^

Salute

Crampi alle gambe durante la notte in donne, uomini e bambini

, Editor medico
Ultima recensione: 25.02.2021
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I crampi alle gambe di notte possono comparire in persone di età diverse, di costituzione diversa e con disturbi diversi. Molto spesso, le convulsioni sono di natura a breve termine e scompaiono dopo il ripristino della normale circolazione sanguigna. Ma a volte richiedono un trattamento sistematico e sono difficili.

Gli spasmi muscolari sono contrazioni improvvise, involontarie e dolorose dei muscoli scheletrici. [1]Sono caratterizzati da colpi elettricamente ripetitivi dei potenziali d'azione delle unità motorie a velocità fino a 150 al secondo, [2]più di quattro volte la velocità normale alla massima contrazione volontaria.[3]

Lo spasmo muscolare è stato descritto come “una contrazione muscolare improvvisa, involontaria e dolorosa che diminuisce gradualmente. Durante le convulsioni, i muscoli colpiti si induriscono e le articolazioni possono essere costrette in posizioni insolite. In alcune persone, le convulsioni possono essere innescate da determinati movimenti e / o interrotte allungando i muscoli. "Questa definizione si basava sulle descrizioni presenti in letteratura [4]e sull'esperienza clinica che descriveva le convulsioni nei pazienti.

Le cause crampi alle gambe durante la notte

Ci sono diversi motivi per cui di notte possono verificarsi crampi alle gambe. Questa è, prima di tutto, una violazione dei processi metabolici, sia a livello cellulare che tissutale. Possono verificarsi a causa di una carenza dei principali componenti minerali, la vitamina. Inoltre, possono verificarsi violazioni in relazione a traumi, compressione prolungata e compressione del muscolo, in cui non solo i processi metabolici sono disturbati, ma anche la circolazione sanguigna, l'innervazione. C'è anche un forte aumento dei livelli di anidride carbonica e una diminuzione dei livelli di ossigeno nel sangue. Il motivo potrebbe essere l'esaurimento del corpo, un livello insufficiente di attività fisica e fisica.[5], [6]

Va tenuto presente che le cause delle convulsioni sono sempre individuali. Pertanto, è necessaria una diagnosi seria. Nessuno specialista sarà in grado di nominare immediatamente la causa del sequestro senza condurre un esame completo appropriato. Le convulsioni possono anche verificarsi in relazione a patologie come nervo schiacciato, infiammazione. Può essere il risultato di un nervo schiacciato o spostato, lo sviluppo di artrosi, osteocondrosi.

La causa può essere disturbi del sistema nervoso ed endocrino, patologie che si sviluppano sullo sfondo di sovraccarico nervoso, stress, stanchezza cronica. Spesso questo si osserva sullo sfondo della gravidanza, durante il periodo dell'allattamento, così come nella menopausa, in postmenopausa. Le convulsioni possono essere sia una conseguenza di una mancanza di vitamina nel corpo, sia un sintomo di epilessia o lesione cerebrale traumatica. I trattamenti contro il cancro e il cancro possono causare problemi che portano i pazienti ad avere crampi alle gambe e altri tipi di spasmi muscolari.[7]

Perché e perché ci sono crampi alle gambe di notte?

Prima di iniziare il trattamento per i crampi alle gambe, è necessario sapere esattamente perché si verificano e perché peggiorano di notte. Per questo, è consigliabile consultare un medico e sottoporsi a una diagnosi. Solo conoscendo la causa esatta dello sviluppo della patologia, puoi scegliere il trattamento appropriato che sarà efficace.

  • Cosa manca per i crampi alle gambe durante la notte?

Di solito, l'insorgenza dei crampi alle gambe, soprattutto quando peggiorano di notte, è dovuta al fatto che il corpo manca di determinate sostanze. Ciò che manca può essere determinato durante il processo diagnostico. Il medico deve condurre un'analisi approfondita, intervistare il paziente, raccogliere una storia medica dettagliata. È importante sapere quale dieta predomina in una persona, cosa può mancare esattamente in essa. Molto spesso, le convulsioni sono associate a una mancanza di componenti proteiche, singoli aminoacidi (per lo più insostituibili). Spesso non c'è abbastanza vitamina. I muscoli sono particolarmente sensibili alle vitamine del gruppo B, D.Inoltre, con la mancanza di alcune proteine, peptidi, può verificarsi una condizione simile.

  • Crampi alle gambe di notte con vene varicose

Con le vene varicose, si verifica una forte violazione della circolazione sanguigna, si verifica il ristagno. Di conseguenza, l'afflusso di sangue agli organi interni e ai muscoli viene interrotto. La condizione del tessuto muscolare, la sua attività contrattile e il metabolismo vengono interrotti. Si verifica esaurimento e disturbo dell'innervazione nel tessuto muscolare. Il metabolismo viene gradualmente interrotto. L'escrezione di sostanze tossiche, metaboliti finali, anidride carbonica dal corpo viene rallentata. L'apporto di ossigeno e sostanze nutritive al tessuto muscolare è notevolmente rallentato. Per questo motivo, con le vene varicose, il rischio di sviluppare crampi alle gambe aumenta notevolmente. Per lo più peggiorano di notte. Ma la ragione di questo fenomeno non è ancora completamente compresa.

