Megalomania

Ultima revisione di: , esperto medico, su 25.06.2018

Nella psichiatria clinica, la megalomania è definita come una forma di uno stato psicopatologico o una delle varietà di una sindrome affettiva in cui una persona ha una falsa credenza di possedere qualità eccezionali, è onnipotente e famosa. Spesso posseduto da manie di grandezza - con totale assenza di motivi oggettivi - sopravvaluta l'importanza e l'importanza della sua personalità, che considera un genio non riconosciuto.

Inoltre, ci possono essere illusioni di avere rapporti stretti con personaggi famosi o fantasie sul ricevere dalle alte potenze un messaggio speciale e una missione speciale, il cui valore non si comprende ...

Epidemiologia

Secondo studi internazionali, la megalomania per tossicodipendenza e abuso di sostanze si verifica nel 30% dei casi, in pazienti con depressione - nel 21% dei casi.

Nel disturbo bipolare della psiche, questa patologia si sviluppa in pazienti di età inferiore ai 20 anni nel 75% dei casi, ugualmente in uomini e donne, e in individui di 30 anni e più anziani (all'inizio) - nel 40%.

Inoltre, è molto più probabile che la megalomania si sviluppi in persone con un livello di istruzione superiore, più emotivo e incline all'affettività.

Le cause megalomania

Gli psichiatri ammettono che è difficile determinare le cause specifiche della megalomania. Alcuni considerano questo disturbo mentale come una manifestazione estrema della sindrome del narcisismo; altri lo associano a disturbi affettivi bipolari (nello stadio di aumentata eccitabilità) e sostengono che la maggior parte della megalomania è un sintomo del tipo paranoide di schizofrenia.

Ovviamente, questo è vicino alla verità, dal momento che quasi la metà (49%) delle persone che soffrono di questa forma di schizofrenia sono ossessionate dalla megalomania. Inoltre, nota comorbidità (cioè, una combinazione di malattie correlati patogenesi) sindrome narcisismo e disturbo bipolare: circa il 5% dei pazienti con disturbo bipolare ha un disturbo di personalità narcisistico. Allo stesso tempo, entrambe le malattie si potenziano a vicenda e quindi si possono diagnosticare deliri di grandezza (59%).

Tra le principali ragioni della megalomania si distinguono anche:

  • Sconfitte o anomalie anatomiche del cervello, in particolare, il suo lobo frontale, amigdala del lobo temporale o corteccia del lobo parietale.
  • Aumento genetico della concentrazione di neurotrasmettitori o cambiamenti nella densità dei recettori dopaminergici nel cervello. Cioè, la patogenesi dei disturbi mentali a causa del fatto che in alcune aree del cervello c'è un surplus dei neurotrasmettitori dopamina, mentre il deficit dei suoi recettori, e questo porta a superactivation o inappropriata attivazione di un particolare emisfero (come gli studi hanno dimostrato, il più delle volte, è l'emisfero sinistro). Tra le ragioni della megalomania del 70-80% sono proprio i fattori genetici.
  • Malattie neurodegenerative (morbo di Alzheimer, malattia di Huntington, morbo di Parkinson, malattia di Wilson), anche se la percentuale di pazienti che possono sviluppare disturbi mentali come megalomania secondaria in queste diagnosi è relativamente piccola.
  • La tossicodipendenza, poiché le sostanze narcotiche causano psicosi indotte da farmaci (molto spesso con delusioni di superiorità e onnipotenza).
  • L'uso di certe droghe. In particolare, questo si applica all'uso della levodopa (L-dopa) per i disturbi cognitivi nella malattia di Parkinson, il ritiro di questo farmaco altera la funzione monoaminergica dei mediatori della dopamina.

Fattori di rischio

Chiama tali fattori di rischio psicologico ed emotivo per l'emergere di questo stato patologico della psiche, come ad esempio:

  • disturbi depressivi gravi (in cui la megalomania diventa un meccanismo protettivo della psiche);
  • un focus sul raggiungimento del più alto sviluppo educativo e status socio-economico;
  • vita a lungo termine da solo, mancanza di relazioni familiari.

Inoltre, mania fattori di rischio secondari grandeur, psichiatri collegamento estero con una carenza di vitamina B12, sindrome carcinoide tireotossicosi e la presenza di neuroendocrino (catecolamine-produzione) del tumore.

Sintomi megalomania

Alcuni sintomi della megalomania sono stati identificati all'inizio della pubblicazione. Resta da aggiungere che - oltre ad essere convinto delle sue straordinarie capacità e conoscenze profonde - una persona crede nella propria invulnerabilità e crede di non aver bisogno di altre persone.

