You are here

Trapianto

Ultima revisione di: , esperto medico, su 24.06.2018

Il trapianto clinico è un complesso di conoscenze e abilità mediche che consentono l'uso del trapianto come metodo per trattare varie malattie che non rispondono ai metodi tradizionali di trattamento.

Le principali aree di lavoro nel campo del trapianto clinico:

  • identificazione e selezione dei potenziali destinatari di organi donatori;
  • eseguire un intervento chirurgico appropriato;
  • condurre un adeguato trattamento immunosoppressivo per massimizzare la vita del trapianto e del ricevente.

Il trapianto clinico si sviluppa sulla base dei più moderni metodi di diagnostica, chirurgia, anestesiologia e rianimazione, immunologia, farmacologia, ecc. A sua volta, le esigenze pratiche del trapianto clinico stimolano lo sviluppo di queste aree della scienza medica.

Lo sviluppo del trapianto clinico è stato facilitato dal lavoro sperimentale dello scienziato russo V.P. Demikhova negli anni 40-60 del secolo scorso. Ha gettato le basi delle tecniche chirurgiche per il trapianto di vari organi, ma lo sviluppo clinico delle sue idee ha avuto luogo all'estero.

Il primo organo trapiantato con successo era il rene (Murray J., Boston, USA, 1954). Era un trapianto correlato: il donatore era un gemello identico di un ricevente affetto da insufficienza renale cronica. Nel 1963, T. Shtartsl a Denver (USA) ha avviato il trapianto di fegato clinica, ma il vero successo è stato raggiunto solo nel 1967. Nello stesso anno X. Bariard a Città del Capo (Sud Africa) ha eseguito il primo trapianto di cuore successo. Il primo trapianto di un pancreas pancreatico a un essere umano è stato eseguito nel 1966 da V. Kelly e R. Lillichay presso l'University Hospital of Minnesota (USA). Un paziente con diabete mellito con insufficienza renale cronica è stato impiantato con un segmento di pancreas e un rene. Di conseguenza, per la prima volta, è stata raggiunta la riabilitazione quasi completa del paziente: insuccesso dell'insulina e dialisi. Il pancreas è il secondo organo dopo il rene, trapiantato con successo da un donatore vivente. La stessa operazione viene prodotto anche presso l'Università del Minnesota nel 1979, il primo trapianto di polmone successo eseguita J. Hardy nel 1963 nel Mississippi Clinic (USA), e nel 1981 B. Reitz (Stanford, USA) è riuscita, trapiantato il cuore di un complesso -logkie.

Il 1980 nella storia del trapianto è considerato l'inizio dell'era "ciclosporina", quando, dopo gli esperimenti di R. Calne a Cambridge, Gran Bretagna, una sostanza immunosoppressiva fondamentalmente nuova, la ciclosporina, fu introdotta nella pratica clinica. L'uso di questo farmaco ha migliorato significativamente i risultati del trapianto di organi e ha permesso di raggiungere la sopravvivenza a lungo termine dei riceventi con trapianti funzionanti.

Alla fine del 1980-primi anni 1990 sono stati caratterizzati dalla nascita e lo sviluppo di una nuova direzione del trapianto clinico - Il trapianto di fegato da donatore frammenti (Raya C, Brasile, 1988 vivente, Forte RV, Australia, 1989; Brolsh X. Il, Stati Uniti 1989 ).

Nel nostro paese il primo trapianto renale di successo è stato eseguito dall'Accademico B.V. Petrovsky, 15 aprile 1965 Questo trapianto da donatore vivente (da madre a figlio) ha avviato lo sviluppo del trapianto clinico nella medicina domestica. Nel 1987, l'accademico V.I. Shumakov ha trapiantato con successo il cuore per la prima volta e nel 1990 un gruppo di specialisti del Centro di ricerca russo per la chirurgia dell'Accademia russa delle scienze mediche (RSCC RAMS), sotto la supervisione del professor A.K. Yeramishantseva ha eseguito il primo trapianto di fegato ortotopico in Russia. Nel 2004, è stato eseguito il primo trapianto di successo del pancreas (usando il suo frammento distale da un donatore vivente correlato) e nel 2006 - l'intestino tenue. Dal 1997, l'Accademia Russa delle scienze mediche ha eseguito un trapianto di fegato correlato (SV Gauthier).

