^

Salute

A
A
A

Ipertensione

 
, Editor medico
Ultima recensione: 25.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'ipertensione è una malattia estremamente comune, che come definizione collettiva combina diversi tipi di ipertensione. L'ipertensione si sviluppa sullo sfondo del restringimento del lume delle pareti dei piccoli vasi e delle arterie, a seguito della quale il normale movimento del flusso sanguigno viene interrotto e il sangue che si accumula nei punti ristretti inizia a premere sulle pareti dei vasi.

Cos'è l'ipertensione?

Un'elevata pressione sanguigna può essere un sintomo, ma può anche essere una malattia indipendente. Se a una persona viene diagnosticata una patologia cronica dei reni, del sistema cardiovascolare, della tiroide, delle ghiandole surrenali, l'ipertensione è quasi inevitabile come una delle manifestazioni di queste malattie. Inoltre, l'aumento della pressione può essere una risposta adattiva e adattativa di organi e sistemi ai cambiamenti esterni - attività fisica eccessiva e fattori psico-emotivi interni, stress. Praticamente tutti i tipi di ipertensione con diagnosi tempestiva sono supervisionati sia con l'aiuto della terapia farmacologica, sia con l'aiuto di altri metodi non medicamentosi.

La pressione arteriosa normale in una persona relativamente sana viene fissata entro i limiti di 100/60 e 140/90 mm di mercurio, se i sistemi regolatori smettono di funzionare correttamente, l'ipertensione o l'ipotensione possono svilupparsi.

Le statistiche forniscono informazioni sul fatto che quasi il 30% della popolazione mondiale soffre di una o più fasi di ipertensione e, anche recentemente, non si sa quasi nulla di una tale malattia come l'ipertensione. Solo l'Homo sapiens è caratterizzato da violazioni nel lavoro del sistema cardiovascolare, nessun rappresentante del mondo animale ne è influenzato. Fino al XIX-XX-X secoli di ipertensione, in linea di principio, poco è stato conosciuto per essere uno dei primi casi di attacco di cuore è stato significativamente confermata dai medici solo negli anni '30 del secolo scorso in uno dei paesi europei, nello stesso periodo, non vi era clinicamente confermata caso Patologie cardiovascolari nei paesi africani e asiatici. Solo con lo sviluppo dell'urbanizzazione e la penetrazione della tecnologia moderna in questi paesi, le popolazioni asiatiche e africane divennero anche vulnerabili all'ipertensione, il cui picco si verificò negli anni '70 del XX secolo.

Dalla fine del secolo scorso, l'ipertensione è divisa in primaria e secondaria

  1. L'ipertensione primaria (essenziale) è un'unità nosologica separata, una malattia indipendente che non è provocata dal funzionamento alterato di organi e sistemi. Aumenta la pressione sanguigna non sono dovuti, ad esempio, malattie renali ipertensione, diagnosticata come primario (EG - ipertensione essenziale o GB - ipertensione) differiscono persistente segno clinico - crescente pressione, sia sistolica e diastoliticheskogo. Quasi il 90% di tutti i pazienti con ipertensione persistente ha ipertensione primaria. 
  2. ipertensione sintomatico, che è anche chiamato secondario - è l'ipertensione, provoca la malattia primaria, ad esempio, processi infiammatori nel sistema renale - glomerulonefrite, malattia renale policistica, disturbo o ipofisaria operare pancreas. Inoltre, l'ipertensione secondaria si sviluppa sullo sfondo di alterazioni patologiche nel sistema vascolare - l'aterosclerosi, può provocare ipertensione sintomatica e malattia nevrotica. Inoltre, l'ipertensione secondaria è abbastanza comune in gravidanza e con malattie ginecologiche - cisti e neoplasie

L'ipertensione è anche classificata in gradi, a seconda del livello di aumento della pressione sanguigna. 

