^

Salute

Decodifica dei risultati dell'elettroencefalografia

, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'analisi EEG viene eseguita durante la registrazione e, infine, dopo il suo completamento. Al momento della registrazione, viene valutata la presenza di artefatti (messa a fuoco del campo della corrente di rete, artefatti meccanici del movimento degli elettrodi, elettromiogramma, elettrocardiogramma, ecc.), Prendere misure per eliminarli. La frequenza e l'ampiezza dell'EEG sono valutate, gli elementi caratteristici del grafico vengono identificati, viene determinata la loro distribuzione spaziale e temporale. L'analisi è completata dall'interpretazione fisiologica e patofisiologica dei risultati e dalla formulazione di una conclusione diagnostica con correlazione clinico-elettroencefalografica.

Il principale documento medico su EEG è una conclusione clinico-elettroencefalografica scritta da uno specialista sulla base dell'analisi dell'EEG "crudo". La conclusione sull'EEG dovrebbe essere formulata secondo determinate regole e si compone di tre parti:

  1. Descrizione dei principali tipi di attività e degli elementi del grafico;
  2. una sintesi della descrizione e della sua interpretazione patofisiologica;
  3. correlando i risultati delle due parti precedenti con i dati clinici. Il termine descrittivo di base nell'EEG è "attività", che determina qualsiasi sequenza di onde (attività alfa, attività di onde acute, ecc.).
  • La frequenza è determinata dal numero di oscillazioni al secondo; è registrato con un numero corrispondente ed espresso in Hz (Hz). La frequenza media dell'attività è indicata nella descrizione. Di solito prendi 4-5 segmenti EEG con una durata di 1 se calcoli il numero di onde su ciascuno di essi.
  • Ampiezza - la gamma di oscillazioni del potenziale elettrico sull'EEG; misurati dal picco dell'onda precedente al picco dell'onda successiva nella fase opposta, sono espressi in microvolt (μV). Un segnale di calibrazione è usato per misurare l'ampiezza. Quindi, se un segnale di calibrazione corrispondente a una tensione di 50 μV ha un'altezza di 10 mm sulla registrazione, quindi, 1 mm della deviazione della penna significherà 5 μV. Per caratterizzare l'ampiezza dell'attività nella descrizione dell'EEG, si trovano i valori massimi più tipici, esclusi i pop-up.
  • La fase determina lo stato corrente del processo e indica la direzione del vettore delle sue modifiche. Alcuni fenomeni sull'elettroencefalogramma sono stimati dal numero di fasi che contengono. Monofasica chiamato oscillazione in una direzione da una linea isoelettrica con ritorno al basale, bifase - tale fluttuazione, quando dopo il completamento di una curva fase diventa il livello di riferimento devia nella direzione opposta e ritorna alla linea isoelettrica. Polifase significa vibrazioni contenenti tre fasi o più. In un senso più stretto, il termine "onda polifase" definisce una sequenza di onde a- e lente (di solito 5).

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Ritmi di un elettroencefalogramma di una persona sveglia da adulto

Con la nozione di "ritmo" sull'EEG si intende un certo tipo di attività elettrica, corrispondente a un certo stato del cervello e associato a determinati meccanismi cerebrali. Quando si descrive il ritmo, viene indicata la sua frequenza, tipica per un certo stato e regione del cervello, ampiezza e alcune caratteristiche dei suoi cambiamenti nel tempo con i cambiamenti nell'attività funzionale del cervello.

