^

Salute

Radiografia delle costole

, Editor medico
Ultima recensione: 19.11.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Tra i numerosi studi diagnostici, la radiografia delle costole occupa uno dei primi posti in termini di prevalenza. Molto spesso, la procedura viene prescritta quando si sospetta una frattura costale. Se viene rilevato un trauma multiplo, il medico può insistere per eseguire una semplice radiografia, necessaria per ottenere informazioni più obiettive e complete sul danno. La radiografia normale mostra il danno esistente agli organi interni e all'intero torace.

Quando i raggi X delle costole, viene visualizzato lo stato del meccanismo osseo e la colonna vertebrale può essere vista parzialmente. Il grado di radiazioni ionizzanti non è considerato pericoloso per la salute umana, quindi i raggi X possono essere considerati una buona alternativa agli ultrasuoni, alle immagini  [1] computerizzate e alla risonanza magnetica. [2]

Indicazioni per la procedura

La struttura scheletrica toracica è una protezione affidabile per gli organi interni. Una radiografia delle costole è, infatti, la stessa radiografia del torace, durante la quale si possono vedere non solo le strutture ossee, ma anche il cuore, i polmoni, le vie respiratorie e la colonna vertebrale. Durante l'esame, il medico può vedere danni o violazioni della forma delle ossa o lo sviluppo di qualsiasi processo patologico.

Una radiografia delle costole è necessaria se uno specialista sospetta la presenza di tali malattie e condizioni:

  • lesioni traumatiche al torace;
  • violazione dell'integrità delle costole;
  • processi tumorali negli organi del torace;
  • corpi estranei nella zona del torace;
  • patologia polmonare;
  • tubercolosi ossea;
  • formazione ossea compromessa, rachitismo;
  • malattie della colonna vertebrale;
  • ernia del diaframma.

I raggi X delle costole sono spesso prescritti non solo come parte della diagnosi della malattia, ma anche per studiare la dinamica della patologia e determinare le tattiche di trattamento. [3]

Preparazione

Praticamente non è necessaria alcuna preparazione preliminare per il paziente. Il giorno prima dello studio programmato, è consigliabile escludere gli alimenti che causano un aumento della formazione di gas nell'intestino (piselli, cavoli, bevande gassate), poiché i gas in eccesso solleveranno il diaframma, esercitando pressione sui polmoni e sulle costole.

Immediatamente prima della radiografia, al paziente viene chiesto di togliersi gli indumenti esterni, spogliarsi fino alla vita. Se ci sono gioielli nella zona del collo o del torace, devono essere rimossi. Se una persona ha i capelli lunghi, devono essere raccolti: non dovrebbero cadere nell'area dell'immagine.

Prima di iniziare lo studio, il paziente deve informare il radiologo delle patologie subite, degli interventi chirurgici sugli organi toracici, della presenza di corpi estranei, degli impianti nell'area oggetto di studio. Le donne devono essere sicure di segnalare la gravidanza.

Si consiglia di portare tutti i documenti medici di cui il medico potrebbe aver bisogno: i risultati di esami precedenti, diagnosi, fogli con trattamento prescritto, ecc. Tutto ciò può aiutare lo specialista a decodificare la radiografia per emettere una conclusione più informativa. [4]

Chi contattare?

Tecnica costola raggi X

Nella maggior parte dei casi, le radiografie costali vengono eseguite in proiezioni frontali e laterali. Questo approccio consente di valutare le condizioni generali del seno. Se stiamo ovviamente parlando di qualsiasi parte del torace, viene eseguita una radiografia mirata delle costole colpite.

Il paziente si spoglia fino alla vita, preme il petto contro lo schermo e inspira profondamente (in modo che il torace si espanda), trattiene il respiro. Al momento dell'espansione degli spazi intercostali, i contorni costali diventano più distinti: è allora che lo specialista scatta una foto.

