^

Salute

Antibiotici per l'allattamento

Last reviewed by: , medical expert
Last reviewed by: 01.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Nel periodo dell'allattamento al seno le donne sono inclini ad ammalarsi non meno di prima o durante la gravidanza. E in questo momento, la mamma deve pensare non solo se un particolare farmaco antimicrobico è adatto a lei, ma anche su come influenzerà la salute e la salute del bambino. Il maggior numero di medicinali assunti da una donna in allattamento si trova rapidamente nel latte materno. Come essere? In questo articolo, parleremo di come prendere gli antibiotici durante l'allattamento, se c'è bisogno della loro ammissione.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Se è possibile antibiotici a una lactemia?

Prima di nominare un antibiotico una madre che allatta, il medico deve rispondere alle seguenti domande:

  • La droga danneggerà il bambino?
  • Il trattamento antibiotico influirà sulla produzione di latte?
  • È possibile fare a meno della terapia antibiotica?
  • Quali farmaci assumere e in quale dosaggio ridurre la percentuale di penetrazione nel farmaco del latte?

Naturalmente, non tutti gli antibiotici sono adatti per l'ammissione durante l'allattamento. Pertanto, non è necessario parlare solo di terapia antibiotica, è necessario consultare un medico. Il medico sceglierà il farmaco giusto per la donna, che è consentito per l'allattamento al seno. Tuttavia, il compito della madre che allatta è quello di ridurre il rischio di trasferire il farmaco al bambino il più possibile.

  • Chiedi al tuo medico se hai davvero bisogno di questo rimedio e se non può essere sostituito da un altro, meno tossico.
  • Tra tutti gli antibiotici proposti, scegline uno che in una concentrazione inferiore cade nel latte. Se il medico ti consiglia di rinunciare all'alimentazione, spiegagli quanto è importante per te e per il bambino il bisogno di allattamento: forse c'è un modo per evitare pause nell'alimentazione.
  • Affinché il farmaco, se possibile, non entri nel sistema circolatorio, in alcuni casi è possibile sostituire le compresse antibiotiche, ad esempio, su unguenti, spray nasali.
  • Ricorda che gli antibiotici che vengono rapidamente rimossi dal flusso sanguigno (devono essere assunti almeno 3 o 4 volte al giorno) sono più preferibili per l'allattamento rispetto ai farmaci prolungati (che vengono assunti 1-2 volte al giorno).
  • Regola il tempo di alimentazione dell'antibiotico. Chiedi al tuo medico, dopo che ora dopo aver preso la pillola, si verifica la massima concentrazione della sostanza medicinale nel flusso sanguigno - in questo momento è meglio non nutrirsi.
  • Se possibile, dai da mangiare al bambino prima di prendere la pillola. È anche possibile prima di questo per esprimere il latte e fare una riserva per la successiva alimentazione.
  • È meglio prendere la pillola poco prima del bambino che dorme più a lungo, ad esempio, dopo averlo mangiato durante la notte.
  • Se avete dei dubbi che prescrivere un antibiotico è sicuro, e non è possibile abbandonare temporaneamente l'alimentazione (ad esempio, un bambino è allergico ad una miscela), si rivolga al medico per controllare il contenuto del farmaco nel latte o nel sangue dei bambini.

Indicazioni per l'uso di antibiotici per l'allattamento

Gli antibiotici durante l'allattamento sono prescritti solo in casi estremi. Per questo, ci deve essere una forte indicazione. Ad esempio, vi è il seguente elenco di malattie in cui è indicata la terapia antibiotica:

  • tonzyllofarynhyt;
  • infiammazione erysipelatous;
  • infiammazione dei polmoni, sinusite, esacerbazione della bronchite cronica;
  • meningite, meningococcemia;
  • sepsi;
  • endocardite infettiva;
  • malattie infettive intestinali (shigellosi, salmonellosi);
  • dermatite infettiva;
  • malattie infettive del cavo orale (parodontite, periostite);
  • pielonefrite;
  • lesioni infettive degli organi pelvici;
  • osteomielite;
  • infezioni specifiche.