  1. Ritmo alfa (a) : frequenza 8-13 Hz, ampiezza fino a 100 μV. È registrato nell'85-95% degli adulti sani. È meglio espresso nelle parti occipitali. La massima ampiezza del ritmo a ritmo è in uno stato di calma e rilassata vigilanza a occhi chiusi. Oltre ai cambiamenti relativi allo stato funzionale del cervello, nella maggior parte dei casi si osservano cambiamenti spontanei nell'ampiezza del ritmo, che si manifestano in alternanza di crescita e diminuzione con la formazione di fusi caratteristici, della durata di 2-8 secondi. Con un aumento del livello di attività funzionale del cervello (attenzione intensa, paura), l'ampiezza dell'a-ritmo diminuisce. L'EEG appare un'attività irregolare di bassa ampiezza ad alta frequenza, che riflette la desincronizzazione dell'attività neuronale. Con stimolazione esterna improvvisa a breve termine (specialmente un lampo di luce), questa desincronizzazione si manifesta improvvisamente e, nel caso in cui la stimolazione non sia di natura emotiogenica, il ritmo a viene rapidamente ripristinato (0,5-2 s). Questo fenomeno è chiamato "reazione di attivazione", "reazione di orientamento", "reazione di sbiadimento a ritmo", "reazione di desincronizzazione".
  2. Beta-ritmo : frequenza 14-40 Hz, ampiezza fino a 25 μV. Il ritmo beta è meglio registrato nell'area del giro centrale, ma si estende al giro centrale e frontale posteriore. In norma è molto debolmente espresso e nella maggior parte dei casi ha un'ampiezza di 5-15 μV. Il beta-ritmo è associato a meccanismi somatici sensoriali e motorie corticali e dà una risposta dissolvenza all'attivazione motoria o alla stimolazione tattile. L'attività con una frequenza di 40-70 Hz e un'ampiezza di 5-7 μV è talvolta definita il vostro ritmo, non ha significato clinico.
  3. Ritmo Mu : frequenza 8-13 Hz, ampiezza fino a 50 μV. I parametri del ritmo mu sono simili a quelli del normale ritmo a, ma il ritmo mu differisce da quest'ultimo nelle proprietà fisiologiche e nella topografia. Visivamente, il ritmo mu è osservato solo nel 5-15% dei soggetti nella regione di Rolandic. L'ampiezza del ritmo mu (in rari casi) aumenta con l'attivazione motoria o la stimolazione somatosensoriale. All'analisi di routine il ritmo mu non ha significato clinico.

Tipi di attività patologiche per una persona che si sveglia da adulto

  • Attività theta : frequenza 4-7 Hz, ampiezza dell'attività teta patologica> 40 μV e più spesso dell'ampiezza dei normali ritmi cerebrali, raggiungendo 300 μV o più in alcune condizioni patologiche.
  • Attività delta : frequenza di 0,5-3 Hz, l'ampiezza è la stessa dell'attività teta.

Le vibrazioni theta e delta possono essere presenti in una piccola quantità sull'elettroencefalogramma di una persona adulta sveglia e normalmente, ma la loro ampiezza non eccede quella di un ritmo. Si considera l'EEG patologico, che contiene vibrazioni theta e delta con un'ampiezza di> 40 microvolt e occupa più del 15% del tempo di registrazione totale.

L'attività epilettiforme è un fenomeno tipicamente osservato nell'EEG dei pazienti epilettici. Si presentano come risultato di spostamenti parossistici altamente depolarizzati della depolarizzazione in ampie popolazioni di neuroni, accompagnate dalla generazione di potenziali d'azione. Come risultato di ciò, si presentano potenziali acuti di ampiezza elevata che hanno nomi corrispondenti.

  • Picco (picco inglese - picco, picco) - potenziale negativo di una forma acuta, durata inferiore a 70 ms, ampiezza> 50 microvolt (talvolta fino a centinaia o addirittura migliaia di microvolt).
  • L'onda acuta si differenzia dallo spike allungandosi nel tempo: la sua durata è 70-200 ms.
  • Onde e spigoli vivi possono essere combinati con onde lente, formando complessi stereotipati. Un'onda picco-lenta è un complesso di picco e onda lenta. La frequenza dei complessi di onde lenta-picco è 2,5-6 Hz, e il periodo, rispettivamente, è 160-250 ms. Un'onda acuta lenta è un complesso di un'onda acuta e l'onda lenta che lo segue, il periodo del complesso è di 500-1300 ms.

Una caratteristica importante delle punte e delle onde acuminate è la loro improvvisa comparsa e scomparsa e una netta differenza dall'attività di fondo, che superano in ampiezza. Fenomeni acuti con parametri corrispondenti, vagamente diversi dall'attività di fondo, non sono designati come onde acute o picchi.

Combinazioni dei fenomeni descritti sono indicate da alcuni termini aggiuntivi.

