Sindrome da astinenza da fenazepam

Ultima revisione di: , esperto medico, su 21.03.2019

Il fenazepam è uno dei tranquillanti più popolari che i medici prescrivono più spesso per i disturbi d'ansia e gli attacchi di panico. Sembrerebbe, è possibile per una preparazione che è così necessaria per calmare i nervi disturbati a causare un processo inverso e un grave deterioramento della salute? Se è preso regolarmente - niente di terribile accade, ma l'uso a lungo termine del farmaco o dosi in eccesso può portare alla dipendenza dalla droga, e la cessazione della sua accettazione di causare molto spiacevole e doloroso fenomeno - un fenazepama sindrome da astinenza. Questo stato è per molti aspetti simile alla rottura che si osserva tra i tossicodipendenti sullo sfondo del rifiuto di assumere droghe, perché i tranquillanti appartengono alla categoria dei narcotici psicotropi con tutti gli effetti collaterali tipici di questo gruppo.

Proviamo a capire se c'è sempre bisogno di assumere Fenazepam e altri tranquillanti per i disturbi neuropsichiatrici. Se il farmaco è prescritto da un medico, allora come prenderlo correttamente, in modo da non danneggiare te stesso e non provocare dipendenza da droghe? Cosa fare se la dipendenza da tranquillanti si è già formata e l'abbandono di farmaci non sicuri minaccia problemi di salute immaginari e reali?

Annulla tranquillanti

Nel nostro momento di difficoltà, poche persone possono vantare forti nervi. Ambiente povero, ritmo frenetico della vita, il desiderio con tutti i mezzi per raggiungere il piombo successo professionale al fatto che nel corso del tempo, cominciamo ad avere sintomi di malattia: affaticamento fisico ed emotivo che non rimuove anche del sonno, insonnia, nervosismo, mal di testa e vertigini, fluttuazioni del sangue pressione, ansia e paura del futuro.

Tutto ciò porta a un calo delle prestazioni e alla ricerca della possibilità di ripristinarlo. Capendo che è necessario calmare i nervi, in primo luogo, molti stanno cercando la sedazione nei farmaci, e i sedativi e gli antidepressivi sono considerati i più popolari di loro. I secondi più popolari sono i tranquillanti, che sono caratterizzati da un'azione complessa, vale a dire l'effetto di prenderli sarà più forte dell'uso di altri sedativi.

Non tutti sanno che i tranquillanti sono farmaci, il cui uso è raccomandato solo nei casi più gravi quando altri tipi di sedativi e antipsicotici non aiutano. In questo caso, il corso del trattamento con tali farmaci è strettamente limitato a 3-4 settimane (come prescritto da un medico in situazioni particolarmente difficili, al massimo 2 mesi), ma nella maggior parte dei casi vengono prescritti sintomaticamente per alleviare l'ansia e la paura della morte.

Cosa sono i tranquillanti, e in particolare il Fenazepam? Questi sono farmaci psicotropi, il cui effetto benefico è fornito dall'effetto sui centri nervosi del cervello. I tranquillanti hanno un effetto inibitorio sul sistema nervoso centrale, a causa del quale si verifica il rilassamento neuromuscolare. Di conseguenza, ci sentiamo calmi e calmi, i sentimenti passano in secondo piano, appaiono sonnolenza e apatia. Tale esposizione ai farmaci aiuta a ridurre l'impatto negativo su una persona di fattori di stress, riduce l'ansia e l'irritabilità, ripristina la calma emotiva e stabilisce un sonno completo.

I tranquillanti hanno i seguenti vantaggi:

  • ansiolitico, cioè diminuire l'ansia, la paura, lo stress emotivo,
  • sedativo (calma i nervi e riduce anche l'ansia e l'ansia),
  • sonniferi (l'insonnia passa e il processo di addormentarsi migliora, il riposo notturno viene ripristinato),
  • anticonvulsivante (previene la diffusione dell'impulso convulsivo),
  • rilassante muscolare (favorisce il rilassamento della muscolatura liscia, inibisce la reazione dei nervi motori).

Ma con tutti i benefici che i tranquillanti hanno, questi farmaci hanno molti effetti collaterali e controindicazioni. Considerali sull'esempio dello stesso fenazepam.

Poiché il fenazepam è considerato un farmaco psicotropico che inibisce i processi mentali nel sistema nervoso, soffre prima di tutto. I pazienti possono sperimentare sonnolenza, interruzione della concentrazione e coordinazione dei movimenti, mal di testa, debolezza, affaticamento, pronuncia alterata di suoni e parole a causa dell'indebolimento della regolazione nervosa dell'apparato articolare (disartria), diminuzione della memoria, ecc. Inoltre, i sintomi esistenti di ansia, irritabilità, insonnia, allucinazioni e il desiderio di porre fine alla vita possono occasionalmente intensificarsi.

I tranquillanti possono causare cambiamenti nella composizione del sangue, che si manifesta con debolezza, febbre, decolorazione della pelle, mal di testa, ecc. Essi sono in grado di disturbare la funzione del fegato e negativamente influenzare lo stato del sistema digestivo, provocare incontinenza o ritenzione nel corpo, interrompendo il lavoro dei reni, influenzano la potenza del desiderio sessuale (libido). Le donne con Phenazepam possono avere mestruazioni dolorose.

Altri effetti indesiderati includono una diminuzione della pressione arteriosa (ipotensione), un aumento della frequenza cardiaca (tachicardia), dualità dei soggetti (diplopia), ecc.

