Osteocondrosi della colonna vertebrale cervicotoracica

Ultima revisione di: , esperto medico, su 01.06.2018

La patologia vertebrogenetica cervicale inizia quasi sempre con il dolore o un senso di disagio al collo.

Il dolore nella regione cervicale (a riposo o sotto carico) viene potenziato dopo il riposo, all'inizio del movimento o ai normali carichi domestici (con movimenti bruschi).

La gravità del dolore è di tre gradi:

  • I - il dolore si verifica solo con il massimo dei movimenti di volume e forza nella colonna vertebrale;
  • II - il dolore si calma solo in una certa posizione della colonna vertebrale;
  • III - il dolore è costante.

Nello stato di rigidità del rachide cervicale, posizione forzata della testa, indolenzimento delle zone di neuroosteofibrosi (per la prescrizione del processo).

Il complesso del sintomo cervicale descritto si riferisce a sindromi vertebrali. Cerebrale, spinale, pettorale e brachiale sono definiti come sindromi extrovertebrali. Possono essere compressi, riflessi o mioadaptive (posturale e vicario).

Le sindromi da compressione sono divise:

  • su radicular (radiculopathy);
  • spinale (mielopatie);
  • neurovascolare.

Le sindromi riflesse, a loro volta, sono classificate come:

  • muscolo-tonica;
  • Neurodistrofico (neuro-osteofibrosi);
  • neurovascolare.

Le sindromi dei vicari miadaptive si verificano quando si esercita una pressione eccessiva su muscoli relativamente sani quando assumono una funzione inadeguata del soggetto colpito. Nella clinica di patologia extravertebrale cervicale, le sindromi riflesse sono più comuni.

Periartrosi dell'articolazione della spalla

Oltre ai fenomeni dolorosi, l'irrigazione delle formazioni vegetative provoca lo sviluppo di disturbi neurodistrofici complessi. I cambiamenti distrofici nella capsula articolare e l'infiammazione reattiva portano alla comparsa di dolore che si irradia al collo e alla spalla. I tentativi di ruotare e ritirare il braccio sono solitamente dolorosi, mentre i movimenti del braccio oscillano avanti e indietro rimangono liberi. Dolore specifico quando si cerca di mettere la mano dietro la schiena. Il paziente risparmia la sua mano, e ciò aggrava ulteriormente lo sviluppo della degenerazione cicatriziale dei tessuti periarticolari. C'è una sindrome della "mano congelata". In alcuni casi il dolore abbassata dopo determinato a diversi gradi di spalla anchilosi - scapola a movimenti passivi formano un unico insieme, così braccio di sollevamento sopra del livello orizzontale è talvolta impossibile. Tutto ciò è accompagnato dallo sviluppo di atrofia muscolare che circonda l'articolazione e con ripercussione - nella capsula dell'articolazione appare un aumento dei riflessi tendine-periostali sullo stesso braccio.

Sindrome di spalla-spazzola o sindrome di Stein-Broker

La principale condizione per lo sviluppo della sindrome del pennello da spalla è il coinvolgimento delle formazioni simpatiche cervicali, in particolare del tronco simpatico.

La specificità della sindrome è dovuta alla combinazione di una serie di fattori che portano alla sconfitta della mano e della spalla. I principali sono:

  • fattori che causano (focolai patologici vertebrali);
  • fattori che realizzano (lesioni locali che causano cambiamenti neurodistrofici e neurovascolari nell'area della spalla e della mano, nei loro plessi periarticolari simpatici);
  • fattori che contribuiscono (generale, generale vegetativo, che portano alla realizzazione di specifici processi riflessi).

Le malattie viscerali trasferite nel passato, pre-preparazione dei meccanismi vegetativi centrali a causa di traumi, commozione cerebrale, contusione cerebrale, ecc., Sono importanti.

Considerando separatamente la natura del processo della spalla e della mano, si dovrebbe notare che nella zona della spalla il processo è prevalentemente di natura neurodistrofica e nella regione del pennello - neurovascolare.

La clinica consiste in dolori articolari e muscolari del braccio interessato, iperestesia e aumento della temperatura cutanea, gonfiore e cianosi della mano. Successivamente, si verifica atrofia della pelle e del tessuto sottocutaneo, i movimenti delle mani sono limitati con la formazione di contratture flessurali. Infine, nella terza fase, si evidenzia l'atrofia muscolare e l'osteoporosi diffusa delle ossa della mano (distrofia ossea di Zudeck).

