^

Salute

A
A
A

Iposagmo

 
, Editor medico
Ultima recensione: 20.11.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'emorragia subcongiuntivale o intraoculare, altrimenti chiamata iposagmo, si verifica quando un piccolo vaso sanguigno è danneggiato, a seguito del quale una piccola quantità di sangue viene versata sotto la congiuntiva. L'iposagmo non ha alcun effetto sulla qualità della funzione visiva umana e si manifesta solo esternamente. Nella stragrande maggioranza dei casi, questo fenomeno non richiede una terapia speciale e nelle persone sane passa senza alcun intervento entro un paio di settimane. L'assistenza medica di emergenza può essere necessaria solo se l'iposagmo è provocato da gravi lesioni traumatiche, un forte aumento della pressione (intraoculare o arteriosa) e per altri motivi. [1]

Epidemiologia

Le statistiche esatte dell'insorgenza dell'iposagmo non vengono conservate, poiché la maggior parte delle persone con emorragie subcongiuntivali relativamente piccole semplicemente non cercano assistenza medica. L'incidenza dell'iposagmo è stata del 2,9% in uno studio su 8726 pazienti e si è verificato un aumento con l'età, soprattutto oltre i 50 anni. [2]Più comune anche nei giovani della tarda adolescenza e della mezza età;

La causa più comune della comparsa della patologia è considerata un aumento della pressione (ipertensione, sovraccarico fisico o da stress, sollevamento pesi, vomito, ecc.), nonché lesioni:

  • infortuni sul lavoro;
  • infortuni sportivi (più spesso durante il calcio, l'hockey, il tennis, il baseball, il pugilato, il paintball).

Un po' meno comuni sono le lesioni agli occhi che si verificano quando un airbag viene attivato in un incidente.

L'iposagmo è comune anche nei bambini: colpi e tocchi ricevuti durante i giochi attivi spesso portano alla sua comparsa.

Le cause iposagmo

Una delle principali cause di trauma ai capillari inclusi nel sistema di afflusso di sangue della congiuntiva e del sacco congiuntivale è l'ipertensione. Il sangue con maggiore forza colpisce le fragili pareti dei capillari, che sfondano, l'emorragia si verifica nello spazio subcongiuntivale e si forma l'iposagmo.

La pressione sanguigna nei capillari può aumentare per molte ragioni, ad esempio:

  • lesioni dirette agli occhi, alla testa, alla colonna vertebrale cervicotoracica;
  • funzione di coagulazione del sangue insufficiente;
  • leucemia; [3]
  • patologie croniche del sistema cardiovascolare, quali ipertensione, malattia coronarica, aterosclerosi, condizione dopo un recente infarto;
  • L'iposagmo petecchiale può verificarsi in infezioni sistemiche febbrili come zoonosi (malattia di tsutsugamushi, tifo, leptospirosi), febbre intestinale, malaria, sepsi meningococcica, endocardite batterica subacuta, scarlattina, difterite, influenza, vaiolo e vaiolo. [4], [5]

La congiuntivite emorragica acuta causata da enterovirus di tipo 70, una variante del virus Coxsackie A24 e meno comunemente di adenovirus di tipo 8, 11 e 19, è caratterizzata dall'insorgenza improvvisa di congiuntivite follicolare con secrezioni mucose, epifora, fotofobia, edema palpebrale e chemosi congiuntivale. È spesso associata a emorragie petecchiali multiple nella congiuntiva oculare superiore e bulbare superiore o emorragia subcongiuntivale diffusa, specialmente nel lato temporale. [6], [7]

L'iposagmo è stato riscontrato nel 22,9% di 61 giovani uomini immunocompetenti durante un'epidemia di morbillo oltre alla congiuntivite, che è una caratteristica diagnostica ben nota del morbillo. [8]È stato riportato che i pazienti con varicella e normale conta piastrinica hanno sviluppato iposagmo unilaterale dopo l'insorgenza di eruzioni cutanee tipiche senza altre complicanze oculari.[9]

  • patologie croniche del tratto gastrointestinale, accompagnate da una violazione delle feci, stitichezza frequente o prolungata;
  • malattie respiratorie accompagnate da attacchi di tosse o starnuti, ad esempio bronchite asmatica, pertosse, polmonite, tubercolosi, ecc.;
  • congiuntivite emorragica enterovirale;
  • patologie intestinali infettive e infiammatorie, avvelenamento, accompagnato da vomito;
  • qualsiasi malattia o condizione in cui può svilupparsi l'asfissia.
  • congiuntivocalasi. [10], [11]
  • amiloidosi oculare. [12], [13]

Hyposhagmus può comparire dopo interventi chirurgici (in particolare, dopo la correzione laser visione), dopo retrò e parabulbar somministrazione di farmaci  [14],  [15]e nelle donne - dopo il parto (soprattutto quelli più gravi associati a un lungo periodo di pressione).

