^

Salute

A
A
A

Classificazione dell'osteoartrite

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Attualmente, non esiste un approccio unificato alla terminologia e alla classificazione dell'osteoartrosi nella pratica clinica mondiale. Durante la stesura di questo capitolo, gli autori hanno cercato di unificare le informazioni disponibili e giustificare l'uso nella pratica reumatologica (nonché nella pratica dei medici di specialità correlate) della terminologia e della classificazione dell'osteoartrosi, proposta dall'Associazione di Reumatologia dell'Ucraina, nello sviluppo di cui gli autori hanno preso parte.

La confusione nella terminologia dell'osteoartrite è in circolazione da molto tempo. I medici che hanno a che fare con il problema delle malattie delle articolazioni, hanno variamente designato questa patologia. Ad esempio, l'elenco di osteoartrosi è tutt'altro che completo.

  • Artrite deformante (Virchow)
  • Artrite degenerativa
  • Artrite ipertrofica (Goldthwaite)
  • Artrite ipertrofica senile (Hench)
  • Artrite secca (cacciatore)
  • Artrite senile (Hench)
  • Artropatia deformante (Barcelo)
  • Artropatia degenerativa (Abrams)
  • Artropatia degenerativa multipla
  • Artrosclerosi (Lucherini)
  • Artrosi deformante
  • Artrosynovit secco
  • Artrosi secca
  • Artrosi senile
  • Condroosteoartrite ipertrofica degenerativa (Weil MP)
  • Malattia degenerativa articolare (Lunedei; Bauer e Bennett)
  • OcTeoapTpHT (A.Garrod)
  • Osteoartrite degenerativa cronica (Bezancon e Weil)
  • Osteoartrite degenerativa ipertrofica (Bezancon e Weil)
  • osteoartrite
  • Poliartrite progressiva secca (Weissenbach e Francon)
  • Reumatismo ambulatoriale
  • Reumatismo articolare cronico (Cruveilhier)
  • Reumatismo articolare cronico incompleto (Charcot)
  • Reumatismo degenerativo cronico (Nichols and Richardson)
  • Reumatismo ipertrofico cronico (Nichols and Richardson)
  • Reumatismo ossalgico cronico
  • Reumatismo osteoptico cronico
  • Reumatismo cronico incompleto
  • Semplice reumatismo cronico (Besnier)
  • Reumatismo deformante (Virchow)
  • Reumatismo degenerativo
  • Geberd's Rheumatism (Charcot)
  • Reumatismo sinoviale

Alcuni dei termini sopra riportati riflettono un significato clinico e patogenetico oggettivo, come "l'artrite ipertrofica senile" e, cosa più importante, si oppongono all'osteoartrite ad altre malattie delle articolazioni.

Attualmente, il più comune al mondo è il termine "osteoartrite", nei paesi della CSI, così come in alcuni paesi europei (Germania, Francia), il termine "osteoartrosi". Alla luce delle attuali conoscenze sulla patogenesi dell'osteoartrite, il primo termine riflette in misura maggiore l'essenza della malattia. Allo stesso tempo, non vediamo la necessità di modificare la terminologia generalmente accettata nel nostro paese e raccomandiamo di usare il termine "osteoartrosi".

È ancora possibile trovare la diagnosi di "deformità (osteo) artrosi" o "poliartrite metabolico-distrofica" nelle cartelle cliniche (anamnesi, carta ambulatoriale, rinvio per consultazione, ecc.). Entrambi i termini sono obsoleti e assenti nell'ICD-10, non dovrebbero essere usati durante la formulazione di una diagnosi clinica. Nel primo caso, è consigliabile evitare la parola "deformando", e nel secondo - usare il termine "polyosteoarthrosis".

Molti problemi irrisolti nella classificazione dell'osteoartrite. Considera i principali.

