Sindrome dell'arteria vertebrale

Malattie del sistema nervoso è legata indissolubilmente alle malattie vascolari, perché è spesso sintomi patologie neurologiche osservate come vertigini, mal di testa, stanchezza, una sensazione di "mosche" davanti agli occhi, disturbi della coscienza. Una di queste patologie vascolari è la sindrome delle arterie vertebrali, una condizione dolorosa che non solo influisce negativamente sulle prestazioni del paziente, ma peggiora anche la qualità della vita.

Le cause della sindrome dell'arteria vertebrale

Nella maggior parte dei casi, la sindrome delle arterie vertebrali è causata da cambiamenti dolorosi nella colonna vertebrale, nella struttura muscolare che circonda la colonna vertebrale. Anche il fattore scatenante è varie malattie delle navi arteriose stesse.

Quindi, possiamo identificare le principali cause possibili della sindrome:

  • anomalie vascolari congenite (arterie convolute, restringe, curve patologiche, ecc.);
  • malattie in cui vi è un restringimento del lume arterioso (alterazioni aterosclerotiche nei vasi sanguigni, angiite e vasculite, trombosi vascolare e tromboembolia);
  • l'influenza di cause esterne sul lume dell'arteria ( osteocondrosi cervicale, trauma meccanico della colonna vertebrale, curvatura della colonna vertebrale, processi tumorali, spasmi muscolari, stiramento del tessuto cicatriziale).

Vale la pena notare che la sindrome dell'arteria vertebrale sinistra si verifica più spesso di quella destra. Ciò è dovuto al fatto che l'arteria anatomicamente sinistra emerge dal sito dell'arco aortico, che molto spesso soffre di cambiamenti aterosclerotici. Inoltre, in questa zona spesso c'è osteocondrosi, che si verifica con cambiamenti distrofici e degenerativi nei tessuti. Quando l'osteocondrosi, il vaso arterioso è compresso da escrescenze ossee - osteofiti, con conseguente significativo deterioramento della circolazione del sangue nel cervello.

Nonostante il fatto che la sindrome dell'arteria vertebrale destra sia meno comune, molti dei motivi sopra riportati possono portare al suo aspetto. In questo caso, il paziente ha un marcato deterioramento della salute, che è particolarmente evidente con movimenti improvvisi della testa.

Patogenesi

La circolazione del sangue nel cervello viene effettuata a causa del flusso di sangue da quattro vasi arteriosi: un paio di arterie carotidi comuni e un paio di vertebrati - sinistra e destra.

Il volume principale del flusso sanguigno passa attraverso le arterie carotidi, quindi la maggior parte degli stati dell'ictus si sviluppa a causa di disturbi circolatori in queste navi. Le arterie vertebrali hanno una capacità significativamente inferiore e la violazione del flusso sanguigno non rappresenta un rischio per la vita, ma ne altera significativamente la qualità.

Qualsiasi variazione espressa nel movimento del sangue attraverso le arterie vertebrali porta ad un aumento dei segni di ipossia cerebrale, che non può che influire sulla sua funzionalità.

Sintomi della sindrome dell'arteria vertebrale

I primi segni della sindrome dell'arteria vertebrale sono cefalee debilitanti permanenti , pulsanti, localizzate nell'occipite.

Con l'inizio di un attacco, i dolori spesso colpiscono altre aree della testa, ad esempio nell'area "fronte" o nella zona temporo-mandibolare.

Il dolore nella sindrome delle arterie vertebrali è presente costantemente o aumenta con gli attacchi. Spesso la pelle diventa sensibile nell'area della zona dolente: anche un leggero tocco può causare sensazioni molto spiacevoli.

Durante i movimenti della testa, si sente spesso uno specifico crunch: il paziente avverte formicolio e fastidio al collo. A volte la condizione è accompagnata da vertigini, dispepsia, problemi di udito e di vista. Alcuni pazienti lamentano anche disagio nella faringe (sensazione di un corpo estraneo), difficoltà nel deglutire il cibo.

Tra i sintomi aggiuntivi non specifici dovrebbe essere la sete, una sensazione transitoria di fame, brividi, seguita da un caldo.

La perdita dell'udito nella sindrome delle arterie vertebrali comincia a manifestarsi con una sensazione di rumore o ronzio nelle orecchie, vertigini. L'udito può diminuire in un solo orecchio, a seconda della zona di localizzazione del disturbo circolatorio. Allo stesso tempo, si osservano disturbi dell'apparato vestibolare.

