You are here

Adenosina "Ebewe"

L'adenosina "ebove" è un farmaco del gruppo dei nucleotidi purinici. La somministrazione del farmaco porta alla stabilizzazione del flusso sanguigno coronarico e alla normalizzazione della coagulazione del sangue. Il farmaco ha un effetto metabolico, antiaritmico e arteriodilante. L'adenosina "ebove" è un farmaco del gruppo dei nucleotidi purinici. La somministrazione del farmaco porta alla stabilizzazione del flusso sanguigno coronarico e alla normalizzazione della coagulazione del sangue. Il farmaco ha un effetto metabolico, antiaritmico e arteriodilante.

Classificazione ATC

C01EB10 Аденозина фосфат

Indicazioni Adenosina "Ebewe"

Il farmaco è prescritto per i pazienti per la prevenzione rapida di SVT (reciprocità del nodo AV, reciproco ventricolare), che sono sintomatici e richiedono terapia. L'appuntamento dei pazienti dovrebbe essere solo se le manovre vagali falliscono.

Modulo per il rilascio

Rilasciato sotto forma di soluzione per iniezione.

Farmacodinamica

L'adenosina è associata ad un effetto negativo, dromo, crono e anche inotropico dose-dipendente, che colpisce il cuore. Poiché il farmaco ha una breve emivita, un effetto inotropico negativo non è critico.

L'azione antiaritmica si verifica dopo la rapida introduzione di adenosina per via endovenosa, a causa dell'effetto dromotropico. Sopprime la conduttività AV, riduce la reazione chimica dei canali delle cellule del calcio e aumenta anche la permeabilità delle cellule dei cardiomiociti per gli ioni di potassio. Allo stesso tempo impedisce l'azione di AMP ciclico in cardiomiociti, con conseguente pazienti con parossistica SVT (per includere il nodo AV rientro impulsi meccanismo) ripristina il normale ritmo cardiaco.

L'effetto cronotropico negativo può causare lo sviluppo di una bradicardia sinusale temporanea, che passa poi in tachicardia sinusale.

L'adenosina non ha effetto nel caso di flutter atriale o fibrillazione atriale, poiché il nodo AV non entra nel meccanismo di rientro dell'impulso.

A un dosaggio di 6-12 mg non ha effetti emodinamici sistemici. Se l'infusione viene eseguita a grandi dosi, il farmaco può causare un calo della pressione sanguigna.

Farmacocinetica

Le cellule endoteliali e gli eritrociti contribuiscono alla rapida rimozione di adenosina dal sangue - l'emivita è di 10 secondi. Il processo di metabolizzazione dei nucleosidi trasforma l'adenosina in un acido urico derivato dai reni.

Utilizzare Adenosina "Ebewe" durante la gravidanza

Poiché l'adenosina è un componente naturale presente in tutte le cellule del corpo e la sua emivita è molto breve, il farmaco non dovrebbe avere un effetto negativo sul bambino. Ma poiché non ci sono abbastanza informazioni sulle conseguenze della terapia con questo farmaco, si raccomanda di usarlo durante la gravidanza solo per indicazioni vitali.

Controindicazioni

Tra le controindicazioni all'uso del farmaco:

  • Ipersensibilità all'adenosina;
  • Blocco AV di 2-3 gradi, così come la sindrome di Short (ad eccezione dei pazienti con pacemaker);
  • Patologie ostruttive dei polmoni (es. Asma bronchiale);
  • Sindrome di QT lungo intervallo.

Con cautela nominare il farmaco in questi casi:

  • Con CHF in forma grave;
  • Angina instabile;
  • Dopo un recente infarto miocardico;
  • TP e AF (nei pazienti con vie di conduzione aggiuntive, è possibile un aumento transitorio della conduzione);
  • Dopo un recente trapianto di cuore;
  • Ipotensione in forma grave;
  • Con il disponibile nell'anamnesi ferma di respirare in un sogno;
  • Quando smistate il sangue da sinistra a destra;
  • Trattamento concomitante con dipiridamolo (nel qual caso l'adenosina può essere somministrata in piccole dosi e solo quando sussiste una minaccia per la vita del paziente).

Effetti collaterali Adenosina "Ebewe"

Tra i frequenti effetti collaterali del farmaco: dispnea, afflusso di sangue alla pelle del viso, spasmo bronchiale, nausea, sensazione di spremitura al petto e vertigini.

Inoltre, tali manifestazioni sono possibili: sudorazione, malessere, aumento della frequenza cardiaca, vertigini, aumento della pressione intracranica, iperventilazione, l'emergere di "velo davanti agli occhi," bradicardia, mal di testa, asistolia. Inoltre, ci possono essere dolore al petto, parestesia, sonnolenza, dolore alla schiena e al collo, un assaggio di metallo nella cavità orale e sintomi faringei.

In generale, queste reazioni avverse non durano a lungo - meno di 1 minuto.