  • Se la pressione arteriosa viene fissata entro i limiti di 140/90 e 159/99 mm di mercurio, l'ipertensione viene diagnosticata come una malattia di 1 ° grado. Allo stesso tempo, la pressione può tornare normale, ma periodicamente "salta" ai limiti specificati. 
  • Se la pressione arteriosa è fissata nell'intervallo da 160/100 a 179/109 mmHg, l'ipertensione è considerata una malattia di grado II. Non c'è quasi nessuna remissione, tuttavia, la pressione può essere gestita con i farmaci. 
  • La pressione arteriosa, che viene costantemente mantenuta entro i limiti di 180/110 e indicatori superiori, è considerata un sintomo clinico dell'ipertensione allo stadio III. In questa fase la pressione sanguigna non scende praticamente al livello normale e, se diminuisce, è accompagnata da debolezza cardiaca fino allo scompenso cardiaco.

L'ipertensione, oltre ad avere stadi di sviluppo della malattia, è divisa in forme cliniche separate. L'ipertensione iperadrenergica è in realtà la fase iniziale dello sviluppo della malattia, che tuttavia può durare per molti anni. Questa forma di ipertensione si manifesta con tachicardia sinusale, pressione arteriosa instabile, quando l'indice sistolico aumenta, aumento della sudorazione, arrossamento della pelle, dolore palpitante alla testa, ansia. Il viso e le membra spesso si gonfiano, le dita diventano insensibili, la minzione è disturbata. C'è anche una forma più seria - l'ipertensione maligna, che sta progredendo rapidamente. La pressione sanguigna può aumentare così tanto che c'è il rischio di encefalopatia, perdita della vista, edema polmonare e c'è anche il rischio di insufficienza renale. Fortunatamente, questa forma non si trova praticamente oggi, dal momento che l'ipertensione è più spesso diagnosticata molto prima e il suo sviluppo può essere fermato con l'aiuto di complesse misure terapeutiche.

Indicatori di pressione

La pressione arteriosa è uno degli indicatori più importanti dello stato di salute di una persona e un indicatore del normale funzionamento del sistema cardiovascolare. La pressione ha due parametri: sistolico e diastolico. La figura superiore è sistolica, questo è l'indice della pressione arteriosa durante la contrazione del muscolo cardiaco, quando il sangue entra nelle arterie. La figura inferiore è l'indice della pressione sanguigna durante il rilassamento del muscolo cardiaco. Si ritiene che l'ipertensione inizi quando gli indicatori superano la norma di 140/90 mm Hg. Questo, ovviamente, è un limite condizionale, poiché ci sono condizioni in cui esiste il rischio di sviluppare infarto miocardico anche a figure di 115/75 mm Hg. Tuttavia, la formalizzazione e la riduzione al livello medio dell'intera varietà della condizione della pressione sanguigna aiutano i medici a notare le deviazioni nel tempo e ad iniziare un trattamento sintomatico e standard.

Che cosa causa l'ipertensione?

L'ipertensione è considerata una malattia multi-etica, multifattoriale, le cui cause reali non sono completamente comprese. Fattori più specifici che innescano l'ipertensione secondaria, poiché la causa è la malattia di base. La diagnosi finale dell'ipertensione essenziale viene effettuata dopo un esame completo escludendo la presenza di malattie provocatorie. L'ipertensione primaria, espressa in termini medici, è uno squilibrio genetico dei meccanismi regolatori nel corpo (squilibrio dei sistemi pressori e depressori della pressione arteriosa).

Tra le ragioni che i medici hanno descritto e studiato attentamente, possiamo elencare quanto segue:

  • La patologia dei reni è nefrite e più spesso glomerulonefrite. Il fattore che provoca l'ipertensione secondaria.
  • Stenosi (costrizione) delle arterie renali.
  • Patologia congenita, in cui l'arteria renale è invalicabile (coartazione).
  • Neoplasie delle ghiandole surrenali - feocromocitosi (interruzione della produzione di norepinefrina e adrenalina).
  • Aumento della produzione di aldosterone - iperaldosteronismo, che si verifica quando il processo tumorale nelle ghiandole surrenali.
  • Disfunzione della ghiandola tiroidea.
  • L'alcolismo.
  • Sovradosaggio o uso costante di farmaci, in particolare ormoni, antidepressivi.
  • Addiction.