Fattori di rischio

I capillari congiuntivali sono più vulnerabili e fragili rispetto ad altri vasi di questo calibro nel corpo. Una varietà di fattori, sia esterni che interni, possono influenzare la loro integrità. Un ruolo speciale è svolto dall'abuso di alcol, dal fumo sistematico, dalla mancanza di vitamine e microelementi e da uno stato di ipossia. Sotto l'influenza di tali ragioni, la fragilità capillare è aggravata e l'iposagmo periodico può acquisire un decorso cronico con temporanea compromissione della funzione visiva.

I fattori provocatori più comuni nello sviluppo dell'iposagmo sono le attività professionali o la pratica di determinati sport, in cui aumenta il rischio di lesioni alla testa, agli organi visivi, al collo e alla colonna vertebrale. Altre possibili cause includono disturbi circolatori, patologie del sistema cardiovascolare, diabete mellito, aterosclerosi e ipertensione. [16]In questi casi, il trattamento per l'iposagmo viene effettuato in accordo con la malattia originale. Si ritiene che il significativo aumento dell'incidenza sia correlato a un aumento della prevalenza dell'ipertensione sistemica dopo i 50 anni; anche il diabete mellito, l'iperlipidemia e la terapia anticoagulante diventano più frequenti con l'età. 

Con l'aterosclerosi e l'ipertensione, soffrono assolutamente tutti i vasi del corpo: perdono elasticità, diventano fragili. Le arterie si restringono e le vene, anzi, si espandono. [17]

I pazienti con diabete mellito spesso sviluppano angiopatia retinica (retinopatia diabetica), che può anche essere complicata non solo dall'iposagmo, ma anche dal distacco di retina con perdita irreversibile della funzione visiva.

Altri fattori meno comuni che possono portare allo sviluppo dell'iposagmo:

  • processi tumorali che colpiscono gli organi della vista, del cervello, della colonna vertebrale; [18], [19]
  • miopia, uveite, irite;
  • difetti vascolari;
  • sovraccarico fisico e nervoso.
  • uso di lenti a contatto. È stato riportato che l'incidenza di iposagmo associato alle lenti a contatto è del 5,0%. [20]
  • assunzione di determinati farmaci. Oltre agli anticoagulanti e ai farmaci antipiastrinici, in letteratura sono stati descritti diversi farmaci correlati all'iposagmo (SCH). Va tenuto presente che la terapia con interferone nei pazienti con epatite virale cronica può causare emorragia subcongiuntivale e la retinopatia e la terapia antivirale, compreso l'interferone polietilenico più ribavirina, possono causare iposagmo oltre agli effetti collaterali oftalmici vascolari. [21], [22]

Patogenesi

L'iposagmo è il rilascio di sangue (liquido emorragico) dal sistema vascolare della membrana congiuntivale con ulteriore accumulo nello spazio tra la sclera (membrana bianca dell'occhio) e la congiuntiva. La congiuntiva oculare è la membrana fibrosa esterna che è localizzata all'interno delle palpebre e all'esterno dell'occhio. Visivamente, si tratta di una sottile pellicola trasparente attraverso la quale è perfettamente visibile qualsiasi emorragia subcongiuntivale: sullo sfondo della membrana proteica compaiono macchie rosse, strisce o granelli che possono cambiare colore in giallastro o scuro.

La membrana congiuntivale è molto importante per mantenere un'adeguata funzionalità degli organi visivi: le strutture della membrana producono secrezioni lacrimali, senza le quali lo stato idrolipidico degli occhi verrà interrotto. Inoltre, il guscio è saturo di numerosi piccoli capillari - vasi di piccolo diametro. Le pareti dei capillari congiuntivali sono piuttosto vulnerabili e fragili. Non è difficile ferirli se la pressione sanguigna aumenta leggermente, in particolare con tosse, vomito, forti vibrazioni, ecc. [23]

Il sangue che fuoriesce dal capillare ferito scorre sotto la membrana connettivale, si mescola alle secrezioni lacrimali, dando luogo a un segreto emorragico, che è l'iposagmo.