  • Crampi alle gambe durante la notte con il diabete

Nelle persone con diabete, l'insorgenza di convulsioni è associata alla presenza di neuropatia, con una maggiore eccitabilità del nervo periferico. Il diabete di tipo I ha una minore incidenza di convulsioni (circa il 60%) rispetto al diabete di tipo II (circa l'80%). Nel diabete di tipo II, la nefropatia è un altro fattore nell'insorgenza delle convulsioni. Un'altra probabile causa di convulsioni è associata a cambiamenti nella vascolarizzazione periferica, che causano episodi di ischemia e convulsioni.

Con il diabete, il rischio di sviluppare crampi alle gambe aumenta notevolmente, soprattutto di notte. Ciò è dovuto al fatto che il diabete è associato a disordini metabolici in vari tessuti, soprattutto nel tessuto muscolare. Si sviluppa una lieve intossicazione, mancanza di nutrienti. Il disturbo principale colpisce le condizioni del sangue, che colpisce anche il sistema muscolare. In particolare, un livello elevato di glucosio nel sangue influisce negativamente sui processi intracellulari, sulla contrattilità del tessuto muscolare, interrompe i processi metabolici e porta all'intossicazione.

  • Sindrome sequestro-fascicolazione

La sindrome da fascicolazione dello spasmo (CFS) è una sindrome periferica associata ad una maggiore eccitabilità del sistema nervoso periferico. Questa situazione porta alla presenza di spasmi muscolari indesiderati e / o fascicolazioni. Alcuni soggetti possono sviluppare altri sintomi, come intorpidimento e sensazione di bruciore tipici della neuropatia. Questi pazienti sono spesso trovati per avere anticorpi a scapito dei canali del potassio, con un genere prevalentemente maschile. Non abbiamo una spiegazione o un trattamento adeguati per questa condizione.

  • Insufficienza renale allo stadio terminale

Le persone con insufficienza renale cronica sottoposte a dialisi soffrono spesso di spasmi muscolari, fino al 50%, soprattutto a carico degli arti inferiori. Le convulsioni possono verificarsi durante la dialisi oa casa. I crampi in questo tipo di pazienti sono associati a depressione, scarsa qualità della vita e disturbi del sonno. L'eziologia delle crisi epilettiche nei pazienti in emodialisi non è chiara.

Uno dei possibili motivi è la presenza di polineuropatia, tipica in queste situazioni, con alterazioni morfologiche e funzionali delle fibre nervose periferiche. Un trapianto di rene riduce significativamente la presenza di convulsioni.

  • Sclerosi laterale amiotrofica

Circa il 95% dei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica (SLA) riferisce convulsioni. La frequenza e l'intensità delle crisi non sono correlate alla gravità della malattia. Le cause di queste convulsioni sono poco note, ma probabilmente sono associate ad una maggiore eccitabilità dei neuroni. I farmaci che riducono le convulsioni in questi pazienti sono la mexiletina e il chinino solfato, quest'ultimo con gravi controindicazioni.

  • Cirrosi epatica

I crampi muscolari in questa popolazione di pazienti sono comuni e comuni (88%). In un elettromiogramma, l'attivazione dell'azione potenziale involontaria delle unità motorie era piuttosto alta - più di 150 Hz. Il comportamento del sistema nervoso periferico non è associato alla degenerazione nervosa. Il motivo della presenza di convulsioni rimane poco chiaro. La presenza di crisi epilettiche varia a seconda dell'area dei muscoli: colonna cervicale (9%), coscia (43%), gamba (70%), dito del piede (50%), muscoli addominali (12%) e dita ( 74%). Altre aree del corpo possono essere interessate. Non è stato stabilito alcun legame diretto tra età o cause specifiche che portano alla cirrosi (alcol, infezioni, ecc.). È noto che non esiste una singola causa o un trattamento specifico per evitare convulsioni nei pazienti con cirrosi.

  • Neuropatia da anticorpi anti-glicoproteina associata alla mielina (anti-MAG)

Circa il 60% dei pazienti presenta un fenomeno convulsivo, che colpisce soprattutto gli arti inferiori e superiori (solo il 20%). La maggior parte degli eventi si svolge di notte o durante l'esercizio. Non esiste una spiegazione valida di come questa patologia sia dovuta alla presenza di convulsioni e non esiste una strategia terapeutica per limitare questo fenomeno.

  • Fibromialgia

Secondo la banca dati nazionale delle malattie reumatiche, le convulsioni sono una delle dieci comorbidità che colpiscono i pazienti. Una delle cause più probabili è l'ipereccitazione del sistema nervoso periferico. Secondo studi recenti, la presenza di convulsioni e alterazioni neurologiche periferiche è direttamente correlata alla gravità della malattia ed è inversamente correlata alla qualità della vita.

Fattori di rischio

Il gruppo di rischio comprende persone con una storia di malattie del sangue, disturbi metabolici, diminuzione dell'immunità, traumi, malattie congenite e acquisite del sistema muscolo-scheletrico. In particolare, condizioni come paralisi cerebrale, diabete mellito, vene varicose, sindrome di Dejerine, paralisi, ipercinesia, malattia vascolare periferica, epilessia, squilibrio elettrolitico, neuropatia periferica, angina pectoris e artrite dovrebbero essere considerate fattori di rischio. Inoltre, il rischio aumenta significativamente in caso di disturbi dell'innervazione, compressione dei vasi sanguigni e dei nervi. Uno studio multicentrico americano ha rilevato che i pazienti con BPCO soffrono del 46% degli spasmi muscolari, che sembra essere la principale causa di dolore in questa popolazione di pazienti. Un altro studio multicentrico americano ha rilevato che il 74% delle convulsioni si verifica negli atleti e a temperature ambiente elevate.