Sindrome della scala anteriore

È noto che questo muscolo, partendo dai tubercoli anteriori dei processi trasversali delle vertebre cervicali III-IV, è attaccato alla superficie superiore della 1 ° costola. Laterale a questa costola è attaccato avendo una direzione simile di fibre e un muscolo della scala mediale. Tra questi muscoli sopra la costola vi è una fenditura triangolare attraverso la quale passano il plesso brachiale e l'arteria succlavia. Questi rapporti anatomici determinano la possibilità di compressione del fascio neurovascolare nel caso di un muscolo spasmo scaleni, che può causare irritazione per servire sua innervano le radici di C 5 _ 7 e fibre simpatiche. La compressione è solitamente soggetta solo al fascio inferiore del plesso brachiale (formato dalle radici di C3 e Th1).

Il paziente si lamenta di una sensazione di dolore, pesantezza nella sua mano. Il dolore può essere leggero, doloroso, ma può essere forte. Il dolore è peggio di notte, soprattutto con un respiro profondo quando la testa è inclinata verso il lato sano, a volte si estende fino al cingolo scapolare, ascella e al torace (che è il motivo per cui in alcuni casi v'è un sospetto di vasi coronarici). Il dolore si rafforza anche quando la mano viene ritirata. I pazienti notano la sensazione di formicolio e intorpidimento della mano, più spesso lungo il bordo ulnare della mano e dell'avambraccio. Rilevato durante l'ispezione sopraclaveare fossa gonfiore, muscolo tenerezza anterior scalene, il posto di attacco al profilo I (test Wartenberg). Il muscolo sotto le dita si sente ispessito, ingrandito di dimensioni. Potrebbe esserci un punto debole del pennello. Questo, tuttavia, non è una vera paresi, poiché con la scomparsa dei disturbi vascolari e del dolore, anche la debolezza scompare.

Con la rimozione della testa sul lato sano, il sangue che riempie l'arteria radiale palpabile può cambiare. Se il dolore si intensifica quando si gira la testa verso il lato irritato, la compressione della colonna vertebrale è più probabile.

Epicondilite (epicondilosi) dell'articolazione del gomito

Sconfiggere strutture periostali-legamentose che facilmente traumatizzato sezione (l'inserimento di diversi muscoli dell'avambraccio) viene mostrata la caratteristica triade di sintomi: dolore alla palpazione dell'epicondilo, diminuita forza nella mano e aumento del dolore con pronazione, supinazione e flessione dorsale del polso.

La debolezza muscolare caratteristica è rivelata dai seguenti test:

  • Symptom Thompsen: quando si cerca di tenere il pugno chiuso nella posizione del pugno, il pennello scende rapidamente;
  • sintomo gallese: estensione e supinazione simultanee degli avambracci - sul lato affetto in ritardo;
  • con la dinamometria dal lato affetto, la debolezza della mano è rivelata;
  • quando il braccio è posizionato dietro la parte bassa della schiena, il dolore aumenta.

Quindi, l'epicondilite (epicondilosi) nella patologia cervicale fa parte di una vasta gamma di fenomeni neurodistrofici in luoghi in cui i tessuti fibrosi si attaccano alle sporgenze ossee. Questi fenomeni insorgono sotto l'influenza della colonna vertebrale interessata o di altre lesioni dei tessuti circostanti. La formazione di questa o quella sindrome patologica è causata dallo stato di fondo della periferia, dove è stato preparato il substrato.

Sindrome cardiologica

La patologia delle strutture vertebrali cervicali colpisce il cuore. Nell'innervazione del cuore sono coinvolti i nervi cardiaci superiore, medio e inferiore, che ricevono impulsi dai nodi simpatici cervicali. Pertanto, con la patologia cervicale, può verificarsi una sindrome cardiaca, che dovrebbe essere distinta dall'angina pectoris o dall'infarto del miocardio. Nel nido di questo doloroso fenomeno ci sono due meccanismi principali:

  • è l'irrigazione del nervo sinuvertebrale, il ramo postganglionico della catena simpatica, che coinvolge poi il ganglio stellato, che fornisce innervazione simpatica del cuore;
  • dolore nei muscoli della superficie anteriore della parete toracica innervato dalle radici di C5-7.

I dolori di Kardialgichesky sono inferiori a influenza medicamentosa, e in particolare, non sono alleviati con l'immissione di nitroglicerina e validol. L'assenza di cambiamenti sull'ECG ripetuto, che non rivela alcuna dinamica anche all'altezza del dolore, conferma la diagnosi di sindrome da dolore non congenito.

