Paralisi del nervo facciale

Ultima revisione di: , esperto medico, su 09.02.2019

La funzione del nervo facciale è quella di assicurare il funzionamento della muscolatura del viso. Grazie a questo, il nervo diventa possibile per trasmettere l'umore, sorridere, rovinare, ecc.

La paralisi del nervo facciale priva parzialmente la persona di questa possibilità.

Epidemiologia

La paralisi del nervo facciale avviene relativamente spesso. Ciò può essere dovuto alle sue caratteristiche anatomiche: il nervo passa attraverso i fori ristretti delle ossa della parte facciale del cranio. Questo diventa la causa del suo serraggio e della conseguente paralisi.

Molto spesso, un ramo del nervo facciale è interessato, ma al 2% dei pazienti viene diagnosticata una paralisi bilaterale.

Ogni anno, ci sono 25 casi ogni 100.000 persone nel mondo, e sono ugualmente colpiti, sia uomini che donne.

Il più alto tasso di incidenza si osserva in bassa stagione, dall'autunno all'inverno e anche in inverno.

Secondo i dati prognostici, il lavoro dei muscoli facciali nella maggior parte dei casi è completamente ripristinato. Questo succede per 3-6 mesi. Nel 5% dei pazienti, l'innervazione non viene ripristinata e il 10% può riacquisire il nervo dopo un certo periodo di tempo.

Le cause paralisi del nervo facciale

La causa esatta della paralisi degli specialisti del nervo facciale non può ancora essere nominata, ma la malattia è spesso causata da patologie virali infettive:

  • infezione erpetica;
  • varicella e fuoco di Sant'Antonio;
  • infezioni da adenovirus, ARVI, influenza;
  • infezione da virus Epstein-Barr (mononucleosi);
  • sconfitta del citomegalovirus;
  • sconfitta del virus Coxsackie;
  • rosolia.

Inoltre, l'innesco per lo sviluppo di paralisi del nervo facciale può essere ipotermia, l'abuso di alcol, l'ipertensione, trauma cranico (quelli dell'orecchio), i processi tumorali nel cervello, malattie dentali, il diabete, i cambiamenti aterosclerotiche nei vasi, grave stress, otiti o sinusite.

Fattori di rischio

La maggior parte della paralisi del nervo facciale colpisce nei seguenti casi:

  • durante la gravidanza o nel periodo postpartum;
  • durante le epidemie virali;
  • negli anziani, specialmente in condizioni di debole immunità.

Vengono descritti casi di tipo familiare della malattia, il che suggerisce che esiste una predisposizione genetica alla comparsa della paralisi del nervo facciale.

Patogenesi

Il nervo facciale è i VII nervi cranici accoppiati, che sono soggetti ai muscoli facciali responsabili della riproduzione del linguaggio, dell'espressione facciale e della masticazione. La paralisi di questo nervo può verificarsi a seguito del processo infiammatorio, che porta allo spasmo dei vasi arteriosi con ristagno del flusso sanguigno nella rete capillare. I capillari diventano permeabili, i tessuti attorno a loro si gonfiano, c'è una spremitura di vasi venosi e linfatici. Ciò provoca una violazione del flusso sanguigno e linfatico.

Come risultato di tutti questi processi, il nervo facciale si sta deteriorando, che è molto sensibile alla fame di ossigeno. Il tronco nervoso aumenta di dimensioni, la trasmissione degli impulsi nervosi si deteriora. Quando il cervello invia un comando ai muscoli a una determinata azione, essi non lo ricevono e non reagiscono. Questo spiega le manifestazioni caratteristiche della malattia - l'inattività di alcuni muscoli facciali.

Sintomi paralisi del nervo facciale

La paralisi del nervo facciale inizia comunque in modo acuto, con un netto deterioramento della condizione.

Tuttavia, i primi segni possono essere trovati anche nella fase iniziale della paralisi, 1-2 giorni prima delle manifestazioni visive. Può essere i seguenti sintomi:

  • dolore dietro il padiglione auricolare, che dà alla regione occipitale o facciale;
  • dolore agli occhi dal lato della lesione.

I primi segni sono associati al crescente edema della colonna nervosa e alla sua graduale contrazione.