Alla domanda di osteocondrosi spinale. La maggior parte delle classificazioni (ad esempio, nella classificazione ACR di seguito) includono osteocondrosi nel gruppo di osteoartrosi della colonna vertebrale, ma per definizione, patogenesi e quadro clinico di osteoartrosi spinale e osteocondrosi spinale sono malattie completamente diverse:

  • Per definizione, l'osteoartrosi è una malattia delle articolazioni sinoviali (diartrosi), nel caso della spina dorsale, osteoartrosi delle cosiddette articolazioni apofisarie (articolazione tra i processi articolari superiori dei processi articolari inferiori e inferiori delle soprastanti vertebre), osteocondrosi-degenerazione delle articolazioni cartilaginee delle soprastanti vertebre, e osteocondrosi-degenerazione delle arterie cartilaginee. Dischi intervertebrali. L'osteoartrite e l'osteocondrosi sono combinati in un gruppo di malattie degenerative delle articolazioni;
  • l'artrosi della colonna vertebrale è caratterizzata dalla dissociazione tra il quadro radiologico e clinico della malattia - anche una significativa progressione dei cambiamenti morfologici nelle articolazioni apofisarie, inclusa la formazione di grandi osteofiti, di regola, non si manifesta clinicamente; nell'osteocondrosi - al contrario, c'è una chiara connessione tra la distruzione dei dischi intervertebrali, determinata radiograficamente, e la manifestazione clinica (sindrome radicolare).

Naturalmente, l'osteoartrite spinale e l'osteocondrosi sono malattie che spesso si accompagnano a vicenda, poiché i cambiamenti nelle articolazioni sinoviali aumentano notevolmente il carico sui dischi, il che porta all'osteocondrosi e viceversa. Tuttavia, l'American College of Rheumatology, la Società Italiana di Reumatologia e altri (vedi sotto) combinarono queste due diverse malattie in un unico gruppo.

Tutto quanto sopra si riflette nell'ICD-10. Secondo questa classificazione, l'osteoartrosi appartiene alla voce ARTHROSES M15-M 19, OA della colonna vertebrale appartiene alla voce M47 e osteocondrosi della colonna vertebrale - alla voce M40-M43 DEFORMING DORSOPATIA.

Sulla questione della forma di nodulare polyosteoarthrosis A. Le classificazioni dei paesi della CSI (per esempio, nella classificazione e MG VA Nasonova Astapenko, 1989) ha individuato due clinica (enfasi aggiunta) forma polyosteoarthrosis (AEP) - nodulare e bezuzelkovuyu. Secondo la classificazione ACR (1986), nodulare e opzioni bezuzelkovy evidenziati nei giunti di artrosi delle mani: la presenza di noduli di Bouchard e Heberden classificato come l'artrosi nodulare delle mani, e la presenza di "erosione" (questo non è l'erosione RA classico, e più specificamente, intermittente linea corticale sulle radiografie delle mani) - come osteoartrosi nasale o erosiva delle mani. Pertanto, la questione discutibile rimane circa la fattibilità di estendere la gradazione di osteoartrite delle mani all'intero POA (o osteoartrosi generalizzata, secondo gli autori di lingua inglese).

Sulla questione della politeoartrosi (osteoartrosi generalizzata). Classificazioni e monografie domestiche non indicano quale osteoartrosi sia considerata polioartartrosi. Secondo JH Kellegren, autore del termine "osteoartrite generalizzata" che per primo ha descritto questa opzione, l'artrosi generalizzata significa "... La presenza di segni radiologici di osteoartrosi in 6 o più gruppi di articolazioni, di solito nel dito I metacarpo-falangea e nelle dita interfalangee II-V prossimali della mano ( nodi di Geberden), articolazioni apofisarie della colonna vertebrale, del ginocchio, delle articolazioni dell'anca, nonché nelle articolazioni tarsus-metatarsali del primo dito ". ACR (1986) ha ridotto il numero di gruppi di articolazioni per stabilire la diagnosi di un ASA a tre: "L'osteoartrosi generalizzata è la sconfitta di tre o più gruppi (e non di articolazioni, come spesso i reumatologi considerano) delle articolazioni.