Sindrome dell'arteria vertebrale in donne in gravidanza

In gravidanza, il carico sulla colonna vertebrale aumenta in modo significativo. Inoltre, la sua posizione naturale cambia, il che comporta la tensione dei muscoli adiacenti alla colonna vertebrale. Tutto questo in congiunzione con i vasi, pizzicato dal crescente utero, e colpisce l'aspetto dei segni della sindrome delle arterie vertebrali.

Di norma, dopo la nascita, il corpo ritorna gradualmente alla normalità, viene ripristinata anche la condizione della colonna vertebrale e scompaiono le manifestazioni della sindrome. Per accelerare la stabilizzazione della posizione della colonna vertebrale e la rimozione dello spasmo muscolare, si raccomanda di sottoporsi a un ciclo di terapia manuale, massaggio e terapia fisica dopo il parto.

Fasi

Nel suo sviluppo, la sindrome dell'arteria vertebrale ha due stadi.

  • La fase funzionale (distonica) è caratterizzata da mal di testa, che sono costantemente presenti, a volte aumentando con movimenti o giri del collo.

Inoltre, per la fase di distonia caratterizzata da vertigini, sia lievi che gravi, disturbi dell'udito e della vista. La valutazione del fondo solitamente indica una diminuzione del tono vascolare.

  • Con un'ulteriore progressione della sindrome delle arterie vertebrali dopo lo stadio distonico arriva il seguente: ischemico. È caratterizzato da disturbi del flusso sanguigno nel cervello, che si manifestano come attacchi ischemici transitori. Tali attacchi non sono altro che attacchi accompagnati da vertigini, disturbi di coordinazione, dispepsia, disturbi del linguaggio. L'attacco può iniziare con un altro movimento incurante del collo. Alla fine dell'attacco, il paziente diventa debole, debole, si lamenta di squilli nelle orecchie, lampi di luce negli occhi, stanchezza, dolore alla testa.

Complicazioni e conseguenze

Qual è il pericolo della sindrome delle arterie vertebrali? Con la sindrome delle arterie vertebrali, si verifica un disturbo del flusso sanguigno nel cervello. Questo può manifestarsi sotto forma di violazioni del linguaggio, della coscienza, della funzione digestiva.

La progressione del processo patologico può portare a un fallimento funzionale stabile delle strutture del cervello staminale. Con questo sviluppo di eventi, ci sono periodi acuti della malattia con condizioni di svenimento di breve durata (circa 10-15 minuti).

La stretta relazione dei nervi che passa vicino all'arteria vertebrale e il sistema cardiovascolare in patologia può causare ischemia miocardica e, con ripetuti attacchi regolari, può svilupparsi l'infarto.

La sindrome dell'arteria vertebrale è talvolta manifestata dal disturbo dei processi di deglutizione, che può portare a disfunzione respiratoria.

Se la sindrome dell'arteria vertebrale non viene curata, le condizioni del paziente peggioreranno gradualmente fino all'appropriazione del gruppo di disabilità appropriato.

Dopo il disturbo circolatorio nel cervello, ischemia acuta, può verificarsi ictus, il paziente diventa disabilitato e spesso perde la capacità di servire se stessa in modo indipendente.

Diagnostica della sindrome dell'arteria vertebrale

Spesso la diagnosi è già stata stabilita con un esame preliminare del paziente da parte di un medico. Il medico sonda le aree dolorose nella parte posteriore del collo, controlla l'ampiezza dei movimenti della testa e osserva la reazione del paziente.

In alcuni casi, vengono anche forniti test aggiuntivi. Ad esempio, un esame del sangue biochimico può determinare un livello elevato di colesterolo, indicando la presenza di aterosclerosi. L'analisi della coagulabilità del sangue aiuta a determinare l'ipercoagulabilità e la tendenza del corpo ad aumentare la trombosi.

La diagnostica strumentale può essere espressa nell'esecuzione di un esame radiologico della colonna vertebrale. È particolarmente importante esaminare la zona dalla prima vertebra cervicale all'osso occipitale, poiché questo sito è il luogo più frequente di compressione dell'arteria vertebrale.

Inoltre, è possibile l'imaging a risonanza magnetica. Questo tipo di studio consente di determinare la presenza di ernie, osteofiti, protrusioni del disco. Un'ulteriore applicazione di contrasto fornisce la visualizzazione del lume dell'arteria vertebrale.

Meno comunemente, ecografia dei vasi del collo, che aiuta a identificare i difetti all'interno del lume vascolare.

Cosa c'è da esaminare?

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale viene effettuata con un'emicrania normale , a causa della somiglianza del quadro clinico.

Chi contattare?

Trattamento della sindrome dell'arteria vertebrale

Poiché la sindrome dell'arteria vertebrale è una malattia multisintomatica, dovrebbe essere trattata solo in un complesso.

