^

Salute

A
A
A

Proteina C-reattiva nel sangue

 
, Editor medico
Ultima recensione: 31.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I valori di riferimento (la norma) di concentrazione di proteina C-reattiva (CRP) in siero di sangue - meno di 5 mg / l.

La proteina C-reattiva (CRP) è una proteina costituita da 5 subunità anulari identiche, non legate covalentemente. La proteina C-reattiva viene rilevata nel siero del sangue per vari processi infiammatori e necrotici ed è un indicatore della fase acuta del loro corso. Il suo nome è stato ottenuto a causa della sua capacità di precipitare il polisaccaride C della parete cellulare di pneumococco. La sintesi della proteina C-reattiva come proteina di fase acuta si verifica nel fegato sotto l'influenza dell'IL-6 e di altre citochine.

La proteina C-reattiva migliora la mobilità dei leucociti. Legandosi ai linfociti T, influenza la loro attività funzionale iniziando la precipitazione, l'agglutinazione, la fagocitosi e il legame del complemento. In presenza di calcio, la proteina C-reattiva lega i ligandi nei polisaccaridi dei microrganismi e ne provoca l'eliminazione.

L'aumento della concentrazione di proteina C-reattiva nel sangue inizia entro le prime 4 ore dal momento del danno tissutale, raggiunge un massimo dopo 24-72 ore e diminuisce durante la convalescenza. Aumentare la concentrazione di proteina C-reattiva è il primo segno di infezione e la terapia efficace si manifesta con la sua diminuzione. La proteina C-reattiva riflette l'intensità del processo infiammatorio e il monitoraggio è importante per monitorare queste malattie. Il contenuto della proteina C-reattiva durante il processo infiammatorio può essere aumentato di 20 volte o più. La concentrazione di proteina C-reattiva nel siero superiore a 80-100 mg / l indica un'infezione batterica o vasculite sistemica. Con un processo reumatico attivo, nella maggior parte dei pazienti si trova un aumento della proteina C reattiva. In parallelo con una diminuzione dell'attività del processo reumatico, diminuisce anche il contenuto della proteina C-reattiva. Una reazione positiva nella fase inattiva può essere dovuta a infezione focale (tonsillite cronica).

L'artrite reumatoide è accompagnato anche da un aumento della proteina C-reattiva (un marker di attività del processo), tuttavia, la sua determinazione non può aiutare nella diagnosi differenziale tra artrite reumatoide e la febbre reumatica. La concentrazione di proteina C-reattiva è direttamente correlata all'attività della spondilite anchilosante. Nel caso del lupus eritematoso (specialmente in assenza di sierosi), la concentrazione di proteina C-reattiva di solito non aumenta.

Con l'infarto miocardico, il CRB aumenta dopo 18-36 ore dall'esordio della malattia, diminuisce di 18-20 giorni e diventa normale entro il 30-40 ° giorno. Alti livelli di proteina C-reattiva nell'infarto miocardico (così come negli incidenti cerebrovascolari acuti) sono segni prognosticamente sfavorevoli. Con l'angina pectoris, rimane entro i limiti normali. La proteina C-reattiva deve essere considerata come un indicatore di ateromatosi attiva e complicanze trombotiche in pazienti con angina instabile.

Con la pancreatite edematosa, la concentrazione della proteina C-reattiva è normalmente entro i limiti normali, ma aumenta in modo significativo in tutte le forme di necrosi pancreatica. È stato stabilito che valori di proteina C-reattiva superiore a 150 mg / l indicano grave (necrosi pancreatica) o pancreatite acuta complicata. Lo studio della proteina C-reattiva è importante per determinare la prognosi della pancreatite acuta. Il valore predittivo dei risultati positivi e negativi del test della proteina C-reattiva per determinare la prognosi sfavorevole della pancreatite acuta in un punto di separazione superiore a 100 mg / l è del 73%.

Dopo l'intervento chirurgico, la concentrazione di proteina C-reattiva aumenta nel periodo postoperatorio precoce, ma inizia a diminuire rapidamente in assenza di complicanze infettive.

La sintesi della proteina C-reattiva è aumentata in tumori di varie localizzazioni. L'aumento della concentrazione di proteina C-reattiva nel sangue è noto per cancro del polmone, prostata, stomaco, ovaie e altri tumori. Nonostante la sua non specificità, il CRB, insieme ad altri marker tumorali, può servire come test per valutare la progressione e la ricaduta del tumore.

Esiste una forte correlazione tra il grado di aumento della proteina C-reattiva e la VES, tuttavia, la proteina C-reattiva appare e scompare prima delle variazioni di ESR.

Aumento delle concentrazioni di C-reattiva caratteristica proteina di reumatismi, acute batteriche, fungine, virali e infezioni parassitarie, endocardite, artrite reumatoide, tubercolosi, peritonite, infarto miocardico, gravi condizioni previe operazioni di tumori maligni con metastasi, mieloma multiplo.

Il livello di proteina C-reattiva non aumenta significativamente con le infezioni virali e da spirocheta. Pertanto, in assenza di traumi, valori molto alti di proteina C-reattiva nella maggior parte dei casi indicano la presenza di un'infezione batterica.

Nell'interpretazione dei risultati della determinazione della concentrazione di proteina C-reattiva deve considerare che per le infezioni virali, metastasi tumore maligno, il numero cronica e subacuta di malattie reumatiche caratterizzate da un aumento dei livelli di proteina C-reattiva a 10-30 mg / l. Infezione batterica, esacerbazione di alcune malattie reumatiche (per esempio artrite reumatoide) e danni ai tessuti (chirurgia, infarto del miocardio) accompagnata da un aumento della concentrazione di proteina C-reattiva a 40-100 mg / L (talvolta fino a 200 mg / l) e infezione generalizzata grave , ustioni, sepsi - fino a 300 mg / lo più.

Determinare il livello di proteina C-reattiva nel siero del sangue può servire come uno dei criteri per stabilire indicazioni e interrompere il trattamento antibiotico. Il livello di proteina C-reattiva inferiore a 10 mg / l indica assenza di infezione e non è necessario un trattamento antibiotico.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.