^

Salute

A
A
A

Imaging a risonanza magnetica funzionale

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La risonanza magnetica funzionale si basa sull'aumento del flusso sanguigno nel cervello in risposta ad un aumento dell'attività neuronale della corteccia sotto l'azione dello stimolo corrispondente. La mappatura dell'attività cerebrale ci consente di identificare le aree di attivazione neuronale che sorgono in risposta alla stimolazione (stimoli motori, sensoriali e di altro tipo).

L'uso di una sequenza di echoplane dell'impulso basata sull'eco del gradiente consente di registrare un segnale MP ad alta intensità dalle regioni attive della corteccia cerebrale e il tempo di registrazione di un'immagine RM è di circa 100 ms. Con una risonanza magnetica funzionale, l'intensità dei segnali registrati a carico fisiologico (attivazione) e in sua assenza (controllo) viene confrontata. Le aree di aumento statisticamente significativo del segnale MR, rivelate durante la successiva elaborazione matematica delle immagini, corrispondono alle aree dell'attività neuronale del cervello. Sono colorati, costruiscono mappe di attività neurali e li sovrappongono su un T1-MRI o un modello tridimensionale della superficie del cervello.

Uso clinico della risonanza magnetica funzionale. Mappare le zone di attività neuronale del cervello consente di pianificare un approccio chirurgico ed esplorare i processi fisiopatologici del cervello. Il metodo è utilizzato in neuropsicologia nello studio delle funzioni cognitive del cervello. È promettente per la rilevazione di focolai di epilessia.

L'uso della risonanza magnetica funzionale è ora diventato parte integrante del protocollo MRI in pazienti con tumori cerebrali situati vicino a aree funzionalmente significative della corteccia cerebrale. Nella maggior parte dei casi, i risultati riflettono adeguatamente la posizione della zona sensomotoria, verbale e uditiva della corteccia cerebrale. Prospettiva all'interno di una singola MP-studi in pazienti con un tumore al cervello risonanza magnetica funzionale (fino a quando non viene effettuata solo per il somatosensoriale e la corteccia visiva) trattografia alla costruzione di mappe funzionalmente importanti corteccia, o tratto ottico piramidale e la loro applicazione a un'immagine tridimensionale del cervello. Sulla base dei dati di allineamento neurochirurghi ottenuti piano operativo di approccio e la portata neoplasie di resezione e radiologi si aspettano la distribuzione della dose tumore.

trusted-source[1], [2], [3], [4],

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.