^

Salute

Dinamica della colonna vertebrale umana

, Editor medico
Ultima recensione: 25.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Lo scheletro della colonna vertebrale funge da solido supporto del tronco e consiste di 33-34 vertebre. La vertebra comprende due parti: il corpo vertebrale (di fronte) e l'arco di vertebra (posteriore). Il corpo vertebrale ha la maggior parte della vertebra. L'arco di vertebra è costituito da quattro segmenti. Due di questi sono le gambe che formano le pareti di supporto. Le altre due parti sono lastre sottili, che formano una sorta di "tetto". Tre processi ossei partono dalle vertebre. Da ciascuna connessione "gamba-piastra", i processi trasversali destro e sinistro si diramano. Inoltre, sulla linea mediana, quando la persona è inclinata in avanti, si può vedere un processo spinoso sporgente. A seconda della posizione e della funzione delle vertebre dei diversi reparti hanno caratteristiche specifiche nella struttura, e la direzione e il grado di movimento della vertebra sono determinati dall'orientamento dei processi articolari.

Vertebre cervicali I processi articolari hanno una forma ovale piatta e si trovano nello spazio ad un angolo rispetto al piano frontale di 10-15 °, al piano sagittale - 45 °, al piano orizzontale - 45 °. Pertanto, qualsiasi spostamento prodotto dall'articolazione sopra menzionata rispetto a quello inferiore avverrà ad un angolo simultaneamente ai tre piani. Il corpo vertebrale ha una concavità delle superfici superiore e inferiore ed è considerato da molti autori come un fattore che contribuisce ad aumentare il volume del movimento.

Vertebre toraciche I processi articolari sono inclinati al piano frontale ad un angolo di 20 °, al sagittale - con un angolo di 60 °, orizzontale e frontale - con un angolo di 20 °.

Questa disposizione spaziale delle articolazioni facilita il movimento dell'articolazione superiore rispetto a quella inferiore alla volta ventrocranialmente o dorso-parto in congiunzione con la sua polarizzazione mediale o laterale. L'inclinazione predominante dei siti articolari è sul piano sagittale.

Vertebre lombari. L'interposizione spaziale delle loro aree articolari differisce dalle divisioni toracica e cervicale. Hanno una forma arcuata e si trovano sul piano frontale con un angolo di 45 °, sul piano orizzontale - con un angolo di 45 °, sul piano sagittale con un angolo di 45 °. Questa disposizione spaziale facilita il movimento dell'articolazione superiore rispetto a quella inferiore, sia dorsolateralmente che ventromedialmente in combinazione con lo spostamento craniale o caudale.

L'importante ruolo delle articolazioni intervertebrali nel movimento colonna vertebrale e visualizza noto lavoro Lesgaft (1951), in cui grande attenzione è rivolta alla coincidenza dei centri di gravità della superficie sferica dei giunti nei segmenti C5-C7. Questo spiega il volume prevalente di movimento in loro. Inoltre, l'inclinazione delle superfici articolari simultaneamente ai piani frontale, orizzontale e verticale promuove il movimento lineare simultaneo in ciascuno di questi tre piani, escludendo la possibilità di un movimento su un piano. Inoltre, la forma delle articolazioni articolari facilita lo scorrimento di un'articolazione nel piano dell'altra, limitando la possibilità di esecuzione simultanea del movimento angolare. Queste viste sono coerenti con gli studi bianco (1978), in conseguenza della quale dopo la rimozione dai processi articolari Ends aumentata quantità di movimento angolare del segmento spinale di movimento nel piano sagittale del 20-80 %, il fronte - al 7-50%, orizzontale - da 22-60 %. I dati dello studio radiografico di Jirout (1973) confermano questi risultati.

Nella colonna vertebrale sono presenti tutti i tipi di giunture delle ossa: continue (sinmosi, sincondrosi, sinostosi) e discontinue (articolazioni tra la colonna vertebrale e il cranio). I corpi vertebrali sono interconnessi da dischi intervertebrali, che insieme costituiscono approssimativamente l'intera lunghezza della colonna vertebrale. Servono principalmente come ammortizzatori idraulici.

È noto che l'entità della mobilità in qualsiasi parte della colonna vertebrale dipende in larga misura dal rapporto tra l'altezza dei dischi intervertebrali e la parte ossea della colonna vertebrale.

Secondo Kapandji (1987), questo rapporto causa la mobilità di un certo segmento della colonna vertebrale: maggiore è il rapporto, maggiore è la mobilità. La colonna vertebrale cervicale ha la massima mobilità, poiché questo rapporto è 2: 5 o 40%. La regione lombare è meno mobile (rapporto 1: 3 o 33%). L'area toracica è ancora meno mobile (rapporto 1: 5 o 20%).

