^

Salute

A
A
A

Neurite trigeminale

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La vera neurite, secondo gli studi, è in realtà un fenomeno raro, anche le lesioni post-infettive sono più neuroallergiche. Un nome più corretto e moderno per la patologia è il termine "neuropatia", che viene sempre più utilizzato al giorno d'oggi, poiché il meccanismo di sviluppo della malattia e la presenza del processo infiammatorio di solito non sono stabiliti con precisione. Tuttavia, il verdetto finale riguardante i termini "neurite - neuropatia" non è stato emesso, quindi il nome "neurite trigeminale" è ancora in uso come diagnosi della sua sconfitta.

Un po 'di anatomia: il nervo trigemino (trigemino) è anche chiamato misto, poiché ha fibre nervose sensibili e motorie. I suoi tre rami principali (oftalmici, mascellari e mandibolari) emergono dal nodo trigemino situato nella regione temporale e sono diretti, dividendosi in rami sempre più piccoli, verso i recettori sensibili della pelle, delle mucose, dei muscoli e di altre strutture anatomiche del terzo superiore anteriore della testa e del viso. Il nervo oculare e mascellare contiene solo fibre sensibili, il mandibolare - anche motorio, che fornisce il movimento dei muscoli masticatori con lo stesso nome. La neurite trigeminale è un'infiammazione di uno o più processi periferici dei suoi rami, cioè esterni, situati al di fuori del cervello, manifestati da dolori lancinanti che interrompono il ritmo della vita e, talvolta, da disabilità, innervazione autonoma compromessa con perdita di sensibilità dell'area interessata, paresi, cambiamenti strutturali in fibre nervose.

Epidemiologia

Le statistiche sulla morbilità classificano il danno del nervo trigemino come una patologia abbastanza comune - per 100 mila persone da 40 a 50 persone soffrono di nevralgia del trigemino, tra cui due donne sono per ogni uomo. Tra nevralgia, domina. Ogni anno, da due a cinque persone su ogni diecimila abitanti del pianeta si lamentano per la prima volta del dolore lungo il nervo trigemino.

La patologia secondaria rappresenta circa 4/5 di tutti i casi, il principale contingente di pazienti è rappresentato dai pazienti di età superiore ai 50 anni. [1]

Le cause neurite trigeminale

Il termine "neurite" indica che c'è un'infiammazione delle fibre nervose, hanno già cambiamenti anatomici nello strato di mielina, tessuto connettivo (interstizio), cilindri assiali (processi delle cellule nervose). Nello sviluppo del processo infiammatorio, di solito il ruolo principale è svolto da agenti infettivi: virus, batteri, funghi. Ognuno di noi ha malattie infettive acute e anche - quasi tutti hanno infezioni croniche latenti (carie, tonsillite, sinusite, herpes, ecc.). L'infiammazione del trigemino può verificarsi come processo secondario dopo una malattia acuta o esacerbazione di un'infezione cronica. Ma il più delle volte si verifica una ganglioneurite erpetica, la cui causa è (presumibilmente) un'irritazione dei neuroni del nodo di Gasser colpiti dal virus dell'herpes.

Tuttavia, molto più spesso il dolore lungo il nervo è causato da processi infiammatori e distruttivi non tanto nei tessuti delle fibre nervose quanto nelle strutture anatomiche situate accanto ad esso. La causa del dolore è quindi la compressione e l'irritazione delle fibre nervose da parte di vasi e tumori alterati adiacenti, lesioni e patologie congenite delle strutture craniche, che nel tempo portano alla comparsa di alterazioni degenerative-distrofiche nel nervo (neuropatia). [2]

La neurite traumatica del nervo trigemino periferico è abbastanza comune. I fattori di rischio per la loro insorgenza sono abbastanza comuni. Le lesioni immediate al nervo e ai tessuti circostanti possono essere ottenute non solo in caso di fratture accidentali delle ossa facciali del cranio, ma anche nello studio dentistico. La violazione dell'integrità delle fibre nervose può essere il risultato di complesse estrazioni dentarie, portando la massa di riempimento oltre la radice del dente durante il riempimento del canale, manipolazioni chirurgiche, anestesia, protesi.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per la compressione del nervo trigemino sono anomalie anatomiche relative a canali, buchi, vasi sanguigni lungo i suoi rami; cisti, neoplasie benigne e maligne; traumi; disturbi metabolici causati da disturbi digestivi, patologie endocrine e cardiovascolari; sclerosi multipla o aterosclerosi delle arterie cerebrali con formazione di una placca localizzata all'ingresso della radice del trigemino, emorragia nel bacino del tronco encefalico.

A volte attacchi di dolore specifico, il cosiddetto dolore tic, sono preceduti da grave ipotermia e un comune raffreddore.

La nevralgia prolungata può essere un sintomo di infiammazione del nervo. In casi avanzati, in presenza di violazioni della sua struttura e perdita di sensibilità, parlano dello stadio neuritico della nevralgia.