In rari casi, la conseguenza della somministrazione di adenosina può essere una diminuzione della pressione arteriosa e della FA.

Occasionalmente gli effetti collaterali sono più lunghi e potenzialmente pericolosi per la vita (fibrillazione e flutter dei ventricoli, così come l'asistolia). In questi casi, a volte è necessario un intervento elettroterapeutico.

Dosaggio e somministrazione

L'adenosina può essere utilizzata solo per il trattamento ospedaliero utilizzando apparecchiature utilizzate per la rianimazione cardiopolmonare. Durante l'applicazione di adenosina, è necessario monitorare l'ECG continuamente, poiché vi è il rischio di aritmie.

La prima dose è di 3 mg; se la tachicardia continua dopo 1-2 minuti, viene somministrata una seconda dose (6 mg); se dopo altri 1-2 minuti non si osserva alcun miglioramento, viene somministrata la terza dose (9 mg); se la cessazione della tachicardia non si è verificata dopo 1-2 minuti, è stata somministrata una quarta dose (12 mg).

Poiché la prima dose (3 mg) ha scarsa efficacia, la terapia con adenosina di solito inizia con la seconda dose (6 mg).

Se la quarta dose (12 mg) non ha dato il risultato desiderato, la soluzione può essere somministrata nuovamente nello stesso dosaggio o aumentandola a 18 mg. Dopo questo, non è raccomandato somministrare il farmaco alla stessa dose o superiore.

Tutti i suddetti dosaggi devono essere ridotti se il trattamento viene eseguito dopo trapianto cardiaco o in combinazione con dipiridamolo. Ma con il trattamento in combinazione con la metilxantina, il dosaggio di adenosina deve essere aumentato.

L'adenosina viene somministrata mediante iniezione di bolo, che dura 1-2 secondi. Deve essere inserito nelle grandi vene periferiche, quindi si consiglia di iniettare immediatamente una soluzione di NaCl allo 0,9% (10 ml).

Uso di adenosina nel processo di diagnosi di ischemia cardiaca.

I radioisotopi e l'adenosina devono essere versati in diverse vene - questo è necessario per evitare un effetto bolo.

Nel processo SPECT che utilizza il tallio-201, l'adenosina per via endovenosa viene somministrata in 6 minuti (la velocità è 140 μg / kgCmin). Il tallio-201 in questo caso dovrebbe essere introdotto rapidamente nella vena 3 minuti dopo l'introduzione dell'adenosina.

Per evitare la comparsa di un effetto bolo, durante la manutenzione dell'adenosina è necessario monitorare la pressione sanguigna nell'altra mano.

Overdose

Manifestazioni di overdose possono essere osservate in caso di ricovero in combinazione con dipiridamolo. Tuttavia, poiché l'adenosina ha un'emivita molto breve, i sintomi di un sovradosaggio si verificano abbastanza rapidamente.

Ma ci sono anche casi gravi, in cui una bradicardia stabile può verificarsi in forma grave, così come AF e asistolia, per eliminare che richiedono pacemaker temporaneo o cardioversione elettrica (dipende dal tipo di aritmia).

Interazioni con altri farmaci

Dipiridamolo riduce la forza della cattura cellulare dell'adenosina, quindi può migliorare il suo effetto. Di conseguenza, nel trattamento con dipiridamolo, la somministrazione di adenosina avviene a piccole dosi e solo in caso di pericolo per la vita.

La caffeina, così come la teofillina e altri derivati della xantina, sono antagonisti dell'adenosina che riducono la forza del suo effetto sul corpo.

La carbamazepina aumenta l'effetto dromotropico negativo dell'adenosina.

L'adenosina interagisce in modo efficiente con altre sostanze che influenzano la conduttività AV: questi sono ß-bloccanti, modulatori del canale del sodio, CCB, preparazioni Digitalis e anche il propanormo amiodarone.

Condizioni di archiviazione

Tenere la medicina in un luogo chiuso dalla luce e dall'accesso dei bambini piccoli. La temperatura non dovrebbe essere superiore a 25 ° C. Il congelamento della soluzione è proibito, poiché il principio attivo è soggetto alla cristallizzazione.

Data di scadenza

L'adenosina "ebove" può essere utilizzata per 3 anni dalla data di produzione.

Produttori popolari

Эбеве Фарма Г.м.б.Х. Нфг. КГ, Австрия
Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 01.06.2018

Attenzione!

Per semplificare la percezione delle informazioni, questa istruzione per l'utilizzo del farmaco "Adenosina "Ebewe"" è stata tradotta e presentata in una forma speciale sulla base delle istruzioni ufficiali per l'uso medico del farmaco. Prima dell'uso leggere l'annotazione che è arrivata direttamente al farmaco.

Descrizione fornita a scopo informativo e non è una guida all'autoguarigione. La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante. L'automedicazione è pericolosa per la tua salute.

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.