^

Salute

A
A
A

Fattori di rischio e cause dell'osteoartrosi

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'artrosi si verifica a seguito dell'interazione di molti fattori genetici e ambientali (compresi quelli traumatici). E 'stata l'analisi dei fattori di rischio per lo sviluppo di osteoartrosi di varie localizzazioni che hanno promosso il concetto di eterogeneità della malattia. Pertanto, vengono stabilite chiare differenze nei fattori di rischio per la coxartrosi e la gonartrosi: nell'osteoartrosi delle articolazioni dell'anca non vi sono differenze di genere, raramente viene diagnosticata nei rappresentanti della razza mongoloide, spesso associata a difetti congeniti dello sviluppo; la gonartrosi è più comune nelle donne della razza negroide rispetto alle donne della razza caucasica, sono caratterizzate da un precedente danno traumatico alle articolazioni. È stato dimostrato che il gruppo di fattori di rischio per l'artrosi della parte patelofemorale dell'articolazione del ginocchio differisce dai fattori di rischio per il danno alla parte tibiofemorale mediale - il primo tipo è associato ad una storia familiare di osteoartrite e alla presenza di lesioni nodulari delle mani, la seconda parte è associata all'obesità e alle precedenti procedure chirurgiche sull'articolazione del ginocchio.

Il sesso è importante nello sviluppo dell'osteoartrite: le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare osteoartrosi nella maggior parte delle localizzazioni. I risultati di uno studio finlandese che ha coinvolto 6647 agricoltori hanno dimostrato che il genere femminile è un fattore predisponente indipendente per lo sviluppo della gonartrosi. Una revisione di 29 studi epidemiologici sull'osteoartrosi delle articolazioni del ginocchio e dell'anca in 14 paesi in tutto il mondo suggerisce che l'osteoartrosi delle articolazioni dell'anca è più comune negli uomini che nelle donne; Le articolazioni del ginocchio sono più spesso colpite nelle donne, specialmente quelle di età superiore ai 45 anni. Tuttavia, la maggior parte degli altri studi mostra un'elevata incidenza di coxartrosi nelle donne. Nell'osteoartrosi delle articolazioni delle mani, vi è un rapido aumento dell'incidenza nelle donne sotto i 60 anni di età, quindi la frequenza dell'osteoartrosi di questa localizzazione non cambia in modo significativo; gli uomini hanno un aumento più lento dell'incidenza, continua durante la 7-8a decade di vita. Sono state trovate differenze nella prevalenza di monoosteoartrosi, oligososteoartrosi e osteoartrosi generalizzata (poli) tra uomini e donne.

Fattori di rischio per l'artrosi

Genetico

  • genere (femmina)
  • patologia ereditaria del gene del collagene di tipo II
  • mutazione del gene del collagene di tipo II
  • altre malattie ereditarie di ossa e articolazioni
  • razziale / etnico

Nongenetic

  • età avanzata
  • sovrappeso
  • riduzione del livello degli ormoni sessuali femminili (ad esempio, nel periodo postmenopausale)
  • malformazioni di ossa e articolazioni
  • storia di chirurgia articolare (ad esempio, meniscectomia)

Ékzogennıe

  • attività professionali
  • lesione articolare
  • fare sport

Queste caratteristiche suggeriscono che i fattori endocrini svolgono un ruolo nell'osteoartrosi. Infatti, i risultati di molti studi, in particolare studi su modelli di osteoartrosi negli animali, indicano che gli ormoni sessuali possono modificare il metabolismo nel tessuto cartilagineo. I recettori degli estrogeni si trovano nella cartilagine articolare di molte specie animali. Lo studio JAP Da Silva e coautori (1994) hanno notato che l'ovariectomia aumenta il tasso di processi distruttivi nella cartilagine animale. Sui modelli di osteoartrite negli animali, è stato dimostrato che l'estradiolo può inibire la sintesi dei proteoglicani. Le dosi superfisiologiche di estradiolo aumentano la "rottura" della cartilagine, che viene bloccata dall'antiestrogeno tamoxifene. Nei conigli dopo ovariectomia, che hanno ricevuto alte dosi di estrogeni, si è sviluppato il diradamento e la dilatazione della cartilagine articolare, vale a dire cambiamenti tipici dell'osteoartrosi nell'uomo.