Se l'esame diagnostico non rileva alcuna malattia, la nevralgia del trigemino è considerata una malattia essenziale o primaria, indipendente. Se viene rilevata una patologia vascolare, un tumore, un disturbo metabolico, un processo infiammatorio o un trauma, una lesione nervosa viene trattata come secondaria (sintomatica).

La neurite dei rami periferici più piccoli dei nervi trigemino-lunari (alveolari) è più comune delle lesioni infiammatorie dei rami principali. Possono essere innescati da infezioni, ad esempio osteomielite e raffreddore, lesioni accidentali delle ossa della mascella e spesso sono il risultato di interventi dentali.

Il nervo inferiore del pozzo può essere danneggiato quando vengono rimossi i terzi molari inferiori, nel trattamento della pulpite dei molari premolari e della mascella inferiore (durante il riempimento del canale, una quantità eccessiva di materiale di riempimento può raggiungere la parte superiore del dente), a volte il nervo viene danneggiato quando si conduce l'anestesia di conduzione. Quello superiore è danneggiato a causa della sinusite cronica e gli interventi chirurgici ad essi correlati, infiammazione parodontale, pulpite, protesi, anestesia, blocco, estrazione dei denti (rami alveolari, canini innervanti e secondi premolari sono più spesso danneggiati), ecc. La violazione della sensibilità dei nervi tifoidi superiori è difficile da trattare, che richiede diversi mesi e talvolta non può essere affatto ripristinata.

L'estrazione complicata dei denti della mascella superiore può portare a neurite del processo palatino anteriore del nervo e inferiore alla neuropatia del nervo linguale o buccale.

Patogenesi

La patogenesi della neurite è multifattoriale. L'integrità delle strutture nervose è influenzata non solo dal fattore di danno meccanico diretto, ma anche dall'intossicazione, dai disordini metabolici e dalle trasformazioni vascolari. E se tutto è chiaro con lesioni traumatiche dei rami del nervo trigemino, allora altre teorie sono ancora ipotetiche in natura. Esistono diverse ipotesi sulla sua natura, costruite sulla base di dati clinici, ma non confermate in modo affidabile. Una delle versioni più comuni è l'ipotesi che la sconfitta di uno dei rami di un nervo in una certa area porti a danni locali alle guaine mieliniche. Le fibre nervose vengono "esposte", generando onde di eccitazione ectopiche (impulsi) in un determinato luogo che provocano attacchi di dolore (teoria periferica). Una situazione a lungo esistente porta a danni più profondi, alla formazione di un focus sul dolore e alla ridotta sensibilità.

Un'altra ipotesi, basata sul fatto che il farmaco di scelta per il trattamento della nevralgia è la carbamazepina anticonvulsivante, considera l'origine centrale del dolore e della nevralgia stessa come una malattia simile all'epilessia parziale.

Sintomi neurite trigeminale

Le manifestazioni di neurite trigeminale - il dolore, di varia intensità, spesso non sono acute come con la nevralgia pura, ma doloranti. Possono essere parossistici e persistenti. C'è necessariamente un indebolimento o una perdita di sensibilità nelle aree interessate e, con danni alle fibre motorie del terzo ramo, ci sono anche disturbi motori.

Il dolore con la neurite trigeminale si fa sentire nella stragrande maggioranza dei casi da un lato, la lesione del lato destro è 2,5 volte più probabile, sebbene il nervo sia accoppiato, si trova simmetricamente a sinistra e a destra. Il dolore bilaterale non è tipico, ma è impossibile escludere un caso del genere. A volte i pazienti lamentano che viene dato un impulso di dolore all'indice della mano sinistra. Fondamentalmente, un ramo del nervo trigemino è interessato - il dolore si avverte nella regione della sua innervazione autonoma, sia la sensibilità profonda che la sensibilità superficiale possono essere disturbate.

Al culmine di un attacco di dolore, alcuni pazienti notano una riduzione dei muscoli facciali del viso (tic) o dei muscoli masticatori (trisma).

La neurite del primo ramo del nervo trigemino, oftalmica, è molto meno comune rispetto agli altri due rami. Lascia il nodo temporale verso l'alto, si trova nello spessore della parete laterale del seno cavernoso (sopra le sopracciglia) e lascia l'orbita, precedentemente biforcata direttamente nel ramo oculare e tentativo, estendendosi al cervelletto. Nell'orbita, una parte del nervo è divisa in tre rami: frontale, lacrimale e nasociliare, che si ramifica ulteriormente. Il primo ramo del nervo trigemino innerva la pelle della fronte e circa 1/3 della superficie frontale della testa sotto il cuoio capelluto, le corrispondenti meningi, pelle e mucosa della palpebra superiore, bulbo oculare, ghiandole lacrimali, parte superiore del naso e la mucosa del "soffitto" del passaggio nasale, frontale ed etmoide seno. La sindrome del dolore si verifica lungo il ramo in qualsiasi luogo di innervazione in cui il nervo è interessato. A seconda della posizione della lesione, la parte superiore della testa fino alla corona della testa e del viso, della zona degli occhi, della schiena e della cavità nasale può ferire. Inoltre, potrebbero esserci lacrimazione, secrezione di muco dal naso, perdita dell'olfatto e intorpidimento. Il paziente può avere una chiusura riflessa compromessa delle palpebre: quando un martello colpisce il bordo interno dell'arco superciliare (riflesso orbicolare) e / o quando tocca la superficie della cornea (riflesso corneale). [3]