Tutti i sintomi di cui sopra possono verificarsi con frequenze diverse e per prevedere il loro aspetto è impossibile. È possibile ridurre la probabilità che si verifichino, se non si supera la dose raccomandata del farmaco (e per varie violazioni, possono essere diverse, quindi la consultazione del medico è semplicemente necessaria) e la durata del corso di trattamento prescritto. Queste stesse misure aiuteranno a prevenire una situazione più spiacevole e pericolosa - lo sviluppo della sindrome da astinenza da Phenazepam, che è anche caratteristica di altri tranquillanti. Questa sindrome si verifica quando una persona smette di assumere questi psicotropi. Con la ripresa dei sintomi farmacologici di astinenza scompaiono. Ma un ulteriore uso prolungato di tranquillanti influenzerà negativamente lo stato fisico e mentale di una persona, causando cambiamenti personali, alterazioni delle capacità cognitive (attenzione, memoria, ecc.), Riduzione del controllo sul loro comportamento e disadattamento sociale, problemi con il sonno, comparsa di fobie, riduzione performance, l'emergere di pensieri suicidi, ecc.

C'è un'alternativa?

Quando la condizione psico-emotiva e fisica inizia a influenzare negativamente i rapporti con la famiglia, gli amici e i colleghi, diventano un ostacolo al buon studio e al lavoro, ti impediscono di ottenere ciò che desideri, una persona vuole riprendere le proprie capacità lavorative e il proprio benessere con ogni mezzo. È impossibile incolpare una persona per questo, ma è comunque necessario essere saggi nella scelta di un farmaco per ripristinare un normale stato psicofisico.

I tranquillanti sono classificati come potenti farmaci e la necessità della loro ammissione non è sempre il caso. Non meno dei tranquillanti, i sedativi e gli antidepressivi possono calmare i nervi ei neurolettici aiutano a correggere le anomalie autonome e le funzioni cognitive. In questo caso, i suddetti tipi di farmaci hanno effettivamente un effetto terapeutico, mentre i tranquillanti, molti medici attribuiscono alla categoria dei rimedi sintomatici che non curano, ma alleviano solo i sintomi spiacevoli.

Quanto sono sicuri gli antidepressivi e gli antipsicotici? Ammettiamolo, non dovresti preoccuparti dei gruppi di farmaci di cui sopra. Prendi, per esempio, uno degli antidepressivi più sicuri con una serie minima di effetti collaterali - inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina. Considera il loro effetto sull'uomo sulla base del farmaco Tsipralex.

Il farmaco aumenta la concentrazione dell '"ormone della felicità", che è chiamato uno dei principali neurotrasmettitori (serotonina), a causa del quale l'ansia e l'irritabilità scompaiono, l'umore migliora, il sonno migliora, ecc. Ma l'uso a lungo termine di tali farmaci (soprattutto in considerazione del superamento delle dosi raccomandate) può avere l'effetto opposto o portare al fatto che il corpo da solo non può più produrre il neurotrasmettitore che è necessario per mantenere l'equilibrio psico-emotivo, Ci sarà la tossicodipendenza. Con l'abolizione dell'antidepressivo, il paziente sperimenterà la sindrome da astinenza, simile a quanto osservato dopo l'interruzione dei tranquillanti.

Ora per i neurolettici. Questi farmaci antipsicotici (ad esempio, Chlorprothixen) bloccano i recettori della dopamina. Di conseguenza, la produzione del neurotrasmettitore dopamina, che è responsabile del desiderio sessuale, che si innamora, influenza la sfera e l'attenzione motivazionale, sostiene il desiderio di raggiungere gli obiettivi. Tutti questi momenti sono associati a determinate esperienze, tensione nervosa, mancanza di sonno. Se riduci la produzione di dopamina, una persona diventa più calma, più equilibrata, ottiene l'opportunità di riposare e rilassarsi normalmente.

Alcuni disturbi mentali (schizofrenia, disturbo bipolare) sono associati a livelli elevati di dopamina. Pertanto, per stabilizzare tali pazienti, è semplicemente necessario ridurre la produzione di questo neurotrasmettitore. Con la depressione, i sintomi da astinenza, l'epilessia, l'oligofrenia, l'ansia e gli attacchi di panico, tali farmaci sono prescritti con molta cautela, perché la riduzione del livello di dopamina in tali situazioni può solo aggravare le condizioni del paziente. Pertanto, vengono prescritti sintomaticamente (una volta) o in un breve corso.

Parlando di antidepressivi e neurolettici, dovremo ancora fare i conti con potenti farmaci per il trattamento di gravi malattie (depressione, psicosi, disordini autonomici e di panico, sindrome da astinenza, epilessia e oligofrenia in combinazione con disturbi mentali, ecc.). Questo elenco contiene disturbi vegetativi, il più popolare dei quali è la disfunzione autonomica somatoforme del sistema nervoso, meglio noto a molti come distonia vascolare (VVD).

VSD - che cos'è? I medici possono fare questa diagnosi oltre l'80% della popolazione del nostro paese, ma non tutti sanno che cos'è un determinato disturbo di salute e come trattarlo.

L'IRR è considerato una delle malattie umane più bizzarre e controverse con molteplici sintomi reali e immaginari. Dovrebbe essere inteso che il complesso dei sintomi derivante dall'IRR è una manifestazione secondaria di malattie mentali o somatiche già presenti nel corpo, lesioni organiche del cervello, cambiamenti ormonali (spesso riscontrati negli adolescenti). Pertanto, la sindrome dell'IRR è una conseguenza delle malattie esistenti e ciò è dovuto alla diversità dei suoi sintomi.