La posizione del paziente durante la radiografia delle costole può essere diversa, a seconda dell'area oggetto di studio e della natura della patologia. Ad esempio, quando si acquisisce un'immagine posteriore diretta, le costole inferiori della persona vengono posizionate orizzontalmente sulla schiena. In questo caso, la linea emiclaveare del lato diagnosticato dovrebbe trovarsi lungo la linea longitudinale mediana del lettino. L'arto superiore è esteso lungo il corpo, le gambe sono piegate alle ginocchia. Sul piano frontale, il corpo dovrebbe essere parallelo al piano del divano. Questa posizione ti consente di vedere chiaramente le costole inferiori, specialmente sullo sfondo di un intenso oscuramento del fegato. [5]

Se è necessario eseguire un'immagine anteriore diretta delle costole, il paziente viene posizionato sullo stomaco, viene posta una leggera elevazione sotto la sua testa e la sua faccia viene girata dal lato opposto a quello della diagnosi. Le braccia devono essere estese lungo il corpo, l'avambraccio e le mani con la parte posteriore del corpo vicino al tavolo.

Quando si esegue un'immagine laterale delle costole del paziente, vengono posizionate sul lato diagnosticato, con gli arti superiori sollevati e avvolti dietro la testa. Il piano frontale del corpo è parallelo e il piano sagittale è perpendicolare al piano del lettino.

Per ottenere un'immagine obliqua anteriore, necessaria per studiare lo stato delle regioni costali anterolaterali, una persona viene posizionata sull'addome. La metà diagnosticata del seno dovrebbe adattarsi perfettamente alla superficie del divano e la metà opposta dovrebbe essere leggermente sollevata. Il piano frontale del corpo dovrebbe intersecarsi con il piano del divano con un angolo di 40-45 gradi. L'arto superiore dal lato dello studio è esteso lungo il corpo, unendo la superficie posteriore al divano. L'altro braccio è piegato al gomito, il palmo poggia sul tavolo. Il criterio per un posizionamento adeguato è ottenere un'immagine chiara delle parti anterolaterali delle costole. [6]

Per ottenere un'immagine obliqua posteriore, necessaria per studiare lo stato delle parti posterolaterali delle costole, il paziente viene adagiato orizzontalmente sulla schiena, ruotando lungo l'asse longitudinale del corpo a destra o a sinistra (a seconda del lato da esaminare ), fino a quando l'angolo nell'area di intersezione del piano frontale del corpo e il piano del divano raggiunge i 40-45 gradi. Le elevazioni possono essere posizionate sotto la schiena, il bacino, l'anca e il ginocchio. L'arto superiore dal lato esaminato è esteso lungo il corpo e l'altro è retratto posteriormente, con enfasi sul bordo del lettino. 

Oltre a un'immagine panoramica in diverse proiezioni, a volte è necessaria una radiografia di avvistamento. Per fare ciò, cercano di portare parte della costola con sospetta patologia nella posizione centrale o di formazione del bordo.

Controindicazioni alla procedura

Non dobbiamo dimenticare che ci sono controindicazioni alla radiografia delle costole:

  • il primo trimestre di gravidanza (o l'intero periodo di gravidanza, a seconda della situazione);
  • condizione seria del paziente, vari stati scompensati;
  • pneumotorace aperto, sanguinamento;
  • disturbi mentali, comportamento inadeguato;
  • a volte l'obesità nel paziente.

La maggior parte degli esperti sottolinea che non ci sono, in linea di principio, controindicazioni assolute all'esecuzione di una radiografia delle costole, e per tali categorie di pazienti come donne in gravidanza e bambini, lo studio dovrebbe essere condotto solo se ci sono indicazioni rigorose e se è impossibile utilizzare altri metodi diagnostici alternativi. [7], [8]

Prestazione normale

Gli elementi strutturali che delimitano la cavità toracica sono costituiti dallo scheletro toracico, dai tessuti molli e dal diaframma. I confini della cavità toracica:

  • bordo ventrale - segmenti sternali;
  • bordo dorsale - corpi vertebrali e costole;
  • bordi laterali - costole, tessuti molli intercostali, struttura sottocutanea;
  • il bordo caudale è il diaframma.

La regione craniale toracica è delimitata dai tessuti molli della regione cervicale ventrale e dall'ingresso della gabbia toracica.

Durante la diagnosi di queste strutture e organi, è importante valutare chiaramente la posizione del processo patologico. Se necessario, eseguire ulteriori radiografie da altre viste.