Ogni disco è costruito in modo tale che al suo interno abbia un nucleo gelatinoso e un anello fibroso.

Il nucleo gelatinoso è costituito da un materiale gelatinoso incomprimibile racchiuso in un "contenitore" elastico. La sua composizione chimica è rappresentata da proteine e polisaccaridi. Il nucleo è caratterizzato da una potente idrofilia, vale a dire attrazione per l'acqua.

Secondo Puschel (1930), alla nascita, il contenuto di liquido nel nucleo è dell'88%. Con l'età, il nucleo perde la sua capacità di legare l'acqua. All'età di 70 anni, il contenuto di acqua in esso è stato ridotto al 66%. Le cause e le conseguenze di questa disidratazione sono di grande importanza. La riduzione del contenuto di acqua nel disco può essere spiegata da una diminuzione della concentrazione di proteine, polisaccaridi e dalla sostituzione graduale del materiale del nucleo simile al gel con tessuto cartilagineo fibroso. I risultati degli studi di Adams e dei coautori (1976) hanno dimostrato che con l'età, la dimensione molecolare dei proteoglicani cambia nel nucleo gelatinoso e nell'anello fibroso. Il contenuto di liquidi diminuisce. All'età di 20 anni, la fornitura vascolare dei dischi scompare. All'età di 30 anni, il disco viene alimentato esclusivamente dalla diffusione della linfa attraverso le placche terminali delle vertebre. Questo spiega la perdita di flessibilità della colonna vertebrale con l'età, nonché una rottura nella capacità degli anziani di ripristinare l'elasticità del disco ferito.

Il nucleo gelatinoso prende le forze agendo verticalmente sul corpo delle vertebre e le distribuisce radialmente sul piano orizzontale. Per capire meglio questo meccanismo, è possibile rappresentare il nucleo sotto forma di un'articolazione a cerniera mobile.

L'anello fibroso consiste di circa 20 strati concentrici di fibre, sono intrecciati in modo tale che uno strato sia inclinato rispetto al precedente. Una tale struttura fornisce il controllo del traffico. Per esempio, sotto l'azione di una forza di taglio, le fibre oblique che vanno in una direzione tendono a deformarsi, mentre quelle che vanno nella direzione opposta si rilassano.

Funzioni del nucleo gelatinoso (Alter, 2001)

Effetto

Flessione

Estensione

Ateralnoe flessione

La vertebra superiore è sollevataanterioreposterioreVerso la flessione
Di conseguenza, il disco si raddrizzaanterioreposterioreVerso la flessione
Di conseguenza, il disco aumentaposterioreanterioreAl lato opposto alla curva

Di conseguenza, il nucleo viene inviato

In avanti

Torna indietro

Al lato opposto alla curva

L'anello fibroso con l'età perde la sua elasticità e aderenza. In giovane età, il tessuto elastico-fibroso dell'anello è prevalentemente elastico. Con l'età o dopo l'infortunio, la percentuale di elementi fibrosi aumenta e il disco perde la sua elasticità. Come la perdita di elasticità, diventa più suscettibile di lesioni e danni.

Ogni disco intervertebrale può essere accorciato in altezza di una media di 1 mm sotto l'influenza di un carico di 250 kg, che per la colonna vertebrale nel suo insieme dà un accorciamento di circa 24 mm. Con un carico di 150 kg, l'accorciamento del disco intervertebrale tra T6 e T7 è di 0,45 mm e un carico di 200 kg causa l'accorciamento del disco tra T11 e T12 di 1,15 mm.

Questi dischi cambiano dalla pressione scompaiono piuttosto rapidamente. Quando giace entro la metà della lunghezza del corpo, avente un'altezza di 170 a 180 cm, è aumentata di 0,44 cm. La differenza di lunghezza del corpo della stessa persona è determinato al mattino e alla sera, una media di 2 cm. Secondo Leatt, Reilly, Troup (1986), una diminuzione del 38,4% nella crescita è stata osservata nelle prime 1,5 ore dopo il risveglio e nel 60,8% nelle prime 2,5 ore dopo il risveglio. Il recupero della crescita del 68% si è verificato nella prima metà della notte.

Analizzando la differenza di altezza nei bambini nelle ore del mattino e del pomeriggio, Strickland e Shearin (1972) hanno rivelato una differenza media di 1,54 cm e l'ampiezza delle oscillazioni era di 0,8-2,8 cm.

