Compresse da cancro al seno

Un tumore al seno con segni di malignità, indica un cancro. Questo problema è rilevante per le donne di tutte le età, dal momento che circa il 20% dei tumori cancerosi si trova nelle ghiandole mammarie. Ogni anno questa patologia diventa più giovane e si diffonde. In precedenza, la malattia è stata rilevata nelle donne di età superiore a 40 anni, ora ci sono casi di pazienti di età inferiore ai 30 anni. Da questo deriva la domanda di pillole per il cancro al seno.

La tattica del trattamento e la scelta dei farmaci dipendono dallo stadio della malattia e dalla salute generale del paziente. Gli oncologi distinguono questi tipi di tumori:

  • ERTS-positivo, cioè, ci sono i recettori degli estrogeni nel neoplasma. Il tumore aumenta rapidamente, in quanto riceve regolarmente rifornimento dall'ormone. L'estrogeno promuove la rapida crescita e riproduzione delle cellule tumorali.
  • ERZ-negativo. Nella seconda forma di cancro, vengono utilizzati farmaci anti-estrogeni che bloccano i recettori del tumore. Grazie a questo, il cancro rallenta la sua crescita. In farmacologia, tali farmaci sono chiamati modulatori selettivi dei recettori degli estrogeni.

Ad oggi, ci sono diversi metodi per il trattamento del cancro al seno: radioterapia, chirurgia, terapia ormonale, chemioterapia e terapia farmacologica. Nella maggior parte dei casi, questi metodi si combinano tra loro per ottenere un risultato migliore.

Considerare due metodi di trattamento, il cui uso comporta l'uso di compresse contro il cancro:

  1. chemioterapia

I preparati di questo gruppo danneggiano le cellule maligne, interrompendone il DNA. Grazie a questo, le cellule non si dividono e muoiono. Questo metodo ha due tipi:

  • Chemioterapia adiuvante - viene utilizzata in assenza di un processo pronunciato di cancro, cioè per la distruzione delle metastasi.
  • Chemioterapia non adiuvante - viene applicata prima della terapia principale, ad esempio, prima dell'operazione. Ha lo scopo di ridurre le dimensioni del tumore. L'effetto dei farmaci rende possibile eseguire un'operazione di conservazione degli organi e determinare il livello di sensibilità delle cellule tumorali alla chemioterapia.

La procedura viene eseguita ciclicamente, dando ai pazienti preparazioni compresse e iniettabili. Il principale svantaggio di questo trattamento è una serie di effetti collaterali: nausea, vomito, diarrea, effetti patologici sul sistema nervoso centrale.

  1. terapia ormonale

Utilizzato per tumori ormono-dipendenti, per eliminare le metastasi e prevenire il cancro secondario dopo la terapia. Molto spesso, ai pazienti vengono prescritti tali farmaci: bloccanti dei recettori ormonali di cellule maligne (Toremifene, Tamoxifen) e bloccanti della sintesi di estrogeni (Femara, Arimidex, Letrozol). La terapia ormonale può causare complicanze, ad esempio il farmaco Tamoxifene provoca iperplasia endometriale, esacerbazione delle vene varicose e altre reazioni avverse.

La chemioterapia e la terapia ormonale sono due diversi nel loro metodo di efficacia. Il medico sceglie quello che è più efficace allo stadio attuale del cancro, la prevalenza di metastasi e altre caratteristiche del corpo femminile. Quindi, l'ormonoterapia è efficace nel metastatizzare i tessuti molli e le ossa e nella chemioterapia con metastasi nel fegato, nei polmoni e nell'aggressività del processo patologico.

È semplicemente impossibile scegliere le pillole dal tumore al seno in modo indipendente. Solo dopo una diagnosi complessa, la determinazione dello stadio della malattia, la posizione del tumore e le sue dimensioni, è possibile prescrivere farmaci. In questo caso, le compresse non saranno l'unico metodo di trattamento, ma agiranno come terapia aggiuntiva.

Tamoxifene

Un farmaco antiestrogenico con proprietà anti-tumorali. Il tamoxifene ha una forma compressa di rilascio con un principio attivo - tamoxifen citrato. I componenti ausiliari sono: calcio diidrogeno fosfato, lattosio, biossido di silicio colloide, magnesio stearato, povidone e altri.

Il farmaco ha proprietà estrogeniche. La sua efficacia si basa sul blocco estrogeni e metaboliti si legano ai recettori citoplasmatici di ormone nei tessuti delle ghiandole mammarie, vagina, utero, tumori con alto contenuto di estrogeni e l'ipofisi anteriore. Le compresse non stimolano la sintesi del DNA nel nucleo delle cellule maligne, ma inibiscono la loro divisione, causando regressione e morte.