Quando l'allattamento non è raccomandato per usare antibiotici senza prove o per scopi preventivi. La somministrazione di farmaci dovrebbe essere giustificata.

trusted-source[9], [10], [11], [12], [13], [14], [15]

Forma del problema

Gli antibiotici ammessi in lattazione possono esistere in vari farmaci. La scelta della forma è spesso determinata dalla convenienza di assumere il farmaco, oltre a ridurre al minimo l'ingresso di sostanze curative (antimicrobiche) nel flusso sanguigno.

Iniezione - quando l'allattamento viene spesso utilizzato per iniezione intramuscolare di una soluzione - una variante medicinale liquida, che si ottiene sciogliendo uno o più farmaci. Tale soluzione può essere utilizzata non solo direttamente per le iniezioni, ma anche per il trattamento esterno dei tessuti.

Le compresse, con o senza rivestimento, sono la forma più comune di forma di dosaggio solido, che è già indicata in dosi appropriate. Il tablet è una versione compressa di una o più sostanze medicinali.

L'unguento è un'opzione per una forma lieve di farmaco, di solito con una consistenza viscosa. Utilizzato per applicazioni esterne. A questa forma sono i linimenti - unguenti liquidi.

Le supposte sono una forma di medicina che rimane densa a temperatura ambiente e si scioglie alla temperatura del corpo di una persona. È prescritto per l'inserimento nella cavità (di solito per via rettale o vaginale).

Gocce - medicine medicinali liquide, consistenti di soluzioni vere e colloidali. Il dosaggio è fatto dal patter.

trusted-source[16], [17], [18]

Farmacodinamica

È caratteristico che quanto più moderna è la generazione di antibiotici, tanto più hanno uno spettro d'azione più ampio.

Tipicamente, attività antibiotici mostra contro streptococchi, stafilococchi, bacilli, enterococchi, Listeria, Corynebacterium, neysheriyam, spirochete e altri microrganismi.

Alcuni antibiotici, ad esempio gli aminoglicosidi, sono in grado di distruggere emofilia, shigella, salmonella, legionella, ecc.

In ogni caso, prima di assegnare un farmaco e procedere al trattamento, si raccomanda di condurre un test per la sensibilità dei microrganismi all'azione degli antibiotici. Solo in questo caso, puoi tranquillamente nominare esattamente il farmaco che sarà più efficace per il trattamento e allo stesso tempo è sicuro per il bambino che è allattato al seno.

Farmacocinetica

La maggior parte dei farmaci può essere significativamente distrutta dall'ambiente acido del succo gastrico. Per questo motivo, spesso gli antibiotici vengono somministrati per iniezione o sotto forma di capsule (con protezione contro l'influenza dell'acido cloridrico). Il più comodamente assorbito nel sistema digestivo è l'amoxicillina (oltre l'80%).

Di norma, la biodisponibilità dei farmaci dipende poco dall'uso simultaneo del cibo. Le eccezioni sono l'ampicillina e l'oxacillina.

Gli antibiotici possono essere distribuiti nella maggior parte degli organi, tessuti e mezzi biologici. Grandi quantità di sostanze attive sono osservate negli organi respiratori, nel sistema urinario, nella mucosa intestinale, negli organi della sfera genitale, nel sistema osseo. Tra gli antibiotici ammessi per l'allattamento, la percentuale di penetrazione nel latte materno è la più bassa - meno dell'1%. L'emivita degli antibiotici può variare da 1 ora a 55 ore, quindi è necessario specificare questi dati, applicabili a ciascun farmaco antimicrobico specifico.