Sintomi iposagmo

La sintomatologia dell'iposhagme è logica e abbastanza comprensibile: il sangue lascia il vaso capillare a causa di un motivo o per l'altro (scarsa coagulazione, anomalie piastriniche, disturbi dell'endotelio della membrana, ecc.), Forma un coagulo di sangue, che si manifesta stesso come una specie di macchia scarlatta. [24]

La maggior parte dei pazienti con iposagmo non esprime alcun chiaro reclamo associato a disabilità visiva o grave disagio e dolore. Oltre alle manifestazioni esterne, altri sintomi sono estremamente rari e possono essere caratteristici solo per il terzo grado dell'iposagmo, quando l'area della lesione con un ematoma supera ¾ dell'intero spazio subcongiuntivale. In una situazione simile, si uniscono i seguenti segni di iposagmo:

  • leggero disagio che può darti fastidio quando sbatti le palpebre;
  • sensazione mal espressa di un oggetto estraneo negli occhi, in assenza di sensazioni di taglio e taglio;
  • una macchia rossa è visualizzata esternamente anche da una grande distanza.

Poiché la membrana congiuntivale non ha neuroni sensoriali che ricevono la luce, l'aspetto dell'iposagmo non ha alcun effetto sul funzionamento del sistema di analisi visiva, quindi l'acuità visiva (sia centrale che periferica) non è compromessa.

Il momento immediato dell'emorragia e la formazione dell'iposagmo di solito passano impercettibilmente. Una persona nota i primi segni dopo essersi guardata allo specchio. Sulla parte bianca dell'occhio si trova una macchiolina rossa (insanguinata) di varie dimensioni. Il dolore e la disabilità visiva nella stragrande maggioranza dei casi sono assenti.

Iposagmo traumatico dell'occhio

L'emorragia subcongiuntivale indotta da trauma è facilmente identificabile visivamente. La macchia dell'iposagmo può essere piccola o piuttosto estesa, occupando più della metà o addirittura l'intera superficie del bulbo oculare e estendendosi anche oltre.

Un piccolo iposagmo è innocuo, non provoca danni alla vista e si dissolve senza lasciare traccia in breve tempo. Ma si deve capire che un'estesa emorragia traumatica può indicare una rottura subcongiuntivale della sclera, che indica una lesione aperta all'occhio. Per un medico è importante escludere una rottura passante della sclera in caso di iposagmo diffuso. Questo viene preso in considerazione quando si esegue la diagnostica, che include necessariamente la diafanoscopia e la revisione della sclera, oltre a determinare il sintomo di Prypechek - dolore nella proiezione del danno subcongiuntivale alla sclera in pazienti con iposagmo massiccio durante il sondaggio con una bacchetta di vetro. La valutazione dei sintomi viene eseguita dopo la pre-anestesia del bulbo oculare.

Fasi

L'iposagmo è suddiviso in base all'area dell'emorragia sottocongiuntivale:

  • Al primo grado dell'iposagmo, lo spazio sottocongiuntivale è riempito con meno di, mentre non c'è praticamente alcun disagio per il paziente.
  • Al II grado dell'iposagmo, il riempimento dello spazio sottocongiuntivale va da a ½ e i sintomi sono estremamente deboli.
  • Nel grado III, è interessato più della metà dello spazio sottocongiuntivale e i pazienti possono provare un leggero disagio quando sbatte le palpebre. Il dolore e la disabilità visiva sono rari.

Se viene riempito più di ¾ dello spazio subcongiuntivale, allora parlano di un terzo stadio pronunciato dell'iposagmo. La condizione può essere accompagnata da un disagio più grave, sensazioni spiacevoli di un oggetto estraneo negli occhi. In una situazione del genere, dovresti consultare un medico.

Complicazioni e conseguenze

L'iposagmo è molto raramente complicato da altre patologie. Il liquido emorragico che si accumula tra la congiuntiva e la sclera si dissolve gradualmente, lo speck scompare. La velocità con cui si verifica questo processo dipende da diversi fattori e il principale è il grado di emorragia. Può essere identificato dal colore dell'iposagmo.

Una macchia di colore rosso indica che solo pochi capillari sono danneggiati. Questo problema di solito scompare dopo pochi giorni, i capillari si riprendono rapidamente senza conseguenze.