Dopo l'assunzione orale rapidamente assorbita, la massima concentrazione nel plasma sanguigno viene osservata per 4-7 ore (con una singola dose). Il livello di legame alle proteine plasmatiche è del 99%. Metabolizzato nel fegato, escreto con feci e urina.

  • Indicazioni per l'uso: cancro al seno nelle donne (estrogeno-dipendente, soprattutto durante la menopausa) e ghiandole mammarie negli uomini. Adatto per il trattamento dell'ovaio, dell'endometrio, della prostata, del rene e del melanoma, del sarcoma dei tessuti molli, con estrogeni nelle neoplasie. Assegnato con resistenza ad altre medicine.
  • La modalità di applicazione e dosaggio è individuale per ciascun paziente e dipende dalle indicazioni mediche. La dose giornaliera di 20-40 mg, il regime di trattamento standard prevede l'uso di 20 mg al giorno, per un lungo periodo di tempo. Se durante la terapia ci sono segni di progressione della malattia, il farmaco viene cancellato.
  • Controindicazioni: intolleranza individuale dei componenti, gravidanza e allattamento al seno. Con particolare attenzione è prescritto per i pazienti con diabete mellito, malattie oftalmiche, insufficienza renale, trombosi. E anche con leucopenia e l'uso di anticoagulanti indiretti.
  • Le reazioni avverse sono associate ad effetti antiestrogenici e si manifestano come sensazioni parossistiche del dono, prurito nell'area genitale, aumento di peso e sanguinamento vaginale. In rari casi, ci sono gonfiore, nausea, vomito, affaticamento e depressione, mal di testa e confusione, reazioni allergiche cutanee. Il sovradosaggio ha una sintomatologia simile.

Quando si utilizza il farmaco, è necessario tener conto del fatto che le pillole aumentano il rischio di gravidanza, che è controindicato durante il trattamento. Pertanto, durante la terapia è molto importante utilizzare contraccettivi non ormonali o meccanici. Durante il trattamento del cancro, le donne dovrebbero sottoporsi a regolari esami ginecologici. Se ci sono spotting dalla vagina o sanguinamento, allora l'assunzione delle pillole viene interrotta.

Letromara

Un inibitore dell'aromatasi non steroideo (un enzima che sintetizza gli estrogeni nel periodo postmenopausale). Il letromara trasforma gli androgeni, che sono sintetizzati dalle ghiandole surrenali in estradiolo ed estrone. Il farmaco riduce la concentrazione di estrogeni del 75-95%. Dopo l'assunzione, le compresse sono rapidamente e completamente assorbite dal tratto digestivo. L'ingestione rallenta la velocità di assorbimento, ma non modifica il grado di assorbimento. La biodisponibilità è del 99%, mentre il 60% del farmaco si lega alle proteine del plasma sanguigno. Il trattamento a lungo termine non causa il cumulo. Il metabolismo si verifica con gli isoenzimi del citocromo P450 - CYP 3A4. Viene escreto sotto forma di metaboliti con urina e feci.

  • Indicazioni per l'uso: carcinoma mammario (comune) in postmenopausa o dopo uso prolungato di antiestrogeni. È prescritto per il cancro localizzato dipendente dall'ormone dopo trattamento chirurgico e per scopi preventivi.
  • Dosaggio e somministrazione: 2,5 mg al giorno al giorno. La terapia è lunga, fino alla ricorrenza della malattia. Il farmaco non richiede un aggiustamento della dose per pazienti anziani o pazienti con funzionalità renale ed epatica compromessa.
  • Effetto collaterale: vertigini e mal di testa, debolezza muscolare, attacchi di nausea e vomito, diarrea, gonfiore, spotting vaginale e sanguinamento. Inoltre possibili reazioni dermatologiche - prurito, eruzioni cutanee, alopecia e disturbi del sistema endocrino - aumento della sudorazione, diminuzione o aumento del peso corporeo.
  • Controindicazioni: intolleranza ai componenti del farmaco, periodo pre-menopausale, malattie ai reni e al fegato, gravidanza e allattamento, età dei pazienti sotto i 18 anni. Durante il trattamento, è necessario prestare attenzione quando si controllano meccanismi e veicoli, in quanto possono verificarsi vertigini e mal di testa.

Anastrozolo

Un agente antineoplastico che inibisce la sintesi di estrogeni. L'anastrozolo sopprime l'aromatasi e impedisce la trasformazione di androstenedione in estradiolo. Le dosi terapeutiche riducono l'estradiolo dell'80%, che è efficace nei tumori estrogeno-dipendenti nel periodo postmenopausale. Non possiede proprietà estrogeniche, progestiniche o adrogeniche. Ha una forma compressa di rilascio. Il principio attivo è anastrozolo, i componenti ausiliari sono: ipromellosa, magnesio stearato, biossido di titanio, povidone-K30 e altri.