Alla domanda di osteoartrosi del ginocchio. Allo stato attuale, la letteratura nazionale non indica la divisione dell'articolazione del ginocchio in regioni o sezioni (nella letteratura straniera - compartimento) - patellofemorale (femoro-rotulea) e tibiofemorale laterale e mediale (tibiale-femorale). Allo stesso tempo, in tutti i manuali stranieri viene sottolineata l'importanza di tale divisione. Quindi, secondo PA Dieppe (1995), l'osteoartrosi isolata è più comune nell'articolazione tibio-femorale mediale e nelle lesioni combinate dei reparti tibiofemorale e femoro-rotulea mediale; l'osteofitosi si trova più spesso nella regione tibio-femorale laterale e la distruzione della cartilagine articolare è solitamente più pronunciata nella mediale, il che porta allo sviluppo della deformità in varo. Secondo la testimonianza di E.E. McAlindon ed altri (1993), la regione mediale tibiofemoral è colpita nel 75% dei casi, il laterale - nel 26%, e il rotulofemorale - nel 48%. L'ACR evidenzia la gonartrosi dell'articolazione tibiofemorale mediale, dell'articolazione tibiofemorale laterale e dell'articolazione femoro-rotulea.

Classificazione dell'osteoartrosi secondo l'ICD-10

Artrosi (Ml5-M 19)

Nota. In questo blocco, il termine "osteoartrite" è usato come sinonimo del termine "osteoartrite" o "osteoartrite". Il termine "primario" è usato nel suo solito significato clinico.

Escluso: osteoartrosi della colonna vertebrale (M47.-)

Polartro M15

Incluso: artrosi di più di un giunto

Escluso: danno bilaterale delle stesse articolazioni (M l6-M19)

M15.0 Artrosi generalizzata primaria (osteo)

M15.1 nodi Heberden (con artropatia)

Nodi Bushar M15.2 (con artropatia)

M15.3 Artrosi multipla secondaria

Poliartrosi post-traumatica

M15.4 Artrosi erosiva (osteo)

M15.8 Altre poliartrosi

М15.9 Polyarthrose, uspecificeret

Osteoartrosi generalizzata NOS

Coxartrosi M16 [artrosi dell'articolazione dell'anca]

M16.0 coxartrosi primaria bilaterale

M16.1 Altra coxartrosi primaria

Coxartrosi primaria:

  • BSU
  • unilaterale

Ml6.2 Coxartrosi a seguito di displasia bilaterale

M16.3 Altra coxartrosi displastica

Coxartrosi displastica:

  • BSU
  • unilaterale

M16.4 coxartrosi posttraumatica bilaterale

M16.5 Altro coxartrosi post-traumatico

Coxartrosi posttraumatica:

  • BSU
  • unilaterale

M16.6 Altro coxartrosi secondaria bilaterale

M16.7 Altre coxartrosi secondaria

Coxartrosi secondaria:

  • BSU
  • unilaterale

М16.9 Uspecificeret coxarthrose

M17 Gonartrosi [osteoartrosi dell'articolazione del ginocchio]

M17.0 gonartrosi primitiva bilaterale

M17.1 Altre gonartrosi primarie

Gonartrosi primitiva:

  • BSU
  • unilaterale

M17.2 gonarthrosis post-traumatico bilaterale

M17.3 Altre gonartrosi post-traumatica

Gonartrosi post-traumatico:

  • BSU
  • unilaterale

M17.4 Altre gonartrosi secondaria bilaterale

M17.5 Altre gonartrosi secondarie

Gonartrosi secondaria:

  • BSU
  • unilaterale

М17.9 Gonarthrose, uspecificeret

Artrosi M18 della prima articolazione carpometacarpica

M18.0 Artrosi primaria della prima articolazione carpale-metacarpale bilaterale

M18.1 Altre artrosi primarie della prima articolazione carpale-metacarpale

Artrosi primitiva della prima articolazione carpometacarpica:

  • BSU
  • unilaterale

M18.2 Artrosi post-traumatica della prima articolazione carpale-metacarpale bilaterale

M18.3 Altre artrosi post-traumatiche della prima articolazione carpale-metacarpale

Artrosi post-traumatica della prima articolazione carpometacarpica:

