^

Salute

A
A
A

Sindrome della coda di cavallo

 
, Editor medico
Ultima recensione: 26.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Tra gravi condizioni patologiche di un isolato dolore vertebrale neurologico acuto nel plesso lombare radice nervosa canale spinale - sindrome della cauda equina (codice G83.4 ICD-10).

Qual è la coda di cavallo? Il midollo spinale è più corto della colonna vertebrale, e i medici chiamano le radici nervose dalla parte inferiore dei nervi del midollo spinale - lombare (LI-LV) e sacrale (SI-SV). Le radici nervose del plesso lombare, cono divergente, forniscono innervazione degli arti inferiori e degli organi pelvici.

trusted-source[1], [2], [3]

Epidemiologia

I più vulnerabili all'ernia del disco (e, di conseguenza, lo sviluppo della sindrome radicolare bilaterale acuta) sono persone di 40-50 anni; negli uomini si verifica un po 'più spesso rispetto alle donne. Si stima che dal 10 al 25% delle fratture vertebrali porti a lesioni del midollo spinale e sindromi dolorose acute.

trusted-source[4], [5], [6], [7]

Le cause sindrome della coda di cavallo

Essendo un complesso di una serie di sintomi, la sindrome della coda equina (che può essere chiamata sindrome caudale o sindrome radicolare bilaterale acuta) ha un'eziologia diversa.

Neuropatologi, vertebrologi e chirurghi spinali definiscono le seguenti possibili cause della sindrome della coda equina:

  • prolasso mediale (ernia) del disco intervertebrale nella regione lombare (più spesso a livello di LIII-LV);
  • lesioni traumatiche del midollo spinale localizzate sotto la regione lombare;
  • lo spostamento delle vertebre (spondilolistesi) in caso di dischi intervertebrali osteocondrosi o spondiloartrosi (artrosi deformante di snodi vertebre faccette);
  • neoplasie del midollo spinale (sarcoma, schwannoma) o metastasi di tumori maligni di varie sedi nelle vertebre;
  • stenosi (costrizione) del canale spinale (stenosi spinale), che si sviluppa a causa di alterazioni degenerative-distrofiche nella colonna vertebrale;
  • infiammazione del midollo spinale (malattia di Paget, malattia di Bechterew, spondilodiscite, neurosarcoidosi, polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica);
  • demielinizzazione dei processi nervosi con la sclerosi multipla progressiva;
  • complicazioni delle operazioni neurochirurgiche sulla colonna lombare;
  • conseguenze dello svolgimento di anestesia epidurale regionale o punture lombari iatrogene.

Molto spesso, come notano gli esperti, la sindrome della coda del cavallo si verifica quando il plesso nervoso viene schiacciato a causa dello spostamento dei dischi intervertebrali, a cui il loro prolasso conduce.

trusted-source[8], [9]

Patogenesi

Patogenesi sindrome caudale associato alla compressione (forte spremitura o pizzicare) dorsale e radice ventrale del midollo spinale nella regione del plesso lombare e la lesione dei motoneuroni sensoriali e il midollo ei loro processi. Questo influenza le radici di LI-SII, innervando gli arti inferiori; innervando le radici della vescica SI-SIII; radici del dipartimento sacrale SII-SV, che portano la trasmissione degli impulsi nervosi al perineo e all'ano.

I principali fattori di rischio per la sindrome della cauda equina - una lesione spinale, eccessiva o prolungata carico meccanico ortostatica sulla colonna vertebrale, cambiamenti legati all'età degenerativi nelle strutture del canale vertebrale, così come in fase di metastasi del cancro.

La gravità della sindrome di dolore è la compressione delle radici nervose della cauda equina e la loro danno può avere conseguenze irreversibili e complicazioni, paresi o paralisi degli arti inferiori, incontinenza, disfunzione erettile. L'iperattività del detrusore (liscia parete muscolare della vescica) può causare il reflusso di urina nel rene, che è irto di loro danno. In casi particolarmente gravi, potrebbe essere necessario utilizzare le stampelle o una sedia a rotelle.

trusted-source[10], [11], [12]

Sintomi sindrome della coda di cavallo

I primi segni di questa sindrome si manifestano con un improvviso dolore intenso alle gambe (specialmente nei fianchi) e alla vita, che restituiscono ai glutei e al perineo.

E sullo sfondo del dolore crescente, ci sono tali sintomi clinicamente caratteristici della sindrome della coda equina come:

  • perdita di forza muscolare nelle gambe (una o entrambe);
  • formicolio (pastesia) o intorpidimento (iperestesia) nella regione perineale e sulle superfici interne delle cosce e delle gambe inferiori a causa di una violazione della sensibilità superficiale della pelle;
  • contrazioni involontarie periodiche delle singole fibre muscolari (fascicolazione);
  • debolezza o assenza di riflessi - bicipite femorale, rotula (ginocchio), tendine di Achille e muscoli perineali (anale e bulbocavernoso);
  • violazione o perdita della gamba e degli organi pelvici (paraplegia);
  • problemi con la minzione (ritardo o incontinenza);
  • perdita di controllo sul processo di defecazione (violazione delle funzioni dello sfintere del retto e dell'incontinenza da feci associata);
  • disfunzione sessuale.

trusted-source[13], [14], [15]

Diagnostica sindrome della coda di cavallo

Il fatto che la sindrome caudale si manifesti non solo in forma acuta, ma anche in via progressiva, porta ad alcune difficoltà nella diagnosi.