Sindrome dell'arteria vertebrale

La peculiarità della struttura del rachide cervicale è la presenza di fori nei processi trasversali delle vertebre C 2 -C 6. Queste aperture formano un canale attraverso il quale passa il ramo principale dell'arteria succlavia - l'arteria vertebrale con lo stesso nervo.

Da arteria vertebrale si dipartono i rami coinvolti nella formazione di sinuvertebralnogo Lyushka nervi che innervano i legamenti capsulari dei PDS cervicali, il periostio delle vertebre e dischi intervertebrali.

A seconda che spasmo arterioso si verifica a causa di stimolazione delle fibre efferenti del nervo spinale (plesso) risposta riflessa o dovuto alla stimolazione delle strutture afferenti dell'arteria vertebrale può esercitare la sua instabilità clinica in due forme:

  • sotto forma di sindrome da compressione-irritativa dell'arteria vertebrale;
  • sotto forma di una sindrome angiospastica riflessa.

La forma compressiva-irritativa della sindrome deriva dalla compressione meccanica dell'arteria vertebrale. Di conseguenza, c'è irritazione delle sue formazioni simpatiche efferenti con violazione del flusso sanguigno vertebro-basilare e ischemia delle strutture cerebrali.

L'arteria può essere perfezionata a diversi livelli:

  • prima che entri nel canale dei processi trasversali; più spesso la causa della compressione è la scala spasmodica;
  • nel canale dei processi trasversali; in questo caso ciò avviene con un aumento della deformità dei processi a forma di uncino diretti lateralmente ed esercitando una compressione sulla parete mediale dell'arteria; con sublussazioni di Kovacs, quando l'angolo superiore anteriore del processo articolare superiore della vertebra scivolata in avanti esercita una pressione sulla parete posteriore dell'arteria; un'azione simile sull'arteria è fornita da processi articolari in presenza della loro proliferazione anteriore a causa di spondiloartro e periartrosi;
  • nel punto di uscita dal canale dei processi trasversali; la compressione arteriosa si verifica con anomalie delle vertebre cervicali superiori; possibilmente premendo l'arteria al muscolo spasmodico inferiore obliquo C1-C2 della testa.

ATTENZIONE! Questo è l'unico sito nel "canale" dell'arteria vertebrale, dove non è coperto dietro i processi articolari e dove viene palpato ("il punto dell'arteria vertebrale").

La sindrome angiospastica riflessa dell'arteria vertebrale sorge in connessione con la generalità dell'innervazione dell'arteria stessa, dei dischi intervertebrali e delle articolazioni intervertebrali. Con i processi distrofici nel disco, si verifica l'irritazione delle strutture simpatiche e di altri recettori, il flusso di impulsi patologici raggiunge la rete simpatica dell'arteria vertebrale. In risposta all'irritazione di queste formazioni simpatiche efferenti, l'arteria vertebrale reagisce con lo spasmo.

Le manifestazioni cliniche della sindrome delle arterie vertebrali includono:

  • mal di testa parossistico;
  • irradiazione del mal di testa: a partire dalla regione cervico-occipitale, si estende alla fronte, agli occhi, alle tempie, alle orecchie;
  • il dolore prende metà della testa;
  • una chiara connessione del mal di testa con il movimento della testa, lavoro prolungato associato alla tensione dei muscoli del collo, posizione scomoda della testa durante il sonno;
  • durante il movimento della testa (panoramica, inclinazione) è spesso un dolore, sentito "scricchiolio" disturbi cochle-vestibolare osservati: natura sistemica di vertigini, il rumore, ronzio alle orecchie, perdita dell'udito, in particolare al culmine del dolore, foschia, lampeggiante "vola" ( disturbi visivi);
  • ipertensione arteriosa ("ipertensione cervicale").

Sebbene le manifestazioni cliniche di entrambe le forme della sindrome siano simili, tuttavia la sindrome angiospastica riflessa ha le sue caratteristiche distintive. È caratterizzato da:

  • disordini vegetovascolari cerebrali bilaterali e diffusivi;
  • prevalenza di manifestazioni vegetative su focali;
  • relativamente meno associazione di convulsioni con movimenti della testa;
  • la sindrome da compressione-irritativa è più comune nella patologia del rachide cervicale inferiore ed è combinata con sindromi brachiali e pectoriali, riflesso - con lesioni cervicali superiori e medie.

Uno dei principali luoghi nella clinica della sindrome di Barre occupano i sintomi obschevenrotichesky: debolezza, malessere, irritabilità, disturbi del sonno, un costante senso di pesantezza nella testa, disturbi della memoria.