Una macchiolina con una tinta bordeaux, che si diffonde a circa il 50% della superficie bianca, scompare entro 2-3 settimane senza complicazioni.

Una macchia simile a un coagulo di sangue che si estende su oltre il 50% della superficie oculare indica un danno al tessuto ottico. In una tale situazione, sono possibili complicazioni con l'iposagmo, è meglio consultare un medico qualificato.

In casi difficili, è possibile ridurre l'acuità e la qualità della funzione visiva, la comparsa di scintille, lampi di luce e puntini volanti davanti agli occhi. La probabilità di contrarre un'infezione con lo sviluppo di processi infettivi e infiammatori negli occhi non è esclusa.

L'iposagmo ha un aspetto piuttosto sgradevole, ma questo fenomeno non deve spaventare: nonostante le manifestazioni esterne, la macchiolina sanguinolenta non intacca lo stato di salute generale e non pregiudica la funzionalità degli organi visivi. Tuttavia, se lo spot è grande o se si ripresenta, è necessario consultare un oftalmologo.

Diagnostica iposagmo

La fase iniziale della diagnosi dell'iposagmo consiste in un esame esterno, una valutazione dello stato visivo dell'occhio, la determinazione della dimensione del punto e la scala dello spazio subcongiuntivale interessato.

Per escludere la probabilità di infezioni e processi infiammatori nella congiuntiva, viene eseguita la biomicroscopia. Per identificare altre possibili emorragie e sanguinamento che interessano la camera oculare anteriore, viene eseguita la gonioscopia, una procedura durante la quale viene esaminata la camera anteriore utilizzando una lampada a fessura e occhiali speciali - gonioline.

Durante l'esame, è molto importante che il medico escluda danni all'integrità del vaso venoso centrale della retina, nonché alla retina stessa e al nervo ottico. Per questo, viene eseguita l'oftalmoscopia del fondo.

I test di laboratorio per l'iposagmo includono un esame del sangue generale con un coagulogramma. Tale diagnosi è necessaria per l'eventuale identificazione di fattori provocatori che richiedono una terapia sistemica. Si tratta di disturbi emostatici, coagulo ed emoglobinopatie, ecc.

La diagnostica strumentale per i pazienti con iposagmo è prescritta nell'ambito della rilevazione di patologie oftalmiche, traumi dell'apparato visivo, malattie del sistema cardiovascolare e organi ematopoietici. In alcuni casi, sono necessarie tali procedure diagnostiche:

  • esame ecografico degli organi addominali;
  • esame ecografico del torace, del cuore;
  • angiografia;
  • risonanza magnetica del cervello;
  • fluoroscopia.

Secondo i risultati della ricerca, il medico può elaborare un quadro clinico completo, trovare la causa della comparsa dell'iposagmo e fare una diagnosi.

Diagnosi differenziale

È molto importante distinguere l'iposagmo comune da altre malattie con manifestazioni cliniche simili, in particolare da ipoftalmo e ifema.

 

Con iposagmo

Con ifema

Con emoftalmo

Posizione dell'emorragia

Nello spazio subcongiuntivale

Nella camera oculare anteriore nella zona dell'iride

Nel vitreo

Fotofobia

Assente

Regalo

Regalo

La comparsa della "nebbia" davanti agli occhi

Assente

Regalo

Regalo

Disfunzione del meccanismo di analisi visiva

Solo al III grado di patologia, quando si riempie con un coagulo di sangue più di ¾ dello spazio subcongiuntivale

Regalo

Regalo

Segni neurologici

Assente

Probabile

Nella maggior parte dei casi, ci sono

Chi contattare?

Trattamento iposagmo

Nella stragrande maggioranza dei pazienti con iposagmo, la patologia scompare senza alcun intervento entro 1-3 settimane: non è necessario un trattamento speciale. Il primo trattamento descritto in letteratura è stata la terapia dell'aria (AIR THERAPY). [25] Solo a volte è necessario eseguire una terapia che elimini la causa principale dell'emorragia - ad esempio, il medico prescrive farmaci per correggere la coagulazione del sangue, ecc.