Vi è anche una serie di prove epidemiologiche del coinvolgimento degli ormoni sessuali, principalmente estrogeni, nello sviluppo dell'osteoartrosi. Questi includono una maggiore incidenza di osteoartrite nelle donne, che aumenta con il periodo della menopausa, la connessione di osteoartrosi comune con fattori come la chirurgia ginecologica, la massa ossea e l'obesità, che possono riflettere gli effetti degli ormoni sessuali endogeni. Secondo TD Spector e GC Champion (1989), le donne con iperproduzione di estrogeni sono soggette a osteoartrosi generalizzata.

Inoltre, il possibile ruolo degli estrogeni nella patogenesi dell'osteoartrosi è suggerito sulla base della relazione "antagonistica" dell'osteoporosi con l'osteoartrosi e un aumento del rischio di osteoartrosi nell'obesità. Gli estrogeni regolano il metabolismo osseo, la loro carenza causa la perdita ossea della componente minerale nelle donne durante il periodo pre e postmenopausale; l'alta densità minerale ossea (BMD) nel periodo postmenopausale può indicare un prolungato mantenimento degli estrogeni in eccesso. Nelle donne in postmenopausa con gonartrosi, coxartrosi, osteoartrosi delle articolazioni delle mani e con politeoartrosi, vi è un aumento della densità ossea, che non è causata dall'obesità o dalla perdita ossea più lenta nelle donne con osteoartrosi durante la menopausa. Con alta densità ossea, la cartilagine articolare può sopportare un aumento dello stress meccanico.

L'obesità è anche associata a un livello più alto di estrogeni endogeni nel periodo postmenopausale. L'obesità aumenta il rischio di artrosi del ginocchio, delle articolazioni dell'anca e delle articolazioni della mano nelle donne, ma la questione di cosa ha causato questo (l'effetto meccanico del sovrappeso sulla cartilagine, livelli più alti di estrogeni o altri effetti sistemici) non è stata ancora studiata.

Alcune prove della relazione degli ormoni sessuali femminili con l'osteoartrosi sono state ottenute in studi sui fattori di rischio per l'osteoartrite nelle donne che assumevano terapia ormonale sostitutiva con estrogeni (HHTE). È stato dimostrato che la TOS ha ridotto il rischio di gonartrosi e coxartrosi. Nelle donne che hanno ricevuto l'HST per 8 anni, è stata osservata una progressione rallentata dell'osteoartrosi. Poiché l'HRTE riduce il metabolismo osseo, si può presumere che l'estrogeno contribuisca alla stabilizzazione dell'osteoartrite rallentando il rimodellamento dell'osso subcondrale.

Il ruolo dell'estrogeno nello sviluppo dell'osteoartrite, molto probabilmente, si realizza attraverso l'influenza sulle citochine proinfiammatorie e anaboliche, che a loro volta hanno un effetto sul metabolismo della cartilagine. L'effetto dell'estrogeno sull'osso, apparentemente, è parzialmente associato a interleuchina-1 (IL-1), IL-6, fattore di necrosi tumorale a (TNF-a). I recettori degli estrogeni si trovano nella cartilagine articolare e, probabilmente, IL-1 e IL-6 sono in grado di mediare l'effetto degli estrogeni sul suo metabolismo. Fattore di crescita insulino-simile 1 (IGF-1) e fattore di crescita trasformante beta (TGF-beta) sono coinvolti nella sintesi e nel ripristino della matrice cartilaginea ed è probabile che gli estrogeni abbiano un effetto complesso sui fattori di crescita.

In generale, le prove per l'associazione dell'osteoartrosi con fattori associati agli effetti degli ormoni sessuali nelle donne sono contraddittorie. È possibile che gli estrogeni abbiano un effetto diverso, che dipende dal momento della menopausa e dallo stadio dell'osteoartrosi.