A differenza della sindrome simpatica cervicale anteriore caratterizzata dal complesso di Horner, la sindrome simpatica cervicale posteriore è altrettanto povera nei sintomi oggettivi in quanto è ricca di soggettività.

Sindrome radicolare

La compressione del midollo spinale nella colonna cervicale è relativamente rara rispetto alle sindromi riflesse. Ciò è dovuto alle seguenti circostanze:

  • legamenti forti di "articolazioni" non-vertebrali proteggono bene la colonna vertebrale da una possibile compressione dell'ernia del disco foraminale;
  • la dimensione dell'apertura intervertebrale è piuttosto piccola e la probabilità di un'ernia che vi cade è la più piccola.

La compressione della radichetta o dell'arteria radicolare viene effettuata da varie strutture:

  • la sezione anteriore del cono intervertebrale si rastrema a causa di ernia del disco o escrescenze osso-cartilaginee con artrosi non vertebrale;
  • la parte posteriore dell'orifizio ristretto con spondiloartrosi e cervico-spondilliarerosi;
  • con osteocondrosi, la dimensione verticale del forame intervertebrale diminuisce.

La sindrome radicolare può anche verificarsi quando la radice dell'arteria radicolare è irritata da uno spasmo di quest'ultimo, che porta all'ischemia della radice.

Con la compressione di ciascuna radice, sono associati alcuni disturbi motori, sensoriali e riflessi:

  • La colonna vertebrale C1 (segmento vertebrale-motore craniovertebrale) si trova nel solco dell'arteria vertebrale. Appare nella clinica con dolore e un disturbo di sensibilità nella regione parietale.
  • Spine C2 (disco senza vertebrale segmento C1-2). Con le lesioni, c'è dolore nella regione parietale-occipitale. Possibile ipertrofia dei muscoli sublinguali. È accompagnato da una violazione della sensibilità nella regione parieto-occipitale.
  • Spina C 3 (disco, giunto e forame intervertebrale C 2 _ 3 ). Nel quadro clinico, il dolore prevale nella metà corrispondente del collo e il gonfiore della lingua su questo lato, l'abilità linguistica è difficile. Paresi e ipotrofia dei muscoli sublinguali. I disturbi sono causati da anastomosi della radice con il nervo sublinguale.
  • Colonna vertebrale C 4 (disco, giunto e forame intervertebrale C 3 _ 4 ). Dolore alla zampa anteriore, clavicola. Debolezza, diminuzione del tono e ipertrofia della cintura, trapezio, sollevamento della scapola e il muscolo più lungo della testa e del collo. A causa della presenza nella colonna vertebrale delle fibre del nervo diaframmatico, sono possibili i disturbi della funzione respiratoria, così come la presenza di dolore nella regione del cuore o del fegato.
  • Colonna vertebrale C 5 (disco, giunto e forame intervertebrale C 4 _ 5 ). Il dolore si irradia dal collo alla spalla e alla superficie esterna della spalla. Debolezza e ipotrofia del muscolo deltoide. Violazione della sensibilità lungo la superficie esterna della spalla.
  • Radicle C 6 (disco, solidale intervertebrale forame C 5 _ 6 ). Il dolore si diffonde dal collo alla scapola, alla spalla e al pollice, accompagnato da parestesie della zona distale del dermatomo. Debolezza e ipotrofia del muscolo bicipite. Diminuzione o assenza di riflesso dal muscolo specificato.
  • Spina C 7 (disco, giunto e forame intervertebrale C 6 _ 7 ). Il dolore si irradia dal collo sotto la scapola lungo la superficie esterna-posteriore della spalla e la superficie dorsale dell'avambraccio fino alle dita 2a e 3a, la parestesia nella parte distale di questa zona è possibile. Debolezza e ipotrofia del muscolo tricipite, diminuzione o scomparsa del riflesso da esso. Disturbi della sensibilità della pelle lungo la superficie esterna dell'avambraccio sul polso alla superficie posteriore delle dita II-III.
  • Spina C 8 (disco, giunto e forame intervertebrale C 7 -Thj). Il dolore irradia dal collo al margine del gomito dell'avambraccio e al mignolo, parestesia nelle aree distali di questa zona. Sono possibili ipotalisi parziali e una diminuzione del riflesso del muscolo tricipite, i muscoli del mignolo del mignolo.

È importante sapere!

Il muscolo, che contiene i punti trigger attivi (TT), è funzionalmente abbreviato e indebolito. Quando si tenta di allungarlo passivamente, il dolore si verifica. Il limite dello stiramento passivo del muscolo, il cui naso non causa dolore, può essere determinato con campioni differenziati. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.