  • Indicazioni per l'uso: carcinoma mammario ormone-dipendente nelle fasi iniziali e nel periodo postmenopausale, un tumore comune, tumori resistenti al tamoxifene. Il dosaggio viene calcolato individualmente per ciascun paziente. Con un programma standard, viene prescritto 1 mg al giorno, il corso del trattamento è prolungato.
  • Effetti collaterali: sindrome astenica, sonnolenza, affaticamento e aumento di ansia, insonnia, secchezza delle fauci, dolore addominale, nausea e vomito, vertigini e cefalea, parestesia, rinite, mialgia, alopecia, dolore alla schiena e altre reazioni avverse. Il sovradosaggio è accompagnato da sintomi simili. Per eliminare queste reazioni, sono indicati la terapia sintomatica, l'assorbimento degli assorbenti e la lavanda gastrica.
  • Controindicazioni: intolleranza anastrozolo e altri componenti della formulazione, tamoxifene, gravidanza e l'allattamento, epatici e insufficienza renale, trattamento medicamenti estrogensoderjath letture durante premenopausa. Quando si interagisce con altri farmaci, è necessario prestare attenzione al fatto che gli estrogeni e il tamoxifene riducono l'efficacia di Anastrozolo.

Zoladex

Agente farmacologico dal gruppo di inibitori della sintesi di ormoni che agiscono sulla sintesi delle gonadotropine. Zoladex è un farmaco ormonale sinteticamente sintetizzato. Il suo principio attivo è goserelin. Il farmaco inibisce la sintesi pituitaria degli ormoni luteinizzanti e follicolo-stimolanti. Ciò provoca una diminuzione del livello di testosterone ed estradiolo nel sangue. Prodotto in capsule da 3,6 e 10,8 mg, ciascuna capsula è in un applicatore per siringhe con un involucro di alluminio.

  • Indicazioni per l'uso: carcinoma mammario ormone-dipendente nelle donne in età riproduttiva e premenopausa. È prescritto per l'assottigliamento dell'endometrio prima dell'intervento chirurgico, con endometriosi, lesioni maligne della prostata, fibromi dell'utero. Le capsule sono intese per l'iniezione sottocutanea nella parete addominale anteriore. L'iniezione viene effettuata ogni 28 giorni, il corso standard della terapia è di 6 capsule.
  • Effetti collaterali: sanguinamento vaginale, reazioni allergiche cutanee, amenorrea, diminuzione della libido, vertigini e mal di testa, umore depresso, disturbi mentali, parestesie, vampate di calore, insufficienza cardiaca, picchi di pressione alta e di più. I segni di un sovradosaggio hanno una sintomatologia simile. La terapia sintomatica è indicata per la loro eliminazione.
  • Controindicazioni: ipersensibilità ai componenti del farmaco, goserelin e suoi analoghi strutturali. Non viene utilizzato in gravidanza e allattamento, per il trattamento dei pazienti dell'infanzia. Con particolare attenzione viene prescritta una tendenza all'ostruzione degli ureteri, la FIV sullo sfondo delle ovaie policistiche e le lesioni da compressione della colonna vertebrale.

Melfalan

Un agente antitumorale la cui azione si basa sul danno alla molecola di DNA di una cellula cancerosa e sulla formazione di forme difettose di RNA e DNA che arrestano la sintesi proteica. Melphalan è attivo contro le cellule tumorali passive. Stimola i processi proliferativi nei tessuti che circondano i neoplasmi. Prodotto in due forme: compresse per somministrazione orale e iniezione.

  • Indicazioni per l'uso: carcinoma mammario, mieloma multiplo, policitemia, neuroblastoma progressivo, sarcoma dei tessuti molli delle estremità, cancro del retto e dell'intestino crasso, malattie del sangue maligne.
  • Il farmaco viene assunto per via orale, per via intraperitoneale, mediante perfusione regionale ipertermica e intrapleurica. Il dosaggio è individuale per ogni paziente e dipende da indicazioni generali. La durata media del trattamento è di 1 anno.
  • Effetti collaterali: sanguinamento gastrointestinale, stomatite, nausea e vomito, diarrea, tosse e broncospasmo, sanguinamento vaginale, minzione dolorosa, gonfiore, reazioni allergiche della pelle, lo sviluppo di infezioni, aumento della temperatura corporea.
  • Controindicazioni: ipersensibilità ai componenti, oppressione della funzione del midollo osseo. Con particolare attenzione viene utilizzato per l'artrite, varicella, urolitiasi. E anche con radioterapia o terapia citotossica.
  • Sovradosaggio: attacchi di nausea e vomito, disturbi della coscienza, paralisi muscolare e crampi, stomatite, diarrea. Per eliminare queste reazioni, è indicata la terapia sintomatica. Se il sovradosaggio ha un carattere pronunciato, è necessario il ricovero e il monitoraggio delle funzioni vitali. L'emodialisi è inefficace.