Scopo del trapianto

La pratica medica e numerosi studi su autori domestici indicano la presenza di un gran numero di pazienti affetti da lesioni epatiche terminali, renali, cardiache, polmonari, intestinali, in cui i metodi di trattamento comunemente usati stabilizzano solo temporaneamente le condizioni dei pazienti. Oltre all'importanza umanitaria del trapianto come un tipo di cura radicale che consente di salvare la vita e ripristinare la salute, la sua efficacia socio-economica è evidente anche rispetto al trattamento chirurgico conservativo e palliativo lungo, costoso e poco promettente. Come risultato dell'uso del trapianto, la società viene restituita ai suoi membri a pieno titolo con capacità lavorativa conservata, possibilità di creare una famiglia e la nascita di bambini.

Indicazioni per il trapianto

L'esperienza mondiale del trapianto indica che i risultati dell'intervento dipendono in gran parte dalla correttezza della valutazione delle indicazioni, dalle controindicazioni e dalla scelta del momento ottimale dell'operazione in un particolare potenziale destinatario. Il decorso della malattia richiede un'analisi dal punto di vista dell'aspettativa di vita sia in assenza che dopo trapianto, tenendo conto della necessità di un'immunosoppressione indotta da farmaci per tutta la vita. L'inefficacia dei metodi terapeutici o chirurgici di trattamento è il criterio principale nella selezione dei potenziali destinatari degli organi dei donatori.

Quando si determina il momento ottimale del trapianto nei bambini, l'età del bambino è di grande importanza. Il miglioramento osservato nei risultati del trapianto di organi a loro con l'aumentare dell'età e del peso corporeo non è un motivo del ritardo, per esempio, un trapianto di fegato quando biliare o grave insufficienza epatica. D'altra parte, uno stato relativamente stabile del bambino, per esempio, a danno epatico colestatico (biliare ipoplasia, Malattia di Caroli, malattia Baylera, ecc.), Insufficienza renale cronica in un efficace peritoneale o emodialisi permette di ritardare l'operazione fino a raggiungere uno stato stabile su uno sfondo di trattamento conservativo . Il trapianto Tuttavia, il periodo per il quale si trovava non dovrebbe essere eccessivamente lungo per ritardare lo sviluppo fisico e intellettuale del bambino non è diventato irreversibile.

Pertanto, sono postulati i seguenti principi e criteri per selezionare i potenziali destinatari del trapianto di organi:

  • Presenza di indicazioni per il trapianto:
    • danno d'organo irreversibile, manifestato da una o più sindromi potenzialmente letali;
    • inefficienza di terapia conservatrice e metodi chirurgici di trattamento.
  • Assenza di controindicazioni assolute.
  • Una previsione di vita favorevole dopo il trapianto (a seconda della forma nosologica della malattia).

Le indicazioni per il trapianto sono molto specifiche per ciascun organo specifico e sono determinate dallo spettro delle forme nosologiche. Allo stesso tempo, le controindicazioni sono abbastanza universali e dovrebbero essere prese in considerazione quando si selezionano e si preparano i riceventi per il trapianto di qualsiasi organo.

Preparazione per il trapianto

La preparazione preoperatoria viene effettuata al fine di un possibile miglioramento dello stato di salute di un potenziale destinatario e l'eliminazione di fattori che possono influire negativamente sul corso dell'operazione e sul periodo postoperatorio. Quindi, possiamo parlare di due componenti del trattamento preoperatorio di potenziali destinatari di organi donatori:

  • trattamento volto ad eliminare o minimizzare le relative controindicazioni al trapianto;
  • trattamento volto a mantenere la vita del paziente in previsione del trapianto e ad ottimizzare le sue condizioni fisiche al momento dell'operazione.

La lista d'attesa è un documento per la registrazione dei pazienti che necessitano di un trapianto di uno o di un altro organo. In esso nota dei dati di targa, diagnosi, data di stabilimento, del grado di gravità della malattia, presenza di complicanze, nonché i dati necessari per la selezione del donatore di organi -. Sangue, parametri antropometrici, i risultati di HLA-tipizzazione, il livello di anticorpi preesistenti, ecc I dati vengono costantemente aggiornati in vista inserendo nell'elenco di nuovi pazienti, cambiando il loro stato, ecc.

Il paziente non è incluso nella lista di attesa dell'organo donatore in presenza di eventuali focolai di infezione all'esterno dell'organo da sostituire, poiché possono causare gravi complicazioni sullo sfondo della terapia immunosoppressiva nel periodo post-trapianto. In conformità con la natura del processo infettivo, il suo trattamento viene effettuato, l'efficacia è controllata da studi batteriologici e virologici di serie.