Durante il sonno, il carico sulla colonna vertebrale è minimo e i dischi si gonfiano, assorbendo il liquido dai tessuti. Adams, Dolan e Hatton (1987) hanno identificato tre importanti conseguenze diurna oscillazione entità del carico sulla colonna lombare separati: 1 - "rigonfiamento" provoca un aumento della rigidità della colonna vertebrale in flessione nella zona lombare al risveglio; 2 - La mattina presto per i legamenti dei dischi vertebrali delle colonne, un più alto rischio di danno è caratteristico; 3 - l'ampiezza dei movimenti della colonna vertebrale aumenta a metà giornata. La differenza di lunghezza del corpo dipende non solo la riduzione dello spessore del disco intervertebrale, ma anche da variazioni di altezza dell'arco, ed eventualmente anche in una certa misura variando lo spessore della cartilagine delle articolazioni degli arti inferiori.

I dischi possono cambiare la loro forma sotto l'influenza della forza prima della maturità sessuale di una persona. A questo punto, lo spessore e la forma dei dischi sono finalmente determinati, e la configurazione della colonna vertebrale e la postura ad essa associata diventano permanenti. Tuttavia, è proprio perché la postura dipende principalmente dalle caratteristiche dei dischi intervertebrali che non è un segno completamente stabile e può variare in una certa misura sotto l'influenza di effetti di forza esterni ed interni, in particolare esercizi fisici, specialmente in giovane età.

Un ruolo importante nel determinare le proprietà dinamiche della colonna vertebrale è giocato da strutture legamentose e altri tessuti connettivi. Il loro compito è limitare o modificare il movimento dell'articolazione.

Le superfici anteriore e posteriore dei corpi vertebrali e dei dischi intervertebrali passano i legamenti longitudinali anteriore e posteriore.

Tra gli archi delle vertebre ci sono legamenti molto forti costituiti da fibre di elastina, che danno loro un colore giallo, in modo che i legamenti stessi sono chiamati intercostali o gialli. Quando la colonna vertebrale si muove, specialmente quando si flette, questi legamenti si allungano e tendono.

Tra i processi spinosi delle vertebre ci sono quelli interstiziali, e tra i processi trasversi ci sono legamenti interdigitali. Sopra i processi spinosi lungo l'intera lunghezza della colonna vertebrale passa il legamento sovraspinato, che, avvicinandosi al cranio, aumenta nella direzione sagittale e viene chiamato legamento legamentoso. Nell'uomo, questo legamento sembra un ampio piatto, formando una sorta di setto tra i gruppi muscolari destro e sinistro della regione nucale. I processi articolari delle vertebre sono uniti tra loro da articolazioni, che nella parte superiore della colonna vertebrale sono piatte, e nelle parti inferiori, in particolare nella regione lombare, sono cilindriche.

La connessione tra l'osso occipitale e l'atlante ha le sue peculiarità. Qui, così come tra i processi articolari delle vertebre, c'è un'articolazione articolata composta da due articolazioni anatomicamente distaccate. La forma delle superfici articolari dell'articolazione atlantocapitale è ellissoidale o ovoidale.

Tre giunti tra l'atlant e l'epistrophe sono combinati in un giunto Atlanto-assiale combinato con un asse di rotazione verticale; di loro inaudita è l'articolazione di una forma cilindrica tra il dente dell'epistrofe e l'arco anteriore dell'atlante e la giunzione accoppiata - una giuntura piatta tra la superficie articolare inferiore dell'atlante e la superficie articolare superiore dell'epistrofe.

Due articolazioni, atlanto-occipitale e atlantoove, situate sopra e sotto l'Atlante, si completano a vicenda, formano articolazioni dando la mobilità della testa attorno a tre assi di rotazione reciprocamente perpendicolari. Entrambe queste articolazioni possono essere combinate in un unico giunto combinato. Quando la testa ruota attorno all'asse verticale, l'atlante si sposta insieme all'osso occipitale, svolgendo il ruolo di un menisco intermedio tra il cranio e il resto della colonna vertebrale. Nel rafforzamento di queste articolazioni, è coinvolto un apparato legamentoso piuttosto complicato, che include i legamenti cruciformi e pterigoideo. A sua volta, il legamento crociato è costituito da un legamento trasversale e da due gambe: quella superiore e quella inferiore. Il legamento trasversale passa dietro il dente dell'epistrofe e rafforza la posizione di questo dente al suo posto, essendo teso tra le masse laterali destra e sinistra dell'atlante. La parte superiore e inferiore delle gambe si allontanano dal legamento trasversale. Di questi, la parte superiore è attaccata all'osso occipitale e quella inferiore al corpo della seconda vertebra cervicale. I legamenti pterigoidei, destra e sinistra, vanno dalle superfici laterali del dente verso l'alto e verso l'esterno, attaccandosi all'osso occipitale. Tra l'atlante e l'osso occipitale ci sono due membrane (membrane) - anteriore e posteriore, che coprono l'apertura tra queste ossa.