La neurite del secondo ramo del nervo trigemino, mascellare, è avvertita come dolore nella parte triangolare della guancia, che è sotto l'occhio. I vertici del triangolo condizionale della localizzazione del dolore si trovano nell'area del tempio, nella parte superiore dell'ala del naso, sotto il centro del labbro superiore. I rami di questo nervo sono numerosi, il più grande - meningiale, infraorbitale e zigomatico, che a loro volta sono divisi in rami più piccoli, fornendo innervazione della dura madre nella fossa cranica media, angolo esterno dell'occhio, pelle e mucose della palpebra inferiore, naso, seno mascellare, guancia superiore nella regione sopra, labbro superiore, mascella e denti. L'uscita esterna del secondo ramo del nervo trigemino è il canale infraorbitale. Il ramo mascellare è interessato più spesso. Il dolore e l'ipostesia (parestesia) possono essere accompagnati da lacrimazione, secrezione nasale e salivazione.

La neurite del ramo inferiore del nervo trigemino si manifesta con dolore localizzato dalle tempie lungo la parte posteriore del viso, la parte inferiore della guancia e la parte anteriore - il mento. Il dolore può essere sentito nell'orecchio, nella lingua e nella mascella inferiore. Questo ramo lascia il cranio attraverso il foro del mento della mascella inferiore, esce dal quarto e quinto dente inferiore dal centro. Il ramo (terzo) inferiore comprende fibre nervose sensibili che innervano la superficie della pelle della parte posteriore del viso, la guancia inferiore e la parte anteriore del mento, le corrispondenti membrane mucose, le strutture della mascella inferiore (gengive, denti), due terzi della lingua dalla sua punta, quindi e motori muscolari, innervanti da masticare, la cui sconfitta provoca la sua paralisi parziale. Si manifesta con una tensione muscolare indebolita durante i movimenti masticatori, asimmetria della forma del viso, rilassamento su un lato della mascella inferiore, violazione del riflesso del mento - chiusura riflessa delle labbra con un martello sul mento. Con la paresi (paralisi) del muscolo temporale, la retrazione della fossa temporale è visivamente evidente. [4]

Oltre alle neuropatie dei tre rami principali del nervo trigemino, le lesioni dei suoi rami più piccoli che innervano i denti, l'infiammazione abbastanza comune delle fossette, inferiore e superiore sono di importanza clinica. Le principali manifestazioni cliniche delle loro lesioni sono il dolore e una diminuzione (completa assenza) di tutti i tipi di sensibilità nella gomma corrispondente, nella mucosa adiacente della guancia, nel labbro. L'eccitabilità elettrica della polpa dei denti nella zona interessata è marcatamente ridotta o completamente assente. Nella fase acuta si possono osservare paresi e trisma dei muscoli masticatori dal lato interessato.

Abbastanza raramente osservata neurite del nervo mento - il ramo terminale del foro inferiore del nervo. La zona di localizzazione della compromissione sensoriale copre il labbro inferiore e il mento.

Di importanza pratica è la neurite del nervo linguale. La compromissione sensoriale (diminuzione della sensibilità tattile e mancanza di dolore, bruciore, formicolio, dolore) è localizzata nell'area dei due terzi anteriori della corrispondente metà della lingua. Può essere isolato o combinato con la neuropatia del processo alveolare inferiore del nervo.

La neurite del nervo buccale procede senza dolore, si osserva solo ipo o anestesia nell'area del lato interno della guancia e l'angolo corrispondente della bocca. Praticamente non viene trovata alcuna lesione isolata, di norma viene influenzato anche il processo alveolare inferiore del nervo.

La neurite trigeminale erpetica si sviluppa con lesioni del nodo trigemino (gasser, trigemino) da parte del virus herpes simplex del primo tipo, così come Varicella zoster. Ganglioneurite - il danno alle cellule nervose del ganglio trigemino (nodo) si manifesta con dolore acuto e una caratteristica eruzione cutanea erpetica nella zona di innervazione più spesso di qualsiasi ramo del nervo trigemino, molto meno spesso - tutto in una volta. Questo è accompagnato da gonfiore del lato interessato del viso e dolore localizzato in tre punti dell'uscita del nervo trigemino.

Se il virus dell'herpes si è diffuso nei rami mascellari o mandibolari, durante un periodo di esacerbazione un'eruzione erpetica appare non solo sulla superficie della pelle del viso, ma anche all'interno, sulle mucose della corrispondente metà del palato duro e morbido, sulla cortina palatina, sulle gengive e sulle guance. La mucosa nasale può spesso essere priva di eruzioni cutanee, ma questo non è necessario. I rami che forniscono innervazione delle mucose possono essere influenzati in misura maggiore rispetto alla pelle. Quindi le eruzioni cutanee sono più abbondanti sulle superfici interne. Forse il contrario.