Farmaco-indotta immunosoppressione, che si tiene tradizionalmente per ridurre al minimo le manifestazioni autoimmuni della malattia cronica del fegato, rene, cuore, polmone, e prevede la nomina di alte dosi di corticosteroidi, crea le condizioni favorevoli per lo sviluppo di vari processi infettivi e l'esistenza di agenti patogeni, che può essere attivato dopo il trapianto. Di conseguenza, durante la terapia con corticosteroidi cancellata preparazione preoperatoria, seguita da riorganizzazione di lesioni di infezione batterica, virale e / o funghi.

Nel processo di esame dei pazienti, in particolare dei bambini, vengono rilevate violazioni dello stato nutrizionale di diversa gravità, la cui correzione con miscele ipercaloriche contenenti grandi quantità di proteine è difficile nei pazienti con malattie epatiche e renali. Per questo motivo, è consigliabile utilizzare sostanze nutritive, costituite prevalentemente da amminoacidi con catene ramificate, keto analoghi di aminoacidi essenziali e proteine vegetali, che reintegrano la carenza di vitamine e minerali liposolubili. I pazienti con sindrome da insufficienza intestinale in attesa del trapianto dell'intestino tenue devono completare una nutrizione parenterale completa.

Una componente importante della gestione preoperatoria di un potenziale destinatario è la preparazione psicologica.

La valutazione integrale degli indicatori di stato del paziente consente di determinare la prognosi della malattia e di assegnare il paziente a uno o un altro gruppo in termini di urgenza del trapianto:

  • I pazienti che necessitano di cure intensive costanti richiedono un intervento chirurgico urgente.
  • I pazienti che necessitano di assistenza medica interna di solito devono eseguire l'operazione entro poche settimane.
  • I pazienti in uno stato stabile possono aspettarsi il trapianto per diversi mesi e vengono periodicamente ospedalizzati per prevenire la progressione delle complicanze di una malattia cronica.

Organi donatori per il trapianto

Un trapianto correlato è diventato possibile grazie alla presenza di organi pari (rene, polmone) e le proprietà speciali di alcuni organi appaiati anatomofiziologicheskih solidi umani (fegato, pancreas, intestino tenue), e attraverso il miglioramento continuo delle tecniche chirurgiche e parahirurgicheskih.

Allo stesso tempo, le relazioni all'interno del triangolo "paziente-donatore vivente" sono costruite non solo sulle posizioni deontologiche generalmente accettate, quando la prerogativa è interamente data al paziente, ma con un processo decisionale informato e volontario da parte del donatore.

Caratteristiche dell'intervento chirurgico nel trapianto

La base ideologica dell'operazione di un donatore vivente è la combinazione di minimizzare il rischio del donatore e ottenere un trapianto di alta qualità. Questi interventi hanno una serie di caratteristiche distintive che non consentono di classificarli come manipolazioni chirurgiche generali:

  • l'operazione viene eseguita in una persona sana;
  • le complicazioni comportano una minaccia per la vita e la salute di due persone contemporaneamente - il donatore e il ricevente;
  • la mobilitazione di un organo o la separazione del suo frammento viene eseguita nelle condizioni della circolazione continua di questo organo.

I compiti principali della tecnica chirurgica e dell'anestesia nei donatori viventi:

  • minimizzazione delle lesioni operative;
  • minimizzazione della perdita di sangue;
  • Esclusione del danno d'organo ischemico durante le manipolazioni chirurgiche;
  • Riduzione del tempo di ischemia termica durante l'assunzione di un trapianto.

Trapianto frammentario di perfusione e conservazione

Indipendentemente dal tipo ottenuto mediante innesto subito dopo la sua sospensione dal corpo dell'innesto donatore viene posto in un vassoio di ghiaccio sterile, dove dopo la cannulazione vaso afferente iniziare soluzione di conservazione di perfusione ad una temperatura di + 40 ° C. Attualmente, nella pratica del trapianto correlato, viene utilizzata più spesso una soluzione conservante di "Custodiol". Il criterio della perfusione di sufficienza è la fornitura di una soluzione conservante pura (senza aggiunta di sangue) dalla bocca della vena trapiantata. Successivamente, l'innesto viene posto in una soluzione conservante ad una temperatura di +40 ° C, dove viene immagazzinato prima dell'impianto.