  • Flash è un termine per un gruppo di onde con un'apparizione e una scomparsa improvvise, chiaramente diverse dall'attività di sfondo per frequenza, forma e / o ampiezza.
  • Lo scarico è una raffica di attività epilettiforme.
  • Lo schema del sequestro epilettico è una scarica dell'attività epilettiforme, tipicamente coincidente con un attacco epilettico clinico. L'individuazione di tali fenomeni, anche se non è possibile valutare chiaramente clinicamente lo stato di coscienza del paziente, è anche caratterizzata come un "pattern di crisi epilettiche".
  • Ipsaritmia (. Greca "high-ampiezza ritmo") - generalizzato continuo ad alta ampiezza (> 150 mV) gipersinhronnaya attività lento con onde taglienti, picchi, spike complessi onde lente polyspike onda lenta sincroni e asincroni. Un importante segno diagnostico delle sindromi occidentali e delle sindromi di Lennox-Gastaut.
  • I complessi periodici sono esplosioni di grande ampiezza, caratterizzati da una forma costante per questo paziente. I criteri più importanti per il loro riconoscimento sono: vicino a un intervallo costante tra i complessi; presenza continua durante l'intera registrazione, a condizione che il livello di attività funzionale del cervello sia costante; stabilità intra-individuale della forma (stereotipo). Il più delle volte, sono presentati un gruppo di alta ampiezza onde lente, onde taglienti, combinata con elevata ampiezza, delta o theta affilato oscillazioni, a volte assomigliano complessi epilettiformi sharp-onde lente. Gli intervalli tra i complessi vanno da 0,5-2 a decine di secondi. I complessi periodici sincroni bilateralmente generalizzati sono sempre combinati con disturbi profondi della coscienza e indicano un grave danno cerebrale. Se non sono causati da fattori farmacologici o tossici (astinenza da alcol, overdose o improvvisa gipnosedativny cancellazione e psicofarmaci, epatopatia, avvelenamento da monossido di carbonio), poi, di regola, sono il risultato di una grave metabolica, ipossia, encefalopatie di virale o prionica. Se disordini metabolici tossici o sono esclusi, i complessi periodici con alto punto certezza al subacuta diagnosi o malattie da prioni.

Varianti dell'elettroencefalogramma normale di una persona che si sveglia da adulto

L'EEG è sostanzialmente uniforme per l'intero cervello e simmetrico. L'eterogeneità funzionale e morfologica della corteccia determina le caratteristiche dell'attività elettrica nelle diverse regioni del cervello. Il cambiamento spaziale di tipi ELETTROENCEFALOGRAMMA di aree separate di un cervello avviene gradualmente.

La maggior parte (85-90%) degli adulti sani con gli occhi chiusi a riposo sull'EEG registrava un ritmo a dominante con ampiezza massima nelle aree occipitali.

Nel 10-15% dei soggetti sani, l'ampiezza delle oscillazioni dell'EEG non supera i 25 μV, in tutti i casi viene registrata un'attività di bassa ampiezza ad alta frequenza. Tali EEG sono chiamati quelli di bassa ampiezza. Gli EEG a bassa ampiezza indicano la predominanza delle influenze desincronizzanti nel cervello e sono una variante della norma.

In alcuni soggetti sani, invece di un ritmo, l'attività di 14-18 Hz viene rilevata con un'ampiezza di circa 50 μV nelle regioni occipitali e, come un normale ritmo alfa, l'ampiezza diminuisce nella direzione anteriore. Tale attività è chiamata "a-variante veloce".

Molto raramente (0,2% dei casi) sull'elettroencefalogramma con gli occhi chiusi nelle regioni occipitali, regolari, vicino a sinusoidali, onde lente con una frequenza di 2,5-6 Hz e un'ampiezza di 50-80 μV sono registrati. Questo ritmo ha tutte le altre caratteristiche topografiche e fisiologiche del ritmo alfa ed è chiamato la variante "alfa lento". Senza essere associato a nessuna patologia organica, è considerato come un limite tra la norma e la patologia e può indicare la disfunzione dei sistemi cerebrali non specifici diencefalici.