Si distingue la forma oculare della ganglioneurite trigeminale (4% di tutti i casi) - l'infezione si diffonde al primo ramo del nervo trigemino. Una manifestazione di questa direzione è la congiuntivite erpetica e la cheratite, di regola, con ulcerazione. Il sintomo di Hutchinson, quando si osservano vescicole erpetiche sulle ali o sulla punta del naso, indica lo sviluppo di complicanze: infiammazione della cornea, dell'iride, dell'episclera o del nervo ottico con la sua successiva atrofia.

Il dolore nell'area di innervazione di tutti i rami può anche indicare immediatamente un danno alle radici sensibili del nervo trigemino all'ingresso del tronco encefalico.

Forme

Non esiste una classificazione specifica della neurite trigeminale. Le lesioni periferiche si distinguono quando la sensibilità, profonda o superficiale, è disturbata lungo un ramo o rami più piccoli (neurite dei nervi alveolari). Si chiama anche tipico.

E totale (atipico), quando tutta la metà della testa e del collo fanno male. Raramente viene diagnosticata una patologia bilaterale.

La localizzazione e la natura del dolore in ciascun paziente ha caratteristiche individuali, poiché la posizione dei rami in persone diverse può variare. Inoltre, le zone di innervazione dei rami del nervo trigemino si sovrappongono.

Dall'origine della patologia si distingue una malattia indipendente: nevralgia essenziale (primaria, idiopatica), quando la causa del dolore non può essere determinata e sintomatica (secondaria).

Complicazioni e conseguenze

Lo stadio neuritico della nevralgia in sé è già una complicazione, poiché una perdita di sensibilità e paresi sono già state aggiunte agli attacchi del dolore, indicando un danno alle fibre nervose.

Inoltre, il paziente, a lungo sperimentando una sensazione di dolore, cercando di evitare un attacco, sviluppa il cosiddetto tipo di comportamento protettivo. Ad esempio, mastica il cibo, principalmente con la parte sana della sua bocca, evita di fare determinati movimenti, assumendo pose, per questo i muscoli della parte malata soffrono, i cambiamenti degenerativi si verificano nel tempo.

Sullo sfondo di tale comportamento, non appaiono solo cambiamenti fisici, ma anche patologie mentali: spesso si sviluppa una fobia. Il paziente, costantemente in attesa di un attacco, diventa ansioso e irritabile, spesso preferisce l'isolamento volontario, che porta al progresso di un disturbo mentale.

Le complicazioni sono possibili da vasi vicini (disturbi trofici), nervi facciali, ottici e uditivi. La malattia assume una forma cronica, è già problematico curarla completamente. La conseguenza di una richiesta tardiva di aiuto può essere una paralisi parziale dei muscoli facciali, ad esempio, abbassarsi sul lato interessato dell'angolo della bocca o della palpebra (ptosi), esaurimento delle espressioni facciali, discrepanza nei movimenti di vari gruppi muscolari del viso (atassia); riduzione della vista e / o dell'udito.

Con un decorso prolungato della neurite trigeminale, può essere complicato da un ematoma cerebellare.

Sebbene la malattia non porti una minaccia immediata alla vita, la sua qualità ne soffre molto.

Diagnostica neurite trigeminale

Denunce di intenso dolore facciale, perdita di sensibilità e interruzione dei muscoli della mascella richiedono un esame completo del paziente. Oltre a un esame fisico e domande, il medico prescrive un esame del sangue clinico e biochimico, test per la rilevazione del virus dell'herpes. Di solito, si tratta di una reazione a catena della polimerasi, di un test immunoenzimatico o di una reazione di immunofluorescenza. A seconda della malattia di base, possono essere prescritti test della glicemia, livelli di autoanticorpi, ecc.

Il paziente deve essere esaminato per la presenza di malattie odontogene, patologie degli organi visivi e otorinolaringoiatrici, se necessario è prescritta una consultazione con un neurochirurgo, un chirurgo maxillo-facciale e altri specialisti.

Diagnostica strumentale classica: radiografia e risonanza magnetica come metodi più informativi per la visualizzazione di strutture ossee e tessuti molli. Ulteriori studi possono includere elettroencefalografia, elettroneuromiografia, tomografia computerizzata, ultrasuoni, puntura del midollo spinale e altri studi a seconda del presunto fattore eziologico della neurite. [5]

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale viene eseguita con il glaucoma (con questa malattia, si avverte dolore acuto nella zona di innervazione del ramo oculare del nervo trigemino); sinusite; sinusite; formazioni calcaree nelle ghiandole salivari; sublussazione dell'articolazione mascellare-temporale; neoplasie nell'area del nodo trigemino e lungo i rami del nervo; tendinite temporale; trigeminismo: dolore riflesso nelle malattie degli organi interni; processi patologici relativi ai denti e alla mascella.