Una delle manifestazioni più comuni della distonia vegetativa-vascolare sono l'ansia e la tensione nervosa da essa causata. Pertanto, oltre ai sintomi, è comune che tali pazienti inventino malattie inesistenti e le loro manifestazioni, il che rende solo difficile per un medico effettuare una diagnosi corretta e spesso diventa la causa di un trattamento inappropriato. Allo stesso tempo, una varietà di varie manifestazioni di VSD richiede la nomina di un intero elenco di vari farmaci con proprietà sedative, vitamine, stabilizzanti vegetali, antiossidanti, farmaci antihypoxic, sonniferi e nootropici. Un elenco così ampio di farmaci richiede notevoli costi finanziari e non sempre dà buoni risultati di trattamento.

I pazienti con VVD, scoprendo che i farmaci prescritti non aiutano, iniziano a mostrare capacità cognitive e curiosità uniche nello sforzo di trovare una medicina che li aiuti a liberarsi rapidamente di tutti i sintomi esistenti. E trovano questa medicina nella "faccia" dei tranquillanti, senza pensare alle conseguenze della loro assunzione.

Il dosaggio e l'uso prolungato di Phenazepam, Diazepam e di altri psicotropi, assegnati in modo casuale, fanno si che il corpo si abitui agli assistenti traditori e non vogliano più fare a meno del loro aiuto. Ma se una persona assumesse i tranquillanti in modo sintomatico, solo in caso di maggiore ansia e attacchi di panico, non sarebbe successo nulla del genere.

I neurolettici e gli antidepressivi possono essere considerati una sorta di alternativa ai tranquillanti, ma questi farmaci possono anche causare dipendenza da droghe e pertanto richiedono un'attenzione particolare durante l'uso. Il più sicuro e vantaggioso dal punto di vista finanziario sarà costituito da sedativi e sedativi a base di erbe (tintura di motherwort, menta piperita, melissa, preparati Corvalol, Barboval), nonché i più semplici vasodilatatori naturali che influenzano positivamente il sistema cardiovascolare (Validol). E se questi farmaci, che sono relativamente sicuri dal punto di vista di influenzare il corpo e il loro ritiro, non aiutano, allora c'è la necessità di consultare un medico per prescrivere farmaci più potenti.

Patogenesi

Ma torniamo ai tranquillanti e proviamo a capire perché c'è un ritiro di Fenazepam (o altri farmaci in questo gruppo). Che cosa causa una dipendenza così forte e la comparsa di sintomi multipli, riducendo notevolmente la qualità della vita umana?

In natura, ci sono varie sostanze che possono causare dipendenza negli esseri umani: droghe, psicofarmaci, alcol, nicotina. In questo caso, dipende da diverse sostanze e si sviluppa in modi diversi. Più rapidamente, una persona si abitua a droghe e psicofarmaci che influenzano drasticamente il cervello, causando stati di euforia, rilassamento e tranquillità.

C'è una tale saggezza alternativa che una persona si abitua rapidamente alle cose buone. È chiaro che per il sistema nervoso centrale un senso di calma e pace sarà preferibile all'ansia e alla tensione, non sorprende che dopo aver sospeso l'uso di tranquillanti e antidepressivi nel tentativo di riconquistare la pace, il corpo mostrerà una sorta di protesta e richiederà aiuto medico.

Ma l'uomo è un essere razionale e non può obbedire ciecamente solo ai segnali del suo corpo, quindi molti medici nella patogenesi della dipendenza da benzodiazepine, sullo sfondo del quale la sindrome da astinenza da Fenazepam, come una delle benzodiazepine popolari, ha un ruolo importante nelle caratteristiche della personalità di una persona e della sua psiche.

Il fenazepam è un farmaco che ha un effetto inibitorio sul sistema nervoso centrale a causa dell'effetto sui recettori del neurotrasmettitore acido gamma-aminobutirrico (GABA), che a sua volta riduce l'eccitabilità dei neuroni del cervello. Questo spiega il sedativo, l'ansiolitico e alcuni effetti ipnotici del tranquillante.

Ma quando si assumono tranquillanti in caso di indisposizione, una persona si aspetta miglioramenti nella condizione, ad es. Si prepara per un risultato positivo e quando arriva il sollievo viene percepito come euforia. MA l'effetto del farmaco finisce e c'è la paura di sintomi rinnovati, perché, come abbiamo già detto, i tranquillanti sono più un'emergenza che farmaci a pieno titolo. È chiaro che, in assenza di un effetto terapeutico, i sintomi di un IRR o altra patologia, in cui i medici possono prescrivere il Fenazepam, presto torneranno e la mano umana, volente o nolente, raggiungerà la pillola amata.

Gli scienziati hanno condotto ricerche e hanno concluso che non tutti i pazienti sviluppano dipendenza dai tranquillanti (le percentuali vanno dallo 0,5% al 7%). La maggior parte dei pazienti con sindrome da astinenza ha tratti di personalità passivi-dipendenti o alcune anomalie della salute mentale, che li rende più suscettibili di aumento dell'ansia per qualsiasi motivo. Tali pazienti credono che i tranquillanti, e in particolare il Fenazepam, siano l'unico trattamento che può aiutarli. Fanno questa conclusione solo sulla base del fatto che il farmaco ha rapidamente aiutato ad alleviare le manifestazioni esistenti di problemi di salute, compresi i sintomi artificiali.