La radiografia della costola fratturata dimostra la presenza di segni oggettivi - in particolare, la linea di frattura, che è più chiara dell'osso nell'immagine. È anche possibile modificare la struttura ossea, lo spostamento dei frammenti. Un sintomo indiretto può essere un cambiamento nei tessuti molli adiacenti, che è anche ben visualizzato sull'immagine: questo è un oscuramento sul bordo su una radiografia, la scomparsa di illuminazioni fisiologiche nelle articolazioni, ispessimento e ispessimento dell'ombra dei tessuti molli, che è dovuto alla formazione di ematomi ed edemi. [9]

Una radiografia di una frattura costale non mostra sempre segni specifici, quindi il medico deve spesso prescrivere una tomografia computerizzata al paziente.

Con una tale violazione come la costola di Lyushko, significano uno sviluppo anormale della cartilagine delle costole, in cui la loro sezione anteriore è divisa. La violazione è principalmente unilaterale, ma non può essere definita una patologia, poiché non è complicata da nulla e non influisce in alcun modo sulla qualità della vita umana. [10]

La costola di Lushko ai raggi X sembra una formazione densa, biforcata nella parte anteriore, solitamente localizzata vicino allo sterno. Il difetto si riscontra abbastanza raramente (circa l'1% dei casi).

Il condroma è un tumore benigno che si forma sulla base del tessuto cartilagineo maturo (principalmente cartilagine ialina). La neoplasia cresce e si sviluppa lentamente ed è asintomatica per lungo tempo. I primi segni iniziano a dare fastidio quando i tessuti circostanti vengono schiacciati, quando si diffondono alla pleura e le fibre nervose vengono danneggiate. In tali situazioni, c'è una deformazione del torace, la comparsa di dolore alle costole. Un condroma situato sulle ossa scheletriche può essere identificato con una radiografia convenzionale. Ad esempio, se un tale tumore è localizzato sull'arco costale, nel processo a raggi X è possibile considerare il focus della displasia e la stessa neoplasia cistica. Il condroma delle costole ai raggi X sullo sfondo dei tessuti molli è invisibile, poiché non è radiopaco. Pertanto, per altre localizzazioni del tumore, vengono utilizzati metodi diagnostici come la tomografia computerizzata, la risonanza magnetica, nonché la biopsia e l'esame al microscopio. [11]

Un'altra patologia congenita - le costole cervicali - è caratterizzata dalla presenza di costole aggiuntive nel segmento cervicale della colonna vertebrale. Le costole cervicali sulla radiografia hanno la forma di placche ossee, situate simmetricamente ai lati della colonna vertebrale. Normalmente sono assenti e la loro rilevazione permette di parlare di un'anomalia dello sviluppo. Meno spesso, tali elementi cervicali si trovano solo su un lato.

Numerazione a raggi X delle costole

Le costole sono numerate dall'alto verso il basso: man mano che si avvicinano alla regione pelvica, queste ossa diventano più morbide e più sottili.

La prima costola si trova vicino alla clavicola e la decima è leggermente al di sotto del processo xifoideo. Il corpo delle prime sette coppie costali ha una transizione graduale nel tessuto cartilagineo, quindi sono collegati al torace.

Le prime e più forti sette coppie di costole sono chiamate vere e l'ottava, nona e decima coppia sono chiamate false costole, poiché hanno una connessione cartilaginea tra loro. L'undicesima e la dodicesima coppia sono mobili, libere e sono attaccate solo su un lato - alla colonna vertebrale.

Lo scheletro di un adulto comprende normalmente dodici coppie costali. Succede che nel corso dello sviluppo si formi una tredicesima coppia in un bambino, con localizzazione a livello della settima o ottava vertebra cervicale. Un'altra rara anomalia è la formazione di una singola costola rudimentale nella regione cervicale.

