^

Salute

Klebsiella nelle feci di un adulto e di un bambino

, Editor medico
Ultima recensione: 18.05.2024
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Klebsiella è un tipo di Enterobacteriaceae, che è un microrganismo opportunista. Sono bacilli Gram-negativi a forma di capsula, disposti uno alla volta, a coppie o in catenelle. Sono considerati molto pericolosi perché resistenti agli antibiotici esistenti. Si trovano sulla pelle, sulle vie respiratorie, nell'acqua, nel suolo, nella frutta e nella verdura e nelle feci. Il guscio li aiuta a sopravvivere in qualsiasi ambiente nutriente, possono esistere senza aria e solo l'ebollizione può distruggerli.

La norma della Klebsiella nell'analisi delle feci

La Klebsiella viene rilevata nell'esame delle feci per la disbatteriosi. La sua presenza non è un segno di patologia se non supera la norma: 105 cellule per grammo.

Affinché il batterio possa attivarsi, devono essere presenti fattori invalidanti: immunità indebolita, uso prolungato di antibiotici, mancata osservanza delle norme igieniche (mani non lavate, cibo), diabete mellito, alcolismo e tossicodipendenza.[1]

Polmonite da Klebsiella nelle feci

Esistono 7 varietà di Klebsiella , una delle quali è la Klebsiella pneumoniae. È stato originariamente scoperto come l'agente eziologico della polmonite, da qui il suo nome. Successivamente si è scoperto che la sua riproduzione porta al rilascio di tossine, la cui sconfitta diventa causa di altre malattie, tra cui cistite urogenitale, ascessi della milza, fegato, pleurite e una serie di altre malattie. Il bacillo si trova nelle feci.[2]

Klebsiella oxytoca nelle feci.

Un altro tipo di batterio rilevato nelle feci è Klebsiella oxytoca. Provoca disturbi dell'apparato digerente, polmonite, klebsiellosi.[3]

Klebsiella nelle feci degli adulti

La Klebsiella si trasmette per contatto fecale-orale e domestico. L'organismo adulto indebolito, ignorando la regola delle mani pulite e del trattamento termico sufficiente dei prodotti, viene attaccato da batteri opportunisti, causando sintomi acuti. L'analisi delle feci rivela un aumento esponenziale dei bacilli.

Se una persona in una famiglia si ammala, c’è un’alta probabilità che anche gli altri si infettino.

Klebsiella nelle feci di un bambino.

I bambini sono particolarmente suscettibili alla malattia, poiché spesso sono a contatto con gli animali e non si rendono conto dell'importanza dell'igiene. La Klebsiella può coesistere pacificamente al loro interno fino al momento giusto, ma solo arriva il momento giusto per la loro attivazione e la malattia si manifesterà.

I casi di infezione da Klebsiella nei neonati sono comuni. L'immunità nei neonati è debole, non completamente formata, le mucose degli organi interni sono sterili, quindi sono altamente suscettibili agli effetti dannosi delle tossine bacilli. Di solito nelle loro feci si trovano sostanze ossitociche.

L'infezione può essere contratta dagli adulti tramite goccioline trasportate dall'aria e i portatori stessi non soffrono, le loro difese possono far fronte al batterio. Altri modi per contrarre la patologia - ciucci sporchi, ciucci, giocattoli e anche l'alimentazione - prodotti a base di latte fermentato, la carne può contenerla.

Sintomi

I sintomi dell'infezione da Klebsiella dipendono dalla localizzazione della lesione. Se il tratto gastrointestinale è interessato, appariranno i sintomi di avvelenamento acuto:

  • dolore addominale;
  • nausea e vomito,
  • temperatura corporea elevata;
  • diarrea;
  • dolori muscolari;
  • mancanza di appetito.

La polmonite causata da Klebsiella provoca un brusco aumento della temperatura superiore a 39º C, una forte tosse, a volte con frammenti di sangue nell'espettorato. È anche possibile sviluppare rinite, sinusite mascellare, congiuntivite con manifestazioni caratteristiche di queste malattie: naso che cola, lacrimazione, acutezza e dolore agli occhi, congestione nasale.

Non di rado colpisce il sistema genito-urinario: cistite diagnosticata, pielonefrite, accompagnata da frequenti bisogni in bagno, minzione dolorosa, torbidità delle urine, dolore al basso ventre, spesso alla schiena, febbre.

Nelle donne e nelle ragazze, la Klebsiella può causare vaginite, caratterizzata da abbondanti perdite vaginali di colore bianco o grigio con un odore sgradevole, prurito.

Il coinvolgimento del sistema osseo nel processo patologico, compresa la provocazione dell'infiammazione articolare, non fa eccezione.

Trattamento

Nelle lesioni con Klebsiella vengono prescritti antibiotici sensibili all'agente patogeno. Può essere gentamicina, amikacina, cefalosporine: cefotaxime, cefuroxime. Distruggi il bacillo e con l'aiuto di mezzi virali - batteriofagi: klebsiella pneumoniae, ossicita, polivalente.

In parallelo usano enzimi: pancreatina, linex, festal; soluzioni per la reidratazione. Nei casi più gravi, gli immunostimolanti sono appropriati. Il corso del trattamento può durare da una settimana a tre. Per la riabilitazione utilizzare probiotici, preparati vitaminici, raccolte di erbe.

Un trattamento adeguato e tempestivo offre una prognosi favorevole per il recupero, ma la progressione della moltiplicazione dei bacilli provoca conseguenze pericolose, fino alla morte.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.