La neurite e la nevralgia del trigemino sono componenti dello stesso processo. Quando parlano di nevralgia "pura", significano dolore parossistico acuto di origine neurogena, che non può essere fermato dagli antidolorifici disponibili. I parossismi dolorosi sono generalmente brevi, da pochi secondi a due minuti, con un inizio e una fine chiari. Nel periodo tra loro, chiamato refrattario, il paziente si sente come al solito, i sintomi neurologici sono assenti. Gli attacchi tipici di dolore si verificano all'improvviso e spesso si ripetono (30-40 volte al giorno), a volte impedendo al paziente di riprendersi. Un attacco di dolore provoca spesso irritazione dell'area interessata (fattore scatenante): masticazione, tosse, palpazione, variazione della temperatura ambiente, ad esempio, un paziente entra in una stanza calda da una strada invernale. Tali dolori sono chiamati "trigger". Inoltre, in alcuni casi si verifica un attacco di nevralgia del trigemino a causa di forti eccitazioni, stress, uso di cibi e bevande stimolanti: cibi piccanti, alcool, caffè e altri stimolanti del sistema nervoso.

Le zone di innesco (algogene) più tipiche sono l'area sopra la fronte, nell'angolo interno dell'occhio, sulla schiena e sotto il naso, il punto esterno dell'ala del naso, l'angolo della bocca, la superficie interna della guancia, le gengive. Toccare leggermente una di queste aree può causare un attacco di dolore. Ciò che è caratteristico, una forte e grave irritazione della zona trigger può portare alla cessazione dell'attacco di dolore. Il periodo acuto può essere accompagnato da ipersalivazione, sudorazione eccessiva, secrezione nasale, lacrimazione. È confortante che di notte durante il sonno, la nevralgia del trigemino di solito non disturbi, ma molti non riescono a dormire sul lato dolente.

Specifiche caratteristiche comportamentali sono osservate negli individui con nevralgia del trigemino: al momento dell'attacco, il paziente si congela in silenzio, spesso mettendo la mano e strofinando l'area interessata del viso. Allo stesso tempo, non piange, non si lamenta, non piange, anche se il dolore è molto acuto e doloroso. Il contatto è disponibile Risposte alle domande in monosillabi.

Nevralgia: il dolore lungo il nervo può essere una manifestazione del processo infiammatorio nel tessuto nervoso, la presenza di cambiamenti nella struttura del tronco nervoso. Quindi parlano di neurite. L'infiammazione dei nervi si manifesta clinicamente non solo dal dolore, ma anche dai sintomi di funzionalità compromessa: una diminuzione del volume muscolare, una diminuzione della forza muscolare, ipostesia o anestesia e una diminuzione o perdita di riflessi. Anche la natura del dolore nella fase neuritica cambia, diventa dolorante e spesso costante. Ciò indica l'abbandono del processo e le imminenti difficoltà del trattamento.

Chi contattare?

Trattamento neurite trigeminale

Il trattamento della neurite trigeminale è complesso. I servizi igienico-sanitari obbligatori della cavità orale e l'eliminazione dell'infiammazione nelle cavità nasali, se rilevati, vengono corretti se presenti, eventuali patologie somatiche. Il trattamento diretto si riduce all'eliminazione degli attacchi di dolore e alla prevenzione delle ricadute, se possibile, ripristinando la sensibilità e la struttura delle fibre nervose. [6]

In caso di danno al nodo trigemino e ai rami principali del nervo trigemino, gli anticonvulsivanti forniscono un effetto analgesico. Il farmaco di scelta è carbamazepina. L'effetto del suo uso si verifica nel 70% dei pazienti che soffrono di nevralgia del trigemino. Il dolore di solito scompare il secondo o il terzo giorno dall'inizio del trattamento. La carbamazepina inizia ad essere assunta a basse dosi. Il primo giorno viene prescritta una doppia dose in una singola dose da 100 a 200 mg. Ogni giorno, il paziente prende 100 mg in più del farmaco. La dose giornaliera è aumentata fino a quando il dolore scompare a causa di un'assunzione più frequente del farmaco. Il paziente prende il più possibile tre o quattro volte al giorno, 200 mg ciascuno. Dopo aver ottenuto il sollievo dal dolore, la dose del farmaco viene gradualmente ridotta a 100 mg al giorno, interrompendosi al minimo efficace. Il corso medio di trattamento è di 3-4 settimane.

L'acido valproico aiuta alcuni pazienti. Il trattamento inizia con una dose giornaliera da 3 a 15 mg, suddivisa in due dosi. Si ipotizza la possibilità di aumentare la dose alla velocità di 5-10 mg per chilogrammo di peso del paziente alla settimana, ma non più di 3 g al giorno.

I farmaci di seconda linea sono i rilassanti muscolari centrali baclofen e tizanidina, antidepressivi, ad esempio l'amitriptilina.

Le dosi empiricamente selezionate di miorilassanti sono selezionate in modo tale che il tono muscolare non diminuisca fino alla comparsa di disturbi motori. Baclofen inizia a essere assunto 2-5 mg tre volte al giorno, gradualmente, ogni tre giorni, aumentando la dose al minimo efficace. La dose giornaliera non deve superare i 60-75 mg. Annulla baclofen, riducendo anche gradualmente la dose.