Caratteristiche operative

Il trapianto può essere conseguenze difficili le operazioni precedentemente rinviate negli organi cavità addominale o toracica, quindi la decisione di includere questi pazienti nel numero dei potenziali destinatari assumono, a seconda del singolo chirurgo esperienza trapianto.

Controindicazioni per il trapianto

Sotto controindicazioni al trapianto capire se il paziente ha malattie o condizioni che rappresentano un pericolo immediato per la vita, e non solo non può essere corretto da trapianto, ma può anche essere aggravato a causa della sua successiva o immunosoppressiva terapia fatale. Esiste un certo gruppo di condizioni in cui l'esecuzione del trapianto, anche in presenza di indicazioni, sembra essere ovviamente priva di significato o dannosa dal punto di vista dell'aspettativa di vita di un particolare paziente.

Tra le controindicazioni per il trapianto di organi sono assoluto e relativo. Come controindicazioni assolute considerare:

  • violazioni incorrette della funzione degli organi vitali, compreso il sistema nervoso centrale;
  • processo infettivo al di fuori del corpo da sostituire, ad esempio, tubercolosi, AIDS o qualsiasi altra infezione sistemica o locale non trattabile;
  • malattie oncologiche al di fuori del corpo da sostituire;
  • la presenza di malformazioni che accompagnano la malattia sottostante, non soggette a correzione e non compatibili con la lunga vita.

Nel processo di accumulo dell'esperienza del trapianto clinico, sono stati migliorati i metodi di addestramento dei riceventi e il mantenimento delle funzioni vitali durante la loro attesa per la chirurgia. Di conseguenza, alcune delle controindicazioni, precedentemente considerate assolute, sono passate nella categoria delle relative controindicazioni, cioè le condizioni che aumentano il rischio di intervento o complicano la sua implementazione tecnica, ma se riuscite, non peggiorare la prognosi favorevole dopo l'intervento.

Il miglioramento delle tecniche chirurgiche e di anestesia ha permesso di ottimizzare le condizioni del trapianto anche nel periodo neonatale. Ad esempio, la tenera età del bambino è stata esclusa dal numero di controindicazioni. A poco a poco spingere i limiti dell'età massima del potenziale destinatario, dal momento che le controindicazioni sono determinate non tanto da loro quanto dalle malattie concomitanti e dalla possibilità di prevenire le complicanze.

Nel processo di preparazione di un paziente per il trapianto di un particolare organo, è possibile una corretta correzione dello stato con la minimizzazione e persino l'eliminazione di una serie di controindicazioni relative (infezione, diabete, ecc.).

Rifiuto della reazione e trattamento immunosoppressivo

Entrando nell'organismo ricevente, il trapianto diventa la causa e l'oggetto della risposta immunologica. La reazione all'organo donatore comprende un intero complesso di processi cellulari e molecolari sequenziali, che insieme portano a un quadro clinico della sindrome da rigetto. I componenti principali della sua presenza sono preesistenti anticorpi HLA specifici per i donatori e "riconoscimento" degli antigeni HLA geneticamente estranei da parte del sistema immunitario. Con il meccanismo d'azione sui tessuti dell'organo donatore, l'esclusione si distingue con una predominanza di attività anticorpale (umorale, rifiuto iperattivo) e rigetto cellulare acuto. Va tenuto presente che entrambi i meccanismi possono essere coinvolti nello sviluppo di questa reazione. Nel tardo periodo successivo al trapianto, è possibile lo sviluppo del rigetto cronico dell'organo donatore, basato principalmente sui meccanismi immunocomplessi.

La scelta del protocollo per il trattamento immunosoppressivo dipende da molti fattori: il tipo di organo donatore, la coincidenza del gruppo sanguigno, il grado di compatibilità dei tessuti, la qualità del trapianto e lo stato iniziale del ricevente. L'immunosoppressione in varie fasi del periodo post-trapianto cambia in accordo con le manifestazioni della reazione di rigetto e lo stato generale del paziente.

L'uso di trapianti correlati semplifica enormemente la condotta dell'immunosoppressione indotta da farmaci. Ciò è particolarmente evidente quando i diretti parenti del ricevente sono i donatori: genitori o fratelli. In questi casi, si osserva una coincidenza di tre o quattro antigeni HLA delle sei diagnosi standard. Nonostante il fatto che la reazione di rigetto sia certamente presente, le sue manifestazioni sono così insignificanti che possono essere fermate da piccole dosi di immunosoppressori. La probabilità di una crisi di rigetto di un trapianto correlato è molto piccola e può essere provocata solo dalla cancellazione non autorizzata di farmaci.