A rischio sono anche le persone con vari disturbi della regolazione nervosa e ormonale. Il rischio di convulsioni aumenta notevolmente se una persona vive e lavora nell'umidità, in condizioni di elevata umidità. Il gruppo a rischio comprende anche persone che soffrono di varie malattie: si tratta di lombodinia, radicolite e nervi schiacciati, artrite, artrosi, osteocondrosi e processi infiammatori. A rischio sono anche le persone con inattività fisica che conducono uno stile di vita sedentario e sedentario, beta-agonisti a lunga durata d'azione, statine e diuretici.[8]

Gli anziani sono a rischio a causa dei naturali processi di invecchiamento del corpo. [9] Questo gruppo comprende anche donne incinte che allattano, poiché i loro muscoli sono più stressati.

Patogenesi

La patogenesi si basa su processi molecolari e biochimici che interessano la cellula, quindi l'intero tessuto muscolare. Prima di tutto, le reazioni biochimiche nelle cellule e nei tessuti del sistema muscolare vengono interrotte, i meccanismi di scambio di calcio, potassio, fosforo vengono interrotti. Anche i principali collegamenti del ciclo di Krebs, che garantisce il normale funzionamento della cellula, diventano patologici e vengono interrotti i meccanismi del metabolismo dei carboidrati e dell'energia. L'attività contrattile dei muscoli diminuisce, si sviluppa l'ipossia, in cui il corpo non ha abbastanza ossigeno, si sviluppa la carenza di ossigeno. Si sviluppa anche l'ipercapnia, in cui una quantità eccessiva di anidride carbonica si accumula nel corpo, poiché i meccanismi per la sua escrezione sono disturbati.[10]

Va notato che le convulsioni si verificano spesso in relazione a una violazione della permeabilità delle membrane cellulari dei miociti, in cui una quantità sufficiente di ioni di calcio non può penetrare nella cellula. Una quantità eccessiva di potassio si accumula nella cellula, a seguito della quale la pompa sodio-potassio (uno dei meccanismi di regolazione dell'ambiente interno della cellula) viene interrotta. A questo proposito, si sviluppano i principali processi patologici, a seguito dei quali si verifica l'attività elettrica spontanea della cellula e aumenta il potenziale intracellulare. Ciò porta a violazioni a livello dell'intero tessuto muscolare, dopo di che si verificano crampi alle gambe (principalmente di notte).[11]

Dopodiché, tutti i muscoli scheletrici sono coinvolti nel processo patologico, possono periodicamente subire attività elettrica spontanea, a seguito della quale il muscolo si contrae spontaneamente e inoltre non può rilassarsi completamente.

Inoltre, la patogenesi può essere associata a disturbi della conduzione nervosa, sensibilità e suscettibilità dei recettori nervosi, percorsi. Qualsiasi parte del sistema nervoso può essere soggetta a cambiamenti patologici, che vanno dai recettori che percepiscono i cambiamenti nel muscolo e terminano con le parti corrispondenti del cervello, che percepiscono ed elaborano le informazioni di conseguenza.

Epidemiologia

Secondo le statistiche, ogni persona, almeno una volta nella vita, ha un attacco in qualsiasi circostanza. Anche le persone più forti, mantenendosi in buona forma, sono soggette a convulsioni periodiche. Quindi, per molti, le convulsioni si verificano durante il nuoto, le immersioni in corpi di acqua fredda, durante il nuoto invernale. Una persona su due ha avuto una convulsione spontanea di notte almeno una volta. Di regola, passano abbastanza velocemente, è sufficiente cambiare la posizione del corpo, camminare, appoggiare il piede su una superficie piana o semplicemente strofinare bene l'area interessata dalla convulsione.[12]

Ma spesso accade che si verifichino convulsioni a causa del fatto che si verificano violazioni sistematiche nel corpo, a seguito delle quali si verifica una compressione prolungata del muscolo. A poco a poco, si sviluppa uno stato stazionario, accompagnato da sindrome convulsiva. Come mostrano le statistiche, circa il 50% dei sequestri si verifica a causa della mancanza di alcune sostanze, tra cui vitamine e minerali. Un altro 24% delle convulsioni si verifica spontaneamente, sotto l'influenza di qualsiasi fattore dell'ambiente esterno e interno, sotto l'influenza di traumi, danni. Vale anche la pena notare che tutte le altre crisi si verificano principalmente sullo sfondo di eventuali malattie, processi metabolici, con mobilità insufficiente. Possiamo dire che le convulsioni si verificano spesso a causa del fatto che una persona conduce uno stile di vita sedentario (circa il 65% della patologia), il restante 35% rientra in patologie congenite o acquisite, in relazione alle quali si verificano le convulsioni.[13], [14], [15], [16]

Sintomi

La grave compressione dell'arto è considerata come i principali sintomi delle convulsioni, in cui una persona si lamenta di non poter piegare o raddrizzare l'arto. I muscoli si contraggono, si irrigidiscono, si contraggono, si verifica dolore. Di norma, se alleni un muscolo, lo strofini, i sintomi gradualmente diminuiscono a causa del fatto che la circolazione sanguigna migliora. Inoltre, il dolore può essere palpitante, lancinante, c'è una sensazione di freddo nell'arto.

La violazione dello stato normale dell'arto è considerata il primo segno di convulsioni. In questo caso, c'è disagio, sensazione di bruciore, a volte dolore e forte pressione nel muscolo, sensazione di compressione eccessiva, spremitura. Quando compaiono i primi segni, è necessario consultare un medico il prima possibile per diagnosticare e prescrivere il trattamento corretto.