Stryeptozotsin

Farmaco antitumorale con proprietà alchilanti del gruppo di nitrosoureas. La streptozocina esercita un effetto distruttivo sulle cellule tumorali, previene la loro divisione e causa la morte.

  • Indicazioni per l'uso: neoplasie carcinoidi del tumore, lesioni pancreatiche maligne (tumore progressivo metastatico o clinicamente espresso). Il dosaggio è individuale per ciascun paziente e dipende dalle indicazioni, dal regime di trattamento utilizzato e dalla gravità degli effetti collaterali.
  • Controindicazioni: varicella, herpes zoster, ipersensibilità alla streptozotina, gravidanza e allattamento, compromissione della funzione renale ed epatica. Con particolare attenzione, si rivolgono a pazienti con diabete, malattie infettive acute e precedenti trattamenti con farmaci citotossici o radioterapia.
  • Effetti collaterali: nausea, vomito e diarrea, glicosuria, acidosi renale, in rari casi, leucopenia e trombocitopenia, reazioni diabetiche, infezioni. Per eliminarli, sono indicati la terapia sintomatica e il ritiro del farmaco.

Thiotepa

Immunodepressive, agente antitumorale dal gruppo farmacologico di citostatici. Thiotepa è un composto alchilante trifunzionale del gruppo di gas mostarda azotato. La sua attività è associata a cambiamenti nelle funzioni e negli effetti del DNA sull'RNA. Ciò porta a un'interruzione dello scambio di acidi nucleici, blocca la biosintesi della proteina e i processi di divisione delle cellule tumorali.

Ha un effetto cancerogeno e mutageno. L'uso prolungato del farmaco può causare lo sviluppo di tumori maligni secondari e alterazioni degenerative nelle ghiandole sessuali. Ciò comporta amenorrea o azoospermia e altre patologie. Le compresse subiscono un assorbimento sistemico, il livello di assorbimento dipende dal dosaggio. Metabolizza nel fegato, formando metaboliti. Viene escreto dai reni con l'urina.

  • Indicazioni per l'uso: cancro al seno, polmoni, vescica. È efficace nel trattamento di mesotelioma pleurico, pericardico con, peritonite, lesioni maligne delle meningi, a lymphogranulomatosis, linfosarcoma, retikulosarkome.
  • Il metodo di applicazione e dose sono individuali per ogni paziente. Quando il tumore al seno viene assunto con 15-30 mg 3 volte a settimana, il trattamento dura 14 giorni. Tra ogni portata ci dovrebbe essere una pausa di 6-8 settimane.
  • Controindicazioni: ipersensibilità a componenti, leucopenia, trombocitopenia, cachessia e grave anemia, gravidanza e allattamento. Con particolare attenzione viene utilizzato per varicella, infezioni sistemiche, gotta, urolitiasi, per il trattamento di pazienti di bambini e anziani.
  • Gli effetti collaterali della sostanza: sanguinamento gastrointestinale, nausea e vomito, stomatite, mal di testa e vertigini, edema degli arti inferiori, tosse e edema laringeo, cistite, dolori alla schiena e alle articolazioni, la pelle e reazioni allergiche locali.
  • Sovradosaggio: nausea, vomito, sanguinamento, febbre. Per eliminare queste reazioni, viene mostrata una terapia sintomatica, in casi particolarmente gravi, ospedalizzazione e trasfusione di componenti del sangue.

Clorambucile

Efficace farmaco, prescritto per il trattamento del cancro al seno. Il clorambucile ha proprietà antitumorali e immunosoppressive. Dopo essere entrato nel corpo, si lega alle nucleoproteine dei nuclei cellulari, agendo sulle catene del DNA delle cellule tumorali. Ha un effetto tossico sulle cellule in divisione e non in divisione, opprime il tumore e il tessuto ematopoietico. Quando somministrato per via orale, viene rapidamente e completamente assorbito dal tubo digerente, il legame alle proteine plasmatiche è del 99%. Cade nei metaboliti, è espulso dai reni con l'urina.

