You are here

Sindrome di Arnold-Chiari

Malformazione (anomalia congenita) o sindrome di Arnold-Chiari - è una patologia che si verifica anche nella fase di formazione del futuro bambino, cioè anche durante lo sviluppo fetale. Questo difetto è un'eccessiva spremitura del cervello a causa di una mancata corrispondenza delle dimensioni o della deformazione di una determinata regione cranica. Di conseguenza, si osserva il movimento del tronco cerebrale e delle tonsille cerebellari nel grande orifizio occipitale, dove viene rilevata la loro infrazione.

Epidemiologia

La patologia non può essere definita troppo rara: la sindrome si manifesta in circa 5 bambini di 100 mila nati.

Le cause sindrome Arnold-Chiari

Le ragioni affidabili per l'anomalia non sono state ancora completamente chiarite. Precisamente, possiamo dire che la malattia non è associata a difetti nei cromosomi.

Inoltre, molti scienziati non riconoscono questa sindrome come intrinseca, ritenendo che l'apparenza della malattia sia possibile, anche negli adulti.

Quindi, possiamo distinguere due categorie di cause probabili della sindrome di Arnold-Chiari.

Cause di natura innata:

  • il cranio durante lo sviluppo intrauterino subisce cambiamenti - ad esempio, si forma una fossa cranica posteriore ridotta, che diventa un ostacolo alla posizione normale del cervelletto. Ci possono essere altri disturbi nella crescita e nello sviluppo dell'apparato osseo, che non corrisponde ai parametri del cervello;
  • in utero formato troppo grande con la stessa apertura occipitale.

Ragioni della natura acquisita:

  • trauma del cranio e del cervello del bambino nel corso del travaglio;
  • lesione cerebrale del midollo spinale con dilatazione del canale centrale.

Inoltre, lo sviluppo della sindrome di Arnold-Chiari è possibile a causa di altri fattori o vizi.

Patogenesi

Nell'eziologia dello sviluppo della sindrome, alcuni fattori di rischio comuni si distinguono. Pertanto, la sindrome di Arnold-Chiari nel feto può apparire a causa di tali motivi:

  • uso indipendente o incontrollato di medicinali da parte di una donna incinta;
  • uso di bevande alcoliche da parte di una donna incinta, così come gli effetti della nicotina;
  • infezioni virali in una donna durante la gravidanza.

Tuttavia, non è stata ancora stabilita l'esatta patogenesi stadio per stadio dell'anomalia, che spesso impedisce la possibile prevenzione della malattia.

Sintomi sindrome Arnold-Chiari

La sindrome di Arnold-Chiari in adulti il più spesso ha anomalie di tipo I. I sintomi caratteristici del primo grado della malattia compaiono contemporaneamente con dolore permanente alla testa:

  • dispepsia, attacchi di nausea;
  • debolezza nelle mani, parestesia;
  • dolore nella colonna cervicale;
  • sensazione di rumore nelle orecchie;
  • tremare mentre si cammina;
  • diplopia;
  • difficoltà con la deglutizione, confusione nel parlare.

I primi segni dell'II grado della sindrome di Arnold-Chiari compaiono immediatamente dopo la nascita del bambino o nella prima infanzia. La sindrome di Arnold-Chiari nel bambino si manifesta nei seguenti disturbi:

  • disturbi della deglutizione;
  • disturbi della funzione respiratoria, debolezza del pianto del bambino, movimenti respiratori rumorosi con un caratteristico fischio.

Il terzo grado della malattia è il più grave. Spesso è possibile osservare casi letali come risultato di un infarto cerebrale o del midollo spinale. Per il terzo grado della sindrome di Arnold-Chiari, le seguenti caratteristiche sono caratteristiche:

  • quando si gira la testa, il paziente ha una perdita della vista o diplopia, a volte vertigini e svenimenti;
  • c'è tremore, disturbi di coordinazione;
  • la sensibilità di una parte o metà del tronco è persa;
  • i muscoli facciali, i muscoli degli arti e il corpo sono indeboliti;
  • ci sono difficoltà con la minzione.

A seconda del grado e della sintomatologia prescrivono diversi tipi di trattamento della patologia.

Fasi

I gradi, o tipi della sindrome, differiscono tra loro nelle caratteristiche strutturali dei tessuti cerebrali strangolati nel canale spinale, così come nella presenza di disturbi nella formazione di elementi cerebrali e nella profondità della violazione.