Esistono diversi tipi di crisi, a seconda della causa. Quindi, le convulsioni congenite sono isolate, che sorgono in connessione con lo sviluppo di malattie congenite, sono geneticamente determinate e scarsamente curabili o non possono essere trattate affatto. Stanno progredendo intensamente. Spesso sorgono sullo sfondo di patologie come epilessia, sindrome convulsiva, varie paralisi, distrofie, patologie neuropsichiche.

Il secondo tipo di crisi viene acquisito. Sorgono in connessione con le peculiarità della vita umana. Ad esempio, si sviluppano sullo sfondo di una mancanza di vitamine, alcune sostanze nel cibo, sono una frequente complicazione di qualsiasi malattia, sono una conseguenza di disturbi metabolici. Di solito, in questo caso, è necessario un trattamento eziologico, che ha lo scopo di eliminare la causa delle convulsioni, dopodiché lo stato del sistema muscolare viene automaticamente ripristinato.

  • Crampi ai muscoli dei polpacci durante la notte

Di notte, il corpo si rilassa, il carico viene rimosso dalle gambe e dagli organi interni. Migliora l'innervazione e la circolazione sanguigna. Una grande quantità di ossigeno viene improvvisamente fornita ai muscoli, a seguito della quale si sviluppa uno spasmo dallo stress ossidativo. In questo caso, si verifica una violazione dei processi metabolici, un'accelerazione del metabolismo.

Per eliminare le convulsioni, la ginnastica correttiva è ampiamente utilizzata. Agiscono come trattamento principale. I mezzi e le tecniche di ginnastica attiva e passiva, una corretta respirazione, esercizi di stretching e coordinazione dei movimenti sono particolarmente efficaci. Puoi usare varie serie di esercizi di respirazione. La pratica dovrebbe consistere in una sequenza di esercizi statici, dinamici e respiratori. Meglio concludere con un allenamento di rilassamento, meditazione leggera.

Devi capire che senza esercizi di fisioterapia, nessun trattamento sarà efficace. Viene utilizzato per alleviare il dolore, eliminare i sintomi, migliorare il trofismo muscolare, ridurre o eliminare completamente i disturbi del tono muscolare e prevenire la deformazione ossea e della colonna vertebrale. La scelta dei mezzi di terapia fisica è determinata principalmente dalle ragioni, nonché da quegli obiettivi e obiettivi principali che devono essere raggiunti. È importante combinare le lezioni con massaggi, terapia manuale, esercizi di ginnastica riflessa.[17]

  • Crampi alla gamba sinistra e destra durante la notte

I crampi alle gambe possono verificarsi per vari motivi. Si verificano con la stessa frequenza sia nella gamba sinistra che nella gamba destra e si intensificano principalmente di notte. Ciò è dovuto alle peculiarità del metabolismo, all'intensità dei processi metabolici, alla circolazione sanguigna, all'innervazione. Minore è l'intensità di questi processi, minore è il contenuto di ossigeno, maggiore è il livello di anidride carbonica. Per alleviare le convulsioni, vengono applicate compresse, vengono preparate lozioni.

  • Costanti forti crampi alle gambe durante la notte

Se il crampo si verifica periodicamente, non è ancora motivo di preoccupazione. Può verificarsi per vari motivi, anche in relazione a flusso sanguigno alterato, bloccaggio di un arto, permanenza prolungata nella stessa posizione. Ma se i crampi alle gambe diventano gravi e ti infastidiscono costantemente, principalmente di notte, devi consultare un medico e sottoporsi a una diagnosi completa. E determina la causa della patologia. Quindi verrà selezionato il trattamento ottimale, che aiuterà a sbarazzarsi del problema rapidamente e in breve tempo.

La diagnostica strumentale è uno dei metodi principali che consente di effettuare una diagnosi corretta. Vengono utilizzati metodi di TC, risonanza magnetica, fMRI, elettroencefalografia. L'essenza dei metodi è studiare l'attività elettrica di varie strutture del cervello. La mioelettroencefalografia misura l'attività elettrica dei muscoli. Nel corso dello studio vengono registrati i potenziali. Il risultato di tali studi è la compilazione della mappatura dell'attività cerebrale e della mappatura dei muscoli.

Il trattamento è eziologico, cioè dipende da quale patologia viene identificata. Ad esempio, i crampi si verificano spesso a causa della mancanza di magnesio nel corpo, quindi è necessario prescrivere preparati di magnesio e la situazione migliorerà in modo significativo. Se il normale funzionamento del cervello è disturbato, l'essenza della terapia è normalizzare il suo stato funzionale. Con la patologia dei muscoli stessi e i disturbi circolatori, è necessario ricorrere a esercizi di fisioterapia e terapia riparativa. Vengono mostrati la terapia manuale, il massaggio. Fondamentalmente, la terapia è piuttosto lunga.

Viene utilizzata principalmente la terapia farmacologica. Inoltre, la preferenza è data alla terapia complessa (il trattamento complesso include metodi fisioterapici appropriati, mezzi alternativi, omeopatia). Il trattamento eziologico più efficace, cioè dovrebbe essere mirato a identificare ed eliminare ulteriormente la causa della patologia. I mezzi di terapia sintomatica sono adiuvanti. Usano anche strumenti per la terapia manuale, massaggi, terapia fisica, esercizi di respirazione, terapia fisica, hatha yoga, qigong, nuoto, idroterapia.