Un importante tra i fattori di rischio genetici per l'osteoartrosi è una mutazione ereditaria o acquisita del gene di tipo II procollagene (collagene cartilagineo ialino basico) COL 2 A b situato sul dodicesimo cromosoma. Le prime descrizioni della relazione genetica tra il fenotipo dell'osteoartrosi precoce e COL 2 A si riferiscono alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90 del secolo scorso. In uno di essi è stata riportata una mutazione COL 2 A in parenti con osteoartrosi precoce, che si è manifestata sostituendo l'amminoacido arginina con cisteina in posizione 519 in una molecola di collagene di tipo II. Ad oggi, altre 4 famiglie hanno descritto una mutazione simile. CJ Williams ed altri (1995) scoprirono un'altra mutazione COL 2 A! Nella famiglia, in membri di cui si notava lo sviluppo precoce dell'osteoartrosi, la sostituzione dell'arginina con la cisteina in posizione 75. Gli autori osservano che il fenotipo dell'osteoartrosi in questa famiglia è diverso da quello delle famiglie i cui membri hanno trovato la sostituzione dell'arginina con la cisteina nella posizione 519. JF Bleasel e co-autori (1995) hanno identificato la stessa mutazione COL 2 A in un'altra famiglia. Oltre a quelli descritti sopra nelle famiglie i cui membri sono stati diagnosticati con osteoartrosi precoce, ci sono altre mutazioni COL 2 A: sostituzione della glicina con la serie nella posizione 976, nella posizione 493.

La predisposizione ereditaria è spesso rilevata con una forma generalizzata di osteoartrosi (GOA). JH Kellgren e coautori (1963) trovarono i noduli di Bouchard e Heberden nel 36% dei parenti degli uomini e nel 49% dei parenti delle donne con una forma generalizzata di artrosi; nella popolazione generale, queste cifre erano rispettivamente del 17 e del 26%. Nei pazienti con una forma generalizzata di osteoartrite, haplotipo HLA Al B8 e forma MZ a, α-antitripsina sono più frequenti. TD Spector e coautori (1996) nello studio dell'influenza dell'ereditarietà sull'insorgere di una forma nodulare della malattia nei gemelli nota anche un certo ruolo dei fattori genetici nello sviluppo di questa forma di osteoartrosi.

Nelle famiglie numerose con una forma generalizzata di osteoartrosi, un'articolazione ereditaria dell'osteoartrosi e l'allele del gene del tipo II procollagene (COL 2 A) sono evidenziate dall'analisi del linkage. Questo allele è stato clonato e una singola mutazione è stata trovata nella posizione 519 nella 1a catena di collagene, che era presente in tutti i membri della famiglia malata, ma non è stata rilevata in nessuno sano. L'osteoartrosi primaria generalizzata sembra essere una malattia eterogenea e può essere associata a mutazioni in altri geni. Studi condotti di recente su marcatori polimorfici di geni codificanti per il collagene di tipo II, la proteina della matrice cartilaginea e la proteina legante in 38 coppie di fratelli non hanno confermato l'ipotesi della loro relazione con la suscettibilità ai loci dell'osteoartrosi. Probabilmente solo una piccola parte dei casi può essere spiegata da questo disturbo genetico.

Gli studi sulla popolazione indicano il ruolo della razza / etnia nello sviluppo dell'osteoartrosi, ma gli autori spesso forniscono dati contrastanti. Quindi, secondo JJ Anderson e DT Felson (1988), le donne afro-americane hanno maggiori probabilità di avere l'artrosi delle articolazioni del ginocchio nelle donne con la pelle bianca; per la coxartrosi, gli autori non hanno rivelato differenze razziali. Nella già citata revisione di 29 studi epidemiologici condotti in 14 paesi del mondo, è indicato che i rappresentanti dei caucasici hanno maggiori probabilità di presentare segni a raggi X di coxartrosi; tuttavia, la prevalenza della gonartrosi in entrambe le popolazioni era la stessa.