La connessione del sacro con il coccige avviene con sincondrosi, in cui il coccige può spostarsi principalmente nella direzione antero-posteriore. L'ampiezza della mobilità della punta del coccige in questa direzione nelle donne è di circa 2 cm. Nel rafforzamento di questa sincondrosi, anche l'apparato legamentoso partecipa.

Poiché la colonna vertebrale nell'adulto forma due lordotic (cervicale e lombare) e due cifosi (toraciche e sacrococcigeo) piegatura, la linea verticale dal baricentro attraversa in solo due posti, spesso a livello C8 e L5 vertebre. Queste relazioni, tuttavia, possono variare a seconda delle caratteristiche della postura umana.

La gravità della metà superiore del corpo non solo esercita una pressione sulle vertebre, ma colpisce anche alcune di esse sotto forma di una forza che forma le pieghe della colonna vertebrale. Nella regione toracica della linea di gravità del corpo passa davanti dei corpi vertebrali, in relazione alla quale non v'è effetto forza diretta ad aumentare la colonna vertebrale cifotica piegatura. Ciò è ostacolato dal suo apparato legamentoso, in particolare il legamento longitudinale posteriore, i legamenti adiacenti e il tono della muscolatura estensoria del tronco.

Nella colonna lombare i rapporti sono inversi, la linea di gravità del corpo di solito passa in modo che la gravità tenda a ridurre la lordosi lombare. Con l'età, diminuiscono sia la resistenza dell'apparato legamentoso che il tono dei muscoli estensori e, a causa di ciò, sotto l'influenza della gravità, la colonna vertebrale cambia molto spesso la sua configurazione e forma una piega comune diretta in avanti.

È stato stabilito che lo spostamento del centro di gravità della parte superiore del corpo in avanti si verifica sotto l'influenza di una serie di fattori: la massa della testa e della fascia scapolare, arti superiori, torace, organi toracici e addominali.

Il piano frontale, in cui si trova il centro di gravità del corpo, differisce relativamente poco dall'articolazione atlanto-occipitale negli adulti. Nei bambini piccoli, la massa della testa è di grande importanza, perché la sua relazione con la massa di tutto il corpo è più significativa, quindi il piano frontale del centro di gravità della testa è solitamente più spostato anteriormente. Massa umana arto superiore in una certa misura influisce sulla formazione della flessione della colonna vertebrale in funzione dello spostamento della cinghia di spalla in avanti o all'indietro, dato che gli esperti notato qualche correlazione tra il grado di spostamento e chinarsi avanti spalla e arti superiori. Tuttavia, con la postura raddrizzata, la cintura viene solitamente spostata all'indietro. La massa del torace umano aumenta tanto più il baricentro del tronco viene spostato in avanti, tanto più forte è il suo diametro antero-posteriore. Con un torace piatto, il suo centro di massa si trova relativamente vicino alla colonna vertebrale. Organi toracici, specialmente il cuore, non solo contribuiscono alla loro spostamento massa del centro di massa del corpo in avanti, ma agiscono anche come una spinta dritto alla parte craniale della colonna toracica, aumentando così la sua curvatura cifotico. Il peso degli organi addominali varia a seconda dell'età e della costituzione dell'individuo.

Le caratteristiche morfologiche della colonna vertebrale determinano la sua forza per la compressione e lo stretching. In letteratura, ci sono indicazioni che possa sopportare la pressione di compressione di circa 350 kg. Resistenza alla compressione per la regione cervicale è di circa 50 kg, per il seno - 75 kg e per il lombare - 125 kg. È noto che la resistenza alla trazione è di circa 113 kg per la cervicale, 210 kg per il torace e 410 kg per la colonna lombare. La connessione tra la V vertebra lombare e l'osso sacro si rompe con un pescaggio di 262 kg.

La forza delle singole vertebre per la compressione della regione cervicale è approssimativamente la seguente: C3-150 kg, C4-150 kg, C5-190 kg, C6-170 kg, C7-170 kg.

Per toracica caratterizzata da tali indicatori: T1 - 200 kg, -200 kg T5, T3 190 kg, T4 210 kg, T5- 210 kg, T6 - 220 kg, T7- 250 kg, T8 - 250 kg, T9 - 320 kg, T10 - 360 kg, T11 - 400 kg, T12 - 375 kg. Il reparto lombare può sopportare approssimativamente i seguenti carichi: L1 - 400 kg, L2 - 425 kg, L3 - 350 kg, L4 - 400 kg, L5 - 425 kg.

Tra i corpi di due vertebre adiacenti sono possibili i seguenti tipi di movimenti. Movimento lungo l'asse verticale come risultato della compressione e dell'allungamento dei dischi intervertebrali. Questi movimenti sono molto limitati, poiché la compressione è possibile solo all'interno dell'elasticità dei dischi intervertebrali e la tensione è inibita dai legamenti longitudinali. Per la colonna vertebrale in generale, i limiti di compressione ed estensione sono trascurabili.