  • Indicazioni per l'uso: tumori maligni delle ghiandole mammarie, ovaie, coroepitelioma dell'utero, mieloma, sindrome nefrosica, linfogranulematoz, leucemia linfatica cronica. Il dosaggio viene selezionato individualmente per ciascun paziente e regolato durante la terapia sulla base dell'effetto clinico.
  • Effetti collaterali: emorragia gastrointestinale, nausea e vomito, disfunzioni epatiche, stomatite, leucopenia, anemia, leucemia acuta, emorragia, tosse e mancanza di respiro, difficoltà a urinare, e tremore del dolore agli arti muscolare, reazioni allergiche della pelle, lo sviluppo di infezioni e febbre.
  • Controindicazioni: intolleranza ai componenti del farmaco e altri farmaci alchilanti, epilessia, gravi violazioni del fegato, leucopenia. Con particolare attenzione è prescritto per i pazienti oncologici con varicella, fuoco di Sant'Antonio, con oppressione della funzione del midollo osseo, con gotta, urolitiasi e ferite alla testa e disturbi convulsivi.
  • Overdose: disfunzione del sistema nervoso centrale, epiproposizione, aumento delle reazioni avverse. Per il trattamento, vengono utilizzate la terapia sintomatica e l'uso di antibiotici ad ampio spettro. L'emodialisi è inefficace.

Ciclofosfamide

Agente citostatico, la cui azione è diretta alla distruzione delle cellule tumorali. La ciclofosfamide è biotrasformata nel fegato, formando metaboliti attivi con proprietà alchilanti. Queste sostanze attaccano i centri nucleofili delle molecole proteiche di cellule patologiche, formando collegamenti incrociati tra gli alleli del DNA e bloccando la crescita e la moltiplicazione delle cellule tumorali. Il farmaco ha una vasta gamma di attività antitumorali. Il suo uso a lungo termine può causare lo sviluppo di tumori maligni secondari.

Dopo l'assunzione orale rapidamente assorbita, la biodisponibilità è del 75%. Il legame alle proteine del plasma sanguigno è basso al 12-14%. Biotransformiruetsya nel fegato, formando metaboliti attivi. Passa attraverso la barriera placentare ed entra nel latte materno. Viene escreto nelle urine sotto forma di metaboliti e il 10-25% invariato.

  • Indicazioni per l'uso: cancro del seno, polmone, ovaie, collo e corpo dell'utero, vescica, testicolo, prostata. Neuroblastoma assegnato, angiosarcoma, linfoma, leucemia e malattia di Hodgkin, sarcoma osteogenico, sarcoma di Ewing, e malattie autoimmuni (del tessuto connettivo sistemiche, sindrome nefrosica).
  • Il farmaco viene usato per via intraperitoneale e intrapleurale. La scelta del metodo di somministrazione e dosaggio dipende dal regime chemioterapico e dalle indicazioni generali. Il dosaggio è selezionato individualmente per ciascun paziente. La dose del corso di 80-140 mg con la successiva transizione al 10-20 mg di supporto due volte a settimana.
  • Controindicazioni: intolleranza ai componenti del farmaco, grave disfunzione renale, leucopenia, trombocitopenia, grave anemia, ipoplasia del midollo osseo, gravidanza e allattamento al seno, fasi termiche del cancro. Con attenzione speciale è usato per trattare pazienti più giovani che 18 anni di età e senili.
  • Effetti collaterali: stomatite, nausea e vomito, dolore al tratto digestivo e sanguinamento, ittero, secchezza delle fauci. Ma il più delle volte i pazienti si lamentano di capogiri e mal di testa, emorragie ed emorragie, mancanza di respiro, vari disturbi del sistema cardiovascolare, reazioni allergiche cutanee.
  • Sovradosaggio: nausea e vomito, febbre, cistite emorragica, sindrome da cardiomiopatia dilatativa. Per il trattamento, viene eseguita la terapia sintomatica. Nei casi più gravi, sono indicati l'ospedalizzazione e il monitoraggio delle funzioni vitali. Se necessario, trasfusione di componenti del sangue, l'introduzione di ematopoiesi di stimolanti e antibiotici.

Gemcitabina

Un farmaco usato nelle lesioni maligne del seno e di altri organi. La gemcitabina contiene il principio attivo - gemcitabina cloridrato. Ha un marcato effetto citotossico, uccide le cellule tumorali nella fase di sintesi del DNA.

Quando iniettato si diffonde rapidamente in tutto il corpo. La massima concentrazione plasmatica viene raggiunta entro 5 minuti dall'infusione. Il periodo di emivita dipende dall'età e dal sesso del paziente e dal dosaggio utilizzato. Di norma, richiede dai 40 ai 90 minuti alle 5-11 ore dal momento dell'introduzione. Metabolizza nel fegato, reni, altri organi e tessuti, formando composti metabolici. È escreto nelle urine.