La prevalenza dell'osteoartrosi tra membri di diversi gruppi etnici / razziali

Gruppo etnico / razziale

Anni

La prevalenza di OA,%

Donne

Maschi

Gli inglesi

> 35

70

69

Americani - Caucasici

> 40

44

43

Eschimesi dell'Alaska

> 40

24

22

Popolazione rurale della Giamaica

35-64

62

54

Indiani Pima del Nord America

> 30

74

56

Indiani del Nord America della tribù dei Piedi Neri

> 30

74

61

I sudafricani sono rappresentanti della razza negroide

> 35

53

60

In media in 17 popolazioni

> 35

60

60

Nonostante il fatto che l'osteoartrosi sia principalmente colpita dagli anziani e la sua prevalenza sia estremamente bassa nel gruppo di età inferiore ai 45-50 anni, non può essere chiamata la conseguenza inevitabile dell'invecchiamento. La prevalenza dell'osteoartrosi delle articolazioni delle mani, delle articolazioni dell'anca e del ginocchio aumenta notevolmente negli uomini e nelle donne di età compresa tra 50 e 80 anni. Tuttavia, le ragioni per cui l'età è uno dei fattori di rischio significativi per l'osteoartrosi non sono chiare. È possibile che, da un lato, i condrociti umani nel processo di invecchiamento perdano la capacità di reintegrare o ripristinare la matrice della cartilagine articolare che è "persa" a causa del danno o del metabolismo normale (per questa età) e di conseguenza si sviluppa un deficit di componenti della matrice (come nell'osteoporosi). D'altra parte, la matrice cartilaginea nella vecchiaia può diventare più sensibile ai normali microtraumi cumulativi e i meccanismi di riparazione delle cellule non sono in grado di compensare questa maggiore sensibilità. In entrambi i casi, vi è una discrepanza tra l'influenza dell'ambiente esterno sulla cartilagine articolare e la capacità dei condrociti o della matrice di rispondere a queste influenze. E anche se il tempo che intercorre tra l'inizio dei cambiamenti iniziali delle articolazioni e l'insorgere dei sintomi e dei segni radiografici dell'osteoartrosi è diverso, di solito viene misurato in anni e decenni. Tuttavia, il tasso di progressione dell'osteoartrosi nei singoli pazienti varia anche nella stessa fascia di età e con la stessa localizzazione della malattia. Ciò implica la partecipazione allo sviluppo dell'osteoartrosi di fattori come la predisposizione genetica, il livello di attività fisica, le differenze tra le articolazioni, ecc.

Secondo L. Buratti ed altri (1995), l'incidenza di osteoarthrosis delle articolazioni dell'anca, del ginocchio e del polso aumenta con l'età, ma l'incidenza di osteoarthrosis del rachide cervicale è ridotta. Inoltre, un aumento del numero di articolazioni affette da osteoartrosi è osservato in individui di gruppi di età più avanzata.

Il numero di articolazioni colpite da osteoartrosi in diversi gruppi di età (secondo Ciocci A, 1996, con modifiche)

Anni

Numero di pazienti,%

Monoartrozom

Olyhoartrozom

OA generalizzato

<50

54.8

33.9

11.3

51-60

56.5

34

9.5

61-70

38.2

45.3

16,5

> 70

19.4

20

60,6

Relativamente pochi studi sono stati condotti in quali studi sull'effetto dell'invecchiamento sulla progressione dell'osteoartrite, sebbene sia generalmente riconosciuto il significato dell'età avanzata nello sviluppo dell'osteoartrosi. In uno di essi, la maggior parte dei pazienti con osteoartrosi (il 60% delle articolazioni del ginocchio esaminate) non ha mostrato alcun cambiamento radiografico secondo Kellgren e Lawrence durante 11 anni di osservazione e solo lievi variazioni nel 33%. Pertanto, la progressione dell'osteoartrosi non è sempre un processo inevitabile e probabilmente dipende dalla diversa capacità di ripristinare e degradare i tessuti dell'articolazione dopo che sono stati danneggiati.