I movimenti tra i corpi di due vertebre adiacenti possono parzialmente verificarsi sotto forma di rotazione attorno all'asse verticale. Questo movimento è inibito principalmente dallo stress delle fibre concentriche dell'anello fibroso del disco intervertebrale.

Tra le vertebre, le rotazioni sono possibili anche attorno all'asse frontale durante la flessione e l'estensione. Con questi movimenti, la forma del disco intervertebrale cambia. Quando si flette, la sua parte anteriore è schiacciata e la parte posteriore è allungata; quando si osserva l'estensione si osserva il fenomeno opposto. In questo caso, il nucleo della gelatina cambia posizione. Una volta piegato, si sposta all'indietro e, quando è esteso, avanza, cioè verso la parte allungata dell'anello fibroso.

Un altro tipo di movimento pronunciato è la rotazione attorno all'asse sagittale, che porta a un tronco laterale del tronco. Allo stesso tempo, un lato del disco viene schiacciato e l'altro è stirato e il nucleo gelatinoso si muove verso l'estensione, cioè verso la convessità.

I movimenti che si verificano nelle articolazioni tra due vertebre adiacenti dipendono dalla forma delle superfici articolari, che si trovano in modo diverso in diverse parti della colonna vertebrale.

Il più mobile è la sezione cervicale. In questo reparto i processi articolari hanno superfici articolari piatte dirette all'indietro di circa un angolo di 45-65 °. Questo tipo di articolazione offre tre gradi di libertà, vale a dire: i movimenti dell'estensore della flessione sul piano frontale, i movimenti laterali del piano sagittale e i movimenti rotazionali nel piano orizzontale sono possibili.

Nell'intervallo tra le vertebre C2 e C3, l'ampiezza dei movimenti è leggermente inferiore a quella tra le altre vertebre. Questo perché il disco intervertebrale tra queste due vertebre è molto sottile e poiché la parte anteriore del margine inferiore dell'epistrofe forma una sporgenza che limita il movimento. L'ampiezza del movimento dell'estensore della flessione nella regione cervicale è di circa 90 °. La convessità in avanti, formata dal contorno anteriore della regione cervicale, cambia durante la concavità in concavità. La concavità risultante ha un raggio di 16,5 cm: se estraiamo raggi dalle estremità anteriore e posteriore di questa concavità, otteniamo un angolo che è aperto indietro e uguale a 44 °. Con l'estensione massima, viene creato un angolo, che è aperto in avanti e verso l'alto ed è uguale a 124 °. Gli accordi di questi due archi sono collegati con un angolo di 99 °. La massima ampiezza del movimento si nota tra le vertebre C3, C4 e C5, un po 'più piccole - tra C6 e C7 e anche più piccole - tra le vertebre C7 e T1.

Anche i movimenti laterali tra i corpi delle prime sei vertebre cervicali presentano un'ampiezza piuttosto ampia. La vertebra C ... è molto meno mobile in questa direzione.

Le superfici articolari della sella tra i corpi delle vertebre cervicali non favoriscono i movimenti di torsione. In generale, secondo vari autori, l'ampiezza dei movimenti nella regione cervicale è in media di tali valori: flessione - 90 °, estensione - 90 °; pendenza laterale - 30 °, rotazione in una direzione - 45 °.

L'articolazione occipitale dell'atlante e l'articolazione tra l'atlante e l'epistrofeo nel complesso hanno tre gradi di libertà di movimento. Nella prima di queste, le inclinazioni della testa sono possibili avanti e indietro. Nel secondo, è possibile ruotare l'atlante attorno al processo a forma di dente, e il cranio ruota insieme all'atlante. L'inclinazione della testa in avanti nell'articolazione tra il cranio e l'atlante è possibile solo di 20 °, l'inclinazione all'indietro di 30 °. Movimento indietro anterior tensione inibita e membrane occipitali posteriori e andando attorno all'asse anteriore estende dietro l'apertura dell'orecchio esterno e direttamente di fronte al mastoide dell'osso temporale. Un'inclinazione superiore al 20 ° del cranio in avanti e 30 ° dietro è possibile solo con il rachide cervicale. Una pendenza in avanti è possibile prima che il mento tocchi lo sterno. Un tale grado di inclinazione si ottiene solo con una contrazione attiva dei muscoli, piegando la colonna vertebrale cervicale e inclinando la testa sul tronco. Quando la testa cade in avanti sotto la forza di gravità, di solito mento non tocca lo sterno perché la testa è tenuta muscoli in tensione allungati della parte posteriore del collo e il legamento nucale. La gravità della testa inclinata in avanti quando agisce su una leva del primo ordine è insufficiente per superare la passività dei muscoli della schiena del collo e l'elasticità del legamento legamentoso. Con le grudinopodyazychnoy riduzione e mentoniera ioidei muscoli della loro forza, insieme con il peso della testa è maggiore muscoli estensori del dorso del collo e il legamento nucale, causando la testa sporge in avanti per toccare il mento allo sterno.