Cambiamenti nell'elettroencefalogramma nel ciclo veglia-sonno

  • La veglia attiva (con carico mentale, monitoraggio visivo, allenamento e altre situazioni che richiedono un aumento dell'attività mentale) è caratterizzata dalla desincronizzazione dell'attività neuronale, l'EEG è dominato dall'attività ad alta frequenza di bassa ampiezza.
  • La veglia rilassata è la condizione del soggetto, riposa in una comoda poltrona o su un letto con muscoli rilassati e occhi chiusi, non occupata da alcuna attività fisica o mentale speciale. Nella maggior parte degli adulti sani, un regolare ritmo alfa è registrato in questa condizione sull'EEG.
  • Il primo stadio del sonno è equivalente alla sonnolenza. Sull'elettroencefalogramma si osserva la scomparsa del ritmo alfa e la comparsa di vibrazioni delta e theta a bassa ampiezza singola e di gruppo e di attività ad alta frequenza a bassa ampiezza. Gli stimoli esterni provocano focolai di ritmo alfa. La durata del palco è 1-7 min. Alla fine di questo stadio, appaiono oscillazioni lente con un'ampiezza di <75 μV. Allo stesso tempo, possono comparire "vertici potenziali di transizione acuta" sotto forma di onde acustiche monofasiche monofasiche con superficie negativa, con un massimo nella regione della corona, l'ampiezza di solito non superiore a 200 μV; sono considerati un normale fenomeno fisiologico. Il primo stadio è caratterizzato anche da movimenti lenti degli occhi.
  • La seconda fase del sonno è caratterizzata dall'apparizione di fusi addormentati e complessi K. I fusi assonnati sono esplosioni di attività di frequenza di 11-15 Hz prevalenti nei conduttori centrali. La durata dei mandrini è 0,5-3 s, l'ampiezza è di circa 50 μV. Sono associati a meccanismi subcorticali mediani. Il complesso K è un burst di attività, tipicamente costituito da un'onda di ampiezza bifase con una fase negativa iniziale, a volte accompagnata da un fuso. La sua ampiezza è massima nella regione del vertice, la durata non è inferiore a 0,5 s. I complessi K sorgono spontaneamente o in risposta a stimoli sensoriali. In questa fase, si osservano anche episodi di flash di onde lente ad alta ampiezza polifase. I movimenti lenti degli occhi sono assenti.
  • Il terzo stadio del sonno: i fusi scompaiono gradualmente e le onde delta e theta appaiono con un'ampiezza di oltre 75 microvolt nella quantità del 20-50% del tempo del periodo di analisi. In questa fase, è spesso difficile differenziare i complessi K dalle onde delta. I fusi assonnati possono scomparire completamente.
  • Il quarto stadio del sonno è caratterizzato da onde di frequenza <2 Hz e più di 75 μV, che occupano più del 50% del tempo del periodo di analisi.
  • Durante il sonno, la persona occasionalmente sperimenta episodi di desincronizzazione sull'EEG - un cosiddetto sonno con movimenti oculari rapidi. Durante questi periodi, viene registrata l'attività polimorfica con una predominanza di alte frequenze. Questi periodi sull'EEG corrispondono all'esperienza del sogno, la caduta del tono muscolare con l'apparizione di rapidi movimenti degli occhi e talvolta movimenti rapidi degli arti. L'emergere di questo stadio del sonno è associato al lavoro del meccanismo regolatore a livello del ponte del cervello, la sua violazione indica la disfunzione di queste parti del cervello, che ha un grande significato diagnostico.

trusted-source[9], [10], [11], [12], [13], [14], [15]

Cambiamenti legati all'età nell'elettroencefalogramma

EEG bambino prematuro prima dell'età di 24-27 settimane di gestazione presentato esplosioni di lenti delta e theta attività, a volte in combinazione con le onde taglienti, con la durata di 2-20, in un contesto di bassa ampiezza (20-25 UV) attività.

Nei bambini di 28-32 settimane di gestazione, l'attività delta- e theta con un'ampiezza fino a 100-150 μV diventa più regolare, sebbene possa includere anche focolai di attività theta di ampiezza più ampia, alternati a periodi di appiattimento.

Nei bambini con più di 32 settimane di gestazione sull'EEG, gli stati funzionali iniziano a essere rintracciati. In un sonno tranquillo, si osserva un'attività delta ad alta ampiezza intermittente (fino a 200 μV e più alta), combinata con oscillazioni theta e onde acute e alternata a periodi di attività di ampiezza relativamente bassa.