Negli studi di popolazione, è stabilito inequivocabilmente che le strade sovrappeso registrano un rischio più elevato di sviluppare gonartrosi. Il più grande rischio di osteoartrosi in individui con un indice di massa corporea (BMI)> 25 (Centers for Disease Control). Lo studio NHANES-1 ha dimostrato che nelle donne obese con un BMI superiore a 30, ma inferiore a 35, il rischio di sviluppare l'osteoartrosi era 4 volte superiore rispetto alle donne con un BMI di 25. Negli uomini con lo stesso sovrappeso, il rischio è aumentato in 4, 8 volte rispetto agli uomini con peso corporeo normale. Un'associazione diretta significativa è stata trovata tra BMI e gonartrosi in persone di entrambi i sessi: per ogni 5 unità di BMI, il rapporto relativo (intervalli di confidenza al 95%) di connessione con l'artrosi delle articolazioni del ginocchio era 2,1 (1,7; 2,58) per gli uomini e 2,2 (1,95; 2,5) per le donne. Questi dati sono simili ai risultati di altri studi. Secondo T. MacAlinden e coautori (1996), il sovrappeso era associato all'osteoartrosi e alle parti tibio-femorale e femoro-rotulea dell'articolazione del ginocchio. Gli autori hanno suggerito che il peso corporeo aumentava già dopo lo sviluppo dell'osteoartrosi a causa della limitazione dell'attività motoria. Tuttavia, vi è evidenza che in presenza di sovrappeso nelle persone di 37 anni, quando l'artrosi è estremamente rara, aumenta il rischio di sviluppare l'artrosi delle articolazioni del ginocchio entro i 70 anni. I risultati di uno studio prospettico basato sulla popolazione e ripetute osservazioni a raggi X hanno suggerito che il sovrappeso nelle persone senza osteoartrite è un potenziale fattore di rischio per l'artrosi delle articolazioni del ginocchio in futuro.

Con il sovrappeso, non solo il rischio di osteoartrosi delle articolazioni del ginocchio è alto, ma, come hanno dimostrato le osservazioni a lungo termine, anche il rischio di progressione della malattia è elevato, e nelle donne lo sviluppo dell'osteoartrosi bilaterale è elevato.

MA Davis e colleghi (1989) hanno studiato la relazione tra sovrappeso e artrosi monolaterale / bilaterale del ginocchio, diagnosticata radiograficamente. In NHAINS-1, 3885 persone di età compresa tra 45 e 74 anni hanno partecipato, di cui 226 (4,9%) avevano bilaterale e 75 (1,8%) gonartrosi unilaterale; Un BMI superiore a 30 è osservato nel 65% dei pazienti con gonartrosi bilaterale, nel 37,4% con osteoartrosi dell'articolazione del ginocchio destro, nel 43,3% con osteoartrosi dell'articolazione del ginocchio sinistro e nel 17,7% di individui sani. Il rapporto relativo (intervalli di confidenza al 95%) di sovrappeso associato a gonartrosi bilaterale era 6,58 (4,71; 9,18), mentre con artrosi destra e sinistra, rispettivamente, 3,26 (1,55; 7,29). E 2,35 (0,96; 5,75).

La relazione tra sovrappeso e gonartrosi in relazione alla natura della distribuzione del tessuto grasso sottocutaneo (PZHK) nelle persone di età compresa tra 45-74 anni che hanno partecipato al NHAINS-I, è stata studiata da MA Davis ed altri (1990). La distribuzione centrale del tessuto adiposo sottocutaneo è stata determinata misurando lo spessore della piega cutanea al di sotto dell'angolo della scapola, le pieghe periferiche nella regione del muscolo tricipite della spalla. Gli autori non hanno trovato una connessione tra lo spessore delle corrispondenti pieghe cutanee e la presenza di artrosi uni / bilaterale delle articolazioni del ginocchio, indipendentemente dal sesso, età, razza, BMI. Tuttavia, l'associazione di BMI con gonartrosi bilaterale è risultata essere forte negli uomini e nelle donne, con unilaterale, solo negli uomini.

MS Hochberg et al. (1995) hanno studiato la relazione tra la distribuzione dell'acido alslavico, la percentuale di tessuto adiposo sottocutaneo in 465 uomini e 275 caucasici che hanno partecipato allo studio longitudinale di Baltimora per l'invecchiamento, e anche a 169 uomini e 99 donne con osteoartrosi a raggi X. La distribuzione del tessuto adiposo sottocutaneo è stata determinata dal rapporto tra circonferenza del polso e dell'anca, mentre l'equazione standard è stata utilizzata per calcolare la percentuale di tessuto adiposo sottocutaneo, che comprendeva indicatori quali pieghe sotto l'angolo della scapola, addome e nella zona del tricipite della spalla. Come previsto, l'IMC aveva una forte connessione con la presenza di gonartrosi delle strade di entrambi i sessi. Tuttavia, gli autori dello studio non hanno trovato un'associazione tra osteoartrosi diagnosticata radiograficamente delle articolazioni del ginocchio e la natura della distribuzione del tessuto adiposo sottocutaneo (centrale / periferico), così come la percentuale di tessuto adiposo sottocutaneo.