  • BSU
  • unilaterale

M18.4 Altre artrosi secondaria della prima articolazione carpale-metacarpale bilaterale

M18.5 Altre artrosi secondarie della prima articolazione carpale-metacarpale

Artrosi secondaria della prima articolazione carpometacarpica:

  • BSU
  • unilaterale

M18.9 Artrosi della prima articolazione carpometacarpica, non specificata

M19 Altre artrosi

Non comprende:

  • artrosi della colonna vertebrale (M 47.-)
  • Alluce rigido (M20.2)
  • poliartrosi (M15.-)

M19.0 artrosi primaria di altre articolazioni

Artrosi primaria NOS

M19.1 artrosi post-traumatica di altre articolazioni

Artrosi post-traumatico

M 19.2 Artrosi secondaria di altre articolazioni

Artrosi secondaria NOS

M19.8 Altre artrosi specificate

Artrosi di M19.9, non specificata

M47 Artrosi della colonna vertebrale

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

Classificazione dell'osteoartrite American Collage of reumatology (ACR)

I. Idiopatico (primario)

A. Localizzato

1. Spazzole:

  • noduli di Geberden e Bouchard (forma del nodo)
  • artrosi erosiva delle articolazioni interfalangee (forma non nodulare)
  • osteoartrite dell'articolazione navicolare-metacarpale
  • osteoartrite dell'articolazione trapezio navicolare

2. Piedi:

  • alluce valgo
  • traino rigida
  • contrattura flessione / estensore delle dita
  • osteoartrite del calcagno-navicolare

3. Articolazione del ginocchio:

  • osteoartrite della parte mediale dell'articolazione tibiofemorale
  • artrosi della parte laterale dell'articolazione tibiofemorale
  • osteoartrite dell'articolazione femoro-rotulea

4. Articolazione dell'anca:

  • eccentrico (superiore)
  • concentrico (assiale, mediale)
  • diffuso (coxae senilis)

5. Colonna vertebrale (principalmente cervicale e lombare):

  • articolazioni apofisarie
  • dischi intervertebrali
  • spondilosi (osteofiti)
  • legamenti (iperostosi, malattia di Forestier, iperostosi idiopatica diffusa dello scheletro)

6. Altre posizioni:

  • articolazione della spalla
  • articolazione acromioclavicolare
  • articolazione tibiale-tallone
  • articolazioni ileale-sacrali
  • articolazione temporo-mandibolare

B. Generalizzato (include tre o più gruppi di articolazioni sopra descritti)

  • Piccole articolazioni e articolazioni spinali
  • Grandi articolazioni e articolazioni spinali
  • Articolazioni piccole e grandi e articolazioni spinali

II. Secondario

A. Posttraumatico

  1. affilato
  2. Cronico (associato a determinate professioni, sport)

B. Malattie congenite e patologia dello sviluppo

1. Localizzato:

A) malattia dell'articolazione dell'anca:

  • Malattia di Legg-Calvé-Perthes
  • displasia dell'anca congenita
  • epifisi femorale

B) fattori locali e meccanici:

  • accorciamento dell'arto inferiore
  • deformità in valgo / varismo
  • sindrome ipermobile
  • scoliosi

2. Generalizzato:

A) displasia ossea

B) malattie metaboliche:

  • emocromatosi
  • ocronosi (alcaptonuria)
  • Malattia di Wilson-Konovalov
  • Malattia di Gaucher

B. Malattie di depositi di calcio

  1. Malattia da depositi di cristalli di calcio pirofosfato
  2. Malattia da depositi di cristalli di idrossiapatite di calcio

G. Altre malattie delle ossa e delle articolazioni

1. Localizzato

  • fratture
  • Necrosi avascolare
  • infezione
  • Artrite gottosa

2. Diffuse

  • Artrite reumatoide
  • La malattia di Paget
  • ossa di marmo
  • osteocondrite

D. Altro

  • acromegalia
  • Gipyerparatiryeoidizm
  • diabete mellito
  • obesità
  • Gipotireoidizm
  • Artropatia Sharko
  • altro:
    • frostbitten
    • Malattia di Caisson
    • Malattia di Kashin-Beck
    • emoglobinopatie