Fattori che sono considerati provocatori nel senso di una violazione del normale livello di pressione possono essere suddivisi in nutrizionale, età e patologia:

  • Età oltre 55 anni per gli uomini e 65 anni per le donne.
  • Un aumento del livello di colesterolo nel sangue (superiore a 6, 6 mmoli).
  • Predisposizione ereditaria, storia di famiglia.
  • Obesità, soprattutto addominale, quando la vita è più di 100-15 cm negli uomini e 88-95 nelle donne.
  • Diabete, un cambiamento nel normale livello di tolleranza al glucosio.
  • Ipodinamia, osteocondrosi.
  • Stress cronico, aumento dell'ansia.

Il meccanismo di sviluppo dell'ipertensione in breve è il seguente:

Con l'artrite spasmodica - le arterie degli organi, più spesso i reni, sotto l'influenza, ad esempio, del fattore di stress, c'è un disturbo nell'alimentazione del tessuto renale, l'ischemia si sviluppa. I reni cercano di compensare la menomazione sviluppando la renina, che a sua volta provoca un'attivazione di angiotensina, restringendo i vasi sanguigni. Di conseguenza, la pressione aumenta e l'ipertensione si sviluppa.

Sintomi di ipertensione

Il sintomo principale dell'ipertensione, e talvolta quello principale, è un eccesso persistente di indici di 140/90 mm di mercurio. Altri segni di ipertensione sono direttamente correlati ai parametri della pressione sanguigna. Se la pressione aumenta leggermente, una persona avverte semplicemente un disturbo, una debolezza, un dolore alla testa.

Se la pressione supera la norma di 10 unità, il mal di testa diventa intenso, costante, molto spesso localizzato nell'occipite e nelle tempie. Una persona è malata di nausea, a volte c'è vomito. Il viso diventa rosso, il sudore sale, il tremore delle dita è evidente, spesso il loro torpore.

Se l'ipertensione dura a lungo, allora i processi patologici nell'attività cardiaca si sviluppano, il cuore inizia a dolere. Il dolore può essere penetrante, acuto, può irradiarsi nella mano, ma il più delle volte il dolore cardiaco è localizzato a sinistra nel petto, senza diffondersi ulteriormente. Sullo sfondo della costante pressione alta, si sviluppano ansia e insonnia.

L'ipertensione è anche caratterizzata da vertigini e diminuzione della vista.

Segni oftalmici - sindone o macchie, "vola" davanti agli occhi. Spesso, la pressione del codice aumenta bruscamente, potrebbe esserci un sanguinamento dal naso.

Un altro sintomo di ipertensione è vertigini. La visione peggiora.

La fase terminale, quando l'ipertensione passa al terzo grado, la nevrosi o la depressione si uniranno alla sintomatologia tipica. Spesso, l'ipertensione in questa forma si verifica in una "unione" patologica con malattia coronarica.

La manifestazione più pericolosa di ipertensione è una crisi - uno stato con un forte aumento, un salto di pressione sanguigna. Lo stato criptico è irto di ictus o infarto e si manifesta con tali sintomi:

  • Un mal di testa improvviso, improvviso o in rapida crescita. 
  • Parametri di pressione sanguigna fino a 260/120 mm di mercurio. 
  • Pressione nel cuore, dolore dolorante. 
  • Grave mancanza di respiro. 
  • Vomito, a cominciare dalla nausea. 
  • Impulso aumentato, tachicardia. 
  • Perdita di coscienza, crampi, paralisi.