I seguenti sintomi sono già più pronunciati:

  • la simmetria della faccia è rotta;
  • La parte affetta richiama l'attenzione sulla mancanza di emotività e espressioni facciali;
  • dal lato affetto, si può osservare l'angolo della bocca abbassato, la piega nasolabiale levigata e l'assenza di pieghe frontali;
  • la violazione della simmetria del volto si intensifica durante i tentativi del paziente di parlare, sorridere, piangere;
  • la palpebra superiore sul lato interessato non si chiude completamente e l'occhio alza lo sguardo;
  • cibo e bevande liquidi non vengono trattenuti in bocca e versati dal lato interessato della cavità orale; la funzione di masticare e deglutire non viene violata;
  • durante la masticazione del paziente, senza sentire la propria guancia, può morderla dall'interno;
  • La mucosa si asciuga, la salivazione diminuisce spesso (a volte succede viceversa);
  • la funzione del linguaggio viene interrotta a causa dell'inattività di alcune parti delle labbra e della cavità orale;
  • l'occhio dal lato affetto è semiaperto o completamente aperto, la funzione lampeggiante è rotta, la membrana mucosa si asciuga (meno spesso c'è, e viceversa - lacrimazione abbondante);
  • c'è una violazione delle sensazioni gustative dal lato della lingua interessato;
  • l'udito dal lato affetto è amplificato, i suoni sono percepiti più forti del solito.

Valutando i sintomi clinici della malattia, il medico può determinare quale parte del nervo facciale è danneggiata. A seconda di ciò, si distinguono questi tipi di paralisi del nervo facciale:

  • La sconfitta nella corteccia cerebrale responsabile della funzione del nervo facciale si manifesta con la paralisi dei muscoli mimici della parte inferiore del viso, nervosi e contrazioni muscolari. Allo stesso tempo, durante il sorriso, la simmetria viene visivamente ripristinata.
  • La sconfitta del nucleo del nervo facciale è accompagnata dal nistagmo, dall'incapacità di arricciare la pelle sulla fronte, dall'intorpidimento della pelle sul lato affetto, dalla contrazione muscolare della zona palatina e della faringe. A volte c'è un disordine unilaterale nella coordinazione dell'intero corpo.
  • La sconfitta del nervo facciale all'interno del cranio e la parte interna dell'osso temporale è caratterizzata da paralisi del mimetismo, ghiandole salivari. Puoi notare segni come la sete, cambiamenti nella funzione uditiva, secchezza della mucosa oculare.

Forme

  • La paralisi congenita del nervo facciale è associata ad una non corretta deposizione del cervello durante il periodo fetale. Questo tipo di paralisi è caratterizzato da un'espressione facciale maschile su uno o due lati sul lato della lesione, sull'angolo inferiore della bocca, sulla fessura dell'occhio aperta e umida. Le coperture della pelle sulla guancia sono lisce e durante l'espirazione la guancia interessata si gonfia (segno di "vela"). La forma più grave di paralisi congenita del nervo facciale è la sindrome di Mobius.
  • La paralisi periferica del nervo facciale è il risultato di una violazione della funzione motoria del tronco nervoso. La patologia è accompagnata da asimmetria, completa immobilità dei muscoli della parte interessata del viso. L'occhio affetto nel paziente spesso non è chiuso, tranne nei casi di danni alla muscolatura circolare, quando è possibile chiudere simmetricamente gli occhi.
  • La paralisi centrale del nervo facciale è il risultato di cambiamenti patologici nella corteccia cerebrale. Le cause possono includere malattie che colpiscono le vie cortico-nucleari adiacenti al nervo facciale. La localizzazione più frequente della paralisi centrale è la parte inferiore della faccia. La malattia si manifesta movimenti involontari dei muscoli - una sorta di teak, nonché attacchi convulsi.

Complicazioni e conseguenze

Il ripristino delle fibre nervose dopo la paralisi del nervo facciale avviene gradualmente, rallentando in modo significativo durante i periodi di stress, intossicazione e ipotermia. Ciò crea alcune difficoltà nel trattamento: per esempio, molti pazienti semplicemente perdono la pazienza e la speranza e rifiutano un'ulteriore riabilitazione. Se la paralisi non viene curata, possono insorgere complicazioni molto spiacevoli.

