^

Salute

A
A
A

Avvelenamento con acido acetilsalicilico

 
, Editor medico
Ultima recensione: 24.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

 

L'avvelenamento da salicilati può causare vomito, tinnito, frustrazione, ipertermia, alcalosi respiratoria, acidosi metabolica e insufficienza multiorgano. La diagnosi si basa su dati clinici ed è confermata da test di laboratorio (il contenuto di elettroliti nel sangue, i gas del sangue, la concentrazione di salicilati nel sangue). Il trattamento comprende carbone attivo, diuresi alcalina ed emodialisi.

L'ingestione acuta di oltre 150 mg / kg del farmaco può causare un grave avvelenamento. Le compresse di salicilato possono formare bezoara, prolungando l'assorbimento e l'avvelenamento. L'avvelenamento cronico può verificarsi diversi giorni dopo aver ricevuto alte dosi terapeutiche, si riscontra spesso, in alcuni casi non viene diagnosticato, causa una condizione più grave rispetto a un sovradosaggio acuto. L'avvelenamento cronico è più comune nei pazienti anziani.

La forma più concentrata e tossica di salicilati è l'olio di alutria (metil salicilato, un componente di alcuni linimenti e soluzioni utilizzate in profumeria), l'assunzione di <5 ml dei quali può uccidere un bambino.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9]

Fisiopatologia dell'avvelenamento con acido acetilsalicilico

I salicilati interrompono la respirazione cellulare, rompendo la catena della fosforilazione ossidativa. Stimolano il centro respiratorio del midollo allungato, causando alcalosi respiratoria primaria, che spesso non è riconosciuta nei bambini piccoli. Allo stesso tempo, e indipendentemente da alcalosi respiratoria, i salicilati causano l'acidosi metabolica primaria. In definitiva, quando i salicilati escono dal sangue e penetrano nelle cellule, dove colpiscono i mitocondri, si sviluppa l'acidosi metabolica - il disturbo fondamentale dell'equilibrio acido-base.

Avvelenamento con salicilati porta anche a chetosi, febbre, una diminuzione del glucosio nel cervello, nonostante l'assenza di ipoglicemia sistemica. La disidratazione si sviluppa a causa di perdite di fluidi ed elettroliti (K, Na) nelle urine, nonché a causa di aumentate perdite respiratorie del fluido.

I salicilati sono acidi deboli e passano attraverso le membrane cellulari relativamente facilmente, quindi sono più tossici a un basso pH del sangue. Disidratazione, ipertermia e uso continuato aumentano la tossicità dei salicilati a causa di una maggiore distribuzione del farmaco nel tessuto. L'escrezione di salicilato aumenta con l'aumento del pH delle urine.

Sintomi di avvelenamento con acido acetilsalicilico

Nel sovradosaggio acuto, i primi sintomi includono nausea, vomito, tinnito e iperventilazione. I sintomi tardivi comprendono iperattività, febbre, confusione e convulsioni. Nel tempo, rabdomiolisi, insufficienza renale e respiratoria acuta sono possibili. L'iperattività può rapidamente cambiare in letargia; L'iperventilazione (con alcalosi respiratoria) è sostituita dalla gipoventilazione (acidosi respiratoria e metabolica mista) e insufficienza respiratoria.

Nel sovradosaggio cronico, la sintomatologia non è specifica e varia ampiamente. Possono verificarsi stordimento lieve, alterazioni dello stato mentale, febbre, ipossia, edema polmonare non cardiogeno, disidratazione, acidosi lattica e ipotensione.

Diagnosi di avvelenamento con acido acetilsalicilico

Avvelenamento da salicilati deve essere sospettata nei pazienti con un singolo sovradosaggio acuto della storia o alla somministrazione ripetuta di dosi terapeutiche (in particolare in presenza di febbre e disidratazione), in pazienti con inspiegabile acidosi metabolica e nei pazienti anziani con disturbi inspiegabili della coscienza e febbre. Per sospetto avvelenamento necessario per determinare la concentrazione di salicilato nel plasma sanguigno (composto, almeno parecchie ore dopo la somministrazione), il pH delle urine, emogasanalisi, elettroliti, glucosio, creatinina e urea.