I farmaci che il medico può utilizzare per trattare la sindrome, in primo luogo, dovrebbero mirare a rimuovere edema e infiammazione dai tessuti, nonché la possibile espansione del lume delle arterie.

Dosaggio

Effetti collaterali

Istruzioni speciali

Baclofen

Assumere una quantità di 15 a 60 mg al giorno, in tre dosi divise.

Disturbi del sonno, affaticamento, mancanza di respiro, abbassamento della pressione sanguigna, gonfiore, disturbi della minzione.

Il trattamento con il farmaco inizia e finisce, aumentando gradualmente e diminuendo la dose. La droga non può essere improvvisamente rovesciata.

Aktovegin

Assegna 1-2 compresse tre volte al giorno prima dei pasti. Il trattamento continua 1-1,5 mesi.

Febbre, dermatite (compresa quella allergica), alterazioni della pressione sanguigna, debolezza.

Nei casi più gravi, viene utilizzata l'iniezione del farmaco.

Vinpotsetin

Prendi 1-2 compresse tre volte al giorno, dopo i pasti.

Disturbi del sonno, stupore, arti tremanti, arrossamento della congiuntiva, anemia.

Il farmaco non è usato nella pratica dei bambini.

Vazobral

Assuma ½-1 compressa due volte al giorno. Il trattamento dura fino a 3 mesi.

Dolore all'addome, disturbi del sonno, indigestione.

Contiene caffeina

Nimesulide

Prendi 1 compressa due volte al giorno, dopo aver mangiato.

Dolore all'addome, bruciore di stomaco, allergie.

Richiede cautela in presenza di malattie dell'apparato digerente.

Instenon

Può essere usato in compresse o iniezioni. Le compresse richiedono 1-2 pezzi. Fino a 3 volte al giorno. Il farmaco per iniezione viene somministrato 1 ml fino a 3 volte al giorno per 3-5 giorni.

Dolore alla testa, arrossamento del viso.

Non è prescritto per l'epilessia.

Vitamine del gruppo B - uno dei componenti del trattamento competente della sindrome delle arterie vertebrali. Vitamine come la tiamina (B1), niacina (B3), piridossina (B6) e cianocobalamina (B12) sono coinvolti nel metabolismo cellulare, stimolare i neuroni cerebrali, accelerare la trasmissione degli impulsi nervosi.

Al fine di migliorare e facilitare il lavoro del cervello, puoi prendere i seguenti preparati vitaminici:

  • Milgamma è un rimedio vitaminico neurotropico, che viene spesso prescritto per patologie del sistema nervoso e muscolo-scheletrico. Il farmaco viene somministrato per via intramuscolare, 2 ml 1 volta al giorno, quindi a giorni alterni. Nel periodo di remissione, è possibile un uso alternativo di compresse di Milgramam - 1 unità ciascuno. Tre volte al giorno.
  • Neurobion - una combinazione di vitamine neurotropiche, è disponibile sotto forma di iniezioni e compresse. Il farmaco per iniezione viene somministrato per via intramuscolare di 1 fiala al giorno fino a quando le condizioni del paziente non sono normalizzate. Le compresse richiedono 1 pz. Tre volte al giorno, con il cibo.
  • Il neurovitan è un complesso rimedio vitaminico per il trattamento di malattie del sistema nervoso, artralgia e mialgia. Solitamente prescritto da 1 a 4 compresse al giorno.

Il trattamento fisioterapeutico viene utilizzato per accelerare la circolazione sanguigna, stabilizzare il tono vascolare, normalizzare il sistema nervoso centrale e supportare i processi metabolici. Aiuto nel trattamento della sindrome delle arterie vertebrali può fornire tali procedure:

  • elettroforesi di vasodilatatori e farmaci stimolanti, galvanizzazione;
  • elettroforesi con vasocostrittori, procedure di contrasto;
  • darsonvalizzazione;
  • elettrosleep, francofonia, bagni con aghi, azoto;
  • aeroterapia, talassoterapia;
  • terapia UHF transcerebrale.

Il massaggio con la sindrome delle arterie vertebrali viene utilizzato come agente terapeutico ausiliario. Durante il massaggio, il cervello riceve segnali che agiscono sul sistema nervoso lenitivo, che provoca il ritiro del dolore. Il principale metodo di rilassamento del massaggio analgesico è l'accarezzamento: con leggeri movimenti delle dita, accarezzando il viso, così come la regione parietale e occipitale della testa. Se vengono utilizzate altre tecniche di massaggio, come l'impastatura o lo sfregamento, l'intera sessione termina con rilassanti movimenti "correnti".