  1. Atrofia muscolare: assottigliamento e debolezza dei muscoli a causa di disfunzione prolungata e rottura del trofismo tissutale. Questo processo è considerato irreversibile: i muscoli atrofizzati non vengono ripristinati.
  2. Contratture mimiche - perdita di elasticità muscolare dal lato colpito, spasmi muscolari, accorciamento spastico delle fibre muscolari. Il lato visivamente interessato della faccia è allungato, l'occhio strabuzza.
  3. Tee di muscoli facciali, spasmi spastici è una violazione della conduzione di impulsi lungo il nervo. Questa condizione è anche chiamata emispasmo o blefarospasmo.
  4. I movimenti associati - le sincinie - sorgono come risultato della violazione dell'isolamento delle biocorrenti nel tronco nervoso. Di conseguenza, l'eccitazione si diffonde ad altre aree di innervazione. Un esempio di movimenti associati: durante la masticazione del cibo, le lacrime appaiono nel paziente, o quando l'occhio è strizzato, il labbro delle labbra viene sollevato.
  5. L'infiammazione della congiuntiva o della cornea dell'occhio si verifica perché il paziente non può coprire completamente l'occhio per un lungo periodo di tempo, il che porta alla sua essiccazione.

Diagnostica paralisi del nervo facciale

La diagnosi di paralisi del nervo facciale viene stabilita da un neuropatologo. Di solito questo accade già al primo esame del paziente, tuttavia in alcuni casi potrebbe essere necessaria una ricerca aggiuntiva. Molto spesso, la diagnosi viene utilizzata per chiarire le cause della paralisi.

  • Prima di tutto, al paziente vengono prescritti test - per esempio, un esame del sangue generale indicherà la presenza di infiammazione. I segni del processo infiammatorio saranno: aumento della VES, leucocitosi, diminuzione del numero di linfociti.
  • La diagnostica strumentale può includere le seguenti procedure:
  1. La risonanza magnetica è un tipo di esame che utilizza un campo magnetico e ottiene immagini stratificate. Grazie alla risonanza magnetica, è possibile identificare i processi tumorali, i disturbi vascolari, i cambiamenti infiammatori nelle meningi e un infarto cerebrale.
  2. La TC è una specie di studio a raggi X che può anche rilevare tali probabili cause della malattia come tumori, condizioni post-ictus, alterata circolazione del sangue perinucleare e gli effetti del danno cerebrale meccanico.
  3. Il metodo di electroneurography aiuta a determinare il tasso di passaggio di un impulso nervoso. I risultati di questo studio aiutano a determinare il processo infiammatorio, il danno al ramo nervoso, l'atrofia muscolare.
  4. Il metodo di elettromiografia è solitamente combinato con la procedura di neurografia, determinando la qualità degli impulsi intramuscolari. Ciò consente di rilevare l'atrofia muscolare e la contrattura.

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale può essere effettuata con la sindrome di ictus Ramsay-Hunt, con infiammazione dell'orecchio medio o mastoide, con la malattia di Lyme, con fratture dell'osso temporale, con una lesione del carcinomatosi tronco nervoso o leucemia, meningite cronica, processi neoplastici, osteomielite, diffuso sclerosi, così come la sindrome di Guillain-Barre.

La differenza della paralisi centrale del nervo facciale dalla periferica

Talvolta sorgono alcune difficoltà quando si differenzia la paralisi centrale e periferica del nervo facciale.

Prima di tutto, l'attenzione è rivolta allo stato della fila dei muscoli frontali, responsabile delle espressioni facciali. Se funzionano senza cambiamenti e gli altri muscoli facciali sono immobili, si assume la localizzazione centrale della paralisi.

In questa situazione, possiamo parlare di una variante con un'emorragia nella capsula interna: il processo procede con una parziale paralisi della parte inferiore del nervo e una simultanea sensazione unilaterale di debolezza nelle estremità. Sensazione di gusto, l'allocazione di lacrime e saliva - senza violazioni.

Dalla pratica, è difficile distinguere la paralisi centrale e periferica del nervo facciale, anche da un medico esperto. Pertanto, per la diagnosi deve essere utilizzata la massima quantità di informazioni sul paziente e sulla sua malattia.

Chi contattare?

Trattamento paralisi del nervo facciale

I farmaci sono prescritti immediatamente dopo il trattamento del paziente per le cure mediche. È con la terapia farmacologica complessa che inizia il trattamento principale della paralisi del nervo facciale.

Diuretici

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Furosemide

Assumere 40 mg al mattino.

Nausea, diarrea, reazioni cutanee, abbassamento della pressione sanguigna, vertigini, secchezza delle fauci.

L'uso a lungo termine del farmaco non è raccomandato.