E 'generalmente noto che il trapianto di organi comporta un trattamento immunosoppressivo per tutto il periodo di funzionamento dell'organo donatore nel ricevente. Rispetto ad altri organi trapiantati come il rene, pancreas, polmone, cuore, intestino tenue, fegato occupa una posizione particolare. È un organo immunocompetente che ha una tolleranza alla risposta immunitaria del ricevente. Più di 30 anni di esperienza nel trapianto hanno dimostrato che se correttamente immunosoppressione sopravvivenza media termine di trapianto epatico è molto superiore a quella di altri organi trapiantati. Circa il 70% dei destinatari del fegato donatore mostra una sopravvivenza a dieci anni. L'esposizione prolungata organismo epatica ricevente del trapianto crea un cosiddetto microchimerismo offrendo condizioni favorevoli per la progressiva riduzione delle dosi di immunosoppressori fino al ritiro di steroidi e poi, in alcuni pazienti, l'abolizione completa della immunosoppressione farmaco che più realisticamente ai destinatari relativi trapianti dovuti chiaramente maggiori compatibilità iniziale dei tessuti.

Metodi e cure successive

Principi per ottenere innesti da donatori in uno stato di morte cerebrale

Organi erogatori vengono rimossi da un corpo morto durante l'intervento chirurgico complesso, che implica ottenere il massimo numero possibile di organi da cadavere adatti per pazienti trapiantati in attesa di trapianto (rimozione multiorgan). Nell'astinenza multi-organo si ottengono cuore, polmoni, fegato, pancreas, intestino, reni. La distribuzione di organi attuazione di un centro di coordinamento regionale per la donazione, secondo la lista di attesa generale per tutti operanti nel settore dei centri di trapianto sulla base dei parametri personali di compatibilità (sangue, tipizzazione tissutale, parametri antropometrici) e informazioni circa le indicazioni imperativi per il trapianto in un paziente. La procedura per la rimozione di organi multiorgano viene elaborata dalla pratica del trapianto mondiale. Vi sono varie modifiche che consentono di preservare il più possibile la qualità degli organi. La perfusione a freddo di organi con una soluzione conservante viene effettuata direttamente nel corpo del defunto, dopo di che gli organi vengono rimossi e posti in contenitori, dove vengono trasportati a destinazione.

La preparazione finale degli organi donatori per l'impianto viene effettuata direttamente nella sala operatoria, dove si trova il destinatario. Lo scopo dell'addestramento è di adattare le caratteristiche anatomiche del trapianto a quelle del ricevente. Contemporaneamente alla preparazione dell'organo donatore, il ricevente viene operato in base all'opzione di impianto scelta. Moderno trapianto clinico durante il trapianto di cuore, fegato, polmone, complesso cuore-polmone e intestino tenue comporta la rimozione dell'organo colpita con successiva impiantazione di un donatore al suo posto (trapianto ortotopico). Allo stesso tempo, il rene e il pancreas vengono impiantati eterotopicamente, senza necessariamente rimuovere gli organi del ricevente.

Ottenere organi o i loro frammenti da donatori viventi (collegati)

Gli organi che possono essere ottenuti da un donatore vivente senza danneggiarne la salute sono il rene, i frammenti di fegato, il frammento distale del pancreas, il sito dell'intestino tenue e la frazione del lobo.

Il vantaggio indiscutibile del trapianto da donatore vivente è l'indipendenza dal sistema di fornitura da parte degli organi di cadavere e, di conseguenza, la possibilità di pianificare l'operazione a seconda delle condizioni del ricevente.

Il principale vantaggio di un trapianto da donatore vivente è la qualità dell'organo, prevista dalla selezione e in alcuni casi dalla preparazione di donatori correlati. Ciò è dovuto al fatto che con un donatore correlato sono praticamente esclusi gli effetti emodinamici e di droga negativi nella fase perioperatoria del donatore. Ad esempio, quando si utilizza il fegato cadaverico, la probabilità di una lesione parenchima iniziale più grave è sempre maggiore rispetto al trapianto correlato. Il livello moderno di chirurgia epatica e metodi di conservazione degli organi consente di ottenere un trapianto di alta qualità da un donatore vivente con danni ischemici e meccanici minimi.