A seconda delle indicazioni, con iposagmo, il medico può prescrivere i seguenti farmaci:

  • Agenti esterni antimicrobici - colliri Levofloxacina, Levomicetina, Tobrex - sono prescritti per un comprovato processo infettivo negli occhi.
  • I preparati per eliminare la secchezza della mucosa - Vizin, Taufon, lacrime artificiali - sono prescritti per mantenere un'adeguata idratazione e attivare la rigenerazione cellulare. Grazie a tali farmaci, si verifica la stabilizzazione e la compattazione del film lacrimale precorneale e il riassorbimento dell'iposagmo viene accelerato. I fondi indicati vengono instillati negli occhi 5-6 volte al giorno.
  • Preparati con proprietà angioprotettive e vasodilatatrici - Diosmina, Pentossifillina, Vincarmina - facilitano la circolazione sanguigna capillare, rafforzano le pareti vascolari, le rendono elastiche. Inoltre, gli angioprotettori prevengono la congestione vascolare nell'iposagmo.

Il trattamento farmacologico è completato dall'assunzione di preparati complessi multivitaminici. Ciò è necessario per correggere la funzione visiva e migliorare le condizioni delle pareti dei capillari. I complessi devono contenere acido ascorbico, vitamine A ed E, B, nonché cromo, zinco. Se l'iposagmo ha acquisito un decorso cronico ricorrente, il dosaggio delle vitamine viene aumentato, viene aggiunta la vitamina P.

Ai pazienti con grave iposhagma causato da congiuntivite emorragica acuta vengono somministrate iniezioni subcongiuntivali nasali e temporali di attivatore tissutale del plasminogeno. [26],  [27], [28]

I pazienti con ipertensione, diabete mellito, aterosclerosi sono trattati con le malattie corrispondenti. Se un paziente con iposagmo ha assunto farmaci antipiastrinici o anticoagulanti,  [29] vengono annullati e viene eseguito un esame completo del corpo con un'ulteriore correzione delle prescrizioni.

Prevenzione

Non esistono misure preventive specifiche per prevenire la comparsa dell'iposagmo. I medici consigliano di pensare in anticipo alla prevenzione delle lesioni alla testa e, in particolare, agli organi visivi, perché utilizzare dispositivi di protezione durante l'esecuzione di attività professionali, durante lo sport, ecc. Inoltre, è importante mantenere la propria salute, monitorare la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue...

Le misure preventive possono anche essere dirette all'ottimizzazione del lavoro del sistema cardiovascolare, al rafforzamento della parete vascolare e alla sua elasticità:

  • L'alimentazione deve essere completa e varia, con l'inserimento nella dieta di alimenti vegetali ricchi di vitamine e minerali. È indispensabile consumare regolarmente pesce di mare, erbe aromatiche, verdure, bacche, legumi. Questi prodotti aiuteranno a rafforzare la rete capillare e prevenire la fragilità vascolare.
  • Al fine di evitare i fenomeni di ipossia tissutale, è necessario mantenere l'attività fisica, camminare per almeno 1-1,5 ore al giorno.
  • In presenza di rischi professionali, è importante proteggere gli organi visivi con l'ausilio di speciali scudi o occhiali.
  • La ginnastica oculare dovrebbe essere eseguita quotidianamente, che include una serie di esercizi per supportare il tono vascolare e migliorare la microcircolazione. Di solito, tale ginnastica consiste in spremitura ripetitiva, sbattere le palpebre, ruotare i bulbi oculari, ecc.

Per prevenire l'iposagmo, è necessario visitare un oftalmologo almeno una volta all'anno. Se sono presenti malattie somatiche - in particolare diabete mellito o ipertensione - è importante una visita medica obbligatoria ogni sei mesi.

Previsione

L'iposagmo è una condizione patologica caratterizzata dal rilascio di sangue e liquido emorragico nello spazio tra la proteina della membrana dell'occhio e la congiuntiva. La condizione di solito non è accompagnata dallo sviluppo di complicanze e viene eliminata in modo indipendente per diversi giorni (a volte settimane). Nella stragrande maggioranza dei casi, non è richiesto alcun trattamento speciale. La necessità della terapia farmacologica si manifesta con lo sviluppo di processi infettivi e infiammatori, o in presenza di malattie primarie che hanno innescato l'insorgenza dell'iposagmo. [30]

In generale, per i pazienti con iposagmo, la prognosi è prevalentemente favorevole. Gli oftalmologi praticanti notano che questo disturbo raramente si riversa in gravi complicazioni.

Se un paziente sviluppa iposagmo ricorrente cronico, si consiglia di consultare un medico per un esame preventivo almeno ogni 6 mesi. Controlli regolari ridurranno al minimo la probabilità di ricadute.

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.