I pazienti con dipendenza da benzodiazepine tendono a soffermarsi sui sintomi corporei e anche in modo indipendente li fanno apparire nella speranza di ottenere un farmaco che dia una sensazione di euforia. Ma c'è anche una tale parte di pazienti che, sapendo che il fenazepam è un potente farmaco, si pongono al peggio quando viene cancellato: escono con sintomi inesistenti, esagerano i sintomi, si fanno prendere dal panico in anticipo. Alla fine, sia quelli che altri preferiscono continuare a sedersi sui tranquillanti.

Questo comportamento è di nuovo associato ad un aumentato livello di ansia, che può dare l'impressione che una compressa del farmaco non sia sufficiente e che la dose debba essere aumentata, cosa che alcuni fanno. Avendo raggiunto l'effetto desiderato, il paziente non è più disposto a ridurre il dosaggio, il che aggrava solo la dipendenza. Allo stesso tempo, l'ansia e la paura, che stimolano la comparsa di un pensiero ossessivo su una pillola salvavita e un desiderio irresistibile di riceverlo, si unisce ai sintomi già esistenti che si presentano sempre quando le droghe psicotrope vengono cancellate.

Prendiamo, per esempio, i pazienti con IRD I medici possono fornire una diagnosi del genere all'80 percento o più della popolazione, ma non tutti vanno dal dottore con gravi disturbi di pressione, mal di testa e vertigini costanti, nervosismo, paure inspiegabili, problemi cardiaci, respirazione, minzione, ecc. Molti semplicemente non prestano attenzione a questi sintomi e non vedono il bisogno di drogarsi, mentre altri sono così ossessionati dalle loro sensazioni fisiche che non vedono altra via d'uscita per affrontare i loro problemi, se non per chiedere al medico di prescrivere farmaci potenti.

I sintomi della sindrome da astinenza con l'abolizione del fenazepam si  verificano sullo sfondo dell'intensificazione delle manifestazioni precedentemente presenti dell'IRR. Tutti questi sintomi erano presenti negli umani prima, ma erano meno pronunciati. Le sostanze che influenzano il sistema nervoso, che è l'organo di controllo di molti altri organi e sistemi corporei, non possono non causare interruzioni nel loro lavoro. Questo, oltre a un maggiore livello di ansia dovuto al timore che i sintomi ritornino senza il farmaco, spiega l'aumento dei sintomi multipli del malessere locale e generale.

Sintomi sindrome da astinenza Phenazepam

Coloro che hanno già affrontato il problema del rifiuto di prendere tranquillanti sanno che tipo di angoscia può stare in agguato per i pazienti che non hanno imparato ad affrontare lo stress e il malessere risultante da metodi non farmacologici. Ma coloro che sono ancora alla ricerca di una "pillola magica" dovrebbero riflettere attentamente se ci sono ragioni veramente significative per prescrivere farmaci potenti, che, sebbene siano molto efficaci, rimuovono rapidamente sintomi spiacevoli, ma hanno solo un effetto temporaneo e possono causare dipendenza. ? Perché hai bisogno di essere pronto alla fine del corso del trattamento?

La dipendenza si riferisce allo stato quando una persona non ha volontà (o la perde) per resistere alla forza che l'ha soggiogata. Con il ritiro di Phenazepam, questa forza è una medicina che dà sollievo temporaneo, pace, euforia. Le persone con autocontrollo, rendendosi conto della gravità della situazione, non prenderanno tranquillanti a meno che non sia assolutamente necessario, e coloro che tendono a soccombere regolarmente alla debolezza, dopo aver tentato di smettere di prendere tranquillanti potrebbero manifestare sintomi di brusco ritiro del Fenazepam:

  • l'ansia e l'irritabilità riappaiono e addirittura aumentano,
  • mal di testa e vertigini ritorno
  • una persona comincia a sentirsi stanca, c'è una sensazione di mancanza di forza per vivere, che è spesso accompagnata dall'apparizione di pensieri sul suicidio o da un altro estremo - la paura della morte, se non si prende una pillola,
  • di nuovo ci sono difficoltà nell'addormentarsi, che è in gran parte dovuto a pensieri di sollievo desiderato sotto forma di una pillola tranquillante, incubi e risvegli precoci possono tormentare una persona di notte,
  • i pazienti sono caratterizzati da instabilità dello stato emotivo, frequenti sbalzi d'umore, scoppi di rabbia o aggressività, crisi isteriche,

Tra i sintomi fisici spicca anche: iperidrosi, la comparsa di episodi simili alle maree, quando una persona la lancia nel caldo, poi nel freddo, sensazione di difficoltà a respirare o soffocare. I pazienti possono lamentare nausea, spasmi dolorosi degli organi interni, battito cardiaco accelerato. I sintomi simil-influenzali compaiono spesso: temperatura nella zona di febbre bassa, congestione nasale, sensazione nella gola di un corpo estraneo, muscoli che iniziano a far male, appare un'articolazione dolorante.

Va detto che persone diverse hanno sintomi diversi a seconda della diagnosi, in relazione alla quale è stato prescritto il farmaco. Ciò conferma nuovamente che la sindrome da astinenza non è una malattia separata, è una conseguenza del trattamento errato della malattia esistente.

La forza dei sintomi della sindrome da astinenza da Fenazepam dipende non solo dalle caratteristiche personali del paziente e dalle proprietà della sua psiche, ma anche dal dosaggio e dalla durata del farmaco. Le benzodiazepine sono caratterizzate dal fatto che nel tempo, per ottenere l'effetto desiderato, è necessario aumentare la dose del farmaco, e più alto è il dosaggio, più forte è la dipendenza e più difficile è rifiutare il trattamento.