Veroshpiron

Prendi 50-100 mg al mattino.

Dispepsia, blocco, mal di testa, sonnolenza.

Il farmaco non è compatibile con l'alcol.

Farmaci anti-infiammatori

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Nimesulide

Per via orale a 100 mg al mattino e alla sera, lavare con acqua.

Dolore alla testa, apatia, dispepsia, bruciore di stomaco.

Non usare per molto tempo.

Nurofen

Assumere 0,2-0,8 g a 4 volte al giorno.

Nausea, flatulenza.

Si consiglia di bere il farmaco con il latte.

Glyukokortikoidы

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Prednisolone

Il dosaggio medio è di 5-60 mg al giorno. Il farmaco viene preso una volta al giorno, al mattino.

Muscoli deboli, disturbi digestivi, ulcera peptica, vertigini, aumento della pressione sanguigna.

Il farmaco non è prescritto per lesioni fungine sistemiche.

Desametasone

All'inizio della malattia somministrato per via intramuscolare 4-20 mg del farmaco fino a 4 volte al giorno.

Nausea, convulsioni, mal di testa, aumento di peso, allergie, vampate di sangue al viso.

Il farmaco viene cancellato gradualmente a causa del rischio di sindrome da "astinenza".

Farmaci antivirali

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Zoviraks

Prendi 200 mg 5 volte al giorno, per 5 giorni.

Disturbi digestivi, mal di testa, affaticamento, eruzioni allergiche.

Durante il trattamento con Zovirax, è necessario bere molti liquidi.

Aciclovir

Prendi 200 mg 5 volte al giorno, per 5 giorni.

Dolore all'addome, mal di testa, sonnolenza, allergie.

Il farmaco non dovrebbe essere assunto per molto tempo.

Farmaci spasmolitici

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Spazmol

Assumere 1-2 compresse fino a 3 volte al giorno.

Palpitazioni cardiache, abbassamento della pressione sanguigna, vertigini, allergie.

Non è raccomandato per il glaucoma e l'iperplasia prostatica.

Drotaverinum

Prendi da 40 a 80 mg tre volte al giorno.

Abbassare la pressione sanguigna, mal di testa, nausea, allergie.

Il farmaco non è prescritto per gravi problemi al fegato e ai reni.

Farmaci neurotropi

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Carbamazepina

Assumere 100-400 mg a 3 volte al giorno. Il dosaggio è aumentato gradualmente.

Tremante agli arti, stati depressivi, ansia, allergie, disturbi digestivi.

Il farmaco non è compatibile con l'alcol.

Barbiphen

Prendi una media di 200-500 mg al giorno.

Debolezza nei muscoli, vertigini, stravolgimento della sedia, nervosismo.

Durante il trattamento, può aumentare il fabbisogno di vitamina D del corpo.

Preparati vitaminici

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Piridossina

Inserisci per via intramuscolare in una quantità di 50 a 150 mg al giorno.

A volte - un'allergia, aumento dell'isolamento dell'acido cloridrico nello stomaco.

Richiede cautela nell'ulcera gastrica e nel duodeno.

Tiamina

Entra per via intramuscolare una volta al giorno per 25-50 mg. La durata della terapia è di 10-30 giorni.

Allergie, sudorazione, palpitazioni cardiache.

Le iniezioni possono essere dolorose.

Rimedi per colinesterasi

 

Metodo di applicazione

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Neostigmina metilsolfato

Assumere da 10-15 mg a 3 volte al giorno.

Nausea, mal di testa, aritmia, mancanza di respiro.

Per la durata del trattamento è auspicabile abbandonare la guida.

Galantamina

Ingerire, in una quantità da 8 a 32 mg in tre dosi separate, lavato con acqua.

Differenze di pressione sanguigna, gonfiore, sete, dispepsia, spasmi muscolari, disturbi della minzione.

Il farmaco non è prescritto per patologie del sistema urinario.

I farmaci sono prescritti solo da un medico. Il più delle volte, il trattamento viene eseguito in un ospedale, dal momento che è molto difficile curare qualitativamente la paralisi facciale a casa. Inoltre, questo può portare a varie conseguenze negative.