I primi segni possono manifestarsi sotto forma di un costante desiderio di essere al centro dell'attenzione universale, del bisogno di ammirazione e anche di riconoscere e affermare la propria superiorità sugli altri. Cioè, la capacità di autostima oggettiva scompare e l'egocentrismo emotivo inizia a svilupparsi.

Nella maggior parte dei casi, coloro che sono posseduti con la megalomania sono patologicamente presuntuosi e si comportano in modo pretenzioso ed espansivo. Il loro umore molto spesso e senza cambiamenti di causa, l'energia è sostituita da irritabilità e scoppi di rabbia. C'è una diminuzione del bisogno di dormire e riposare, una violazione dell'appetito (eccesso di cibo o rifiuto del cibo), così come tahipsihiya - saltare da un pensiero all'altro, accelerando il ritmo del discorso.

I conflitti con gli altri sono percepiti dai pazienti come riluttanza degli altri a riconoscere le qualità uniche della propria personalità (esistenti solo nell'immaginazione del paziente). Alcuni pazienti credono di essere re, grandi generali o inventori, o discendenti diretti di stendardi. In confronto con la sindrome del narcisismo con la megalomania, i pazienti sono solitamente più attivi e aggressivi.

Fasi

Mentre i sintomi della megalomania progrediscono, si distinguono tre stadi dello stato psicopatologico dato:

  • iniziale (sopra, i suoi primi segni erano elencati);
  • Stadio progressivo (accompagnato da allucinazioni uditive e confabulazione);
  • lo stadio di estrema severità - paranoici deliri di grandezza o psicosi con una fantastica allucinosi, attacchi di aggressività, una diminuzione delle capacità mentali.

Complicazioni e conseguenze

Conseguenze e complicazioni sono associate a una violazione del comportamento umano e al suo funzionamento nella società. Tuttavia, secondo la maggior parte degli psichiatri, i pazienti con megalomania hanno un rischio più basso di pensieri e tentativi suicidari.

Diagnostica megalomania

La diagnosi principale della megalomania implica l'identificazione di questa patologia con l'aiuto di uno speciale test Yang, che è stato sviluppato da un gruppo di psichiatri stranieri.

La cosiddetta Young Mania Assessment Scale (YMRS) comprende undici domande con cinque risposte. Le domande riguardano: livello dell'umore, attività motoria e livello di energia; interessi sessuali; durata e qualità del sonno; il grado di irritabilità; valutazione del discorso, disturbi del pensiero e il contenuto delle conversazioni del paziente; comportamento esplosivo o aggressivo; caratteristiche dell'aspetto (pulizia o colpa in abiti, ecc), così come il grado di consapevolezza della presenza di una malattia o la negazione totale di eventuali cambiamenti nel comportamento (nella maggior parte dei casi, questi stati egosintonnostyu differiscono, cioè, il paziente percepisce il loro comportamento in termini dei propri standard ).

Psichiatra a confronto i risultati del test (ed è, come illustrato, ha un tasso piuttosto elevato di falsi valori), i sintomi lamentati dal paziente o (più spesso) la sua famiglia, così come con i segni clinici sono evidenti e sono stati identificati come medico nel corso della conversazione con il paziente.

Diagnosi differenziale

In psichiatria, la diagnosi differenziale è molto importante, perché sia la schizofrenia che i disturbi afferenti bipolari sono un disturbo mentale con perdita di contatto con la realtà e comportamento psicotico. Ed è necessario definire chiaramente i tratti disadattivi della personalità per evitare una diagnosi errata e per trovare approcci specifici necessari per il trattamento.

Trattamento megalomania

Il trattamento della megalomania viene effettuato per migliorare le condizioni del paziente, dal momento che è impossibile curare questa patologia mentale.

I singoli pazienti possono essere aiutati da sedute individuali di terapia cognitivo-comportamentale, che mira a correggere il pensiero irrazionale e il comportamento inadeguato. La terapia interpersonale o interpersonale aiuta anche gli altri, finalizzata allo sviluppo di algoritmi per risolvere situazioni di conflitto in cui il paziente entra.

Quando i ritmi circadiani sono disturbati associati al disturbo bipolare, viene utilizzata la terapia del ritmo sociale - una forma di terapia comportamentale.

Per i pazienti che soffrono di una grave forma di megalomania, sono necessari farmaci psicotropi indotti da farmaci - antipsicotici e antipsicotici che stabilizzano lo stato mentale.

Anche nel trattamento di questa patologia, l'aderenza del paziente a tutte le prescrizioni mediche (compliance-therapy) è di grande importanza.

La prognosi dipende dalla gravità della malattia e dall'intensità della sua manifestazione. In ogni caso, la megalomania è un segno di un'attività mentale anormale e inadeguata di una persona.


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.