I medici raccomandano di non abusare del farmaco e di prenderlo per non più di 1 mese, spiegando che con un consumo più lungo può essere sviluppata la tossicodipendenza. L'opinione dei medici conferma il fatto che la domanda su come scendere Fenazephem è più spesso richiesta da coloro che hanno assunto il farmaco regolarmente nel solito dosaggio di 3 mesi o più. E se la dose era superiore alla prescritta, la dipendenza può svilupparsi anche dopo 1,5-2 mesi.

Come capire che una persona ha sviluppato una dipendenza dai tranquillanti? I primi segni di tale condizione sono il ritorno dei sintomi della malattia esistente (ma in una forma più pronunciata) in combinazione con pensieri ossessivi sui benefici del farmaco, se il suo apporto è stato perso. La prima comparsa dei primi sintomi di malessere è dovuta al fatto che l'eliminazione attiva della dose principale del farmaco si verifica nella prima settimana dopo il suo ritiro. È in questi giorni che coloro che sono stati "seduti" sui tranquillanti per lungo tempo devono affrontare l'apparizione di sintomi simili all'influenza, che non tutti sono collegati alla sindrome.

Quando il principio attivo viene rimosso dal corpo, il malessere aumenta e il quadro clinico diventa più capiente. È molto difficile trattenersi da 1,5 a 3 settimane dopo aver preso l'ultima pillola, perché, a giudicare dalle parole dei pazienti stessi, durante questo periodo scompaiono nel vero inferno, simili ai sintomi di astinenza da abuso di alcool.

A questo proposito, dovrebbe essere prestata particolare attenzione ai disturbi vegetativi osservati nella maggior parte delle persone che hanno assunto tranquillanti per più di 2 mesi. Stiamo parlando di crisi vegetative, che in precedenza erano chiamate attacchi di panico. Questa condizione si sviluppa in modo imprevisto e dura circa 10 minuti, durante i quali il paziente può manifestare diversi dei seguenti sintomi:

  • palpitazioni cardiache e la sensazione che il cuore stia saltando fuori dal petto,
  • impulso rapido (tachicardia), combinato con una notevole pulsazione dei vasi sanguigni,
  • iperidrosi (aumento della sudorazione) senza motivo apparente
  • brividi, che appaiono a prescindere dalla temperatura ambientale, la sensazione di tremore, non solo all'esterno ma anche all'interno,
  • difficoltà a respirare, come se la persona non avesse abbastanza aria,
  • dispnea che si verifica anche a riposo,
  • disagio dietro lo sterno nella regione del cuore, dolore nel cuore,
  • disagio allo stomaco, una persona può anche nausea,
  • vertigini improvvisi, una sensazione di leggerezza e assenza di gravità, l'irrealtà di ciò che sta accadendo, uno stato vicino allo svenimento,
  • parestesie delle estremità (sensazione di perdita di sensibilità, opacità o formicolio alle mani e ai piedi),
  • maree, che sono caratterizzate da un cambiamento negli episodi di laminazione a caldo e freddo,
  • comparsa di paura della morte (sembra al paziente che se non prende la droga ora, potrebbe morire per i sintomi che sono apparsi).

Le manifestazioni di crisi vegetative sono simili allo stato di forte paura, mentre non ci sono ragioni per farlo, cioè i sintomi compaiono da zero. I pazienti possono manifestare alcuni o tutti i sintomi elencati. In questo caso, la sensibilità a loro è diversa per tutti. Alcune persone sono così difficili da tollerare la loro condizione che hanno paura di impazzire su questa base.

Nei casi gravi di sintomi di astinenza dopo l'abolizione dei tranquillanti in una persona, la sfera cognitiva è disturbata (la memoria, l'attenzione si deteriora), appaiono problemi di comunicazione e una tendenza al comportamento asociale. Quando le crisi vegetative diventano la causa del mutato comportamento, parlano di un grave disturbo di panico che richiede una correzione con il coinvolgimento di specialisti (uno psicologo o uno psichiatra).

La domanda su quanto tempo dura il ritiro di Fenazepam è inequivocabilmente impossibile rispondere. I narcologi per l'astinenza danno tempo entro 2-3 settimane, ma molto dipende dalle caratteristiche del sistema escretore, dallo stato di salute del paziente e dall'atteggiamento soggettivo del paziente nei confronti della sua condizione. Ma anche dopo 3 settimane, molti pazienti mantengono una condizione che i medici diagnosticano come depressione, che richiede il trattamento con antidepressivi.

Quanto è pericolosa questa condizione?

Il ritiro del fenazepam, nonostante tali sintomi "terribili", è solo la risposta del corpo. Qualcosa di simile si può osservare se un bambino prende un giocattolo preferito: il bambino inizia ad agire, dormire male, per lamentarsi della malattia inesistente a causa della perdita di tale importante, per chiedere la restituzione delle loro proprietà, e così via, ma non ha mai fatto male e la sua salute a causa di una ragione davvero insignificante. Quindi il nostro corpo. Non temere che a causa dell'annullamento dei tranquillanti si possa fermare il cuore o un colpo di cervello.

La conseguenza più pericolosa della sindrome da astinenza può essere la spersonalizzazione della personalità, quando una persona, per così dire, si sta osservando da un lato e sembra che non possa controllare i suoi pensieri e le sue azioni. Ma un tale disturbo di personalità è di solito peculiare per le persone che hanno avuto anormalità mentali anche prima di prescrivere farmaci, e ancora di più se una persona ha avuto episodi di comportamento antisociale prima.