  • Al tipo I, l'infrazione si verifica relativamente bassa (nella regione cervicale), le funzioni del cervello rientrano nel range di normalità.
  • Nel tipo II, il cervelletto viene spostato all'interno della grande apertura occipitale contemporaneamente alla presenza di difetti nel midollo spinale e nel cervello.
  • Nel tipo III, l'ernia occipitale viene rilevata con uno spostamento completo delle strutture cerebrali posteriori nel grande forame occipitale allargato. Un grado simile di sindrome di Arnold-Chiari ha la prognosi peggiore e nella maggior parte dei casi è letale.

Complicazioni e conseguenze

  1. Paralisi, che è una conseguenza della pressione sulle strutture spinali.
  2. L'accumulo di liquidi nel cervello (idrocefalo).
  3. Formazione di formazione di cisti o cavità nella colonna vertebrale (siringomielia).
  4. Un infarto del cervello o del midollo spinale.
  5. Apnea, morte.

Diagnostica sindrome Arnold-Chiari

Le analisi per la diagnosi della sindrome di Arnold-Chiari sono di solito poco istruttive. Per chiarire la diagnosi, è possibile eseguire la puntura lombare con successiva analisi del liquido cerebrospinale.

La diagnosi strumentale della sindrome di Arnold-Chiari consiste nella nomina della risonanza magnetica, che viene eseguita in cliniche e dipartimenti neurologici. Il metodo di risonanza magnetica consente di esaminare la parte cervicale, toracica della colonna vertebrale e del cranio.

Un'ampia percentuale di malattie viene rilevata mediante esame esterno: l'attenzione è rivolta all'andatura, alla sensibilità e ad altre caratteristiche.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale della sindrome di Arnold-Chiari viene eseguita con uno spostamento secondario delle tonsille cerebellari a causa di un aumento della pressione intracranica causato dal tumore, ematoma esteso, ecc.

Chi contattare?

Trattamento sindrome Arnold-Chiari

Se il paziente non presenta alcun disturbo significativo oltre alle intense sensazioni dolorose, viene prescritto un farmaco con varie combinazioni di farmaci antinfiammatori non steroidei, nootropici e preparazioni di azione muscolare rilassante.

Farmaci usati per alleviare le condizioni di un paziente con sindrome di Arnold-Chiari:

Meloxicam

Dosaggio del farmaco

Assegna all'interno della scheda 1-2. Al giorno

Effetti collaterali

Dispepsia, anemia, gonfiore.

Istruzioni speciali

Non è usato per il trattamento di bambini sotto i 15 anni.

Piracetam

Dosaggio del farmaco

Assegnare da 30 a 160 mg per chilogrammo di peso al giorno, circa tre volte. Il corso di terapia - fino a 2 mesi.

Effetti collaterali

Dispepsia, ansia, aumento della libido.

Istruzioni speciali

Quando insonnia, la dose serale del farmaco viene trasferita a un ricevimento dopo cena.

Ibuprofene

Dosaggio del farmaco

Assumere 200 mg a 4 volte al giorno.

Effetti collaterali

Dolore addominale, dispepsia, tachicardia, reazioni allergiche, sudorazione.

Istruzioni speciali

Non usare per il trattamento di bambini sotto i 6 anni.

Midokalm

Dosaggio del farmaco

Assegnare individualmente per 50-150 mg a 3 volte al giorno.

Effetti collaterali

Sensazione di debolezza nei muscoli, abbassamento della pressione sanguigna, dispepsia, manifestazioni allergiche.

Istruzioni speciali

Non nominare bambini sotto i 6 anni.

Le vitamine B sono anche prescritte in dosi elevate. Queste vitamine sono attivamente coinvolte nella maggior parte dei processi biochimici, fornendo una normale funzione del sistema nervoso. Ad esempio, la tiamina, che si trova nelle membrane neuronali, influenza in modo significativo i processi di riparazione delle vie di conduzione neurali danneggiate. La piridossina fornisce la produzione di proteine di trasporto in cilindri assiali e funge anche da antiossidante di qualità.

L'assunzione prolungata di alte dosi di vitamine B1 e B12 non è accompagnata da effetti collaterali. L'assunzione di vitamina B6 in quantità superiori a 500 mg al giorno può causare polineuropatia sensoriale.