Vantaggi della classificazione ACR:

  • l'artrosi delle mani è divisa in opzioni nodulari e non nodulari (erosive)
  • osteoarthrosis delle articolazioni del ginocchio è diviso in tre zone anatomiche - osteoarthrosis dell'articolazione tibiofemorale (mediale e laterale) e osteoarthrosis dell'articolazione femoro-rotulea
  • l'osteoartrosi secondaria è descritta in dettaglio (tuttavia, questo elemento può anche essere attribuito alle carenze di classificazione, poiché la seconda parte estesa lo rende troppo voluminoso, complica la percezione e l'uso nella formulazione di una diagnosi).

Svantaggi della classificazione ACR:

  • non solo la degenerazione dei dischi intervertebrali, ma anche la calcificazione dei legamenti è attribuita all'osteoartrosi della colonna vertebrale
  • l'osteoartrosi si riferisce alla sconfitta delle articolazioni sacro-iliache, che non appartengono al gruppo sinoviale e pertanto non possono essere influenzate dall'osteoartrosi.

trusted-source[8], [9], [10], [11], [12], [13]

Classificazione dell'osteoartrite della Società Italiana di Reumatologia (SIR)

I. Artrosi primaria

A. Diffuso

B. Locale:

  • I nodi di Heberden e Bouchard
  • osteoartrite dell'articolazione navicolare-metacarpale
  • artrosi erosiva delle articolazioni interfalangee delle mani, ecc.

II. Artrosi secondaria

  1. Displasia e dismorfismi
  2. traumatico
  3. Sovraccarico funzionale

A) obesità, scoliosi, arto inferiore accorciato, ecc.

B) associati a determinate professioni e sport

  1. artrite
  2. Malattie congenite del tessuto connettivo
    • sindrome di Marfan
    • sindrome di morchio
    • mukopolisaharidoz

6. Semplice condropatia

  • condromatosi articolare
  • osteocondrite dissecazione

7. Condropatia endocrino-metabolica:

  • diabete mellito
  • chondorcalcinosis
  • ochronoz e altri

8. Osteopatia

  • La malattia di Paget
  • necrosi asettica

III. Degenerazione del disco intervertebrale (dismartrosi)

IV. Artropatia dismetabolica e gyroestrousia

V. Artropatia acromegalica

VI. Patella di condromalacia

Svantaggi della classificazione SIR:

  • nessuna indicazione della posizione della lesione
  • la degenerazione del disco intervertebrale non è l'artrosi
  • i punti IV-VI si riferiscono all'osteoartrosi secondaria (punto II)

trusted-source[14], [15], [16], [17], [18], [19], [20], [21], [22], [23]

Classificazione clinica dell'osteoartrosi

I. Varianti patogenetiche

  1. Primaria (idiopatica)
  2. Secondario (a causa di displasia, lesioni, disturbi statici, ipermobilità articolare, artrite, ecc.)

II. Forme cliniche

  1. Polyosteoarthrosis: nodulare, nodulare
  2. Oligoosteoartroz
  3. Monoartroz
  4. In combinazione con osteoartrite spinale, spondiloartrosi

III. Localizzazione preferita

1. Articolazioni interfalangee (Heberden, noduli di Bouchard)

  1. Articolazioni dell'anca (coxartrosi)
  2. Articolazioni del ginocchio (gonartrosi)
  3. Altre articolazioni

IV. Stadio radiografico (secondo Kellgren JH e Lawrence JS): I, II, III, IV

V. Sinovit

  1. C'è
  2. no

VI. Capacità funzionale del paziente

  1. La disabilità è temporaneamente limitata (FN * -1)
  2. Disabilità persa (FN-2)
  3. Ha bisogno di cure esterne (FN-3).

* FN - guasto funzionale.

La diagnosi di osteoartrite dovrebbe contenere un'indicazione di quale articolazione è interessata, l'area della sua più grande lesione (ad esempio, la parte mediale o laterale dell'articolazione del ginocchio), la presenza di sinovite e il grado di compromissione della funzione articolare e necessariamente la lesione delle articolazioni del ginocchio e dell'anca.