  • Indicazioni per l'uso: un trattamento completo del carcinoma mammario metastatico o localmente avanzato (può essere prescritto in combinazione con Paclitaxel e Anthracycline). Lesioni tumorali della vescica, adenocarcinoma pancreatico metastatico, carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico, carcinoma ovarico epiteliale.
  • La gemcitabina è usata solo per scopi medici. In combinazione con il cancro al seno, viene fornita la terapia combinata. Il dosaggio raccomandato è di 1250 mg per m2 del corpo del paziente nei giorni 1 e 8 del trattamento con un ciclo di 21 giorni. Il farmaco è combinato con Paclitaxel 175 mg per m2 il primo giorno del ciclo 21. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa per 180 minuti. Ad ogni ciclo successivo, il dosaggio viene ridotto.
  • Effetti collaterali: nausea e vomito, aumento delle transaminasi epatiche e della fosfatasi alcalina, mancanza di respiro, eruzione cutanea allergica, prurito, ematuria. Con la terapia combinata, sono possibili neutropenia e anemia. Quando un sovradosaggio sembra sintomi simili. Non sono presenti antidoti, trasfusioni di sangue e altri metodi di terapia sintomatica per il trattamento.
  • Controindicazioni: ipersensibilità ai componenti del farmaco, gravidanza e allattamento al seno.

Tyegafur

Agente citostatico, blocca la sintesi del DNA e la timidilato sintetasi, rende difettose le cellule tumorali, distruggendole. Il tegafur ha effetti antitumorali, analgesici e antinfiammatori. Le grandi dosi della preparazione deprimono la formazione di sangue. Quando somministrato per via orale, viene rapidamente assorbito dal tratto digestivo, l'assorbimento è incompleto a causa del primo passaggio attraverso il fegato. È escreto nelle urine e nelle feci.

  • Indicazioni per l'uso: tumori maligni del seno, fegato, stomaco, vescica, prostata, testa e pelle, utero, ovaie. Efficace con linfoma cutaneo, fonoforesi e neurodermite diffusa.
  • Dosaggio e via di somministrazione: all'interno di 20-30 mg / kg 2 volte al giorno con un intervallo di 12 ore. Il decorso della terapia dura 14 giorni, ripetuti dopo 1.5-2 mesi. Durante il trattamento richiede un'attenta cura della cavità orale e della terapia vitaminica.
  • Controindicazioni: componenti idiosincrasia si intende lo stadio terminale di cancro, ha segnato cambiamenti nella composizione del sangue, l'anemia, la soppressione di emopoiesi del midollo osseo, ulcera gastrica e duodenale. Non è usato durante la gravidanza e l'allattamento.
  • Effetti collaterali: confusione, aumento della lacrimazione, trombocitopenia e leucopenia, infarto del miocardio, mal di gola, secca, prurito e desquamazione della pelle, sanguinamento nel tratto gastrointestinale. Per risolverli, è indicata la terapia sintomatica o la cancellazione del farmaco.

Vynblastyn

Farmaco antitumorale chemioterapico. Vinblastina contiene alcaloidi di origine vegetale. Blocca le metafasi della mitosi cellulare legandosi ai microtubuli. I componenti attivi del farmaco inibiscono selettivamente la sintesi di DNA e RNA, inibendo l'enzima RNA polimerasi.

È disponibile sotto forma di polvere liofilizzata per la preparazione di una soluzione di iniezione da 5 e 10 grammi, che contiene rispettivamente 5 ml e 10 ml di fiale di solvente. Dopo somministrazione endovenosa rapidamente si diffonde attraverso il corpo, non penetra la barriera emato-encefalica. Biotransformiruetsya nel fegato, formando metaboliti attivi, viene escreto dall'intestino. L'emivita di eliminazione è di 25 ore.

  • Indicazioni per l'uso: neoplasie maligne di varia eziologia e localizzazione, inclusi linfomi non Hodgkin, cancro ai testicoli, leucemia cronica e malattia di Hodgkin. La dose standard del farmaco è 0,1 mg / kg, le iniezioni vengono somministrate una volta alla settimana. Se necessario, il dosaggio può essere aumentato a 0,5 mg / kg. Durante il trattamento è necessario controllare il livello dei leucociti nel sangue e il livello di acido urico.
  • Controindicazioni: intolleranza ai componenti dell'agente, infezioni virali e batteriche. Con particolare attenzione viene assegnato ai pazienti con radiazioni recenti o chemioterapia, così come con leucopenia, grave danno al fegato e trombocitopenia. L'uso di Vinblastina per le donne incinte è possibile nel caso in cui il potenziale beneficio per la madre sia superiore ai rischi per il feto.
  • Effetti collaterali: alopecia, leucopenia, debolezza muscolare e dolore, attacchi di nausea e vomito, stomatite, trombocitopenia. È anche possibile sviluppare sanguinamento gastrico e colite emorragica. Il farmaco può avere un effetto neurotossico, causando una doppia visione, disturbi depressivi, mal di testa.
  • I segni di un sovradosaggio sono simili agli effetti collaterali. La loro gravità e intensità dipendono dalla dose assunta. Non esiste un antidoto specifico, pertanto viene eseguita una terapia sintomatica. Allo stesso tempo, è necessario monitorare le condizioni del sangue e, nei casi più gravi, effettuare la trasfusione.