L'ipertensione in uno stadio di crisi è una condizione minacciosa, che può provocare un ictus, un attacco di cuore, quindi, al minimo, segnali allarmanti, si dovrebbe richiedere cure mediche di emergenza. La crisi ipertensiva viene interrotta con l'aiuto di diuretici, farmaci cardiaci e ipertesi iniettati. Un ipertonico che conosce il suo problema deve costantemente assumere farmaci prescritti per prevenire uno stato di crisi.

Cosa ti infastidisce?

Chi contattare?

Trattamento dell'ipertensione

L'ipertensione nella fase iniziale, quando gli indicatori della pressione arteriosa non superano spesso la norma, può essere trattata con mezzi non medicamentosi. Il primo metodo consiste nel controllare il peso corporeo e osservare una dieta povera di carboidrati e magri. La dieta dell'ipertensione comporta anche la limitazione dell'assunzione di cibi salati, il controllo dell'uso del liquido - non più di 1,5 litri al giorno. Efficace anche la psicoterapia, l'allenamento autogeno, che rimuove il livello di ansia e tensione generale. Questi metodi sono efficaci per il primo stadio dell'ipertensione, sebbene possano essere utilizzati come elementi ausiliari e aggiuntivi per la terapia principale dello stadio II e III dell'ipertensione.

I mezzi farmacologici, che comportano il trattamento dell'ipertensione, sono prescritti secondo il principio "stepwise". Sono usati in modo coerente, dirigendo verso vari organi e sistemi, fino a quando la pressione sanguigna è completamente stabilizzata.

L'ipertensione nel primo stadio prevede l'uso di diuretici (diuretici), beta-adrenobloccanti, bloccanti dei recettori adrenergici per la gestione della tachicardia. La dose di anaprilin è calcolata sulla base di anamnesi, peso e condizione del paziente, di regola, è di 80 milligrammi al giorno. Se la pressione arteriosa viene normalizzata dopo due o tre giorni, la dose di anaprilina viene ridotta e la somministrazione viene somministrata a giorni alterni. Come diuretico, l'ipotiazide è efficace, che viene prescritto 25 mg una volta, alternandosi dopo uno o due giorni, per non indebolire il muscolo cardiaco. Se l'ipertensione inizia a recedere, un diuretico può essere somministrato una volta alla settimana. Non è raro che diuretici e beta-bloccanti vengano usati in relazione a possibili effetti collaterali (diabete, gotta o asma), in tali situazioni, è indicata la ricezione di antispastici. Durante l'intero corso del trattamento, è necessario monitorare il livello di pressione sanguigna tre volte al giorno.

L'ipertensione di stadio II è supervisionata da una terapia complessa, comprendente sia beta-bloccanti che diuretici, e antispastici, ACE-inibitori (inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina) e preparati di potassio. Dei b-bloccanti, atenololo, lokren, vetchina sono efficaci, che sono in grado di controllare la frequenza cardiaca rapida, ridurre la resistenza vascolare alla periferia. Inoltre, questi farmaci sono efficaci nella bradicardia diagnosticata, quando la frequenza cardiaca è ridotta. Gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina possono neutralizzare l'aumento della produzione di renina, che aumenta la pressione sanguigna. Questi sono spirapril, etanololo, methiopril, cappuccio e altre droghe di questo gruppo. Questi fondi attivano il ventricolo sinistro del cuore, riducendo l'ipertrofia, dilatando i vasi coronarici, contribuendo così alla normalizzazione del flusso sanguigno periferico. Gli antagonisti del calcio sono progettati per bloccare i canali del calcio nelle pareti vascolari, aumentando il loro lume. Questo è Corinfar, Amlodipina, Felodipina e altre sostanze in questa categoria di farmaci. Gli antagonisti del calcio dovrebbero essere prescritti solo da un terapeuta o da un cardiologo, poiché tutti questi farmaci possono provocare gonfiore, vertigini e dolore verbale. Il complesso di farmaci viene selezionato tenendo conto di tutti i possibili rischi e controindicazioni. Va anche notato che l'uso a lungo termine di diuretici può causare una diminuzione del livello di potassio nel corpo (ipokaliemia), quindi i diuretici dovrebbero essere assunti con panangin o asparcum. I diabetici, l'ipotirozide non è prescritto, è sostituito con veroshpiron.