Nella giuntura tra l'atlant e l'epistola, è possibile una rotazione di 30 ° a destra e a sinistra. La rotazione nella giunzione tra l'atlante e epistrofeem tensione limitata fasci pterigoidee originari sulle superfici laterali dei condili occipitali e fissate alle superfici laterali del processo odontoideo.

A causa del fatto che la superficie inferiore delle vertebre cervicali è concava nella direzione antero-posteriore, sono possibili movimenti tra le vertebre nel piano sagittale. Nella colonna cervicale, l'apparato del legamento è il meno potente, il che contribuisce anche alla sua mobilità. La regione cervicale è molto meno (rispetto alle divisioni toracica e lombare) soggetta all'azione dei carichi compressivi. È il luogo di attacco per un grande numero di muscoli, che determinano i movimenti della testa, della colonna vertebrale e del cingolo scapolare. Al collo, l'effetto dinamico della trazione muscolare è relativamente maggiore rispetto all'azione dei carichi statici. L'area cervicale non è molto suscettibile a deformare i carichi, perché i muscoli circostanti, per così dire, lo proteggono da eccessivi effetti statici. Una delle caratteristiche tipiche della regione cervicale è che le superfici piatte dei processi articolari con la posizione verticale del corpo sono ad un angolo di 45 °. Quando la testa e il collo sono inclinati in avanti, questo angolo aumenta fino a 90 °. In questa posizione, le superfici articolari delle vertebre cervicali sono sovrapposte l'una sull'altra nella direzione orizzontale e sono fissate a causa dell'azione della muscolatura. Con una posizione piegata del collo, l'azione dei muscoli è particolarmente significativa. Tuttavia, la posizione piegata del collo è abituale per una persona al lavoro, in quanto l'organo della visione deve controllare i movimenti delle mani. Molti tipi di lavoro, così come i libri di lettura, vengono solitamente eseguiti con una posizione inclinata della testa e del collo. Pertanto, i muscoli, in particolare la superficie posteriore del collo, devono essere inclusi nel lavoro per mantenere la testa in equilibrio.

Nella regione toracica i processi articolari hanno anche superfici articolari piatte, ma sono orientati quasi verticalmente e si trovano principalmente nel piano frontale. Con questa disposizione dei processi, la flessione e la rotazione sono possibili e l'estensione è limitata. Le pendenze laterali sono effettuate solo in limiti insignificanti.

Nella colonna vertebrale toracica la mobilità è la più piccola, dovuta al piccolo spessore dei dischi intervertebrali.

La mobilità nella parte superiore della regione toracica (dalla prima alla settima vertebra) è insignificante. Aumenta nella direzione caudale. Pendenze laterali nella regione toracica sono possibili circa 100 ° a destra e un po 'meno a sinistra. I movimenti rotazionali sono limitati dalla posizione dei processi articolari. L'ampiezza dei movimenti è piuttosto significativa: attorno all'asse frontale è di 90 °, l'estensione è di 45 °, la rotazione è di 80 °.

Nella regione lombare, i processi articolari hanno superfici articolate orientate quasi sul piano sagittale, la loro superficie articolare articolare superiore concava e convessa inferiore convessa. Questa disposizione dei processi articolari esclude la possibilità della loro rotazione reciproca, ei movimenti sono fatti solo nei piani sagittale e nei piani frontali. In questo caso, il movimento dell'estensore è possibile in un intervallo più ampio rispetto al movimento di flessione.

Nella regione lombare, il grado di mobilità tra le diverse vertebre non è lo stesso. In tutte le direzioni, è maggiore tra le vertebre L3 e L4, e anche tra L4 e L5. La minima mobilità si nota tra L2 e L3.

La mobilità del rachide lombare è caratterizzata dai seguenti parametri: piegatura - 23 °, estensione - 90 °, inclinazione laterale rispettivamente - 35 °, rotazione - 50. Il maggiore mobilità caratterizzato spazio intervertebrale tra L3 e L4, che deve essere confrontato con il fatto che la posizione centrale della vertebra L3 . Infatti, questa vertebra corrisponde al centro della regione addominale negli uomini (nelle donne, L3 è un po 'più caudale). Ci sono casi in cui il sacro nell'uomo si trovava quasi orizzontalmente e l'angolo lombosacrale diminuiva a 100-105 °. I fattori che limitano il movimento nella colonna lombare sono presentati in Tabella. 3.4.