Il rimedio vitaminico più comune, che viene utilizzato nella sindrome di Arnold-Chiari, è Milgamma, un farmaco che contiene 100 mg di tiamina e piridossina e 1000 μg di cianocobalamina. Il corso del trattamento inizia con 10 iniezioni del farmaco, passando poi alla somministrazione orale.

Come tecnica ausiliaria, il trattamento fisioterapico si è rivelato molto utile. Tipicamente, i neurologi raccomandano le seguenti procedure per i pazienti:

  • crioterapia - attiva i sistemi regolatori del corpo, stimola i sistemi immunitario ed endocrino, anestetizza;
  • terapia laser: migliora la microcircolazione e la nutrizione dei tessuti in una zona danneggiata;
  • magnetoterapia: aiuta ad avviare le riserve di salute interne del corpo.

La fisioterapia integra con successo il trattamento con i farmaci, che consente risultati positivi più sostenibili.

Applicato con successo per alleviare la sindrome di Arnold-Chiari e l'omeopatia. Il principio principale del trattamento omeopatico è l'uso di dosi trascurabili di rimedi erboristici che agiscono come contrappeso alla malattia. Le dosi di preparati omeopatici sono chiamate "diluizioni": possono essere decime o centinaia. Per la produzione di medicinali, di regola, vengono utilizzati estratti vegetali e, per la maggior parte, alcol.

I rimedi omeopatici vengono utilizzati secondo le regole generalmente accettate: mezz'ora prima di un pasto o mezz'ora dopo un pasto. Granuli o liquidi dovrebbero essere tenuti in bocca per l'assorbimento.

Anevro

Prendi 8-10 granuli tre volte al giorno.

Anestetizza, lenisce, aiuta a ripristinare le fibre nervose danneggiate.

Tacco di Valerieana

Prendi 15 gocce tre volte al giorno.

Normalizza il sonno, facilita i sintomi psicosomatici.

Nevrosed

Prendi 8-10 granuli tre volte al giorno.

Elimina l'irritabilità, lenisce e leviga la manifestazione delle reazioni nevrotiche.

Vertigoheel'

Prendi 1 compressa o 10 gocce tre volte al giorno.

Elimina le vertigini, facilita la sintomatologia delle lesioni craniocerebrali.

Spigelon

Prendi 1 compressa tre volte al giorno.

Anestesia, allevia lo stress.

I preparati omeopatici sono disponibili in commercio. Gli effetti collaterali durante la loro ammissione sono quasi inesistenti, tuttavia, l'assunzione di farmaci senza consultare un medico è fortemente scoraggiata.

Se la terapia farmacologica non migliora la dinamica della sindrome di Arnold-Chiari e rimangono segni quali parestesia, debolezza muscolare, funzionalità visiva compromessa o coscienza, il medico prescrive un trattamento chirurgico di routine o urgente.

La procedura chirurgica più comune per la sindrome di Arnold-Chiari è la craniectomia suboccipitale - l'allargamento della grande apertura occipitale con il metodo di segare l'osso occipitale con la rimozione dell'arco della vertebra cervicale. Come risultato dell'intervento, la pressione diretta sul tronco cerebrale diminuisce e la circolazione del liquido cerebrospinale si stabilizza.

Dopo la resezione ossea, il chirurgo esegue una dura madre di plastica, aumentando contemporaneamente la fossa cranica posteriore. La chirurgia plastica viene eseguita utilizzando i tessuti del paziente - ad esempio, l'aponeurosi o parte del periostio. In alcuni casi, vengono utilizzati sostituti artificiali.

Alla fine dell'operazione, la ferita viene suturata, a volte installando piastre di titanio stabilizzatore. La necessità della loro installazione è decisa individualmente.

In genere, l'operazione standard dura da 2 a 4 ore. Il periodo di riabilitazione è di 1-2 settimane.

Trattamento alternativo

Le ricette alternative per il trattamento della sindrome di Arnold-Chiari mirano principalmente ad arrestare la sindrome del dolore e a rilassare la muscolatura affetta da spasmi. Tale terapia non può sostituire la terapia tradizionale, ma può effettivamente completarla.