A differenza di trapianto di organi ottenuta autopsia, utilizzando un frammento organo o organo da parente più prossimo può aspettare la sua più favorevole adattamento immunologica nel ricevente causa delle caratteristiche simili di HLA-aplotipo. In definitiva, i risultati dei principali centri di trapianto del mondo indicano una migliore sopravvivenza a lungo termine dei riceventi e dei trapianti dopo un trapianto correlato rispetto al trapianto di organi cadaverici. In particolare, il periodo di "emivita" del trapianto di rene cadaverico è di circa 10 anni, mentre per quelli correlati - oltre 25 anni.

Periodo di post-trapianto

Sotto il periodo post-trapianto si intende la vita del ricevente con un organo trapiantato funzionante. Il normale corso nel ricevente adulto implica il recupero dalla malattia iniziale, dalla riabilitazione fisica e sociale. Nei bambini, il periodo post-trapianto dovrebbe garantire condizioni aggiuntive, come la crescita fisica, lo sviluppo intellettuale e la pubertà. La gravità dello stato iniziale dei potenziali destinatari degli organi donatori, il traumatismo e la durata dell'intervento chirurgico, combinata con la necessità di un trattamento immunosoppressivo post-trapianto, determinano le specifiche di conduzione di questo contingente di pazienti. Ciò implica la profilassi attiva, la diagnosi e l'eliminazione delle complicanze, la terapia sostitutiva volta a compensare le funzioni precedentemente distrutte e il monitoraggio del processo di riabilitazione.

Peculiarità di condurre un periodo post-operatorio nei destinatari

La presenza di più fattori di rischio, quali interventi chirurgici prolungato, la presenza di drenaggi, immunosoppressione farmacologica, l'uso prolungato di cateteri venosi centrali - la base per la profilassi antibiotica massiccia e lungo termine. A tal fine, continuare iniziato la somministrazione endovenosa di farmaci intraoperatoria cefalosporina gruppo III o IV in modo dose-generazione 2000-4000 mg / die [nei bambini - 100 mg / kg x die)]. Il cambiamento dei farmaci antibatterici viene effettuato a seconda del quadro clinico e di laboratorio e in accordo con la sensibilità della microflora rivelata durante l'esame batteriologico. Tutti i pazienti con il primo giorno dopo il trapianto dose di fluconazolo somministrato di 100-200 mg / die per la prevenzione di infezioni fungine e ganciclovir a dosi di 5 mgDkghsut) per la prevenzione del citomegalovirus, herpes virus e infezioni da virus di Epstein-Barr. Il periodo di applicazione del fluconazolo corrisponde al periodo di terapia antibiotica. Il ciclo di prevenzione del ganciclovir è di 2-3 settimane.

La correzione dello stato nutrizionale con il reintegro più adeguato dei costi energetici e la compensazione tempestiva dei disturbi del metabolismo delle proteine si ottiene mediante nutrizione parenterale ed enterale bilanciata. Nei primi 3-4 giorni, tutta la nutrizione parenterale viene somministrata a tutti i riceventi [35 kcal / (chilogrammo)), che è inclusa nel protocollo di terapia infusionale. La terapia sostitutiva viene effettuata mediante infusione di plasma appena congelato in combinazione con una soluzione di albumina.

La necessità di un uso continuo di corticosteroidi, così come la tendenza a sviluppare erosiva e lesioni ulcerative del tratto gastrointestinale superiore in background sollecitazioni primo periodo post-operatorio, prevede la nomina obbligatoria di bloccanti i recettori H2-istamina, antiacido e mezzi avvolgenti.

Il trapianto di organi consente di salvare la vita e ripristinare la salute di un gran numero di pazienti con malattie gravi che non possono essere curati con altri metodi. Trapianto clinico richiede un medico trapianto vasta conoscenza non solo in chirurgia, ma anche in specialità parahirurgicheskih come terapia intensiva e disintossicazione extracorporea, immunologia e condurre immunosoppressione droga, prevenzione e trattamento delle infezioni.

L'ulteriore sviluppo del trapianto clinico in Russia implica la formazione, l'organizzazione e il regolare funzionamento del sistema di fornire agli organi il concetto di morte cerebrale. Una soluzione efficace a questo problema dipende, innanzitutto, dal livello di consapevolezza della popolazione nelle reali possibilità di trapianto di organi e dall'elevato umanesimo della donazione di organi.

È importante sapere!

Il trapianto può essere eseguito utilizzando i tessuti del paziente (autotrapianto, ad esempio, ossa, innesto cutaneo), tessuti donatori geneticamente identici (singenici) (isotrapiantati) Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.