La tizanidina inizia ad essere assunta con una capsula al giorno, di norma sono sufficienti due capsule per fermare la sindrome del dolore. La dose viene aumentata ogni 3-7 giorni. In alcuni casi, sono necessarie quattro capsule.

L'amitriptilina viene dapprima assunta 25-50 mg prima di coricarsi, con un conseguente aumento della frequenza di somministrazione a tre e la dose del farmaco entro 5-6 giorni, a 150 mg, e se l'effetto terapeutico non si verifica entro due settimane, la dose viene aumentata a 300 mg / giorno. E la maggior parte viene presa prima di coricarsi. Dopo la cessazione del dolore, ritornano gradualmente al dosaggio iniziale di mantenimento. Il trattamento può essere lungo, ma non più di otto mesi.

Nei casi più gravi, quando trattati in ospedale, anticonvulsivanti, miorilassanti, antidepressivi possono essere prescritti per via endovenosa o flebo.

In caso di infezioni batteriche (rilevazione di sinusite, sinusite, osteomielite, infezioni dentali), si raccomandano infusioni endovenose di esametilentetramina, che ha lo spettro necessario di attività antibatterica.

Vengono anche prescritti antistaminici, preferibilmente fornendo anche sedazione (difenidramina, suprastina). Aumentano l'effetto di antidolorifici e antidepressivi. Sono prescritti agenti biotonizzanti - estratto di aloe, con grave atrofia muscolare - acido adenosintrifosforico, blocco dell'alcool-novocaina e altri farmaci sintomatici.

Con ricadute della nevralgia del trigemino, una singola somministrazione goccia a goccia di fenitoina dà un buon effetto. La dose del farmaco viene calcolata nella proporzione di 15 mg per chilogrammo di peso del paziente. La procedura richiede due ore.

Gli analgesici non narcotici non hanno l'effetto atteso, tranne nei casi di neurite neurostomatologica (danno ai nervi increspati). Inoltre, il desiderio di alleviare rapidamente un attacco di dolore con una grande dose del farmaco può portare allo sviluppo di un tale effetto collaterale come la sindrome dell'abusus. Questo vale per l'assunzione di pillole. E l'uso locale del farmaco dello stesso gruppo di dimetilsolfossido, meglio noto come dimeossido per la neurite trigeminale, era efficace. Il metodo di trattamento è molto semplice e fattibile a casa. E rispetto ai suddetti farmaci, è anche assolutamente sicuro, poiché gli effetti collaterali con l'applicazione locale sono minimi.

Le compresse con dimeossido per la neurite trigeminale vengono fatte sulla pelle del viso nei punti di uscita dei rami colpiti - applicano solo un tovagliolo immerso in una soluzione preparata da una miscela di dimeossido con lidocaina o novocaina su questa area per 20-30 minuti.

Quindi, per creare una soluzione per impacco, è necessario acquistare una bottiglia di una soluzione standard al 98% di dimetilsolfossido e una soluzione al 2% di qualsiasi anestetico - lidocaina o novocaina in una farmacia. Prima di iniziare il trattamento, è necessario effettuare un test di sensibilità per ciascuno degli ingredienti: inumidire il tampone con una soluzione e applicarlo sulla pelle. La comparsa di un'eruzione cutanea, arrossamento e prurito nel sito di applicazione indicherà l'impossibilità di utilizzare questo metodo. Inoltre, il dimexide è un conduttore pronunciato. Cinque minuti dopo l'inizio dell'applicazione, viene rilevato nel siero del sangue. Pertanto, è meglio astenersi dal trattamento di compresse con dimexidum per donne in gravidanza, persone con glaucoma e cataratta, gravi violazioni del fegato, reni, cuore e patologie vascolari. In generale, è meglio consultare il proprio medico prima del trattamento. [7]

Se non ci sono controindicazioni, prepariamo una soluzione, cioè mescoliamo dimexide con uno qualsiasi degli anestetici nei seguenti rapporti: 1: 9 (una parte di dimexide con nove parti di anestetico) o 1: 5 o 3:10. Scegliamo il rapporto tra gli ingredienti in base alla gravità della sindrome del dolore: più forte è il dolore, più concentrata è la soluzione. Prendiamo un tovagliolo di garza, lo immergiamo nella soluzione preparata e lo strizziamo non asciutto, ma in modo che non scorra. Applichiamo al punto di uscita del ramo interessato alla superficie del viso: il primo è la tacca infraorbitale, situata direttamente sopra il sopracciglio a circa un centimetro dal suo inizio; il secondo è il canale infraorbitale; il terzo è il foro del mento della mascella inferiore, situato sotto il quarto e il quinto dente inferiore dal centro. Coprire con un pezzo di pellicola trasparente e un piccolo asciugamano di spugna. Mentiamo con un impacco per circa mezz'ora. La procedura deve essere eseguita 2-3 volte al giorno (a seconda dell'intensità del dolore). Il corso del trattamento dura da 10 a 15 giorni.