Vinkristin

Agente farmacologico utilizzato per il trattamento di neoplasie maligne. Vincristina viene rilasciata in fiale da 0,5 mg con un solvente. È usato per la terapia complessa della leucemia acuta, del linfosarcoma, del sarcoma di Ewing e di altre patologie maligne. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa ad intervalli di 7 giorni. Il dosaggio è individuale per ogni paziente. La dose standard è 0,4-1,4 mg / m2 dalla superficie corporea del paziente. Durante la procedura, evitare di assumere farmaci negli occhi e nei tessuti circostanti, poiché ciò può provocare un forte effetto irritante e necrosi dei tessuti.

È controindicato sciogliere in un volume con la soluzione di Furosemide, poiché si forma un precipitato. Dosi elevate possono scatenare tali effetti collaterali: intorpidimento degli arti e dolore muscolare, perdita di capelli, vertigini, perdita di peso, febbre, leucopenia, nausea e vomito. La frequenza degli effetti collaterali dipende dalla dose totale e dalla durata del trattamento.

Vinorelbina

Mezzi di iniezione antitumorale, emessi in fiale da 1 e 5 ml. Vinorelbine contiene il principio attivo - vintrelbina ditartrato. Dopo che l'amministrazione sopprime la divisione delle cellule tumorali, blocca la loro ulteriore moltiplicazione, causando la morte. È usato per varie malattie maligne, incluso il cancro ai polmoni. Il farmaco viene somministrato solo per via endovenosa. Se durante la procedura la sostanza è penetrata nei tessuti circostanti, ciò causa la loro necrosi. Il dosaggio è individuale per ogni paziente.

Controindicato per l'uso in gravi violazioni della funzionalità epatica, nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento. Non viene applicato contemporaneamente alla terapia a raggi X, che cattura l'area della spalla. I principali effetti collaterali: anemia, spasmi muscolari, parestesia, ostruzione intestinale, attacchi di nausea e vomito, broncospasmo difficoltoso.

Carubicin

Farmaco antitumorale dal gruppo farmacologico di antibiotici antracicline. La carubicina ha un meccanismo d'azione associato al danno al DNA nella fase S della mitosi. È usato per sarcoma dei tessuti molli, neuroblastoma, sarcoma di Ewing, coroionepithelioma. Il dosaggio dipende dallo stadio della malattia, dallo stato del sistema di emopoiesi del paziente e dal regime terapeutico prescritto.

L'uso è controindicato in gravi malattie del sistema cardiovascolare, disturbi del fegato e reni, durante la gravidanza e l'allattamento in ipersensibilità al farmaco e la quantità di conteggi inferiori a 4000 / L, e meno di 100.000 piastrine / ul. Reazioni avverse frequenti: leucopenia, dolore al cuore, insufficienza cardiaca, nausea e vomito, nefropatia, abbassamento della pressione sanguigna, alopecia, artrite gottosa.

Fotretamin

Alcaloide, un derivato dell'etilenimmina. La fotretamina deprime granulocitopoiesi, tromocitopoiesi ed eritrocitopoiesi. Riduce le dimensioni dei linfonodi e dei nodi periferici del fegato e della milza. Non ha un effetto antitumorale sui linfonodi intratoracici. Ripristina il livello normale di leucociti nel sangue periferico entro un mese.

  • Indicazioni per l'uso: eritremia, leucemia linfocitica, carcinoma ovarico, reticolosarcoma, micosi fungina, angiopatia di Kaposi. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa, per via intraperitoneale e per via intramuscolare, sciogliendo 10 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico. Il dosaggio e la durata del trattamento sono determinati dal medico.
  • Controindicazioni: ipersensibilità ai componenti del farmaco, leucopenia, stadio terminale del cancro, malattie renali ed epatiche.
  • Effetti collaterali: anemia, diminuzione dell'appetito, mal di testa, nausea, lakopenia, trombopenia. Con lo sviluppo di queste reazioni, viene eseguita la trasfusione di sangue, vengono prescritte vitamine del gruppo B e stimolanti leucopoiesi.

Pertuzumab

Efficace farmaco utilizzato nelle lesioni cancerose del corpo. Pertuzumab è prodotto dalla tecnologia del DNA ricombinante. Interagisce con il sottodominio extracellulare, bloccando i recettori del fattore di crescita e l'eterodimerizzazione ligando-dipendente di HER2 con altre proteine della famiglia HER. L'monoagente inibisce la proliferazione delle cellule tumorali.