La diagnosi della sindrome della coda equina inizia con lo studio dell'anamnesi e delle manifestazioni cliniche. Per una valutazione oggettiva di danni ai nervi plesso lombosacrale viene controllato sensibilità ai punti di controllo in siti che sono innervati processi ciascuna radice del nervo (nella parte anteriore e l'interno della coscia, un articolazioni del ginocchio, della caviglia e del dorso del piede, al Achille plesso et al.) . La mancanza di sensibilità in queste aree è un vero segno diagnostico di danno alle radici lombari e sacrale della coda del cavallo.

Esami del sangue obbligatori - generali e biochimici. E la diagnostica strumentale di questa sindrome include la roentgenografia della colonna vertebrale, la mielografia a contrasto, la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (MRI).

trusted-source[16], [17], [18]

Diagnosi differenziale

Quando la sindrome cauda equina è particolarmente importante diagnosi differenziale per distinguere il dolore simptokompleks eziologia compressione del dolore riflesso associato con la stimolazione delle radici nervose della colonna vertebrale in tali malattie come osteocondrosi lombare, anchilosante, osteoartrite deformando primaria, etc.

Chi contattare?

Trattamento sindrome della coda di cavallo

La sindrome della cauda equina è una condizione urgente che richiede cure mediche urgenti volte a prevenire danni irreversibili ai nervi ea sviluppare la paralisi.

Pertanto, ad oggi, il trattamento della sindrome della coda equina, causato da un'ernia del disco intervertebrale, viene effettuato mediante decompressione chirurgica precoce (la cui necessità deve essere confermata dalla diagnosi appropriata). In tali casi, il trattamento chirurgico entro 6-48 ore dall'insorgenza dei sintomi consente di eliminare la pressione sulle radici nervose mediante laminectomia o discectomia. Secondo il parere dei chirurghi spinali, il trattamento chirurgico della sindrome della coda del cavallo nel tempo specificato aumenta significativamente la possibilità di evitare disturbi neurologici persistenti.

Inoltre, può essere necessario un trattamento chirurgico per rimuovere i tumori spinali e, quando ciò non è possibile, si utilizza la radioterapia o la chemioterapia. Se la sindrome è causata da un processo infiammatorio, ad esempio, vengono utilizzate spondilite anchilosante, farmaci antinfiammatori, inclusi steroidi (metilprednisolone per via endovenosa).

La sindrome cronica della coda equina è molto più difficile da trattare. Per il dolore sollievo richiede forti antidolorifici e medici consiglia l'uso di farmaci che impieghi non steroidei anti-infiammatori (FANS), ad esempio, Lornoxicam (Ksefokam) - 4-8 mg (1-2 compresse) due o tre volte al giorno. Con dolore e trauma molto gravi, il farmaco viene somministrato per via parenterale; la dose giornaliera massima consentita è di 16 mg. Controindicazioni lornoxicam includono allergia ai FANS, asma bronchiale, scarsa coagulazione del sangue, ulcerose gastrointestinali patologia, epatica e insufficienza renale. Un possibile effetto collaterale del farmaco comprendono reazioni allergiche, mal di testa, disturbi del sonno, riduzione dell'acuità udito e la visione, aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, respiro corto, dolore addominale, secchezza delle fauci, e altri.

Viene mostrato l'uso di anti-convulsivi con acido gamma-aminobutirrico (neurotrasmettitore GABA). Questi medicinali comprendono Gabapentin (Gabagama, Gabantin, Lamitril, Neurontin, ecc.), Che si consiglia di assumere una capsula (300 mg) due volte al giorno. Il farmaco può causare effetti collaterali: mal di testa, tachicardia, aumento della pressione sanguigna, affaticamento, nausea, vomito, ecc. Con le malattie del fegato e il diabete è controindicato.

Quando non è possibile svuotare la cateterizzazione della vescica usarlo, e per il controllo della vescica nelle condizioni della sua disfunzione neurogena necessari farmaci anticolinergici, come l'ossibutinina (Sibutin). Il farmaco riduce il numero di impulsi da urinare e viene prescritto agli adulti una compressa (5 mg) fino a tre volte al giorno. L'agente non viene utilizzato se i pazienti hanno colite ulcerosa, ostruzione intestinale e malattia di Crohn. L'assunzione di oxibutinina può causare secchezza in bocca, stitichezza o diarrea, nonché mal di testa e nausea.

Un effetto positivo con ipoestesia che accompagna la sindrome della coda equina, dà vitamine del gruppo B.

Il trattamento fisioterapeutico per la manifestazione acuta della sindrome è semplicemente impossibile, e nei casi cronici può essere utile purché non vi sia alcuna componente infiammatoria. Ad esempio, per aumentare il tono muscolare ci sono sessioni di stimolazione elettrica dell'hardware. La fisioterapia viene anche utilizzata per ripristinare il paziente dopo l'intervento chirurgico.

Prevenzione

Gli esperti ritengono che la prevenzione dello sviluppo di questa sindrome consista nella diagnosi precoce di malattie e patologie della colonna vertebrale e nella loro tempestiva terapia.

trusted-source[19]

Previsione

La prognosi di recupero dipenderà dalla durata dell'azione di compressione sulle radici nervose e dal grado del loro danno. Quindi, più lungo è il periodo prima dell'eliminazione della compressione che causa danni ai nervi, maggiore è il danno e più lungo è il processo di recupero. E con l'eziologia infiammatoria o la perdita delle guaine mieliniche, la sindrome della coda equina può essere cronica e progressiva.

trusted-source[20], [21]

È importante sapere!

Immaginiamo di respirare come un processo così naturale che non siamo mai visitati dal pensiero del suo meccanismo. Solo quando inspiriamo o espiriamo sentiamo dolore alla schiena, al petto, iniziamo a pensare a quelle ragioni che potrebbero portare a un benessere insignificante. Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.