Questa classificazione è più adatta all'uso per la formulazione della diagnosi. Tuttavia, a nostro avviso, ci sono alcuni inconvenienti in esso, in particolare, la divisione del PAD in forme nodulari e non nodulari (come indicato sopra), non vi è alcuna separazione dell'osteoartrosi dell'articolazione del ginocchio in sezioni, solo una variante nodulare è data per l'osteoartrosi delle mani.

Tenendo conto dei vantaggi e degli svantaggi delle classificazioni di cui sopra, è stata creata una classificazione dell'osteoartrosi dell'Associazione di Reumatologia dell'Ucraina (AGC), che raccomandiamo come metodo di lavoro. AGC (2000)

trusted-source[24], [25], [26], [27], [28], [29], [30], [31]

Classificazione di lavoro dell'osteoartrosi

Varianti patogenetiche

I. Idiopatico (primario)

II. Secondario

Forme cliniche

  1. Monosteoartrosi (danno ad una articolazione)
  2. Oligosteoarthrosis (lesione di due o più articolazioni, ma non più di due gruppi di articolazioni)
  3. Polyosteoarthrosis (danno di tre gruppi di articolazioni e altro)

Localizzazione

1. Articolazione del ginocchio:

  • osteoartrite della parte mediale della parte tibiofemorale
  • artrosi della parte laterale della parte tibiofemorale
  • artrosi della parte femoro-rotulea

2. Articolazione dell'anca

  • eccentrico (superiore)
  • concentrico (assiale, mediale)
  • diffuso (coxae senilis)

3. Spazzole:

  • noduli di Geberden e Bouchard (forma del nodo)
  • artrosi erosiva delle articolazioni interfalangee (forma non nodulare)
  • osteoartrosi dell'articolazione carpometacarpica del primo dito
  • artrosi delle altre articolazioni delle mani

4. Spine

  • articolazioni apofisarie

5. Piedi:

  • alluce valgo
  • traino rigida
  • artrosi delle altre articolazioni del piede

6. Altre localizzazioni

Sinovite

  1. Con sinovite
  2. Senza un figlio

X-ray stage (PC) * (no Kellgren JH e Lawrence JS)

0, I, II, III, IV. L'abilità funzionale del paziente

  1. Disabilità temporaneamente limitata (FN-1)
  2. Disabilità persa (FN-2)
  3. Ha bisogno di cure (FN-3)

* Per OA delle articolazioni del ginocchio, dell'anca e del polso, è necessario indicare PC

Esempi di diagnosi di parole

  1. Monoosteoartrite secondaria dell'articolazione del ginocchio sinistro (reparti tibio-femorale mediale e rotulofemorale) con sinovite. PC P.Fn-1.
  2. Oligosteoartrosi primitiva con lesioni dell'articolazione dell'anca sinistra (concentrico), PC-III, entrambe le articolazioni del ginocchio (reparti tibiofemoral laterali), PC-II. Sinovite dell'articolazione del ginocchio destro. FN-1.
  3. Polyosteoartrosi primaria con danni alle articolazioni delle mani (nodi di Heberden), PC-III, articolazione del ginocchio sinistro (sezione tibiofemorale laterale), PC-III e articolazione dell'anca destra (diffusa), PC-IV. Sinovite del ginocchio sinistro e articolazioni interfalangee distali. FN-1.
  4. Polyosteoarthrosis primario con lesioni delle articolazioni interfalangee prossimale e distale delle mani (forma erosiva), PC - III, articolazione carpale-metacarpale del primo dito della mano sinistra con sinovite, l'articolazione metatarso-falangea del dito del piede destro (alluce valgo) con la sinovite, articolazione dell'anca destra del piede destro e sinovite ), PC - IV e colonna vertebrale cervicale. FN-2.

trusted-source[32], [33], [34], [35], [36], [37]