Se necessario, fornire assistenza di emergenza, ricorrere alla terapia sintomatica, alleviare il sequestro stesso e alleviare temporaneamente la condizione. Include mezzi di esposizione manuale, sfregamento, impastamento dell'area interessata, che forniranno l'accesso al sangue e all'ossigeno nel sito della convulsione. Di conseguenza, allevia il dolore e rilassa il muscolo. Se questo non aiuta, è necessario prendere un anticonvulsivante o un antispastico.[18]

  • Dolore e crampi alle gambe durante la notte

In caso di dolore e crampi alle gambe con un aumento predominante durante la notte, è necessaria la diagnosi, la determinazione della causa della patologia e un ulteriore trattamento. Le convulsioni accompagnate da dolore di solito indicano che le fibre nervose sono coinvolte nel processo patologico e che si verifica un grave danno alle fibre muscolari, alle cellule e ai tessuti. Richiedono un trattamento obbligatorio.

La terapia si basa su speciali anticonvulsivanti, anticonvulsivanti, miorilassanti e antidolorifici.

Il rimedio più semplice utilizzato per le convulsioni è no-shpa. Prendi una compressa 2-3 volte al giorno (indipendentemente dalla presenza o assenza di convulsioni). Il corso del trattamento è di 10-14 giorni.

Nel momento in cui si è manifestato il crampo, questo posto dovrebbe essere ben massaggiato, usando prima colpi leggeri, poi impastando e strofinando più profondamente. I movimenti vibrazionali, così come i movimenti attivo-passivi, lo stretching muscolare alleviano bene le convulsioni.

Per le convulsioni più gravi e prolungate, viene utilizzato carbazepam (3-5 mg / kg di peso corporeo). Si consiglia di seguire un ciclo di trattamento, in media 14-28 giorni.

L'agente più potente che aiuta a far fronte alle convulsioni è il trometamolo (60 mg / giorno, 2 volte al giorno). Il farmaco provoca numerosi effetti collaterali.

Per i crampi alle gambe vengono utilizzati vari unguenti. Ad esempio, troxevasin-gel, traumalgon, dolobene, condroitina, condroossido, larkspur, sciabola, veleno d'api.

Quando compaiono convulsioni, è necessario assumere vitamine, poiché la maggior parte delle convulsioni è associata a ipovitaminosi o carenza vitaminica. Convulsioni., Sono spesso associate a una mancanza di vitamine A, E, PP.

Vengono utilizzati anche metodi fisioterapici. Di tutti i metodi di trattamento fisioterapico, varie procedure termiche, procedure elettriche, inclusa l'elettroforesi, si sono dimostrate nel modo migliore, il che consente di fornire sostanze attive direttamente al centro dell'infiammazione e aumenta anche l'attività elettrica dei muscoli e degli impulsi nervosi. Si consiglia di alternare la fisioterapia al massaggio, sedute di terapia manuale.

Varie procedure con l'acqua contribuiscono a rilassare i muscoli e ad alleviare tensioni eccessive, spasmi: nuoto in piscina, acquagym, doccia di Charcot, idromassaggio, jacuzzi, irudoterapia, bagnatura, sfregamento, impacchi, indurimento.

  • Crampi alle gambe e alle braccia durante la notte

La comparsa di crampi alle gambe e alle braccia durante la notte indica che un'area piuttosto ampia di tessuto muscolare e nervoso è coinvolta nel processo patologico. Inoltre, questo può essere un segno dello sviluppo di una sindrome convulsiva persistente, che continua a progredire.

Nel processo di diagnosi, è importante separare i segni di una malattia da un'altra. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le convulsioni sono un segno di molte patologie e malattie.

Per la diagnostica, è necessario consultare un medico. Farà una diagnosi e solo sulla base di essa potrà essere selezionato un trattamento. Vari studi vengono utilizzati per fare una diagnosi. I metodi principali sono test clinici standard come esami delle feci, delle urine e del sangue. Possono essere molto istruttivi.

A seconda dei risultati ottenuti, è in fase di sviluppo un ulteriore piano di ricerca. Se necessario, vengono utilizzati test funzionali, che possono essere molto istruttivi e consentire una differenziazione abbastanza fine di varie malattie e sindromi. Poiché la mancanza di vitamine o minerali è spesso la causa delle convulsioni, potrebbe essere necessario un test vitaminico. A volte vengono utilizzati metodi genetici (screening genetico) se si sospetta un'anomalia genetica o una patologia congenita.

  • Crampi alle dita dei piedi durante la notte

Spesso devi affrontare un fenomeno come i crampi alle gambe, che compaiono e si intensificano di notte. Molto spesso, il motivo è che una persona non si muove abbastanza, a causa della quale i processi metabolici nelle parti inferiori del corpo, negli arti e soprattutto nelle dita vengono interrotti, poiché questa è la parte distale. Inoltre, un quadro simile è spesso osservato sullo sfondo di malattie come vene varicose, convulsioni, epilessia, ipertensione, sclerosi vascolare, che aggravano solo la patologia.