Trattamento fisioterapeutico

La fisioterapia è utilizzata come metodo ausiliario, ma obbligatorio per la paralisi del nervo facciale. Possibile nomina di tali procedure di fisioterapia:

  • L'UHF è il riscaldamento dei tessuti da parte di un campo elettrico, che porta a un miglioramento dei processi trofici, alla rimozione di edema e infiammazione. La durata di una sessione UHF è di circa 10 minuti. Il corso di trattamento di solito consiste in circa 10 sessioni che si svolgono ogni giorno, o 3-4 volte a settimana.
  • L'UVA della parte interessata del viso può essere utilizzata a partire da circa 6 giorni dopo l'inizio della malattia. L'ultravioletto attiva la sintesi degli ormoni, migliora il lavoro di immunità, che ha un effetto positivo sul recupero. Il corso di trattamento può consistere in 7-15 sessioni.
  • La terapia DMV è l'uso di onde elettromagnetiche decimali per attivare i processi metabolici nei tessuti interessati del viso. La procedura dura circa 10 minuti. Il corso può essere breve (3-5 procedure) o standard (10-15 procedure).
  • L'elettroforesi con dibazolo, vitamine, proserina è l'effetto di certe dosi di corrente elettrica, mediante le quali il farmaco può penetrare nel tessuto interessato. La durata di una sessione di elettroforesi è di circa 20 minuti. Durata del trattamento - da 10 a 20 sessioni.
  • Le correnti diadinamiche aiutano a ripristinare il lavoro dei muscoli, causando la loro riduzione spastica. Allo stesso tempo, l'edema viene rimosso e le fibre nervose vengono ripristinate. Il trattamento è solitamente lungo: da 10 a 30 procedure possono essere necessarie per il recupero.
  • Le applicazioni con paraffina o ozocerite accelerano il processo di rigenerazione e promuovono una pronta guarigione. L'applicazione viene applicata per 30-40 minuti. Per ripristinare l'innervazione nella paralisi del nervo facciale, possono essere necessarie circa 15 procedure.

Dopo ogni sessione di fisioterapia, è importante proteggere il viso da correnti d'aria e freddo, poiché un forte calo della temperatura può aggravare il corso del processo infiammatorio.

Procedure di massaggio per la paralisi del nervo facciale

Il massaggio con la paralisi del nervo facciale è considerato molto efficace, ma lo spendi, evitando il periodo acuto della malattia. Le prime sedute di massaggio sono prescritte non prima di una settimana dopo l'inizio della malattia. Cos'è un massaggio terapeutico dalla paralisi del nervo facciale?

  • la procedura di massaggio inizia con il riscaldamento e l'impastamento dei muscoli del collo, usando pendenze lente e rotazione del collo;
  • massaggiare ulteriormente la regione occipitale, rafforzando così il flusso linfatico;
  • massaggiare il cuoio capelluto;
  • passare al massaggio del viso e dei templi;
  • importante: i movimenti del massaggio devono essere leggeri, poco profondi, in modo da non provocare spasmi muscolari;
  • è bene usare i movimenti di carezza e relax;
  • l'accarezzamento avviene lungo i vasi linfatici;
  • volto massaggiato dalla linea centrale alla periferia;
  • dovrebbe evitare di massaggiare la localizzazione dei linfonodi;
  • massaggiare la parte interna della guancia con un pollice;
  • alla fine della procedura, massaggiare nuovamente i muscoli del collo.

La procedura di massaggio dovrebbe durare non più di 15 minuti. La durata totale del corso è fino alla completa guarigione del paziente.

Ginnastica speciale

La ginnastica con paralisi del nervo facciale consiste in una serie di esercizi per riscaldare la regione cervicale e la zona delle spalle. Il paziente è seduto di fronte allo specchio in modo che possa vedere il suo riflesso. Questo assicura la qualità degli esercizi eseguiti.

Durante la sessione, la faccia dovrebbe essere rilassata. Fai 5 ripetizioni di ciascuno dei seguenti esercizi:

  • il paziente alza e abbassa le sopracciglia;
  • aggrotta le sopracciglia;
  • sembra più giù possibile chiudendo gli occhi;
  • incasinato;
  • muove i bulbi oculari in un cerchio;
  • sorridendo a labbra serrate;
  • Alza e abbassa il labbro superiore, mostrando la fila superiore dei denti;
  • Abbassare e sollevare il labbro inferiore, dimostrando la dentatura inferiore;
  • sorride con la cavità orale aperta;
  • Si preme al petto e sbuffa;
  • muove le narici;
  • cerca di gonfiare le sue guance, alternativamente e simultaneamente;
  • raccoglie l'aria e la soffia, piegando le labbra con un "tubo";
  • cerca di fischiare;
  • disegna le sue guance;
  • Abbassando e sollevando gli angoli delle labbra;
  • Solleva il labbro inferiore verso l'alto, poi quello superiore si posiziona su quello inferiore;
  • fa i movimenti della lingua con le labbra chiuse e aperte.