Criteri di classificazione per l'osteoartrite

I criteri di classificazione sono una sorta di algoritmo di ricerca diagnostica. Tuttavia, quando si diagnostica una malattia, incluso l'OA, non si deve fare affidamento solo sui criteri di classificazione. Va ricordato che l'area principale del loro uso non è una pratica clinica di routine, ma la ricerca clinica - l'osservanza dei criteri di classificazione è uno dei motivi per includere un paziente in uno studio.

trusted-source[38], [39], [40]

Artrosi delle mani (secondo Altaian RD et al., 1990)

  1. Dolore, rigidità o rigidità nelle mani, più spesso durante il giorno durante il mese scorso e
  2. Ispessimento stretto di due o più articolazioni * e
  3. Meno di tre articolazioni metacarpo-falangee gonfie, o
    • ispessimento duro di due articolazioni interfalangee distali o più o
    • posizione errata di uno o più giunti *.

* Articolazioni interfalangee distali di II e III dita; articolazioni interfalangee prossimali di II e III dita; articolazioni carpometacarpali di entrambe le mani. La sensibilità è del 93%, la specificità del 97%.

trusted-source[41], [42], [43]

Coxartrosi (di Altman RD et al., 1991)

Sintomi clinici

  1. Dolore nell'articolazione dell'anca
  2. rotazione interna inferiore a 15 gradi
  3. ESR inferiore a 45 mm / h (con ESR normale - la flessione dell'anca è inferiore a 115 gradi)
  4. rotazione interna inferiore a 15 gradi
  5. dolore con rotazione interna
  6. rigidità mattutina inferiore a 60 min
  7. età superiore a 50 anni

La sensibilità è dell'86%, la specificità è del 75%.

Sintomi clinici e radiologici

Dolore nell'articolazione dell'anca e almeno 2 dei 3 seguenti sintomi:

  • ESR inferiore a 20 mm / h
  • radiologicamente - osteofiti (testa del femore o acetabolo)
  • Raggi X - restringimento dello spazio articolare (superiore, laterale e / o mediale).

Sensibilità - 89%, specificità - 91%.

trusted-source[44], [45], [46], [47]

Gonarthrosis (secondo Altman RD et al., 1986)

  1. Dolore al ginocchio
  2. crepitio durante la maggior parte dei giorni del mese precedente e
  3. rigidità mattutina con movimento attivo inferiore a 30 minuti e
  4. età oltre 37 anni o
  5. crepitio e
  6. rigidità mattutina meno di 30 minuti e
  7. deformità ossea (gonfiore).
  8. mancanza di crepitazione e
  9. deformazione ossea.

Sensibilità - 89%, specificità - 88%.

Sintomi clinici e radiologici

  1. Dolore al ginocchio durante il mese precedente, più spesso durante il giorno, e
  2. Osteofiti o
  3. fluido sinoviale tipico per l'osteoartrite (leggero, viscoso, conteggio delle cellule inferiore a 2000 / ml; se non ci sono informazioni sul liquido sinoviale, allora si tiene conto dell'età inferiore ai 40 anni) e
  4. rigidità mattutina meno di 30 minuti e
  5. crepitio durante i movimenti attivi.

Sensibilità - 94%, specificità - 88%.

trusted-source[48], [49], [50], [51], [52], [53], [54]

Criteri per la diagnosi di osteoartrosi (Benevolenskaya LI et al., 1993)

Criteri clinici:

  1. Dolore alle articolazioni che si verifica alla fine della giornata e / o nella prima metà della notte.
  2. Dolore alle articolazioni che si verifica dopo stress meccanico e diminuisce a riposo.
  3. Deformità delle articolazioni dovute a proliferazioni ossee (inclusi i noduli di Heberden e Bouchard).

Criteri radiografici:

  1. Il restringimento dello spazio articolare.
  2. Osteoskleroz.
  3. Osteofitoz.

Nota. I criteri 1-2 sono di base, il criterio 3 è facoltativo. Per la diagnosi di osteoartrosi, la presenza dei primi due criteri clinici e radiologici è obbligatoria.

trusted-source[55], [56], [57], [58], [59], [60], [61], [62]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.