Complicazioni dopo la procedura

Un certo pericolo è la radiografia delle costole durante la gravidanza. La maggiore probabilità di sviluppare complicanze si verifica nel primo trimestre, ovvero le prime 12 settimane di gestazione. È durante questo periodo che si formano i futuri sistemi vitali del futuro bambino. [12] Pertanto, l'effetto sul corpo della madre di un gran numero di raggi X può avere varie conseguenze negative, a seconda del periodo durante il quale viene effettuato lo studio:

  • le prime 2 settimane di gestazione: morte embrionale, aborto spontaneo, impianto ectopico;
  • 3-4 settimane: violazioni della fase iniziale dello sviluppo fetale, interruzione spontanea;
  • 5-6 settimane: sviluppo improprio del sistema ghiandolare del bambino, disturbi nella formazione del sistema immunitario, nervoso, ematopoietico;
  • 7 settimane: sviluppo di disturbi dell'apparato digerente e dei processi metabolici;
  • 8 settimane: patologia dell'apparato osteoarticolare, formazione del cavo orale;
  • 9 settimane: la formazione di disturbi dell'apparato respiratorio e riproduttivo;
  • 10-11 settimane: difetti cardiaci, disturbi dentali;
  • 12 settimane: problemi con la formazione dell'immunità, con il lavoro della ghiandola tiroidea nel bambino.

Dopo 12 settimane, l'effetto negativo delle radiazioni sul feto diminuisce. Tuttavia, i medici scoraggiano fortemente le radiografie alle donne senza una valida indicazione. Se possibile, è meglio aspettare fino alla fine del periodo di gravidanza e solo allora eseguire la diagnosi. [13]

Se c'è una lesione alla costola o un altro problema in cui è impossibile utilizzare altri metodi diagnostici e non si può fare a meno di una radiografia, lo studio viene eseguito, aderendo alle seguenti raccomandazioni:

  • le donne coprono l'area pelvica e dell'addome con grembiuli e cuscinetti protettivi;
  • informare la futura mamma delle possibili conseguenze e complicazioni.

Conseguenze dopo la procedura

Il verificarsi di conseguenze negative o complicazioni dopo una procedura di radiografia delle costole è estremamente raro. Se il paziente non ha controindicazioni allo studio e la radiografia stessa viene eseguita correttamente, utilizzando dispositivi di protezione speciali, possono verificarsi conseguenze avverse con una probabilità estremamente bassa.

In generale, la probabilità di effetti collaterali dipende dalla radiosensibilità individuale del paziente, dalla quantità e dalla durata della radiazione ricevuta. In teoria, le reazioni sono possibili:

  • dal sistema nervoso (aumento dell'irritabilità, mal di testa, vertigini, disturbi del sonno);
  • dal tratto digestivo (nausea, vomito, diarrea, alterazioni dell'appetito, secchezza delle fauci, comparsa di un sapore sgradevole in bocca);
  • dal sistema ematopoietico (diminuzione del livello di neutrofili e linfociti, monociti, raramente - lieve eosinofilia, trombocitopenia).

Le donne sono più a rischio di complicazioni durante la gravidanza.

Cura dopo la procedura

Non ci sono restrizioni rigorose e raccomandazioni specifiche riguardo alla cura e al regime dopo la radiografia delle costole. Alcune restrizioni possono essere direttamente correlate al trauma o alla patologia, in relazione alla quale è stata ordinata la radiografia.

Alcuni pazienti sono preoccupati per l'esposizione alle radiazioni che il corpo del paziente riceve durante la procedura diagnostica. La cosa più importante per accelerare l'eliminazione delle sostanze radioattive dall'organismo è l'aderenza al regime alimentare con l'utilizzo di almeno 2 litri di acqua al giorno. Oltre all'acqua, è consentito bere succhi di frutta appena spremuti, bevande alla frutta, tè verde. È consentito bere un po' di vino rosso secco. Uva, melograni, noci e latticini hanno anche proprietà anti-radiazioni. Utili prugne, semi di lino, foglie di ortica. Si consiglia di includere nella dieta panna acida, ricotta, carote, barbabietole, grano saraceno, frutti di mare. Ma dovresti evitare prodotti con conservanti, coloranti, aromi e aromi, nonché carni affumicate e prodotti semilavorati.

I raggi X delle costole sono sicuri, anche se vengono eseguiti solo se indicati perché sono associati a una certa quantità di esposizione alle radiazioni. Lo studio è prescritto solo se altri metodi diagnostici non possono fornire informazioni sufficienti sulle condizioni del paziente. Non aver paura dei raggi X: se segui tutte le raccomandazioni mediche, la diagnosi non causerà lo sviluppo di manifestazioni e conseguenze negative nel corpo.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.