Nel piano frontale, la flessione della colonna vertebrale è possibile principalmente nelle aree cervicale e toracica superiore; L'estensione è principalmente effettuata nelle regioni cervicale e lombare, nella regione toracica questi movimenti sono insignificanti. Nel piano sagittale, la maggiore mobilità si nota nella regione cervicale; nella regione toracica è insignificante e aumenta nuovamente nella parte lombare della colonna vertebrale. La rotazione è possibile in ampi limiti nella regione cervicale; nella direzione caudale, la sua ampiezza diminuisce ed è molto piccola nella regione lombare.

Quando si studia la mobilità della colonna vertebrale nel suo complesso ha alcun senso aritmetica riassumere figure caratterizzanti l'ampiezza dei movimenti dei vari reparti, poiché tutti i movimenti della parte libera della spina dorsale (come in preparazioni anatomiche o in soggetti viventi) derivare da curve di movimento di compensazione della colonna vertebrale. In particolare, la flessione dorsale in un reparto può causare l'estensione ventrale nell'altro. Pertanto, è opportuno integrare lo studio della mobilità dei vari dipartimenti con dati sulla mobilità della colonna vertebrale nel suo insieme. Nello studio di isolati colonna vertebrale a tale riguardo, diversi autori seguenti risultati: flessione - 225 °, estensione - 203 °, inclinazione verso - 165 °, rotazione - 125 °.

Nella regione toracica, la flessione laterale della colonna vertebrale è possibile solo quando i processi articolari si trovano esattamente sul piano frontale. Tuttavia, sono inclinati un po 'in avanti. Di conseguenza, solo quelle articolazioni intervertebrali partecipano all'inclinazione laterale, le cui sfaccettature sono orientate approssimativamente sul piano frontale.

I movimenti rotazionali della colonna vertebrale attorno all'asse verticale sono possibili nella massima estensione del collo. La testa e il collo possono essere ruotati rispetto al corpo di circa 60-70 ° in entrambe le direzioni (cioè a circa 140 ° di distanza). Nella colonna toracica, la rotazione è impossibile. Nella regione lombare, è praticamente zero. La maggiore rotazione è possibile tra le divisioni toraciche e lombari nelle coppie biokinematiche del XVII e XVIII secolo.

La mobilità rotazionale totale della colonna vertebrale nel suo complesso è quindi di 212 ° (132 ° per la testa e il collo e 80 ° per le coppie biokinematic 17 ° e 18 °).

È interessante determinare il possibile grado di rotazione del corpo attorno al suo asse verticale. In piedi su una gamba, la rotazione in un'articolazione dell'anca mezza piegata è possibile di 140 °; quando supportato da entrambe le gambe, l'ampiezza di questo movimento diminuisce fino a 30 °. In totale, questo aumenta la capacità di rotazione del nostro corpo a circa 250 ° quando ci si trova su due gambe e fino a 365 ° - stando su una gamba sola. I movimenti rotazionali, prodotti dalla testa ai piedi, provocano una diminuzione della lunghezza del corpo di 1-2 cm, tuttavia in alcune persone questa diminuzione è significativamente maggiore.

Il movimento di torsione della colonna vertebrale viene effettuato su quattro livelli, caratteristici di vari tipi di curve scoliotiche. Ciascuno di questi livelli di torsione dipende dalla funzione di uno specifico gruppo muscolare. Il livello inferiore di rotazione corrisponde all'apertura inferiore (livello XII delle false costole) del torace. Il movimento di rotazione a questo livello è dovuto alla funzione del muscolo obliquo interno di un lato e del muscolo obliquo esterno del lato opposto che agisce da sinergizzanti. Questo movimento può essere continuato verso l'alto a causa di una riduzione dei muscoli interni intercostali da un lato e degli intercostali esterni dall'altro. Il secondo livello di movimenti rotazionali è sul cingolo scapolare. Se è fissa, la rotazione del torace e della colonna vertebrale è causata dalla contrazione del dentato anteriore e dei muscoli pettorali. La rotazione è fornita anche da alcuni muscoli della schiena - frastagliati posteriori (superiore e inferiore), ilio-costola e semiovoidale. Il muscolo mastoideo toracico-clavicolare con contrazione bilaterale mantiene la testa in posizione eretta, la butta indietro e piega anche il rachide cervicale. Con un taglio unilaterale, inclina la testa nella sua direzione e si trasforma in quella opposta. Il muscolo della cintura della testa si appoggia alla colonna vertebrale cervicale e gira la testa nella stessa direzione. La cintura del collo estende la spina cervicale e gira il collo verso la contrazione.