Se un esercizio fallisce, si consiglia di rilassarsi e di eseguire movimenti di carezza con la punta delle dita sulla parte interessata del viso.

Di solito la serie di esercizi proposti viene ripetuta fino a 3 volte al giorno.

Rimedi omeopatici per la paralisi del nervo facciale

L'omeopatia offre anche una serie di rimedi che aiuteranno ad accelerare il recupero della paralisi facciale. I preparati omeopatici non dovrebbero essere la base della terapia, ma possono migliorare l'effetto di altri trattamenti. Inoltre - più in dettaglio sulle medicine offerte dagli omeopati per alleviare la condizione di paralisi del nervo facciale.

  • Traumeel C è una preparazione iniettabile in fiale. Di solito nomini 1-2 fiale da 1 a 3 volte alla settimana sotto forma di iniezioni intramuscolari. La durata della terapia è di almeno 1 mese. È possibile un uso combinato con unguento e compresse di Traumeil.

Il farmaco raramente causa un'allergia, ma potrebbero verificarsi arrossamenti e un piccolo gonfiore nel sito di iniezione. In una tale situazione, si raccomanda la consultazione di un medico.

  • Nervocheel è un rimedio omeopatico che migliora il funzionamento del sistema nervoso, favorisce il rinnovamento funzionale delle fibre nervose, elimina gli effetti dello stress e dell'affaticamento. Il farmaco viene assunto 1 compressa tre volte al giorno, sciogliendosi sotto la lingua per mezz'ora prima dei pasti. Il trattamento continua per circa 3 settimane. Caratteristiche del farmaco: durante la prima settimana di assunzione di Nervocheil, è possibile un temporaneo deterioramento della condizione, che è considerata una variante della norma.
  • Il girel è un farmaco utilizzato per la paralisi del nervo facciale, che è una conseguenza delle malattie infettive virali. Hirel prende 1 compressa tre volte al giorno, sciogliendosi sotto la lingua. La durata dell'ammissione è calcolata dal medico.
  • Il valerianahel è un rimedio calmante che può essere usato per nevrosi, neuropatie, nevrastenia. Il ricevimento di questo farmaco può servire come un'eccellente profilassi delle recidive della paralisi del nervo facciale. Il farmaco viene prescritto per 15 gocce di ½ tazza di acqua pulita, tre volte al giorno per mezz'ora prima dei pasti. Continua a prendere 20-30 giorni.

Trattamento operativo

Il medico può ricorrere alla chirurgia se il farmaco non ha l'effetto previsto per 9 mesi. Prima di questo momento, non è necessario prescrivere un'operazione, poiché le medicine possono ancora avere il loro effetto positivo. Se ci vuole più di un anno, il trattamento chirurgico è già privo di significato, perché già in questo momento ci sono cambiamenti atrofici nel tessuto muscolare, che non possono essere ripristinati.

Nella maggior parte dei casi, l'intervento chirurgico viene utilizzato per l'ischemia nervosa, che si sviluppa a causa di otite cronica o dopo lesioni alla testa. Inoltre, l'operazione è appropriata per una rottura meccanica del ramo nervoso.

Riassumendo, possiamo distinguere le seguenti situazioni con la paralisi del nervo facciale, che può richiedere l'intervento di un chirurgo:

  • rottura traumatica del tronco nervoso;
  • inefficacia delle cure mediche in corso per circa 9 mesi;
  • processi tumorali.

Come viene eseguita l'operazione?

  • Quando si stringe il nervo facciale, la procedura è la seguente:
  1. un'incisione è fatta dietro l'orecchio;
  2. il posto dell'uscita del nervo dall'apertura di stylofillary è assegnato;
  3. la parete esterna del foro è allargata da dispositivi speciali;
  4. si applica la sovrapposizione.

L'anestesia generale è utilizzata per l'operazione.