Come parte di un trattamento completo per nevralgia sia essenziale che sintomatica, è indicata la terapia vitaminica. Assegnato dai primi giorni di trattamento, principalmente vitamine del gruppo B, note per il loro effetto neuroprotettivo, anche - acido ascorbico e vitamina D. 

Le vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B6, B12) sono catalizzatori per le reazioni del metabolismo intermedio nelle fibre nervose, hanno attività analgesica, in particolare la vitamina B12 (cianocobalamina), la sua carenza porta alla demielinizzazione delle fibre nervose. Il corso di questa iniezione intramuscolare di questa vitamina in modo significativo, secondo le osservazioni dei clinici, elimina il dolore e migliora le condizioni generali del paziente.

Negli studi clinici, è dimostrato il ruolo delle vitamine del gruppo B nella normalizzazione del sistema nervoso a tutti i livelli, riducendo le manifestazioni di infiammazione e riducendo il livello di dolore. Partecipano ai processi metabolici, aiutano a rafforzare le guaine mieliniche delle fibre nervose, i cilindri assiali, i tessuti connettivi, preservano la loro integrità e, di conseguenza, possono aiutare a ripristinare l'innervazione compromessa e normalizzare la trasmissione degli impulsi nervosi. La preferenza è data a preparazioni complesse in compresse, tuttavia, possono essere prescritte forme iniettabili e anche elettroforesi con vitamine.

Il trattamento fisioterapico è indicato sia nel periodo acuto della neurite sia per prevenire la ricaduta della malattia. Durante le convulsioni, sono prescritte procedure termiche. Viene mostrato l'uso della radiazione ultravioletta della metà interessata del viso, la fototerapia con raggi infrarossi (lampada di Sollux). Una moderata esposizione al calore con una piastra elettrica può essere utile. [8]

La terapia diadinamica è ampiamente utilizzata. Il trattamento con impulsi DC ha un pronunciato effetto analgesico e antinfiammatorio. Nel periodo acuto, vengono prescritte procedure giornaliere, si raccomandano due o tre corsi di dieci giorni a intervalli settimanali. Con l'aiuto di correnti diadinamiche, vengono somministrati farmaci: una procaina anestetica locale o tetracaina, un'adrenomimetica adrenalina, che contribuisce al rapido sollievo dal dolore.

Vengono anche utilizzati gli effetti degli ultrasuoni e un raggio laser sui punti di uscita dei rami del nervo trigemino, correnti modulate sinusoidali, elettroforesi da farmaco (per i dolori di innesco - secondo la tecnica endonasale con procaina e vitamina B1). In caso di neurite trigeminale, d'arsonval viene eseguito con il metodo di individuazione della metà interessata del viso nelle aree in cui i suoi rami raggiungono la superficie, l'area sotto il lobo dell'orecchio, la regione del collo cervicale e anche la superficie palmare della falange del pollice della mano corrispondente. [9]

La terapia fisica per la neurite trigeminale viene eseguita sotto forma di ginnastica facciale e aiuta a ripristinare la mobilità della parte interessata della mascella, migliorare il trofismo e normalizzare i riflessi. Allo stesso scopo, il massaggio è prescritto per la neurite trigeminale.

Nel trattamento complesso, viene dato un posto speciale alla riflessologia. L'agopuntura aiuta alcuni pazienti a riprendersi completamente senza farmaci.

Fangoterapia, bagni di ozocerite e paraffina, bagni di radon, mare, solfuri sono anche prescritti come metodi terapeutici aggiuntivi e ai fini della prevenzione delle ricadute.

Trattamento alternativo

La medicina ufficiale nega la possibilità di curare l'infiammazione del trigemino usando la medicina alternativa. Naturalmente, se è necessario riempire nuovamente il canale del dente, è improbabile che tale trattamento abbia successo. E in altri casi, quando non sono richiesti interventi radicali, secondo la testimonianza dei pazienti stessi, i rimedi alternativi aiutano più velocemente e meglio. Inoltre, non hanno gravi effetti collaterali. La malattia non si applica a quelli in cui il ritardo nella morte è simile, quindi puoi quasi immediatamente iniziare ad aiutarti con l'aiuto dei guaritori, che non esclude una visita dal medico e l'esame. Dopotutto, il dolore facciale può essere causato da vari motivi.

Cominciamo con le ricette più semplici per eliminare il dolore. Secondo coloro che hanno provato, aiutano ad alleviare il dolore immediatamente e non il secondo o il terzo giorno come la carbamazepina.