Un motivo altrettanto comune è, al contrario, un carico eccessivo sulle gambe, sul sistema muscolo-scheletrico. Ciò è dovuto al fatto che può svilupparsi un'eccessiva richiesta di ossigeno a causa di una maggiore fatica. Con la sua mancanza nel corpo, si sviluppa uno spasmo. Inoltre, sullo sfondo dell'edema, possono svilupparsi crampi alle dita dei piedi, con un aumento predominante nella notte.[19]

Crampi alle gambe durante la notte in un bambino

Per vari motivi, un bambino può provare crampi alle gambe, particolarmente pronunciati di notte. Quindi, ciò può essere dovuto a una serie di motivi, in particolare, alla crescita e allo sviluppo accelerati del corpo, in cui i processi di crescita scheletrica sono accelerati, mentre il sistema muscolare non tiene il passo con la crescita delle ossa. Di conseguenza, si verifica uno squilibrio, una violazione dei processi metabolici, che sono associati al verificarsi di convulsioni. Vale anche la pena notare che spesso la causa dello sviluppo di convulsioni è lo stress nervoso, lo sforzo eccessivo, la psicosi, la nevrosi. Spesso, le convulsioni vengono osservate sullo sfondo di esperienze, stress, emozioni eccessive, sia positive che negative. Di solito, le convulsioni si verificano durante il periodo in cui il bambino è nella fase di adattamento: quando si cambia squadra, quando si passa dall'asilo alla scuola, quando si entra in un asilo o in una scuola. Con l'aumento dello sforzo mentale e fisico, possono verificarsi convulsioni. Spesso le convulsioni si sviluppano nei bambini della prima elementare, così come prima di eventi e attività importanti.

Crampi alle gambe durante la notte in un adolescente

Nell'adolescenza, devi spesso affrontare un problema come i crampi alle gambe. In un adolescente, si sviluppano più spesso di notte. Molto spesso, una tale patologia è associata a un periodo di transizione, quando c'è una ristrutturazione e un adattamento del corpo. Durante questo periodo sorgono numerose neoplasie mentali e fisiche, lo sfondo ormonale cambia, i processi metabolici vengono interrotti.

Gli adolescenti possono sperimentare numerose esperienze, stress e quindi possono anche verificarsi convulsioni. Una faticosa attività mentale e fisica, affaticamento, mancanza di sonno, alzarsi presto, possono portare al fatto che l'adolescente sviluppa anche crampi alle gambe. Di notte, si intensificano a causa del fatto che il corpo si rilassa e dai tessuti precedentemente bloccati, le fibre muscolari, i sottoprodotti metabolici iniziano ad essere escreti intensamente, la necessità di ossigeno e sostanze nutritive aumenta bruscamente.

Vale anche la pena notare che negli adolescenti, le convulsioni possono essere associate a un livello inadeguato di attività fisica, movimento e stress eccessivo, sovrallenamento muscolare. A volte un regime di allenamento selezionato in modo errato, una dieta malsana, una mancanza di alcune sostanze nella dieta, possono portare allo sviluppo di convulsioni.

Crampi alle gambe di notte negli anziani

A causa di numerosi cambiamenti legati all'età, processi di adattamento, menopausa, cambiamenti nei livelli ormonali, gli anziani spesso sviluppano crampi alle gambe, che si intensificano di notte. Processi distrofici e degenerativi si sviluppano nel sistema nervoso e muscolare, i muscoli subiscono l'invecchiamento. La circolazione sanguigna, l'innervazione, la conduzione degli impulsi nervosi sono compromesse.

Vale anche la pena notare che il processo di invecchiamento è spesso accompagnato da una diminuzione dell'intensità dei processi metabolici, a seguito della quale i muscoli, le fibre nervose mancano di nutrienti e ossigeno. Allo stesso tempo, viene disturbato anche il deflusso di metaboliti e tossine, il che comporta un aumento del contenuto di anidride carbonica, sottoprodotti del metabolismo nel corpo.

Crampi alle gambe di notte durante la gravidanza

I crampi muscolari nelle donne durante la gravidanza sono molto comuni, circa il 50%; soprattutto negli ultimi 3 mesi e di notte.

La causa esatta di questo disturbo non è completamente compresa. Questi possono includere cambiamenti nella funzione neuromuscolare, aumento di peso eccessivo, compressione dei nervi periferici, flusso sanguigno insufficiente ai muscoli e aumento della funzione muscolare negli arti inferiori.

Durante la gravidanza si sviluppano prima di tutto crampi e gonfiori alle gambe, che compaiono principalmente di notte e al mattino. Ciò è dovuto all'elevato carico sugli arti inferiori e alla ridotta circolazione. Inoltre, c'è un accumulo di sottoprodotti metabolici, anidride carbonica, cellule e tessuti non ricevono abbastanza ossigeno e sostanze nutritive. Questo porta a spasmi, dolore, convulsioni. La tossicosi accresce questi fenomeni. Inoltre, i sintomi aumentano sotto l'influenza dell'aumento del peso fetale, un aumento del peso corporeo della donna, a causa di cambiamenti ormonali, processi immunitari e adattivi.

La prevalenza di crisi epilettiche nelle donne in gravidanza in Cina colpisce la zona dei polpacci, con una percentuale del 32,9%. Durante il primo trimestre, il tasso di risposta è dell'11,6%, il secondo trimestre del 28,2% e l'ultimo trimestre del 50,2%. Le donne indiane incinte hanno maggiori probabilità di avere crampi nel terzo trimestre, soprattutto nella parte inferiore della gamba (64,6%).[20], [21]

Attualmente non esiste un trattamento adeguato per ridurre l'incidenza delle convulsioni.

Diagnostica crampi alle gambe durante la notte

Nel processo di diagnostica, il ruolo più importante appartiene alla diagnosi differenziale, la cui essenza è separare i segni di una malattia da un'altra. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le convulsioni sono un segno di molte patologie e malattie. Ad esempio, è altrettanto probabile che le convulsioni siano una conseguenza della mancanza di vitamina nel corpo e un sintomo di epilessia o lesione cerebrale traumatica.