La terapia manuale aiuta ad alleviare la tensione nella colonna vertebrale cervicale e nei muscoli della testa. Questa procedura consiste in un complesso complesso di tecniche meccaniche che calmano il dolore, ripristinano l'ampiezza dei movimenti del collo, regolano il tono vascolare. Non dovresti identificare la terapia manuale con il massaggio, poiché si tratta di effetti terapeutici completamente diversi.

L'osteopatia è una delle opzioni per il trattamento manuale, con cui è possibile influire sulla circolazione del liquido cerebrospinale, la qualità della circolazione sanguigna. Il medico osteopatico effettua le varie zone del cranio, in particolare sulle tempie, l'occipite e la mandibola, applicando movimenti pressanti insignificanti in tempo per il funzionamento dell'apparato respiratorio.

L'agopuntura, al contrario dei farmaci, consente di stimolare la difesa del proprio corpo, in cui esiste una sintesi di sostanze speciali che dirigono tutte le forze interne a combattere la malattia. Questo tipo di trattamento è particolarmente rilevante nella sindrome delle arterie vertebrali, poiché elimina gli spasmi muscolari, arresta le sensazioni dolorose. L'introduzione dell'ago assolutamente non causa dolore. Questa procedura viene eseguita rigorosamente secondo le indicazioni e solo da uno specialista medico appositamente formato.

L'omeopatia viene prescritta solo dopo aver determinato le cause esatte della sindrome dell'arteria vertebrale. Solo in questo caso possiamo aspettarci un beneficio significativo dai farmaci omeopatici.

Con dolore costante, si consiglia di utilizzare la diluizione C6-C12. Le medicine contengono da 6 a 8 granuli fino a 3 volte al giorno. Durata dell'ammissione - a discrezione del medico, fino a quando la condizione migliora.

  • Arnica: aiuta a premere il dolore, i traumi cerebrali e anche il dolore, a seconda della posizione della testa o dello stato emotivo.
  • Bryonia - adatto a pazienti con dolori pulsanti e contrazioni, che sono accompagnati da attacchi di vomito e dispepsia.
  • Camomilla - è usato per alleviare la condizione nei pazienti che sono particolarmente sensibili a qualsiasi dolore.
  • Kokkulyus - può essere usato per il dolore nella regione occipitale, che sono combinati con vertigini e disturbi del sonno.
  • Veratrum - sarà efficace per i dolori che sono accompagnati da perdita di coscienza, sudorazione, specialmente quando la testa o il busto sono inclinati anteriormente.

Il trattamento chirurgico è usato solo in casi molto estremi, se il restringimento dell'arteria vertebrale diventa critico e minaccia la vita del paziente. L'uso dell'intervento chirurgico consente di influenzare direttamente la causa della sindrome, quindi l'operazione può essere quella di rimuovere il tumore, l'osteofita, il coagulo o altri fattori che influenzano la pervietà dell'arteria vertebrale.

Trattamento della sindrome delle arterie vertebrali a casa

L'autotrattamento della sindrome delle arterie vertebrali di solito consiste nello svolgere esercizi chiamati isometrici: durante gli esercizi il carico è sugli arti superiori e il collo e la testa sono immobili allo stesso tempo.

Uno degli esercizi è progettato per creare una tensione laterale:

  • Il palmo è posto sulla regione temporale e inizia a essere premuto, mentre il collo dovrebbe resistere;
  • viene eseguita prima da una, poi dall'altra parte.

Esercizi simili vengono eseguiti quando il palmo si trova sulla fronte e sull'occipite.

Prima del ciclo di allenamento, è necessario sapere che inizialmente è consentito un deterioramento dello stato, che viene quindi normalizzato.

Trattamento alternativo

Come trattamento alternativo, è possibile utilizzare i seguenti mezzi popolari:

  • Tre grandi teste d'aglio vengono pulite, frantumate e lasciate in frigorifero per tre giorni. Dopo di ciò, il succo viene filtrato, viene aggiunta una uguale quantità di miele e succo di limone. L'agente beve di notte per 1 cucchiaio. L.
  • Il più spesso possibile, il tè viene bevuto con l'aggiunta di bacche e frutti contenenti acido ascorbico (mirtilli, ribes, agrumi, olivello spinoso ecc.).
  • Grattugiate 0,5 kg di castagne fresche, versatele con acqua e lasciatele in un luogo fresco per 7 giorni. Il prodotto risultante viene filtrato e bevuto tre volte al giorno per 30 minuti prima dei pasti per 1 cucchiaino.