Quando si sospetta la rabdomiolisi, è anche necessario determinare il CKK ematico e la concentrazione di mioglobina nelle urine.

Salicilati implicano avvelenamento grave quando la concentrazione plasmatica è molto superiore al range terapeutico (10-20 mg / dl), soprattutto per 6 ore dopo l'intossicazione, quando quasi completato l'assorbimento del farmaco, così come i cambiamenti acidemia e composizione di gas del sangue tipica di salicilati avvelenamento . Tipicamente durante le prime ore dopo la somministrazione della composizione del gas nel sangue indica alcalosi respiratoria, dopo - su un acidosi metabolica compensata o acidosi metabolica alcalosi misto / respiratoria. In ultima analisi, di solito almeno ridurre le concentrazioni di salicilati violazione fondamentale dell'equilibrio acido-base diventa o subcompensated o scompensato acidosi metabolica. Quando l'insufficienza respiratoria sviluppa gas ematici indicativi di un metabolica misto e acidosi respiratoria, radiografia evidenzia infiltrati polmonari diffuse. La concentrazione di glucosio nel plasma sanguigno può essere entro i limiti normali, aumentati o diminuiti. Misurazioni ripetute della concentrazione di salicilati possono stabilire il fatto che il loro assorbimento continua e, contemporaneamente a questo studio, dovrebbe essere determinata la composizione gassosa del sangue. L'aumento di CKK di siero di sangue e mioglobina di urina testimonia a rabdomiolisi.

trusted-source[10], [11], [12], [13], [14], [15]

Chi contattare?

Trattamento di avvelenamento con acido acetilsalicilico

Il carbone attivo deve essere somministrato il prima possibile e, con la peristalsi preservata, ripetere l'assunzione ogni 4 ore fino alla comparsa del carbone nelle feci.

Dopo la correzione dei disturbi elettrolitici e la reidratazione, la diuresi alcalina può essere utilizzata per aumentare il pH delle urine (idealmente> 8). La diuresi alcalina è indicata per i pazienti con qualsiasi sintomo di avvelenamento e non deve essere rimandata fino a quando non viene determinata la concentrazione di salicilato. Il metodo è sicuro e aumenta esponenzialmente l'escrezione dei salicilati. Poiché ipokaliemia può interferire diuresi alcalina, pazienti somministrate la soluzione per infusione composto da 1 litro di soluzione di glucosio 5% o soluzione di sodio cloruro 0,9%, NaHCO 3 fiale da 50 mEq, 40 mEq KCI, ad una velocità superiore alla velocità di infusione endovenosa supporta 1 , 5-2 volte. Monitora la concentrazione di plasma K +.

I farmaci che aumentano la concentrazione di acido urinario nelle urine (acetazolamide) devono essere evitati, poiché aggravano l'acidosi metabolica e abbassano il pH del sangue. Evitare i farmaci che deprimono il centro respiratorio, che può causare ipoventilazione, alcalosi respiratoria e una diminuzione del pH del sangue.

L'ipertermia può essere trattata con mezzi fisici, come il raffreddamento esterno. Con i crampi, vengono utilizzate benzodiazepine. Nei pazienti con rabdomiolisi, la diuresi alcalina può prevenire l'insufficienza renale.

Per accelerare l'eliminazione dei salicilati nei pazienti con disturbi neurologici, insufficienza renale o respiratoria e acidemia, anche se altri provvedimenti già presi, e con una elevata concentrazione di salicilato nel plasma [> 100 mg / dl (> 7,25 mmol / L) ad può essere necessario un sovradosaggio acuto o> 60 mg / dl (> 4,35 mmol / L) per l'emodialisi cronica].

È importante sapere!

Il botulismo ha un periodo di incubazione che dura fino a un giorno, meno spesso fino a 2-3 giorni, in casi singoli fino a 9-12 giorni. Con un periodo di incubazione più breve, si osserva il decorso più grave della malattia, sebbene non sempre. Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.