Controindicazioni all'uso di antibiotici per l'allattamento

Gli antibiotici per l'allattamento non vengono utilizzati nelle seguenti situazioni:

  • se c'è una tendenza all'allergia agli antibiotici nelle donne;
  • con lo sviluppo di sintomi indesiderati nel bambino (violazione della microflora intestinale, segni di sensibilizzazione, eruzioni cutanee, lesioni cutanee fungine, organi genitali, bocca);
  • con gravi violazioni del fegato e dei reni (in caso di insufficienza renale ed epatica);
  • in presenza di malattie fungine nella madre che allatta.

Quando si usano antibiotici durante l'allattamento, è necessario monitorare attentamente le condizioni e il benessere del bambino al fine di notare i sintomi indesiderati in modo tempestivo e adottare le misure appropriate.

trusted-source[19], [20], [21], [22], [23], [24]

Effetti collaterali degli antibiotici durante l'allattamento

Il ricevimento di antibiotici durante l'allattamento può provocare la comparsa di gravi effetti collaterali:

  • interruzione del sistema digestivo (disbiosi);
  • diminuzione della capacità protettiva del corpo (immunità);
  • disturbi del fegato, sistema urinario, emopoiesi, regolazione neurale, ecc.

Poiché il farmaco, anche se in piccole quantità, ma penetra ancora nel latte materno, può causare effetti avversi nei bambini sensibili, sotto forma di sensibilizzazione del corpo del bambino. Cosa significa?

La sensibilizzazione del bambino è la comparsa di un'eccessiva sensibilità del suo organismo alle medicine. Cioè, usando un antibiotico, possiamo attivare il sistema immunitario del bambino a un'eccessiva suscettibilità. Di conseguenza, il bambino può sperimentare allergie, diatesi e altri eventi spiacevoli.

Antibiotici autorizzati per l'allattamento

Gli antimicrobici che possono essere combinati con l'allattamento al seno sono i seguenti medicinali:

  • Antibiotici del gruppo di penicillina. Origine naturale (penicillina G, penicillina), origine semisintetica (oxacillina, ampicillina, amoxicillina, carbenicillina, ticarcillina, azlocillina, piperacillina, amoxiclav). L'ammissione di tali farmaci non causa la formazione di elevate concentrazioni nel latte, ma devono essere presi con cautela, dal momento che il loro uso può causare sensibilizzazione dei bambini, comparsa di eruzioni cutanee, infezioni fungine e diarrea.
  • Gruppo di cefalosporine (ß-lattamici). Antibiotici I generazione (cefazolina, cefalexina, Cefadroxil), mezzi di generazione II (cefuroxime, cefaclor), generazione III (cefotaxime, ceftriaxone, ceftazidime, ceftazidime) e IV cefepime generazione farmaco. Cautela deve essere esercitata quando riceve cefixime e ceftibuten, poiché questi farmaci non hanno superato un numero sufficiente di test clinici.
  • Gruppo di aminoglicosidi. Agenti antimicrobici di prima generazione (streptomicina, kanamicina), preparati di seconda generazione (gentamicina, tobramicina, netilmicina), nonché la preparazione della terza generazione di amikacina. Si noti che la prima generazione di aminoglicosidi include anche neomicina, ma è vietato l'uso durante l'allattamento.
  • Antibiotici macrolidi. Questi farmaci comprendono eritromicina, claritromicina, roxithromycin, spiramicina, azitromicina, josamicina e midecamicina. Tuttavia, tra tutti i farmaci elencati, solo l'eritromicina è considerata sicura per il bambino, i restanti antibiotici macrolidi dovrebbero essere evitati per la donna che allatta.

Dosaggio e somministrazione

Il dosaggio dei farmaci per le donne che allattano è determinato solo dal medico direttamente alla reception. Non è raccomandato l'uso indiscriminato di droghe e l'adeguamento al piano di trattamento prescritto.

Tuttavia, ci sono alcune funzionalità dell'applicazione che è necessario conoscere.