Per la diagnostica, è necessario consultare un medico (diagnostico, terapista, chirurgo, traumatologo, ortopedico - c'è una selezione abbastanza ampia di specialisti). Devono fare una diagnosi e solo sulla sua base selezionare un trattamento. Durante la diagnosi vengono utilizzati vari metodi diagnostici. Tutto inizia con una classica ispezione. Se necessario, vengono utilizzati test funzionali, che possono essere molto istruttivi e consentire una differenziazione abbastanza fine di varie malattie e sindromi. Inoltre, la ricerca di laboratorio e strumentale è quasi sempre utilizzata.

Analisi

Vari studi vengono utilizzati per fare una diagnosi, compresi quelli di laboratorio. I metodi principali sono test clinici standard come esami delle feci, delle urine e del sangue. Possono essere molto istruttivi se non altro perché mostrano una direzione approssimativa per ulteriori ricerche. Ad esempio, i test possono mostrare se nel sangue si sta sviluppando un processo infiammatorio, infettivo, allergico o autoimmune. A seconda dei risultati ottenuti, è in fase di sviluppo un ulteriore piano di ricerca. Ad esempio, se si sospetta un'infezione virale, vengono prescritti vari test virologici. Se si sospetta un'infezione batterica, possono essere prescritti esami batteriologici, screening microbiologici, colture e raschiature.

Se si sospettano processi reumatici e autoimmuni nel corpo, vengono prescritti test reumatici, analisi per la proteina C-reattiva, studi biochimici e immunogramma. Se si sospettano malattie allergiche, vengono prescritti test allergici, un immunogramma, un'analisi per l'immunoglobulina E. Potrebbe anche richiedere un'analisi del contenuto vitaminico nel corpo se si sospetta una carenza vitaminica o ipovitaminosi e altri studi simili. A volte vengono utilizzati metodi genetici (screening genetico) se si sospetta un'anomalia genetica o una patologia congenita.

Diagnostica strumentale

È uno dei metodi principali che ti consente di fare una diagnosi corretta. Nella diagnosi vengono utilizzati vari metodi, a seconda di quale patologia si sospetta. L'essenza sta nell'uso di strumenti speciali per la diagnosi, la registrazione dei cambiamenti fisiologici e funzionali nel corpo.

Ad esempio, per determinare le cause delle convulsioni, vengono spesso utilizzati vari metodi per studiare l'attività funzionale dei muscoli e del cervello. Quindi, vengono utilizzati metodi di risonanza magnetica, fMRI, elettroencefalografia. L'essenza dei metodi è studiare l'attività elettrica di varie strutture del cervello.

La mielettroencefalografia aiuta a esaminare l'attività elettrica dei muscoli e, sulla base dei dati ottenuti, suggerisce la probabilità di sviluppare una sindrome convulsiva. L'essenza dell'applicazione di vari metodi per studiare il cervello è che con l'aiuto di attrezzature speciali, impulsi e potenziali vengono registrati durante l'attivazione di varie strutture del cervello. I potenziali sono registrati. Il risultato di tali studi è la compilazione di una mappatura dell'attività cerebrale, che si basa su dati medi ed elaborati statisticamente. Puoi anche tracciare i cambiamenti che avvengono in varie strutture del cervello. [22]

Il metodo della risonanza magnetica funzionale può essere abbastanza informativo, la cui essenza consiste nel registrare i potenziali individuali e studiare la specializzazione funzionale delle singole strutture del cervello, identificando possibili deviazioni dalla norma, che possono causare lo sviluppo di convulsioni. Il metodo fMRI si basa sulla risposta degli elettrodi a un cambiamento locale nel flusso sanguigno nel cervello. Quindi, qualsiasi cambiamento nel corpo, comprese convulsioni, spasmi, causa un cambiamento locale nel flusso sanguigno. Di conseguenza, il contenuto di emoglobina nel sangue cambia. Sono questi cambiamenti dinamici che il sistema registra. Il risultato viene visualizzato sotto forma di un grafico elaborato statisticamente che riflette le caratteristiche della risposta emodinamica alla stimolazione. Sulla base dei risultati, è possibile creare una mappa statistica dell'attività cerebrale. [23]

Diagnosi differenziale

Uno spasmo è una contrazione dolorosa di breve durata e può essere distinta da altre contrazioni muscolari. La distonia è una contrazione indolore di origine centrale e la miotonia è una contrazione indolore prolungata, come nel caso della distrofia miotonica e della distrofia di Thomsen. Il tetani può essere doloroso, ma raramente colpisce solo un'area muscolare, come la malattia di Kamurati-Engelmann, l'anoressia nervosa (segno di Russell) o nei casi di ipocalcemia. Le mialgie sono dolori muscolari che non sono necessariamente contratti per diversi motivi, come carenza di vitamina D, abuso di droghe o ipertensione spastica a seguito di danni al sistema nervoso centrale. Il dolore muscolare agli arti inferiori durante la deambulazione o la claudicatio intermittente è un sintomo di stenosi vascolare periferica. In questi casi, può verificarsi un crampo se il paziente continua a camminare. La sindrome delle gambe senza riposo è costituita da contrazioni involontarie degli arti inferiori che non provocano spasmi, ma solo dolore e affaticamento muscolare quando cessa l'attività contrattile. Tali contrazioni possono anche essere sintomi di parkinsonismo.