In studi su K. Martin e co-autori (1997), Davis MA e co-autori (1988), è stato dimostrato che nell'obesità, l'insorgenza di artrosi delle articolazioni del ginocchio è influenzata da fattori meccanici piuttosto che metabolici.

Con sovrappeso, c'è un aumentato rischio di artrosi delle articolazioni dell'anca, sebbene questa associazione non sia così forte come con la gonartrosi. I risultati di tali studi sono contraddittori. Si noti che tali soggetti sono predisposti all'osteoartrosi bilaterale e non a quella unilaterale delle articolazioni dell'anca.

Secondo un'osservazione prospettica (per 23 anni) con sovrappeso, c'è anche un rischio maggiore di osteoartrite delle articolazioni delle mani.In studi condotti a Londra con la partecipazione di gemelli, è stata anche trovata un'associazione di sovrappeso con osteoartrosi dell'articolazione carpometacarpica del primo dito della mano..

La relazione tra sovrappeso e artrosi può essere spiegata da un aumento del carico sulle articolazioni, che causa una "rottura" meccanica della cartilagine, che porta quindi allo sviluppo dell'osteoartrosi. Tuttavia, questa spiegazione è applicabile solo per l'osteoartrosi delle articolazioni del ginocchio e dell'anca, ma non per l'osteoartrosi delle articolazioni delle mani. È anche possibile che nelle persone con obesità ci sia ancora un fattore sconosciuto che accelera la "rottura" della cartilagine e contribuisce allo sviluppo della malattia. Inoltre, le persone obese mostrano una maggiore densità minerale ossea, che è anche considerata un fattore di rischio per l'artrosi.

Nello studio Framingham, i pazienti sono stati esaminati una volta ogni 2 anni per 40 anni, mentre è stato stabilito che un aumento del peso corporeo è un fattore di rischio per manifesta osteoartrosi delle articolazioni del ginocchio nelle donne e una riduzione del peso di 5 kg nelle donne con un BMI di 25 (t. E. Sopra la media), riduce il rischio di osteoartrosi del 50%.

Per le donne con un IMC inferiore alla media, né un aumento né una diminuzione del peso hanno influenzato significativamente il rischio di sviluppare la malattia. Di conseguenza, l'obesità è un importante fattore di rischio per l'osteoartrosi del ginocchio, delle articolazioni dell'anca e delle articolazioni della mano, in questi pazienti c'è anche un alto rischio di un decorso progressivo della malattia. La perdita di peso può prevenire la malattia, in particolare l'OA del ginocchio.

Secondo KD Brandt e coautori (1986), circa l'80% di tutti i casi di osteoartrosi idiopatica delle articolazioni dell'anca sono associati a difetti di sviluppo non riconosciuti, come displasia e sublussazione. Allo stesso tempo, la frequenza di queste anomalie dello sviluppo non fornisce una chiara spiegazione dell'elevata prevalenza dell'osteoartrosi delle articolazioni dell'anca in Europa e negli Stati Uniti.

Vi sono prove convincenti della connessione dei fattori occupazionali con lo sviluppo dell'osteoartrosi, un carico eccessivo su alcune articolazioni è associato ad un aumentato rischio di sviluppare osteoartrosi di queste articolazioni. I minatori sono a rischio (artrosi del ginocchio e della colonna vertebrale lombare), portuali e cantieri navali (osteoartrosi delle articolazioni del ginocchio e del polso), raccoglitori di cotone e operai (osteoartrosi delle articolazioni dei polsi), operatori degli utensili pneumatici (osteoartrosi delle articolazioni del gomito e del polso), pittori e operatori del calcestruzzo (osteoartrosi delle articolazioni del ginocchio), agricoltori (osteoartrosi delle articolazioni dell'anca.

Lo sport professionale (calcio, atletica, ecc.) È associato ad un alto rischio di artrosi. Negli individui impegnati nella cultura fisica non professionale, il rischio di osteoartrite delle articolazioni del ginocchio e dell'anca non differisce dal totale della popolazione.

