^

Salute

Anatomia del sistema nocicettivo

, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La percezione di effetti dannosi è effettuata dai nocicettori. I nocicettori, scoperti per la prima volta nel 1969 da E.Perl e A.Iggo, sono desinenze non codificate di A8 e C-afferenti. A seconda della modalità (la natura dello stimolo stimolante) i nocicettori sono suddivisi in meccanonocicettori, termoconceptori e nocicettori polimodali.

Il primo neurone della via nocicettiva dal tronco e dalle estremità si trova nei gangli spinali, dalla testa e dalla faccia - nel ganglio trigemino. La maggior parte degli afferenti nocicettivi entrano anche nel midollo spinale attraverso le radici posteriori e terminano sui neuroni del corno anteriore. Il neuroistologo svedese B.Rexed nel 1952 propose la separazione della materia grigia del midollo spinale, che ora porta il suo nome: le piastre di Reksed.

La trattati spinale neuroni nocicettivi, flussi informativi nel cervello di spinotalamico (comprendente neo e tratto paleospinothalamic), spinomezentsefalnomu, percorsi spinoretikulyarnomu e montati posteriori del midollo spinale. Il compito di informazioni nocicettive - assicurare il riconoscimento degli effetti dannosi e la sua posizione, attivare un risposta di evitamento, bloccando il flusso eccessivo di informazioni nocicettive nocicettiva dalla testa e del viso viene trasmessa attraverso il sistema del nervo trigemino.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10]

Classificazione del dolore

Esistono tre principali tipi di sindromi dolorose:

  1. somatogeno (dolore nocicettivo),
  2. neurogenico (dolore neuropatico),
  3. psicogeno (dolore psicogeno).

Nociceptive si riferisce alle sindromi che si verificano quando i nocicettori vengono attivati nel trauma, nell'infiammazione, nell'ischemia e nello stiramento dei tessuti.Il dolore nocicettivo è diviso in somatico e viscerale. Clinicamente, le sindromi dolorose post-traumatiche e postoperatorie, il dolore associato all'infiammazione delle articolazioni, i muscoli, il dolore oncologico, il dolore nella colelitiasi e molti altri si distinguono.

Il dolore neuropatico è il dolore che si verifica come conseguenza diretta di un danno o di una malattia che colpisce il sistema somatosensoriale. Gli esempi più eclatanti di dolore neuropatico sono la nevralgia, la sindrome fantasma, il dolore nella neuropatia periferica, il dolore da deafferentazione e la sindrome da dolore talamico.

Il dolore psicogeno si verifica indipendentemente dal danno somatico, viscerale o neuronale ed è più determinato da fattori psicologici e sociali. Si ritiene che il fattore determinante nel meccanismo dell'origine del dolore psicogeno sia lo stato mentale di una persona. Probabilmente, sotto la maschera del dolore psicogeno, c'è un dolore neuropatico, il cui meccanismo non lo sappiamo ancora.

Nella pratica clinica, è spesso necessario incontrare forme miste di sindromi dolorose (sindrome del dolore combinato), che è opportuno riflettere nella diagnosi per costruire tattiche terapeutiche.

È molto importante dividere il dolore in parametri temporali in acuto e cronico. Il dolore acuto si verifica a causa di effetti nocicettivi che possono essere causati da traumi, malattie, e la disfunzione dei muscoli e organi interni. Questo tipo di dolore è di solito accompagnata da stress neuro-endocrino, la cui gravità è proporzionale all'intensità di esposizione. Dolore acuto "destinato" per rilevare, localizzare e danni ai tessuti limite, così è chiamato dolore nocicettivo. I tipi più comuni di dolore acuto: post-traumatico, post-operatorio. Dolore al parto, così come il dolore associato a malattie acute degli organi interni. Nella maggior parte dei casi, il dolore acuto si risolve da solo o come conseguenza del trattamento per diversi giorni o settimane. Nei casi in cui, a causa di una rigenerazione compromessa o di un trattamento improprio, il dolore persiste, diventa cronico. Il dolore cronico è caratterizzato da ciò che rimane dopo la risoluzione della fase acuta della malattia o dopo un tempo sufficiente per la cura. Nella maggior parte dei casi, questo periodo varia da 1 a 6 mesi. La causa di dolore cronico può essere effetti periferici nocicettivi, così come disfunzione del sistema nervoso periferico o centrale. Risposta neuroendocrina allo stress è indebolito o assente hanno visto una disturbi del sonno segnalati e affettiva quando stroystva.

Con importanti posizioni teoriche e clinici è la classificazione proposta da GN Kryzhanovsky (1997,2005), condividere il dolore del fisiologico e patologico. Normalmente il dolore è un meccanismo di protezione eziologica: il suo aspetto induce funzioni adattive volte ad eliminare gli effetti nocicettivi o il dolore diretto. Dolore patologico perde la sua funzione protettiva, è significato maladaptive e patologico per l'organismo. Stoppable, severo, dolore patologico shotsionalnye provoca disturbi mentali, la disintegrazione del attività del sistema nervoso centrale, frequenti azioni suicide, i cambiamenti strutturali e funzionali e danni agli organi interni e il nulla cardiovascolare, cambiamenti del tessuto degenerative, alterata funzione autonomica e la sistema endocrino, l'immunodeficienza secondaria. Il dolore miologico può verificarsi con varie forme di patologia somatica e patologia del sistema nervoso, acquisendo lo status di una nosologia indipendente.

Manifestazioni di dolore patologico (Kryzhanovskii GN, 1997)

  • causalgia
  • Gipyerpatiya
  • Giperalgeziya
  • allodinia
  • Espansione e comparsa di nuove zone ricettive
  • Dolore riflesso
  • Attacchi spontanei di dolore senza provocazione
  • Aumento dell'intensità del dolore durante un attacco spontaneo o provocato
  • Dolore permanente e persistente, non dipendente dalla stimolazione

Avendo scoperto i segni clinici elencati, il medico può diagnosticare con sicurezza il dolore patologico del paziente con possibili conseguenze fatali. Soprattutto vorrei soffermarmi sulla spiegazione dei termini legati al concetto di "dolore",
poiché in pratica i medici non li usano sempre correttamente.

  • Allodinia - Percezione della stimolazione non nocicettiva come dolore
  • Analgesia - Mancanza di percezione del dolore
  • Anestesia - Mancanza di percezione di tutti i tipi di sensibilità
  • Anestesia dolorosa - Una sensazione di dolore nella zona del corpo che è in anestesia
  • Disestesia: sensazioni sgradevoli o patologiche con o senza stimolazione
  • Ipoalgesia - Risposta indebolita allo stimolo nocicettivo
  • Iperalgesia - Eccessiva reazione allo stimolo nocicettivo
  • Iperestesia - Reazione eccessiva a uno stimolo debole non nocicettivo
  • Iperpatia - Una combinazione di iperestesia, allodinia e iperalgesia, solitamente associata ad una maggiore reattività e persistente dopo la cessazione dell'irritazione.
  • Ipoestesia: riduzione della sensibilità della pelle (cioè sensazioni tattili, di temperatura e di pressione)
  • Nevralgia - Dolore nella zona di innervazione di uno o più nervi
  • Parestesia - Sensazioni patologiche percepite in assenza di una stimolazione esplicita
  • Causalgia - Dolore intenso, bruciante, spesso insopportabile

trusted-source[11], [12], [13], [14], [15], [16], [17], [18]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.