^

Salute

A
A
A

Cos'è l'artrosi?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 01.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'osteoartrosi è una malattia progressiva non infiammatoria cronica delle articolazioni sinoviali di varie eziologie, caratterizzata da degenerazione della cartilagine articolare, cambiamenti strutturali nell'osso subcondrale e sinovite esplicita o nascosta.

Fino alla metà degli anni '80 non esisteva una definizione unificata di osteoartrosi. Di solito è stato trattato come una malattia di eziologia sconosciuta, in cui la cartilagine è principalmente colpita (in contrasto con l'artrite reumatoide, in cui la membrana sinoviale è principalmente interessata), ha indicato la natura degenerativa del processo patologico.

Nel 1986, la sottocommissione per l'artrosi della commissione per i criteri diagnostici e terapeutici di American College of Rheumatology (ACR) ha offerto la seguente definizione di osteoartrite: "L'artrosi - un gruppo eterogeneo di malattie che portano alla comparsa dei sintomi delle articolazioni causati dalla violazione dell'integrità della cartilagine articolare, così come cambiamenti nell'osso sottostante " ).

La più significativa e soddisfare pienamente le moderne teorie della eziologia e la patogenesi della osteoartrite, così come la riflette più pienamente l'essenza della malattia, che è quello di determinare l'ACR (1995): "L'artrosi - una malattia causata dall'azione di fattori biologici e meccanici che destabilizzano il normale rapporto tra i processi di degrado e la sintesi di condrociti, matrice extracellulare della cartilagine articolare e dell'osso subcondrale ".

Più ampia ma difficile da ricordare la definizione che riassume i cambiamenti clinici, fisiopatologici, biochimici e biomeccanici caratteristici di osteoartrite, è stato sviluppato sulla sulla eziopatogenesi della osteoartrite del convegno, organizzato dal National Institute of Arthritis, Diabetes, Digestive and Kidney Diseases, National Institute of Aging, americana Academy of Orthopaedic Surgeons, Arthritis Advisory Board nazionale e Arthritis Foundation (. Brandt KD et al, 1986), "l'artrosi clinica è caratterizzata da dolore articolare, dolorabilità alla palpazione di loro, limitando la loro mobilità, crepitio, periodicamente - versamento e infiammazione okalnym di varia gravità, ma senza manifestazioni sistemiche. Le alterazioni patologiche in osteoartrosi sono caratterizzate da perdita irregolare della cartilagine, spesso in aree di carico elevato, la sclerosi dell'osso subcondrale, formazione di cisti subcondrale, osteofiti marginali, aumentare il sangue metafizalnogo flusso e infiammazione della membrana sinoviale. Istologicamente, nella fase iniziale di osteoartrite è caratterizzata dalla frammentazione della superficie cartilagine articolare, proliferazione dei condrociti, la formazione di fessure verticali nella deposizione cartilagine di vari cristalli, rimodellamento e possibilmente germinazione transizione linea "ondulata" i vasi sanguigni. Per osteoartrite caratterizzato inoltre dalla presenza di caratteristiche di risposta riparativi (in particolare, osteofiti); poi ci sono una perdita totale della cartilagine, osteosclerosi e osteonecrosi focale dell'osso subcondrale. Biomeccanico osteoartrite caratterizzato da una variazione di capacità cartilagine articolare di resistere trazione, compressione, modifica della sua permeabilità, aumento della concentrazione di acqua in esso e gonfiore eccessivo. Biochimicamente osteoartrite è caratterizzata da una diminuita concentrazione di proteoglicani possono cambiare ihrazmerov e aggregazione, e modificare la dimensione delle fibre di collagene macero aumentare la sintesi e la degradazione delle macromolecole della matrice ".

Nella definizione di osteoartrite, proposto in occasione del seminario "Nuovi Orizzonti in osteoartrite" (USA, 1994), condotti da American Academy of Orthopaedic Surgeons, National Institute of Arthritis, muscoloscheletrico e Malattie della pelle, National Institute of Aging, Arthritis Foundation e Ortopedica Ricerca e Formazione Fondazione, sottolinea che l'artrosi comprende diversi nosologies: "artrosi - gruppo intersecano malattie che hanno differenti eziologie, ma i risultati biologici, morfologiche e cliniche simili. Processo patologico non riguarda solo la cartilagine articolare, ma vale anche per l'intera articolazione, tra cui l'osso subcondrale, legamenti, capsule, membrana sinoviale e dei muscoli periarticolari. In definitiva degenerazione della cartilagine articolare con la sua macero, screpolature, ulcerazione e la perdita della sua piena ".

Il seminario, tenutosi nel 1995, ha proposto la seguente definizione: "osteoartrite - il risultato di fattori biologici e meccanici che violano l'equilibrio tra i processi di degradazione e sintesi di matrice extracellulare della cartilagine articolare e dell'osso subcondrale. Osteoartrite può essere avviata da una varietà di fattori quali genetica, sviluppo, metabolici e traumatica, nel processo patologico coinvolto in osteoartrite sinoviali tutti i tessuti. Infine osteoartrite manifesta cambiamenti morfologici, biochimici, molecolari e biomeccaniche di cellule e matrice, che porta a diradamento, dissociato, ulcerazione, perdita di cartilagine articolare, osteosclerosis con un ispessimento acuto e compattamento dello strato corticale subcondrale dell'osso, osteofitosi, formazione subhondralnyh di cisti. Per clinico osteoartrite caratterizzato artralgia, tenerezza e limitazione di movimento, crepitio, accumulo periodica di essudato nella cavità articolare, infiammazione diversa gravità senza manifestazioni sistemiche ".

Riferimento storico sull'artrosi

Secondo i ricercatori, le persone hanno sempre avuto l'artrosi. I cambiamenti degenerativi nelle ossa sono stati trovati in resti fossili di Pithecanthropus erectus (uomo giavanese). Cambiamenti simili furono trovati nelle ossa degli abitanti della grotta nubiana, che visse 10.000 anni prima di Cristo (Brugsch HG, 1957), così come negli scheletri degli antichi anglosassoni.

Ippocrate descrisse la malattia come "l'artrite, che colpisce le articolazioni grandi, che non va oltre l'articolazione colpita". Più tardi, queste osservazioni cliniche furono dimenticate fino alla fine del XVIII secolo, quando i clinici tentarono nuovamente di dividere le artropatie in gruppi. Nonostante il fatto che la prima descrizione dettagliata e completa del osteoartrite clinica è stata fatta nel 1805 John Haygarth (un anno descrizioni precedenti William Geberdenom noduli alle articolazioni distali), tentativi riusciti per evidenziare la malattia OA diverso da artrite reumatoide, sono stati fatti solo all'inizio del XX secolo. (Garrod AE, 1907; Hoffa A., Wollenberg GA, 1908; Nichols EH, Richardson FL, 1909). Studiando l'artrite "non tubercolare", E.N. NicholsH FL Richardson (1909) ha identificato due tipi di cambiamenti nelle articolazioni, "tipo proliferativa con una tendenza alla distruzione della cartilagine articolare, portando all'anchilosi" e "tipo degenerativo con una tendenza alla distruzione della cartilagine articolare senza ankilozirovaniya". Quest'ultima opzione è ovviamente una descrizione dell'osteoartrosi. Solo dopo la pubblicazione di RL Cecil e VN. Arciere nel 1926, il concetto di osteoartrite come malattia separata fu accettato dall'ampia comunità medica.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.