  • Indicazioni per l'uso: carcinoma mammario (metastatico, local-ricorrente) con sovraespressione tumorale di HER2. Nella maggior parte dei casi, è usato in combinazione con docetaxel e trastuzumab, a condizione che tale terapia non sia stata precedentemente eseguita e che non vi sia alcuna progressione della malattia dopo il trattamento adiuvante.
  • Pertuzumab viene somministrato per via endovenosa mediante flebo o getto. Prima dell'inizio del trattamento, viene testata l'espressione tumorale di HER2. La dose standard è 840 mg sotto forma di infusione con cadenza oraria. La procedura viene eseguita ogni tre settimane.
  • Controindicazioni: gravidanza e allattamento, età dei pazienti sotto i 18 anni, disturbi cardiovascolari, alterazione della funzionalità epatica. Con particolare cura viene utilizzato con il precedente trattamento con trastuzumab, antracicline o radioterapia.
  • Effetti collaterali: reazioni di ipersensibilità, neutropenia, leucopenia, diminuzione dell'appetito, insonnia, aumento della lacrimazione, insufficienza cardiaca congestizia, dispnea, nausea, vomito e costipazione, stomatite, dolore muscolare, mialgia, affaticamento, gonfiore, l'attaccamento di infezioni secondarie.
  • Il sovradosaggio sulla sintomatologia è simile alle azioni collaterali. La terapia sintomatica è indicata per la sua eliminazione. In casi particolarmente gravi, sono richiesti ospedalizzazione e trasfusioni di sangue.

Gerceptin

Droga di DNA ricombinante umanizzato (derivato da anticorpi monoclonali). Herceptin contiene un principio attivo che inibisce la proliferazione delle cellule neoplastiche con sovraespressione di HER2. Iperespressione di HER2 è associata ad un alto tasso di sviluppo del carcinoma mammario primario e di tumori dello stomaco comuni. Disponibile sotto forma di liofilizzato 150 e 440 mg, ogni flacone contiene 20 ml di solvente.


  • Indicazioni per l'uso: carcinoma mammario metastatico con sovraespressione di cellule tumorali HER2 e suoi stadi iniziali, adenocarcinoma comune dello stomaco e giunzione esofageo-gastrica. Il farmaco può essere usato in monoterapia e in combinazione con Paclitaxel, Docetaxel e altri agenti antitumorali.
  • Prima di iniziare il trattamento, è necessario verificare l'espressione di HER2 da parte del tumore. Il farmaco fornisce l'introduzione a goccia endovenosa. Quando si usa il cancro al seno a 4 mg / kg come dose di carico e 2 mg / kg come supporto. Le infusioni vengono effettuate una volta alla settimana. Con la terapia combinata, la procedura viene eseguita una volta ogni 21 giorni. Il numero di cicli e la durata del trattamento sono determinati dal medico curante, individualmente per ciascun paziente.
  • Controindicazioni: gravidanza e allattamento al seno, bambini dell'infanzia, ipersensibilità al trastuzumab e ad altri ingredienti del farmaco, grave mancanza di respiro (causata da metastasi nei polmoni o che richiedono ossigenoterapia). Con cautela, il farmaco è prescritto per angina pectoris, ipertensione, insufficienza miocardica.
  • Effetti collaterali: polmonite, cistite, sinusite, trombocitopenia, neutropenia sepsi, secchezza delle fauci, nausea, vomito e costipazione, edema angioneurotico, infezioni del tratto urinario, improvvisa perdita di peso, tremori, degli arti, dolore muscolare, reazioni di ipersensibilità della pelle, vertigini e mal di testa , insonnia, perdita di sensibilità.
  • Il farmaco non causa sintomi di overdose. È controindicato miscelare Herceptin con altri medicinali. Ha un'incompatibilità chimica con una soluzione di destrosio e, se usato con antracicline, aumenta il rischio di cardiotossicità.

Classificazione ATC

L01 Противоопухолевые препараты

È importante sapere!

L'adenocarcinoma della ghiandola mammaria è una neoplasia maligna. Può svilupparsi sullo sfondo delle cellule dell'epitelio ghiandolare. Leggi di più...

Gruppo farmacologico

Противоопухолевые средства и иммуномодуляторы

Effetto farmacologico

Противоопухолевые препараты

Analoghi e preparazioni simili

Preparati per il trattamento del cancro al seno
Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 26.06.2018

Attenzione!

Per semplificare la percezione delle informazioni, questa istruzione per l'utilizzo del farmaco "Compresse da cancro al seno" è stata tradotta e presentata in una forma speciale sulla base delle istruzioni ufficiali per l'uso medico del farmaco. Prima dell'uso leggere l'annotazione che è arrivata direttamente al farmaco.

Descrizione fornita a scopo informativo e non è una guida all'autoguarigione. La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante. L'automedicazione è pericolosa per la tua salute.

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.