  • Versare 200 ml di acqua calda 2 cucchiai. L. Erbe o rizomi dell'altea, insistono durante la notte. Usato per fare compresse più volte al giorno, fino a quando la condizione è alleviata.
  • Far bollire l'uovo di gallina, pulirlo caldo, tagliarlo a metà e metterlo sul punto dolente. Decollare quando l'uovo si raffredda completamente.
  • Applicare impacchi di miele naturale puro.
  • Preparato con acqua bollente (200 ml) 1 cucchiaio. L. Felce, mantenere a fuoco basso per un massimo di 20 minuti. Raffreddare e prendere 50 ml prima di ogni pasto.
  • Preparato con acqua bollente (200 ml) 1 cucchiaio. L. Foglie di lamponi, tenere a fuoco basso per un massimo di 5 minuti. Raffreddare e bere per 5 cucchiai. L. Tre volte al giorno prima dei pasti.

Il trattamento a base di erbe aiuta a migliorare significativamente la condizione del paziente con la sindrome di Arnold-Chiari. Oltre al dolore, le erbe normalizzano il lavoro del sistema nervoso, migliorano l'umore e il sonno.

  • Prendi 1 cucchiaio. L. Anice crudo secco, basilico e prezzemolo, versare 700 ml di acqua bollente, insistere 2 ore e filtrare. Prendi 200 ml al mattino, pomeriggio e sera prima di mangiare.
  • Versare 700 ml di acqua in una miscela di salvia, timo e finocchio (3 cucchiai). Insistere fino a 2 ore, filtrare e prendere un bicchiere tre volte al giorno prima dei pasti.
  • Preparare una miscela di melissa, basilico e rosmarino (2 cucchiai) in 750 ml di acqua bollente. Insistere e filtrare, quindi prendere 200 ml tre volte al giorno prima dei pasti.

Esercizi cinesiologici

La ginnastica kinesiologica è un complesso speciale di esercizi fisici che stabilizzano il sistema nervoso umano. Tali esercizi possono essere utilizzati per alleviare la condizione dei pazienti con sindrome di Arnold-Chiari di 1 ° grado. Come dimostrato dalla ricerca, quando si esegue una ginnastica kinesiologica solo una volta ogni 7 giorni, è possibile ottenere un miglioramento della percezione e del benessere del mondo, la rimozione degli effetti dello stress, l'eliminazione dell'irritabilità e così via.

Inoltre, le classi consentono di stabilire il lavoro sincrono degli emisferi cerebrali, migliorare la capacità di concentrare l'attenzione e ricordare le informazioni.

Il corso delle esercitazioni dura da un anno e mezzo a due mesi, 20 minuti al giorno.

  • Si consiglia di accelerare gradualmente il ritmo degli elementi ginnici.
  • La maggior parte degli esercizi dovrebbe essere preferibilmente eseguita con gli occhi chiusi (per aumentare la sensibilità di alcune aree del cervello).
  • Gli esercizi con la connessione delle estremità superiori sono raccomandati per essere combinati con movimenti sincroni degli occhi.
  • Durante i movimenti di respirazione, dovresti provare a connettere la visualizzazione.

Come la pratica ha dimostrato, l'impiego della kinesiologia, oltre allo sviluppo della conduzione nervosa, porta molto piacere ai pazienti.

Prevenzione

A causa della mancanza di informazioni necessarie sull'eziologia della sindrome di Arnold-Chiari, è piuttosto difficile determinare la prevenzione specifica della malattia. Tutto ciò che si può fare è mettere in guardia i futuri genitori sulla necessità di condurre uno stile di vita sano, nonché sulle possibili conseguenze del fumo e dell'alcol.

Per la nascita di un bambino sano, la futura mamma dovrebbe attenersi alle seguenti raccomandazioni:

  • completamente e nutrizionalmente equilibrato;
  • astenersi dal fumare e bere alcolici;
  • Non praticare l'automedicazione e seguire rigorosamente i consigli e le prescrizioni del medico.

Tali regole devono essere osservate non solo con la gravidanza già avvenuta, ma anche durante la pianificazione.

Previsione

I pazienti con il primo o il secondo grado della malattia possono condurre una vita normale, in assenza di sintomi clinici gravi. Se si osservano problemi neurologici, a tale paziente viene assegnato un intervento chirurgico urgente (che, tuttavia, non sempre consente di ripristinare alcune funzioni neurologiche).

Il terzo grado di patologia nella stragrande maggioranza dei casi finisce con la morte del paziente.

Se si ignora la sindrome di Arnold-Chiari, il disturbo aumenterà, disabilitando gradualmente la colonna vertebrale, che prima o poi finisce nella paralisi.

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 25.06.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.