Stadio di ipertensione III - una forma grave della malattia, che è caratterizzata da resistenza ai farmaci tradizionali. Pertanto, il trattamento deve essere attentamente selezionato tenendo conto di tutte le caratteristiche individuali del paziente. L'intervallo terapeutico includeva diuretici, potassio risparmiatori più spesso, ad esempio amiloride spironolattone, inoltre, mostra l'uso di vasodilatatori periferici industria farmaceutica oggi produce molti farmaci efficaci combinati come Adelphanum, Brinerdin, trirezit. Questi farmaci agiscono su quei pazienti i cui corpi sono utilizzati per entrambe le monoterapie fermato e reagire ad esso, o ha controindicazioni significative all'uso di trattamento standard utilizzato per l'ipertensione I e fase II.

La gravità dell'ipertensione III è anche controllata da vasodilatatori, come la fenigidina o il corinfar, che viene prescritto tre volte al giorno per 10 milligrammi. Sempre più vasodilatatori cominciarono a essere sostituiti da bloccanti alfa-adrenergici - pratziolo, fentalomina. Inoltre, un agente combinato che combina le proprietà di alfa e beta-bloccanti - trandate (labetalolo cloridrato) può anche essere efficace. Questo farmaco in combinazione con un diuretico è in grado di sostituire tre o anche altri quattro farmaci meno efficaci. Dall'ACEI è indicato il captopril, che migliora la circolazione periferica e controlla il livello di renina. Il captopril viene assunto 3-4 volte al giorno, combinato con un diuretico, che consente di ridurre la pressione arteriosa alla norma dopo una settimana.

Ipertensione I e II grado è trattato a casa e non richiede il ricovero in ospedale. In rari casi, è possibile un trattamento ospedaliero per condurre indagini analitiche e monitorare lo stato di salute. L'ipertensione, che si manifesta in forme gravi, viene curata solo in ospedale, nel reparto di cardiologia, la durata del soggiorno dipende dalle condizioni della pressione arteriosa e dalle prestazioni degli organi e dei sistemi del corpo.

Come viene prevenuta l'ipertensione?

L'ipertensione, se è già sviluppata, sfortunatamente rimane con la persona per sempre. La prevenzione in questo senso si riferisce solo alla prevenzione delle situazioni di crisi attraverso l'assunzione regolare di farmaci prescritti, il monitoraggio quotidiano della pressione arteriosa, l'attività fisica e la perdita di peso.

Tuttavia, se in una storia familiare una persona ha parenti ipertesi, ma la malattia non si è ancora manifestata, possono essere prese misure precauzionali. Le regole sono abbastanza semplici: mantenere uno stile di vita sano e un'attività motoria, perché uno dei motivi che provocano l'ipertensione è l'ipodynamia. L'ipertensione è anche prevenuta da una dieta normale, in cui il colesterolo e gli alimenti salati sono ridotti al minimo.

L'ipertensione è anche una cattiva abitudine, quindi se una persona non vuole unirsi ai ranghi dei pazienti ipertesi, dovrebbe smettere di fumare e limitare l'uso di bevande alcoliche. Inoltre, umore e umore positivi aiutano a far fronte a qualsiasi malattia e i pessimisti piacciono all'ipertensione. La ricetta è semplice: goditi la vita, stai calmo e prenditi cura dei tuoi nervi, quindi il tuo cuore e i tuoi vasi sanguigni funzioneranno "come un orologio" e la pressione sarà, secondo un noto detto "come un astronauta".

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.