La terapia a base di erbe di solito integra con successo la terapia tradizionale. Migliorare le condizioni del paziente può essere, utilizzando tali varianti di ricette:

  • Preparare l'infusione di menta di 250 ml di acqua bollente e 1 cucchiaino pieno di foglie di menta essiccate. Insistere 20 minuti. Bere 1/3 di tazza tre volte al giorno per mezz'ora prima dei pasti.
  • Prendi l'erba lombaggine (2 cucchiaini), versa 250 ml di acqua calda e insisti per la notte. Al mattino, filtrare e bere un po 'per tutto il giorno.
  • Preparare l'infusione di fiori di sambuco - 250 ml di acqua bollente per 1 cucchiaio. L. Fiori. Insistere per 30 minuti, filtrare. Bere infuso con miele, 50-75 ml tre volte al giorno prima dei pasti.

Esercizi che rimuovono i sintomi della sindrome delle arterie vertebrali

Grande beneficio sarà dato agli esercizi volti ad alleviare i sintomi della sindrome delle arterie vertebrali. Ad esempio, in tutte le fasi della malattia puoi praticare tali attività:

  • rotazione a destra e sinistra delle articolazioni della spalla, impastando le braccia dei muscoli del collo, oscillando le braccia su e giù;
  • Una mano libera che pende con una schiena inclinata e un collo rilassato;
  • esercizi con una corda per saltare e una trave ginnica, flettendo e piegando la schiena;
  • nuoto.

Prevenzione

Per scopi preventivi si consiglia di eseguire una serie di esercizi fisici che rafforzeranno i muscoli della schiena. Per condurre gli esercizi è sufficiente dare loro 5-10 minuti per ogni ora di lavoro. Un tale regime aiuterà a rilassare i muscoli spasmodici e ad accelerare il flusso sanguigno nel letto vascolare.

Durante il sonno, una persona dovrebbe sentirsi più a proprio agio possibile. È consigliabile scegliere uno speciale cuscino ortopedico fisiologico, che darà alla testa la posizione naturale più confortevole in un sogno.

Non meno comodo dovrebbe essere un materasso: la sua morbidezza dovrebbe essere mediamente dura.

Una o due volte l'anno, si consiglia di visitare un massaggiatore ed eseguire almeno 10 sedute di massaggio.

Anche il trattamento del sanatorio, l'aria fresca, l'attività fisica moderata e il riposo sono ben accetti.

Sindrome del midollo spinale e sport

I pazienti che soffrono della sindrome dell'arteria vertebrale sono consigliati esercizio moderato. Pilates, yoga, nuoto, esercizi ginnici semplici sono i benvenuti.

L'attività fisica intensa, così come gli sport professionali non sono raccomandati. Le lezioni in palestre, club fitness e sezioni dovrebbero essere condotte solo sotto la supervisione di un medico specialista.

Previsione

Una persona che soffre di una sindrome delle arterie vertebrali è utile per il servizio militare nell'esercito?

Non esiste una risposta univoca a questa domanda, poiché tutto dipende dal grado di pervietà arteriosa e dai disturbi della circolazione cerebrale.

  • Se il paziente lamenta dolore alla testa e non ci sono altri segni della malattia, può essere chiamato per un servizio militare urgente.
  • Se la sindrome è accompagnata da vertigini, periodicamente ci sono delle convulsioni, e in una storia ci sono confermati attacchi ischemici transitori, quindi una tale persona può essere trovata inadatta al servizio nell'esercito.

La disabilità può essere attribuita solo a quei pazienti la cui condizione è accompagnata da attacchi ischemici transitori, con ridotta attività motoria e sensibilità, compromissione periodica o permanente della vista e dell'udito, vertigini e perdita di coscienza. Tale condizione deve necessariamente essere confermata dalla presenza di record nella storia medica e nella cartella clinica del paziente.

In generale, la prognosi della sindrome dell'arteria vertebrale può essere considerata relativamente favorevole. Se la conseguenza della malattia diventa ictus o ischemia, le condizioni del paziente peggiorano significativamente, fino alla disabilità. Tuttavia, anche in questi pazienti ci sono possibilità di recupero piuttosto elevate.

Con tutte le prescrizioni e le raccomandazioni dei medici, la sindrome del midollo spinale può essere trasferita a un periodo di remissione stabile, in cui è possibile condurre una vita normale, visitando periodicamente un medico per monitorare la condizione.

È importante sapere!

Il muscolo spinale (M. Spinalis) è il più mediale delle tre parti del muscolo che raddrizza la colonna vertebrale. Il muscolo è direttamente collegato ai processi spinosi delle vertebre toracica e cervicale. Leggi di più...

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 25.06.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.