Sì, i tranquillanti aiutano il paziente a rilassarsi e persino ad oscurare alcune delle convenzioni adottate nella società, il che rende una persona in comunicazione e comportamento più libera e persino sfacciata. Ma quando la loro azione si ferma, la capacità di controllare completamente i loro pensieri e azioni ritorna alla persona. Quindi la comparsa di spiacevoli sintomi di astinenza da tranquillanti difficilmente può essere spiegata dalla perdita di autocontrollo.

Per quanto riguarda i sintomi fisici sotto forma di battito cardiaco, aumento della pressione sanguigna, dolore che appare improvvisamente durante gli attacchi di panico nella parte sinistra dello sterno, nella maggior parte dei casi, specialmente tra i giovani, non hanno alcuna base medica. Fisicamente, una persona è sana, ma il suo stato psico-emotivo (tensione del sistema nervoso) provoca il verificarsi di sintomi autonomici che non hanno nulla a che fare con lo stato attuale del corpo.

La sindrome da astinenza da fenazepam può essere chiamata complicazione non pericolosa per la vita dopo un uso prolungato del farmaco. Nonostante tutte le difficoltà, se hai la volontà e il desiderio, puoi riviverlo e dimenticarlo come un brutto sogno. Molto peggio, se una persona non può resistere alla tentazione e sopportare la dura 2-3 settimane, così di nuovo tornerà a prendere il farmaco.

Nel corso del tempo, il suo corpo da solo non sarà in grado di affrontare lo stress e la dipendenza diventerà ancora più forte. Alcune persone, anche nel contesto dell'assunzione di tranquillanti, sviluppano una profonda depressione, paiono inspiegabili paure o aggressività, cambiano il loro comportamento in meglio, creando problemi nella comunicazione e nelle relazioni. Ricordiamo qualcosa di simile è osservato e tossicodipendenti, quando un ragazzo normale o una ragazza si trasforma in una persona con tendenze asociali nel tempo.

Una delle proprietà delle benzodiazepine può essere considerata la necessità di aumentare gradualmente la dose per ottenere il risultato desiderato. Se i farmaci vengono assunti per un lungo periodo, aumentando regolarmente il dosaggio, ad un certo punto anche una manciata di pillole smetterà di aiutare e la persona inizierà a cercare altri modi per rilassarsi, perché senza di essa, non ha più una vita normale. In assenza dell'opportunità di acquistare il farmaco in una farmacia, un paziente dipendente può decidere di rubare, rapinare o, peggio, voler perdere la vita. Si scopre che da ciò che la persona è fuggita, è tornato a quello. Senza l'aiuto di uno psicologo e di uno psichiatra, sarà molto difficile per queste persone tornare alla società, per ripristinare il loro precedente rispetto e il desiderio di vivere in modo normale.

Ahimè, non tutte le persone possono far fronte alle manifestazioni della sindrome dei tranquillanti. Alcuni pazienti ritornano al trattamento precedente, altri provano uno contro uno per far fronte a un panico inspiegabile, sebbene non sempre lo facciano nel modo giusto.

Apparso sullo sfondo dei timori di astinenza può essere variata: alcune persone hanno paura di morire, altri temono un attacco di cuore, il terzo è paura di essere soli nel suo appartamento, e inizio quarto spaventando di viaggio nel trasporto pubblico, e la quinta avere paura di comunicare non comportarsi bene, considerando, che si controllano male. E questo non è un elenco completo di tutti i tipi di paure.

Uno dei modi sbagliati per affrontarli è cercare di evitare situazioni legate all'esperienza, ad esempio, rifiutare di viaggiare, smettere di comunicare con le persone, ecc. Una persona diventa autonoma, perde capacità comunicativa, i suoi pensieri ruotano intorno alle sue paure, che alla fine possono portare alla depressione o a peggio di gravi disturbi mentali. Sembrerebbe che la persona sia riuscita a liberarsi della dipendenza che crea dipendenza, ma invece ha guadagnato un nuovo problema che richiede l'uso di altre droghe psicoattive, ad esempio gli antidepressivi che possono anche causare dipendenza.

Si scopre un circolo vizioso, che può essere aperto solo da uno specialista. La tempestiva diagnosi di astinenza e trattamento appropriato aiuta ad evitare spiacevoli sintomi di astinenza e le conseguenze e le complicazioni sopra descritte nella socializzazione di una persona, consentendogli di essere un membro a tutti gli effetti della società.

Diagnostica sindrome da astinenza Phenazepam

Nonostante le storie spaventose che possono essere ascoltate dalle persone per strada o dalle cliniche, nella vita, la dipendenza dalle benzodiazepine non si sviluppa più spesso. Anche l'uso a lungo termine di questi farmaci in dosi terapeutiche provoca complicanze simili in casi isolati. Di solito si tratta di pazienti che hanno sviluppato una maggiore sensibilità del corpo alle sostanze psicoattive, che spesso si verificano sullo sfondo di precedenti abusi di alcol, antidepressivi, farmaci oppiacei, ecc., O c'è una certa predisposizione genetica a reazioni simili ai tranquillanti.

Per quanto riguarda il resto, l'esperienza mostra che l'insorgenza di dipendenza fisica e sintomi di astinenza possono essere previsti se una persona ha assunto Phenazepam per un lungo periodo (più di 2-3 mesi) o qualche altra preparazione di benzodiazepine nel dosaggio due volte o anche tre volte quella raccomandata. Con la brusca cancellazione del farmaco, i sintomi precedentemente diagnosticati dell'ansia ritornano, a causa dei quali i sintomi vegetativi insorgono e si amplificano, la maggior parte dei quali sono inventati.