  • Gli antibiotici sono presi con molto liquido. L'oxacillina e l'ampicillina vengono assunti a stomaco vuoto e i farmaci rimanenti, indipendentemente dal mangiare.
  • Se il farmaco viene assunto come sospensione, deve essere preparato e consumato in base all'annotazione del farmaco.
  • È necessario aderire rigorosamente al regime di trattamento prescritto, non mancare il farmaco. Le compresse dovrebbero preferibilmente essere prese agli stessi intervalli di tempo. Se la dose è stata accidentalmente mancata, allora dovrebbe essere presa nel prossimo futuro, ma se è già tempo di prendere la dose successiva, allora non è necessaria una doppia dose del farmaco.
  • Leggere attentamente il pacchetto: in nessun caso si devono usare medicinali con una data di validità scaduta, poiché in questo caso l'effetto tossico del farmaco può essere intensificato.
  • Se ci sono effetti collaterali, è necessario interrompere definitivamente l'assunzione dell'antibiotico e informare immediatamente il medico.

trusted-source[25], [26], [27]

Overdose

Quando prende una dose troppo grande del farmaco, ci può essere un aumento degli effetti collaterali, peggioramento delle condizioni del bambino, manifestazioni allergiche. Possono verificarsi anche i seguenti sintomi indesiderati:

  • dolore e disagio all'addome, disturbi dispeptici (attacchi di nausea, vomito, diarrea);
  • dal fegato - aumento dell'attività delle transaminasi, ittero;
  • dolore alla testa, vertigini, compromissione della coordinazione motoria, disturbo delle funzioni uditive.

Ai primi segni di overdose è importante consultare un medico. La lavanda gastrica può essere eseguita, i preparati assorbenti assunti, nei casi più gravi è indicato l'emodialisi.

Interazioni con altri farmaci

È inammissibile miscelare penicilline e preparazioni di aminoglicosidi in un'unica iniezione - queste soluzioni sono incompatibili nelle loro caratteristiche fisiche e chimiche.

Quando si usa il sale di potassio benzilpenicillina in combinazione con diuretici risparmiatori di potassio o farmaci contenenti potassio, si può sviluppare iperkaliemia.

Non combinare i preparati a base di penicillina con farmaci che diluiscono il sangue - si possono verificare sanguinamento.

I farmaci antiacidi (antiacidi) riducono l'assorbimento di alcuni antibiotici nel tratto digestivo.

Condizioni di conservazione

Al momento dell'acquisto di antibiotici, è necessario prestare sempre attenzione alle condizioni in cui il farmaco deve essere conservato, nonché alla data di produzione e alla data di scadenza - di norma tale periodo non supera i 2 o 3 anni. Con la scadenza della shelf life accettabile, l'efficacia dell'antibiotico può diminuire, così come la sua tossicità, che è particolarmente indesiderabile per una donna che allatta.

Inoltre, gli antibiotici con allattamento con il termine scaduto possono provocare manifestazioni collaterali e reazioni impreviste dell'organismo, sia alla madre che al bambino. Pertanto, acquista solo i farmaci giusti che sono stati conservati correttamente: se il pacco dice che la soluzione antibiotica deve essere conservata in frigorifero, e il farmacista in farmacia ti preleva il medicinale dal solito armadietto - astieniti dall'acquisto di tale medicinale.

È importante sapere!

Nonostante il fatto che gli antibiotici siano farmaci efficaci che bloccano il processo infettivo, uccidono gli agenti patogeni o sopprimono la loro crescita e attività, non sono privi di difetti.

Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Attenzione!

Per semplificare la percezione delle informazioni, questa istruzione per l'utilizzo del farmaco "Antibiotici per l'allattamento" è stata tradotta e presentata in una forma speciale sulla base delle istruzioni ufficiali per l'uso medico del farmaco. Prima dell'uso leggere l'annotazione che è arrivata direttamente al farmaco.

Descrizione fornita a scopo informativo e non è una guida all'autoguarigione. La necessità di questo farmaco, lo scopo del regime di trattamento, i metodi e la dose del farmaco sono determinati esclusivamente dal medico curante. L'automedicazione è pericolosa per la tua salute.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.