Un fattore di rischio molto importante per l'artrosi è la lesione / danno alle articolazioni. La lesione dell'articolazione del ginocchio (in particolare il legamento crociato anteriore) è associata ad un alto rischio di osteoartrosi dell'articolazione del ginocchio tra i calciatori professionisti.

MA Davis ed altri (1989) nel NHAINS-I descritto sopra studiarono la relazione tra lesione dell'articolazione del ginocchio e gonartrosi monolaterale / bilaterale confermata. Nel 5,8% dei soggetti intervistati con gonartrosi bilaterale, nel 15,8% di 37 persone con gonartrosi destra e nell'1,5% dei soggetti di controllo nella storia c'erano indicazioni di lesioni all'articolazione del ginocchio destro, mentre informazioni sulla lesione del ginocchio sinistro nella storia dell'articolazione, il 4,6% delle persone con lesioni bilaterali, il 27% con gonartrosi sul lato sinistro e l'1,8% nel gruppo di controllo. L'analisi statistica dei dati ha mostrato che il rapporto relativo (intervalli di confidenza al 95%) dell'associazione di lesione dell'articolazione del ginocchio e gonartrosi bilaterale era 3,51 (1,8; 6,83), gonartrosi sul lato destro - 16,3 (6,5; 40,9 ) e gonartrosi sul lato sinistro - 10,9 (3,72-31,93).

S. Terreg e M.S. Hochberg (1993) ha studiato la relazione tra la lesione dell'anca e la coxartrosi confermata radiograficamente in 2.359 individui di età compresa tra 55 e 74 anni che hanno partecipato al NHAINS-I; di questi, solo 73 (3,1%) sono stati diagnosticati con osteoartrosi di una o entrambe le articolazioni dell'anca. L'analisi statistica ha rivelato un'associazione significativa tra una storia di lesione dell'articolazione dell'anca e la coxartrosi (rapporto relativo (intervalli di confidenza al 95%) -7.84 (2.11; 29.1). Analisi della relazione tra danno all'anca e danno unilaterale / bilaterale, associazione più pronunciata con unilaterale (rapporto relativo (intervalli di confidenza al 95%) - 24.2 (3.84; 153)) rispetto alla coxartrosi bilaterale (rapporto relativo (intervalli di confidenza al 95%) - 4.17 (0.5; 34 7). Quindi, lesioni all'anca Le articolazioni del ginocchio e del ginocchio rappresentano un importante fattore di rischio per la coxartrosi e la gonartrosi, soprattutto unilaterale.

In aggiunta a quanto sopra, KD Brandt (2000) evidenzia la debolezza dei muscoli periarticolari come fattore di rischio per lo sviluppo della gonartrosi.

Nei pazienti con osteoartrite del ginocchio, si riscontra spesso debolezza del muscolo quadricipite della coscia, che di solito è associato all'atrofia a causa della limitazione del movimento nell'arto interessato. Tuttavia, la debolezza di questo muscolo si riscontra anche in pazienti con gonartrosi non manifesta, in cui non c'era dolore all'articolazione e al momento dell'esame e nella storia, la massa muscolare non solo non diminuiva, e talvolta era aumentata. Studi prospettici suggeriscono che la debolezza del quadricipite femorale non è solo una conseguenza della gonartrosi manifesta, ma può anche essere un fattore di rischio per l'artrosi. Tra le donne senza segni radiologici di gonartrosi all'inizio dell'osservazione e con osteoartrosi ai raggi X, dopo 30 mesi, la forza iniziale dell'estensore del ginocchio era significativamente inferiore (p <0,04) rispetto a quelle donne che non sviluppavano l'artrosi.

S. Slemenda et al (1997) ha stabilito che aumentando le forze ginocchio estensori per ogni 10 libbre / ft 2 è associato con diminuzione della probabilità di osteoartrite del ginocchio del 20%, artrosi sintomatica - 29%. Un aumento relativamente piccolo della forza estensoria del ginocchio (circa il 20% della media per gli uomini e il 25% della media per le donne) è associato a una diminuzione del rischio di gonartrosi del 20 e del 30%, rispettivamente.

Il ruolo del muscolo quadricipite della coscia nel proteggere l'articolazione del ginocchio dal danno è correlato alla funzione di stabilizzazione dell'articolazione e anche al fatto che fornisce resistenza alla gravità dell'intero arto inferiore.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.