Per capire che una persona ha sviluppato una dipendenza dai tranquillanti, non è affatto necessario essere specialisti nel campo della medicina. I sintomi della dipendenza da benzodiazepina generalmente assomigliano all'astinenza con abuso di alcol o avvelenamento con barbiturici. Una persona disturba il sonno, l'ansia e l'ansia inspiegabile, la sensibilità a suoni forti e aumenti di luce intensa, aumento della sudorazione, nausea e disturbi addominali che non sono associati all'assunzione di cibo possono verificarsi, si sviluppa la febbre, si sviluppano sintomi simil-influenzali.

Spesso si sentono lamentele di palpitazioni, battito cardiaco palpabile, dolore al cuore, mal di testa. In situazioni difficili, può comparire un'agitazione eccessiva, o viceversa, apatia, attacchi di aggressività, pensieri suicidi, sindrome convulsiva, debolezza muscolare e dolore. Alcuni autori ritengono che la contrazione di alcuni gruppi muscolari (convulsioni miocloniche), una percezione insolitamente acuta dei suoni, problemi con la minzione (incontinenza urinaria, insonnia, cioè durante il giorno) siano particolarmente caratteristici della dipendenza da benzodiazepina e sindrome da astinenza di questo tipo di farmaci. .

Quando si tratta di tali sintomi, un medico deve immediatamente chiarire per quanto tempo una persona ha assunto tranquillanti e in quale dosaggio, se l'insorgenza di sintomi dolorosi è correlata all'astinenza (di solito i primi segni compaiono già il secondo giorno dopo l'assunzione dell'ultima pillola, acquisendo gradualmente nuovi sintomi farmaci dal corpo). Di solito, il paziente è cosciente e in grado di dire in modo indipendente le ragioni del cambiamento nel suo stato di salute, ma in altre circostanze, i parenti del paziente possono parlarne. In casi estremi, la nomina di tranquillanti può trovare informazioni nella cartella clinica del paziente.

Quando si diagnostica la sindrome da astinenza sullo sfondo del rifiuto di assumere tranquillanti, di solito non si fanno test. La diagnosi differenziale è di  solito necessaria quando il medico non è in grado di ottenere le informazioni necessarie dalle fonti di cui sopra, il che accade spesso se il paziente assume farmaci senza prescrizione medica e lo nasconde.

Il quadro clinico del ritiro del fenazepam in generale ricorda la sindrome da astinenza nell'alcolismo e l'avvelenamento da barbiturici, simili alle manifestazioni della sindrome da sospensione degli antidepressivi e di altre sostanze psicotrope. In questo caso, è molto importante determinare quale sostanza abbia causato i sintomi di agonizzazione, che può essere eseguita in laboratorio, perché per la rimozione di queste sostanze dal corpo richiede un po 'di tempo. E prima una persona si rivolge per aiuto, più sarà facile da fare.

È sbagliato basarsi solo sui sintomi esistenti, perché il quadro clinico dell'astinenza dipende da molti fattori: la sostanza assunta, la durata della sua ricezione, il dosaggio, le caratteristiche psicofisiche del paziente, l'età, le combinazioni con altre sostanze psicoattive (ad esempio con l'alcol), ecc. Tuttavia, è necessario determinare il motivo dell'annullamento, poiché la prescrizione di un trattamento efficace dipende da esso, il che contribuirà ad alleviare le condizioni del paziente.

Trattamento sindrome da astinenza Phenazepam

Per evitare lo sviluppo di Phenazepam e altri tranquillanti, è necessario sapere come interrompere Phenazepam al fine di ridurre al minimo i sintomi di astinenza. I medici insistono sul fatto che questo dovrebbe essere fatto gradualmente per diverse settimane, una volta ogni 2-3 giorni riducendo la dose del medicinale di 10-15, e in assenza di indisposizione pronunciata e del 20%.

Se, dopo il ritiro dei tranquillanti, i sintomi intensificati di una malattia precedentemente diagnosticata, in relazione alla quale è stato prescritto il farmaco, iniziano a tornare al paziente, ha senso tornare al dosaggio usuale, e da quel momento iniziare una riduzione graduale della dose di tranquillante.

I medici stanno prendendo in considerazione altri modi per risolvere il problema di come alleviare il ritiro di Fenazepam. Tuttavia, si tratta di un farmaco, le cui istruzioni dicono che non è raccomandato per l'uso a lungo termine. La seconda opzione di trattamento per la sindrome da astinenza è la sostituzione di Fenazepam con un altro tranquillante che consente un uso prolungato (ad esempio, Prazepam). Ma anche in questo caso, rimane la necessità di una graduale riduzione del dosaggio del farmaco assunto.

La terza opzione è di sostituire le benzodiazepine con i barbiturici, che hanno anche un effetto sedativo e ipnotico. Nella maggior parte dei casi stiamo parlando di farmaci a lunga durata, che rendono possibile l'uso di dosaggi più bassi. Ma i barbiturici sono anche sostanze psicoattive e quindi possono creare dipendenza, quindi non dovresti abusarne. A poco a poco questi aiutanti dovranno essere abbandonati, preferendo metodi psicoterapeutici, tecniche di rilassamento, yoga, ecc.

È possibile sostituire tranquillanti nel trattamento dell'astinenza con altri farmaci con azione ansiolitica. Quindi il farmaco "Atarax" a base di idrossina diidrocloruro non appartiene alla categoria dei forti psicofarmaci e non causa dipendenza, quindi, in assenza di controindicazioni, viene utilizzato con successo nel prelievo di Fenazepam. Aiuta ad eliminare l'agitazione psicomotoria inerente all'astinenza, riduce l'irritabilità e l'ansia, così come lo stress interno causato da malattie mentali o somatiche esistenti.

