rubkin.

Semplicità, economicità e accuratezza del metodo policromatico lo rendono abbastanza attraente. Questo metodo è spesso usato dagli oftalmologi per verificare la percezione del colore dei conducenti e delle persone di alcune altre professioni, per le quali tale ricerca dovrebbe essere regolare.

trusted-source[1], [2], [3]

Tabelle per testare le sensazioni di colore

Quindi, abbiamo appreso che il metodo più comune per testare la sensibilità del colore è il metodo delle tabelle policromatiche. I più popolari, conosciuti dagli anni '30 del XX secolo, sono le  tavole  dell'oftalmologo sovietico Efim Borisovich Rabkin.

La loro prima edizione è nata nel 1936. L'ultima edizione del 9 ° supplemento, che gli oftalmologi utilizzano fino ad oggi, è stata pubblicata nel 1971. I libri per testare la percezione del colore dei conducenti e dei rappresentanti di altre professioni, attualmente utilizzati, contengono un insieme di tabelle di base (27 pezzi) e di controllo (22 pezzi) a grandezza intera (ogni figura in una pagina separata), oltre a una descrizione per loro che aiuta correttamente applicare il materiale proposto e fare una diagnosi accurata.

La serie principale di tabelle viene utilizzata per diagnosticare vari tipi ereditari di disturbi della percezione del colore e differenziarli dalle patologie acquisite, in cui la percezione dei colori blu e giallo viene interrotta. Il set di controllo delle carte viene utilizzato se il medico ha dei dubbi sull'affidabilità dei risultati. È progettato per escludere diagnosi errate in caso di esagerazione dei sintomi di patologia, simulazione della malattia o, al contrario, occultamento delle violazioni della percezione del colore memorizzando le tabelle principali e decifrandole.

La persona durante il test è di solito seduta su una sedia con le spalle alla fonte di luce. Per posizionare tabelle di prova piene di punti di diversi colori, tinte e dimensioni, contro cui spiccano determinate figure, numeri e semplici figure geometriche, è necessario al livello degli occhi del soggetto, mentre la distanza dal materiale utilizzato deve essere di almeno 50 cm e non più di un metro.

La dimostrazione di ciascuna tabella dovrebbe idealmente richiedere circa 5 secondi. Ridurre l'intervallo non è necessario. In alcuni casi, il tempo di esposizione potrebbe essere leggermente aumentato (ad esempio, quando si visualizzano le tabelle 18 e 21).

Se la ricerca dopo lo studio del tavolo non dà una risposta chiara, per chiarire il risultato, si può ricorrere a disegnare un'immagine nella foto con un pennello. Questo vale per le tabelle 5, 6, 8-10, 15, 19, 21, 22, 27.

Il criterio per diagnosticare la tricromia è la corretta lettura di tutte e 27 le tabelle. Le persone con una violazione della visione rossa chiamano correttamente figure e figure su 7-8 tavole: № 1, 2, 7, 23-26. Se si viola la visione verde, le risposte corrette sono 9 tabelle: № 1, 2, 8, 9, 12, 23-26.

La violazione della visione blu si osserva principalmente nella forma secondaria (acquisita) di patologia. Le tabelle 23-26, che nella situazione data avranno risposte errate, consentono di rivelare tale anomalia.

Per la categoria di persone con trichromia anomala, le tabelle 3, 4, 11, 13, 16-22, 27 sono di particolare importanza.Per questa patologia, gli esaminati leggono correttamente una o più tabelle dalla lista sopra. E per differenziare la protomanomalia dal deuteronomio, le tabelle n. 7, 9, 11-18, 21 consentono.

Nel gruppo di controllo delle carte, i tricomi chiamano numeri, figure e colori senza errori. I dicromati possono nominare correttamente solo 10 delle 22 tabelle: No. 1k, Hk, Un, XIVK, HUK, XVIK, XVIIIK, XIXK, XXK, XXIIK.

Il libro contiene anche istruzioni per decifrare le risposte e un esempio di compilazione della carta di studio.

In casi dubbi, a volte usano l'aiuto di tabelle di soglia. Il loro principio si basa sulla distinzione tra il punto studiato e la saturazione minima della pigmentazione, in cui è ancora possibile distinguere il colore.

Per lo studio, ci sono 5 tabelle con campi di pigmenti di dimensioni di 1 cm. I colori usati sono rosso, verde, giallo, blu, grigio. 4 tabelle cromatiche contengono una scala di 30 campi: dal bianco al più saturo di una certa tonalità di colore, 5 la tabella contiene una acromatica (scala in bianco e nero). Le maschere speciali con un foro rotondo sono attaccate ai tavoli, eliminando la distorsione dei colori a causa dell'influenza dei campi vicini.

Gli studi delle soglie di visione vengono effettuati sia con illuminazione naturale che artificiale. Ogni immagine esaminata esamina 3 volte, il risultato finale è una media.

Identico costruito e soglie tavolo Yustovoy. Il set include 12 carte: n. 1-4 per la rilevazione di un disturbo degli occhi rossi, n. 5-8 per determinare la deuteranopia (senza coni con pigmenti verdi), n. 9-11 per identificare quelli che non distinguono tra i colori blu, n. 12-nero -una carta bianca per leggere il testo.

Ogni carta è distribuita come tabella e ha un numero uguale di celle (6 pezzi) verticalmente e orizzontalmente. 10 celle si differenziano dalle altre per colore e formano una sorta di quadrato senza un lato. Il compito del ricercatore è determinare da quale parte del quadrato ci sia una discontinuità.

Più grande è il numero della carta, maggiore è la differenza tra il colore del testo (quadrato rotto o lettera "P") e le celle dello stesso tono che costituiscono lo sfondo. Le tabelle per deuteranopi e protanopi con numero crescente hanno, rispettivamente, 5, 10, 20 e 30 soglie di differenziazione. Le carte da 9 a 11 per la diagnosi di tritanopia hanno 5, 10 e 15 soglie di differenziazione.

Inoltre studio soglia ritiene impossibile falsificare i risultati memorizzati decodifica le immagini sulle carte, che la vendetta è praticata in un ambiente che vogliono ottenere una patente di guida, quando il controllo viene effettuato utilizzando le tabelle di percezione dei colori Rabkin. La gente semplicemente non pensa alle conseguenze di tale falsificazione in futuro.

Ma i tavoli di Justova hanno anche uno svantaggio significativo. La qualità di stampa influisce in modo significativo sulla pertinenza dei risultati. La riproduzione errata dei colori durante la stampa ha portato al fatto che alcune edizioni di tabelle di Justova hanno dato risultati falsi. L'uso della stampa a getto d'inchiostro ridurrebbe in modo significativo il numero di deviazioni, ma il prezzo della pubblicazione finale sarebbe notevolmente aumentato, il che sarebbe poco redditizio dal punto di vista della produzione di massa.

Per il momento, le opzioni a basso costo sono prevalenti, eseguite con l'aiuto della litografia, il cui controllo di qualità è in grande dubbio. L'invenzione così utile era in realtà rovinata sulla vite.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.