In un full-termine EEG neonato differenze chiaramente definita tra veglia ad occhi aperti (frequenza Activity irregolare 4-5 Hz ed un'ampiezza di 50 mV), sonno attivo (costante bassa ampiezza Activity 4,7 Hz sovrapposizione oscillazioni veloci bassa ampiezza) e sonno ristoratore, caratterizzato da bagliori attività delta ampiezza elevata in combinazione con mandrini veloci onde ad alta ampiezza, periodi di bassa ampiezza alternati.

Nei neonati prematuri sani e nei neonati a tempo pieno, durante il primo mese di vita, si osserva un'attività alternata durante il sonno ristoratore. Su EEG di neonati ci sono potenziali affilati fisiologici, caratterizzati da multifocalità, apparizione sporadica, irregolarità di seguire. La loro ampiezza di solito non supera i 100-110 mkV, la frequenza di occorrenza in media fa 5 all'una, la loro quantità di base è programmata per un sonno tranquillo. Normalmente si considerano anche potenziali acuti relativamente frequenti nei cavi frontali, che non superano 150 μV in ampiezza. Un EEG normale di un neonato maturo è caratterizzato da una risposta sotto forma di EEG che si appiattisce agli stimoli esterni.

Durante il primo mese di vita del bambino maturo, l'EEG alternante del sonno tranquillo scompare, i mandrini del sonno compaiono nel secondo mese, l'attività dominante nei conduttori occipitali arriva, raggiungendo una frequenza di 4-7 Hz all'età di 3 mesi.

Durante il quarto-sesto mese di vita, il numero di onde theta sull'EEG aumenta gradualmente e l'onda delta diminuisce, quindi entro la fine del sesto mese, il ritmo a una frequenza di 5-7 Hz domina l'EEG. Dal 7 ° al 12 ° mese di vita, si forma un ritmo alfa con una diminuzione graduale del numero di onde theta e delta. A 12 mesi, dominano le oscillazioni, che possono essere caratterizzate da un ritmo alfa lento (7-8,5 Hz). Da 1 anno a 7-8 anni, continua il processo di sostituzione graduale dei ritmi lenti con fluttuazioni più veloci (bande alfa e beta). Dopo 8 anni, il ritmo alfa domina l'EEG. La formazione finale dell'EEG avviene entro 16-18 anni.

Valori limite della frequenza del ritmo dominante nei bambini

Età, anni

Frequenza, Hz

1

> 5

3

> 6

5

> 7

8

> 8

L'EEG di bambini sani possono essere presenti eccessiva diffuse onde lente, flash ritmici onde lente, frammenti di attività epilettiforme, in modo che dal punto di vista della valutazione tradizionale della norma dell'età anche le persone consapevolmente in buona salute di età inferiore ai 21 con un "normale" può essere attribuita esclusivamente 70-80 % EEG.

Con 3-4 e fino a 12 anni, la quota di EEG con eccesso di onde lente aumenta (dal 3 al 16%), e quindi questo indice diminuisce abbastanza rapidamente.

La reazione all'iperventilazione sotto forma di comparsa di onde lente ad alta ampiezza all'età di 9-11 anni è più pronunciata rispetto al gruppo più giovane. Non è escluso, tuttavia, che ciò sia dovuto alla performance meno precisa del campione da parte dei bambini più piccoli.

Rappresentazione di alcune varianti EEG in una popolazione sana a seconda dell'età

Tipo di attività

1-15 anni

16-21 anni

Un'attività lenta e diffusa con un'ampiezza di oltre 50 μV, ha registrato più del 30% del tempo di registrazione

14%

5%

Lenta attività ritmica nei cavi posteriori

25%

0,5%

Attività epilettiforme, esplosioni di onde lente ritmiche

15%

5%

Opzioni EEG "normali"

68%

77%

La suddetta stabilità relativa delle caratteristiche EEG di una persona adulta rimane approssimativamente fino a 50 anni. Da questo periodo, lo spettro EEG è stato ristrutturato, determinando una diminuzione dell'ampiezza e della quantità relativa del ritmo alfa e un aumento del numero di onde beta e delta. La frequenza dominante dopo 60-70 anni tende a diminuire. A questa età, in individui praticamente sani, appaiono anche onde theta e delta visibili nell'analisi visiva.

trusted-source[16], [17], [18], [19], [20], [21], [22]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.