Alcuni sintomi di astinenza, come dolore fisico o ansia aumentata, possono essere alleviati con farmaci più sicuri. Nel primo caso, è possibile assegnare analgesici o FANS, nel secondo - beta-bloccanti, antidepressivi o sedativi di origine vegetale. In ogni caso, il medico deve prescrivere il piano di trattamento individualmente, in base alla malattia di base, alle prescrizioni precedenti e alla combinazione di farmaci, allo stato psico-emotivo del paziente e, naturalmente, al complesso di sintomi esistente.

Molto spesso, il passaggio ad altri farmaci è accompagnato da una sensazione che non aiutano e dal desiderio di tornare a prendere tranquillanti, che aiuterà a rimuovere rapidamente e completamente tutti i sintomi spiacevoli. È molto importante l'attitudine umana e la conoscenza di quali altri metodi è possibile ottenere relax e tranquillità.

Se si nomina un trattamento farmacologico in caso di astinenza, il terapeuta e, in situazioni difficili, un narcologo, può dare al paziente la conoscenza delle tecniche di rilassamento e fornire assistenza psicologica professionale solo a uno specialista in psicologia e psicoterapia. Particolarmente importante è la psicoterapia per pazienti con disturbi mentali, persone con tendenze suicide e volontà debole.

Il successo del trattamento dipende in gran parte dal desiderio del paziente di liberarsi dalla dipendenza malsana dai tranquillanti, dalla sua pazienza, dalla sua forza di volontà, dall'aiuto di parenti e amici. Si noti che se durante questo periodo il paziente sente il sostegno delle persone a lui vicine, subisce molto più facilmente tutta la sindrome del fenazepam. Particolarmente importante è il sostegno dei cari a coloro che hanno pensieri suicidi, perché chi meglio di loro può salvare una persona amata da un atto sconsiderato.

I pazienti con sindrome da sospensione Fenazepam sono di solito trattati in regime ambulatoriale. Se necessario, dovrà partecipare alle sedute di psicoterapia e regolarmente venire ad un appuntamento con il medico curante, fino a che le sue condizioni mentali e fisiche siano completamente stabilizzate. I pazienti con disturbi mentali, così come quelli il cui ambiente non contribuisce all'abbandono di farmaci psicotropi, richiedono un trattamento in un ospedale, seguito da un trattamento ambulatoriale a lungo termine.

Prevenzione

Poche di quelle persone che hanno sperimentato tutti i sintomi della sindrome da astinenza vorranno ripassare tutto questo. E così che questo non accada, non solo devi imparare a rilassarti, usando le tecniche di meditazione e rilassamento, ma anche essere attento agli appuntamenti che fa il dottore.

Molto spesso, Phenazepam è prescritto per IRR, anche se nella maggior parte dei casi tale appuntamento non è necessario. Dopotutto, l'IRR è una malattia che si manifesta sullo sfondo di altre malattie, ed è sufficiente prestarle attenzione prescrivendo un trattamento appropriato in modo che i sintomi della distonia vegetativa-vascolare scompaiano da soli.

Ma l'IRR è così complicato e controverso la diagnosi, ma non tutti i medici tendono a preoccuparsi, assegnando più studi per arrivare al fondo della vera causa di una tale violazione. Quindi, gli appuntamenti sbagliati vengono alla luce, perché, in effetti, i tranquillanti sono in grado di alleviare quasi tutti i sintomi dell'IRR, anche a costo della dipendenza.

D'altra parte, la dipendenza non si verifica se si prende il farmaco nelle dosi raccomandate dalle istruzioni. Pertanto, l'osservanza della dose assunta e raccomandata è una sorta di prevenzione della dipendenza dai tranquillanti. Ma è meglio, se possibile, abbandonare potenti farmaci a favore di sedativi a base di erbe e tecniche di rilassamento psicoterapeutico.

Se tratti deliberatamente la tua salute e le visite mediche, puoi evitare con successo non solo problemi come la sindrome da astinenza da Fenazepam, ma molti altri problemi con la salute fisica e mentale. È importante ricordare sempre la verità che la nostra salute è nelle nostre mani.

Previsione

La sindrome da astinenza da fenazepam è un risultato logico di malversazione o assunzione di un farmaco dal gruppo di farmaci tranquillanti. Allo stesso tempo, il risultato non dipende da chi è la colpa: il medico o il paziente, quindi, invece di cercare il colpevole, è necessario prendere le misure il più presto possibile per alleviare questa spiacevole e dolorosa condizione. E questo può essere fatto solo con gli sforzi congiunti di uno psicologo, un medico e un paziente.

È vero che la prognosi del trattamento della dipendenza dai tranquillanti non è sempre favorevole. C'è una certa parte dei pazienti, che in seguito si rompe e ricomincia a ricominciare a fare psicotropi, anche se non è più necessario. Per consolidare il risultato del trattamento, è molto importante creare le condizioni per il paziente in modo che non provi gli effetti dei fattori di stress e senta il sostegno delle persone a lui vicine.

È importante sapere!

Gli oppioidi si riferiscono a sostanze che causano dipendenza fisica e psicologica. L'oppio è prodotto da succo di papavero da oppio (Papaver somniferum), contiene oltre 20 diversi alcaloidi, il più famoso dei quali è la morfina. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.