  1. Prendi la vecchia teiera, mettici dentro cinque spicchi d'aglio, tagliati in grandi (2-3) parti. Versare acqua bollente e respirare attraverso il naso delle narici dal lato interessato fino a quando il dolore si attenua. Letteralmente diverse procedure di questo tipo aiutano nella fase iniziale. Il dolore scompare e non torna più. Le procedure vengono eseguite se necessario per eliminare la sindrome del dolore.
  2. Prendi un uovo di gallina ripido appena bollito, sbuccialo, tagliato a metà, applica ai punti del dolore più intenso. Quando le metà dell'uovo sul viso si sono raffreddate, la sindrome del dolore scompare a lungo.
  3. Applicare una foglia appena raccolta di geranio domestico lungo il dolore (ha un effetto antinfiammatorio). [10]
  4. Puoi spalmare le aree del viso lungo il dolore con succo di ravanello nero o applicare rafano grattugiato avvolto in un pezzo di garza. Queste sostanze hanno un effetto irritante locale, cioè stimolano il flusso sanguigno verso la superficie della pelle e l'attivazione del flusso sanguigno nella giusta direzione, come dimostra la pratica, porta a una normalizzazione della condizione.
  5. È anche bene lubrificare la pelle in zone doloranti con olio di abete, se necessario. Tre giorni di tale trattamento per lungo tempo alleviano il dolore.
  6. Procedura di contrasto: pulire le zone di dolore con un pezzo di ghiaccio, quindi massaggiarle fino a quando non si sono riscaldate. In una procedura, è necessario eseguire la pulizia → massaggiare tre volte.

Il trattamento a base di erbe occupa un posto importante nella medicina alternativa. Il decotto di menta aiuterà a far fronte al dolore: un cucchiaio di menta viene versato con un bicchiere di acqua bollente e fai sobbollire a bagnomaria per 10 minuti. Insistere fino a quando non si raffredda a una temperatura di circa 40 ℃, filtrare, dividere a metà e bere al mattino e alla sera. La seconda parte deve essere leggermente riscaldata.

L'infuso di achillea viene preparato nella stessa proporzione, viene bevuto durante il giorno in 3-5 ricevimenti.

E si consiglia l'infuso di camomilla (un cucchiaino di erbe secche tritate in un bicchiere d'acqua) per sciacquare la bocca con problemi neuro-dentali.

Omeopatia

Il trattamento omeopatico è spesso efficace nei casi in cui la medicina ufficiale fallisce. Dovrebbe essere eseguito da un omeopata professionista, quindi il suo successo è garantito. Il kit di medicina omeopatica ha un ampio arsenale per il trattamento della neurite.

Con la sconfitta del secondo e terzo ramo del nervo trigemino, i processi mandibolari alveolari, il nervo buccale, l'uso di Aconite può essere efficace. Sono caratteristici forti dolori, che causano ansia e paura al paziente, paresi, spasmi convulsi dei muscoli della zona interessata, perdita di sensibilità. L'aconite affronta bene il dolore di origine infiammatoria. In caso di iperemia della parte interessata del viso, viene assunto alternativamente con Belladonna, con genesi traumatica - con Arnica e problemi neuro-dentali sono ben fermati dalla combinazione con Brionia. Gli stessi farmaci sono adatti in alcuni casi per la monoterapia della neurite trigeminale.

Con la sconfitta sul lato destro del primo ramo, viene utilizzato Helidonium. Con complicazioni degli organi visivi e da qualsiasi parte, il Quininum sulfuricum può essere efficace.

Vengono anche usati Coffey, Hypericum, Ignation e altri farmaci. Solo un medico può prescrivere accuratamente il trattamento, dopo aver studiato la storia medica e le propensioni del paziente. In questo caso, puoi contare sul successo e abbastanza velocemente.

Trattamento chirurgico

In assenza dell'effetto della terapia conservativa, dell'intolleranza ai farmaci o dei loro pronunciati effetti collaterali, viene sollevata la questione dell'intervento chirurgico.

La neurochirurgia moderna ha molti metodi di trattamento chirurgico delicato. Attualmente ricorrere a:

  • rilascio microchirurgico di un sito nervoso all'uscita del tronco encefalico;
  • forare operazioni distruttive;
  • parziale transizione sensoriale di un nervo o del suo blocco periferico mediante escissione della sua parte e sostituzione con muscolo o tessuto fasciale.

La neuroectomia viene eseguita con metodi delicati utilizzando temperature ultra basse (criodistruzione), utilizzando temperature ultra alte (diatermocoagulazione) e radiazioni ad alta frequenza.

Un'area promettente è il trattamento laser della neurite trigeminale. La dissezione o la rimozione di parte della radice del nervo con un raggio laser garantisce l'assenza di contatto diretto e sangue, una rapida guarigione e recupero.

Prevenzione

La principale misura preventiva è la riabilitazione tempestiva della cavità orale, per la quale è necessario visitare il dentista regolarmente (ogni sei mesi) in modo da non provocare lo sviluppo di pulpite e rimozione dei nervi.

Si raccomanda inoltre di non iniziare altre malattie croniche, mangiare bene, cercare di evitare lesioni facciali e ipotermia accidentali, condurre uno stile di vita sano e rafforzare l'immunità.

Con la comparsa del dolore in faccia, è necessario essere esaminati e scoprire la loro causa, non prendere analgesici e sperare che scompaia.

Previsione

Con una diagnosi e un trattamento tempestivi, la prognosi è favorevole. Di solito è possibile curare la neurite con metodi conservativi. Tuttavia, ogni caso è individuale

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.