  • Per cucire il tronco del nervo danneggiato da una rottura, vengono eseguite le seguenti procedure chirurgiche:
  1. un'incisione è fatta dietro l'orecchio;
  2. sotto la pelle, si trovano le estremità del tronco nervoso lacerato, che vengono pulite per la migliore adesione;
  3. le estremità vengono unite insieme in una volta o prima attraversano un percorso diverso, più corto;
  4. in alcuni casi, potrebbe essere necessario trapiantare il nervo da un'altra parte del corpo, ad esempio, dall'arto inferiore.

L'operazione è piuttosto complicata, tuttavia il periodo di riabilitazione di solito non è lungo.

Trattamento alternativo

  1. È utile mettere le compresse di purea a base di bacche di sambuco. Le bacche vengono cotte al vapore e macinate, distribuite sulla superficie di un panno pulito e applicate come un impacco alla parte interessata del viso per mezz'ora. La procedura viene eseguita due volte al giorno.
  2. Un buon effetto è atteso dall'uso regolare di datteri con latte, che mangiano tre volte al giorno per 6 pezzi. Durata del trattamento - 1 mese.
  3. Raccolgono acqua calda nella cavità orale, in cui vengono aggiunte alcune gocce di tintura di valeriana. Tieni la medicina in bocca, non ingoiare, 3-4 minuti.
  4. Prendi delle mummie al mattino, durante il giorno e di notte per 0,2 g, per 10 giorni. Dopo altri 10 giorni, la ricezione viene ripetuta. Di solito ci sono tre corsi di questo tipo per la cura.

Inoltre, è possibile utilizzare e il trattamento a base di erbe secondo le seguenti ricette.

  1. Prendi 100 g di erba salvia, versa 1 bicchiere di acqua calda e insisti per la notte. Bevi 1 cucchiaino. Tra i pasti, latte spremuto.
  2. Preparare una miscela equivalente del rizoma di valeriana, erba origano, achillea e vischio bianco. Preparare l'infusione al ritmo di 1 cucchiaio. L. Miscela su un bicchiere d'acqua. Bere un farmaco in 100 ml tre volte al giorno per 20 minuti prima di un pasto.
  3. Preparare una miscela uguale di menta, melissa, origano, timo, vischio, motherwort. Versare 1 cucchiaio. L. Miscela di 200 ml di acqua bollente, insistere per un'ora e prendere 100 ml due volte al giorno tra i pasti.
  4. Prendi 1 cucchiaio. L. Tappi di foglie d'erba, versare 200 ml di acqua bollente e insistere per 2 ore. Bere un medicinale da 60 ml a 4 volte al giorno.

Prevenzione

Per prevenire ricadute ripetute di paralisi del nervo facciale, è possibile utilizzare metodi di prevenzione speciali. Per fare questo, è sufficiente utilizzare i seguenti suggerimenti utili:

  • Non permettere un eccessivo raffreddamento del viso e della testa, vestiti con il tempo, evitare correnti d'aria;
  • Non ignorare il trattamento di raffreddori e malattie virali, prendere i farmaci appropriati in tempo per i primi segni della malattia;
  • prendersi cura del sistema nervoso, non essere nervoso, evitare spiacevoli conversazioni e scandali;
  • riposo adeguato: è preferibile trascorrere del tempo in natura, nuotare, praticare sport attivi;
  • mangiare correttamente, evitare diete severe, mangiare abbastanza cibo vegetale;
  • due volte all'anno, seguire un corso di preparazioni multivitaminiche con vitamine del gruppo B, che sono molto necessarie per il normale funzionamento delle cellule nervose e la conduttività delle fibre;
  • mantenere l'immunità, temperare, fare un bagno d'aria;
  • massaggia periodicamente il viso, al mattino e alla sera, con movimenti leggeri.

Previsione

La maggior parte dei casi di paralisi del nervo facciale autoriparano per 1,5-2 mesi. Nei pazienti anziani, tali statistiche hanno una prognosi meno favorevole: la paralisi può persistere nel 40-60% dei casi.

È possibile prevedere l'esito della malattia, dato il grado di danno nervoso: più questa lesione è più pronunciata, più lungo sarà il recupero. Nei casi più gravi, se il paziente è in ritardo per cercare assistenza medica, i segni della malattia possono persistere per un lungo periodo di tempo o per tutta la vita.

La paralisi periferica del nervo facciale di solito ha un decorso più favorevole, in contrasto con la lesione centrale.

È importante sapere!

La paralisi periferica è il segno più comune di poliomielite acuta. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.