Le pendenze verso il chato sono combinate con la sua rotazione, perché questo è favorito dalla posizione delle articolazioni intervertebrali. Il movimento è attorno ad un asse che non si trovano esattamente nella direzione sagittale, ed è inclinato in avanti e verso il basso, per cui l'inclinazione del lato accompagnata dalla rotazione del corpo verso il lato dove il rigonfiamento è formata in un'inclinazione della colonna vertebrale. La combinazione di pendenze ai lati con rotazione è una caratteristica molto significativa che spiega alcune delle proprietà delle curve di scoliosi. Nella regione delle coppie biokinematic del 17 ° e 18 ° secolo, le pendenze ai lati della colonna vertebrale sono combinate con la sua rotazione in un lato convesso o concavo. In questo caso, è comune per lui implementare una tale triade di movimenti: inclinare lateralmente, piegarsi in avanti e ruotare verso la convessità. Questi tre movimenti sono solitamente realizzati con curve scoliotiche.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

Gruppi funzionali di muscoli che forniscono movimento della colonna vertebrale

Sezione del collo: movimenti attorno all'asse frontale

flessione

  1. Muscolo seno-clavicolare-mastoideo
  2. Scala anteriore
  3. Scala posteriore
  4. Muscolo del collo lungo
  5. Il lungo muscolo della testa
  6. Muscolo retto anteriore della testa
  7. Muscolo del collo sottocutaneo
  8. Muscolo spade-e-ioide
  9. Muscolo seno-ioide
  10. Petto e tiroide
  11. Duodeno subctal
  12. Muscolo dorsale
  13. Muscolo Szilovidyazychnaya
  14. Muscolo mascellare-ioide
  15. Muscolo del mento-ioide

Movimento attorno all'asse sagittale

  1. Muscolo del collo lungo
  2. Scala anteriore
  3. Scala media
  4. Scala posteriore
  5. Muscolo trapezio
  6. Muscolo seno-clavicolare-mastoideo
  7. Muscolo, raddrizzando la colonna vertebrale
  8. Muscolo del collo
  9. Il lungo muscolo della testa

Movimento attorno all'asse verticale - torsione

  1. Scala anteriore
  2. Scala media
  3. Scala posteriore
  4. Muscolo seno-clavicolare-mastoideo
  5. La parte superiore del muscolo trapezio
  6. Muscolo del collo
  7. Scapola per sollevamento muscolare

Movimenti circolari nella regione cervicale (circoncisione):

Con la partecipazione alternata di tutti i gruppi muscolari che producono flessione, inclinazione del rhone e estensione della colonna vertebrale nella regione cervicale.

Sezione lombare: movimenti attorno all'asse frontale

flessione

  1. Muscolo Ilio-lombare
  2. Muscolo lombare quadrato
  3. Muscolo addominale dritto
  4. Muscolo addominale obliquo esterno

Estensione (parti toraciche e lombari)

  1. Muscolo, raddrizzando la colonna vertebrale
  2. Muscolo trasversale
  3. Muscoli interstiziali
  4. Muscoli trasversali
  5. Muscoli che sollevano le costole
  6. Muscolo trapezio
  7. Il muscolo posteriore più largo
  8. Grande muscolo a forma di diamante
  9. Piccolo muscolo romboidale
  10. Muscolo del dente posteriore superiore
  11. Muscolo del dente posteriore inferiore

Movimento laterale (flessione laterale) attorno all'asse sagittale (colonna toracica e lombare)

  1. Muscoli trasversali
  2. Muscoli che sollevano le costole
  3. Muscolo addominale obliquo esterno
  4. Muscolo addominale obliquo interno
  5. Muscolo addominale trasversale
  6. Muscolo addominale dritto
  7. Muscolo lombare quadrato
  8. Muscolo trapezio
  9. Il muscolo posteriore più largo
  10. Grande muscolo a forma di diamante
  11. Muscolo del dente posteriore superiore
  12. Muscolo del dente posteriore inferiore
  13. Muscolo, raddrizzando la colonna vertebrale
  14. Muscolo dalla tenda trasversale

Movimento attorno all'asse verticale - torsione

  1. Il muscolo lombare ileale
  2. Muscoli che sollevano le costole
  3. Muscolo lombare quadrato
  4. Muscolo addominale obliquo esterno
  5. Muscolo addominale obliquo interno
  6. Muscolo intercostale esterno
  7. Muscolo intercostale interno
  8. Muscolo trapezio
  9. Grande muscolo a forma di diamante
  10. Il muscolo posteriore più largo
  11. Muscolo del dente posteriore superiore
  12. Muscolo del dente posteriore inferiore
  13. Muscolo, raddrizzando la colonna vertebrale
  14. Muscolo trasversale

Movimenti circolari rotazionali con assi misti (circoncisione): con contrazione alternata di tutti i muscoli del tronco che producono estensione, cavo al lato e flessione della colonna vertebrale.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.