Un crampo non è un punto trigger. Quest'ultimo può essere nitido o nascosto e descritto in vari modi. Secondo studi recenti, il dolore menzionato di una piccola area e di un punto ipersensibile può essere definito come una serie stretta. Un altro fattore importante è che il punto trigger non crea necessariamente dolore; può causare disturbi sensoriali localizzati o estesi, formicolio, bruciore e dolore sordo. 

Per un'ulteriore diagnosi differenziale tra una crisi di uno stato fisiologico e una crisi in presenza di patologia, l'esame più semplice è l'elettromiografia. Test più dettagliati, come la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata, possono rivelare eventuali lesioni neurologiche.

Un'altra valutazione osservazionale per capire se una crisi è benigna è se la muscolatura localizzata ha sviluppato un'anomalia morfologica: ipertrofia o atrofia. La debolezza è un altro segno che può portare a presumere che la crisi sia un sintomo piuttosto che un evento isolato. Se c'è un fenomeno del vento, un'ulteriore contrazione muscolare è causata da afferenze molto deboli.

In caso di dubbio, è possibile eseguire esami del sangue per rilevare mioglobinuria e iperkaliemia (più di 2-3 volte il normale). La letteratura sottolinea che gli studi di biopsia muscolare possono essere eseguiti anche per rilevare cambiamenti cellulari come atrofia o cambiamenti fenotipici.

Per il disturbo da crampi notturni alle gambe (NFA), ci sono sette sintomi differenziali che possono essere paragonati ad altre malattie legate al sonno: forte dolore, un periodo massimo di 10 minuti per la presenza di crampi, aree localizzate come il polpaccio o la gamba e meno frequentemente fino alla coscia (muscolo quadricipite e muscolo sciatica) indolenzimento che persiste dopo la scomparsa dei crampi, i cambiamenti del ciclo del sonno e conseguente stress.

L'essenza della diagnosi differenziale è la necessità di differenziare i segni di una malattia dai segni di un'altra malattia, che ha manifestazioni simili. È anche importante identificare la causa della patologia. L'ulteriore trattamento dipende dalla corretta definizione della causa e della patogenesi. Ad esempio, se il motivo è la mancanza di determinate sostanze nel corpo, è necessario aggiungere queste sostanze. Nel caso in cui la causa sia una patologia, è necessario prendere misure per eliminarla. In questo caso, potrebbe essere necessaria una terapia speciale. In questa fase, i metodi di ricerca strumentale e di laboratorio sono ampiamente utilizzati.

Complicazioni e conseguenze

Spesso, le convulsioni sono accompagnate da conseguenze e complicazioni avverse, che sono principalmente associate a disturbi circolatori, innervazione e processi metabolici. L'attività locomotoria, la nutrizione e l'afflusso di sangue al tessuto muscolare e ai nervi sono compromessi. Il pizzicamento dei nervi è piuttosto pericoloso, che può essere accompagnato da dolore, progressione di spasmi e convulsioni con il successivo sviluppo del processo infiammatorio, coinvolgimento di altri organi e tessuti nel processo patologico.

Dolore irradiato e convulsioni progressive sono considerate le principali complicanze. Le convulsioni possono trasformarsi in una forma cronica, che sarà accompagnata da attacchi periodici, esacerbazioni. Si sviluppa una disabilità temporanea o permanente (a seconda della gravità della condizione), disabilità e inidoneità al servizio militare.

All'inizio, i crampi alle gambe si verificano di notte, nel tempo possono comparire durante il giorno. Ciò è dovuto alla distruzione delle fibre muscolari, all'accumulo di sottoprodotti metabolici. È anche osservato da un nervo schiacciato con gravi convulsioni, che successivamente si sviluppa in nevralgia, seguito dallo sviluppo dell'infiammazione e dalla cronizzazione del processo. Alla fine, può svilupparsi la paralisi, che porta alla disabilità.

Prevenzione

La prevenzione si basa sul mantenimento di un alto livello di attività fisica, un regolare esercizio fisico volto a normalizzare la circolazione sanguigna, i processi respiratori. Se necessario, è necessario prendere un corso di vitamina da bere, iniettare ulteriori preparati contenenti magnesio nel corpo (poiché le convulsioni si verificano spesso a causa della mancanza di magnesio). [24]

È inoltre necessario mangiare bene, mantenere l'equilibrio idrico, lavorare e riposare, eliminare lo stress e la tensione nervosa. Inoltre, è necessario sottoporsi a regolari visite mediche per persone che sono inclini a convulsioni a causa della presenza di vari disturbi strutturali o funzionali del cervello e del midollo spinale, muscoli, sistema nervoso periferico, anomalie genetiche e anomalie congenite. Se sono necessarie cure o misure preventive, devono essere prese regolarmente. Un'importante misura preventiva è il passaggio periodico di un corso di esercizi di fisioterapia, terapia manuale, massaggio.

Previsione

Se le misure terapeutiche e preventive necessarie vengono prese in modo tempestivo, la prognosi può essere favorevole. Di solito, i  crampi alle gambe durante la notte  possono essere facilmente trattati con i farmaci. Se segui le raccomandazioni del medico, puoi ridurre al minimo o eliminare completamente gli effetti negativi. In assenza di un trattamento adeguato, le crisi possono intensificarsi e progredire, fino allo sviluppo di paralisi e disabilità. Nelle persone sane, la prognosi per l'inizio delle convulsioni è sempre favorevole.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.