^

Salute

A
A
A

Anosognosia

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Un fenomeno clinico, che è una negazione (sottovalutazione) del difetto del paziente, ignorando i sintomi della malattia si chiama anosognosia. Un simile rifiuto del proprio stato è un modo per evitare la realtà. La psichiatria moderna interpreta l'anosognosia come un meccanismo di difesa psicologica che aiuta il paziente ad affrontare il pensiero della malattia e ad abituarsi. Allo stesso tempo, è considerato un adattamento patologico, poiché la riluttanza ad ammettere di essere malato impedisce un trattamento tempestivo e di solito richiede grandi sforzi per riportare l'individuo alla realtà e realizzare il fatto della malattia. [1]

L'anosognosia è un fenomeno caratteristico per l'ambiente vicino del paziente, indipendentemente dal livello di istruzione. I parenti non vogliono sopportare una grave malattia di una persona cara e negare la sua presenza, giustificando anomalie comportamentali in schizofrenia, epilessia e altre malattie mentali in circostanze, pigrizia, eccentricità e un carattere grave. Con l'anosognosia, si forma un'incapacità di notare fatti ovvi e manifestazioni dolorose, nonostante il fatto che in generale il paziente mantenga spesso un orientamento generale. [2]

Epidemiologia

È stato dimostrato che i membri del sesso più forte hanno maggiori probabilità di sviluppare anosognosia, il che non sorprende. Sono spesso messi da pazienti di narcologi, hanno ferite alla testa, hanno più spesso ictus e sviluppano gravi malattie mentali. Inoltre, si ritiene che le donne siano protette dall'aterosclerosi e dall'ictus dagli estrogeni per la maggior parte della loro vita, reagiscano in modo diverso agli eventi traumatici (l'emozione è migliore) e, in generale, sono più mobili. Tutto ciò riduce il rischio di anosognosia nella metà debole dell'umanità. [3]

È anche noto che l'anosognosia come conseguenza dell'ictus ischemico è osservata in circa un quarto dei pazienti nel primo periodo di riabilitazione. Mentre ti riprendi, i sintomi si attenuano e scompaiono.

Nei pazienti narcologici, questo fenomeno clinico è quasi sempre presente.

L'anosognosia può verificarsi dopo una lesione cerebrale traumatica acuta, come un ictus o una lesione cerebrale, ma può anche verificarsi in altre condizioni che danneggiano il cervello. Nei pazienti con ictus che soffrono di emiparesi, la frequenza di anosognosia va dal 10 al 18%. [4] Il termine anosognosia può anche riferirsi a una mancanza di consapevolezza osservata in condizioni psichiatriche quando i pazienti negano o minimizzano i sintomi psichiatrici. Si stima che il 50% dei pazienti con schizofrenia e il 40% dei pazienti con disturbo bipolare presentino anosognosia o le cosiddette cattive condizioni o mancanza di comprensione della loro malattia. Nella demenza, il 60% dei pazienti con compromissione cognitiva lieve [5]e l'81% dei pazienti con malattia di Alzheimer sembrano presentare una qualche forma di anosognosia: i pazienti con queste condizioni negano o minimizzano la compromissione della memoria. [6]. [7]

Le cause anozognozii

L'anosognosia è comune nelle persone con una malattia mentale e può indicare una malattia grave, come la schizofrenia o il disturbo bipolare. In questo caso, il paziente non si rende conto di essere malato e protesta attivamente contro il trattamento prescritto. Le persone con patologie mentali di solito sviluppano un rifiuto totale del loro stato di malattia senza un sistema di prove. L'anosognosia nei pazienti si sviluppa più spesso sotto l'influenza dei seguenti fattori:

  • progressivo declino dell'intelligenza e di altre funzioni mentali, in particolare compromissione della memoria (amnesia, demenza);
  • psicosi acuta con disorganizzazione della coscienza, incapacità di valutare criticamente e pensiero generalmente razionale;
  • psicosi isterica;
  • disorientamento autopsichico nella psicosi cronica;
  • indifferenza che consuma tutto (apatia);
  • straordinaria consapevolezza di qualsiasi profondità, poiché soffre di un'attività nervosa più elevata.

L'anosognosia si sviluppa spesso negli alcolisti cronici e nei tossicodipendenti, non vogliono considerarsi malati, ignorare i sintomi e rifiutare il trattamento. La maggior parte degli psichiatri attribuisce questo fenomeno nei pazienti narcologici a una reazione difensiva alle informazioni sul verificarsi di una dipendenza persistente, poiché il riconoscimento di questo fatto pregiudica l'autostima del paziente e alcuni ricercatori attribuiscono l'incapacità degli alcolisti (tossicodipendenti) all'auto-percezione critica con l'attivazione inconscia della repressione protettiva (negazione) della colpa.

Secondo K. Jaspers, l'anosognosia negli alcolisti e nei tossicodipendenti si basa sulla loro auto-percezione patologica. I pazienti narcologici hanno un magazzino di personalità speciale, la loro natura è caratterizzata da un'attrazione patologica per l'uso di sostanze psicoattive. La maggior parte degli alcolisti e dei tossicodipendenti si riconosce raramente come malata e non nota i sintomi dello sviluppo dell'alcolizzazione patologica (anestesia), specialmente quelli mentali. Questo contingente ha una disposizione solo per ricevere la dose successiva di alcol o di una droga, il cui danno è ben noto e la dipendenza da essi è considerata un vizio. L'anosognosia ti consente di mascherare la percezione della dipendenza e di non aver paura delle conseguenze, con l'abuso prolungato, si sviluppa una psicosyndrome organica e su questa base si sviluppa un disturbo mentale. [8]

Il rifiuto della propria malattia si sviluppa anche in pazienti con danni al sistema nervoso centrale di varie origini. Fattori di rischio: lesioni cerebrali traumatiche, infezioni, intossicazioni, in particolare monossido di carbonio o mercurio, ipossia, ischemia, ictus, aterosclerosi progressiva. A seconda della localizzazione del focus della lesione, i pazienti con una capacità completamente preservata di navigare in una situazione reale non riconoscono le loro disabilità fisiche, cecità o sordità, considerano che i loro arti paralizzati si muovono e così via.

Nei pazienti somatici e somatopsichici, l'anosognosia è osservata come sintomo di debutto di malattie come cancro, AIDS, tubercolosi, epatite, ulcera peptica, ipertensione arteriosa. In questi casi, alcuni ricercatori considerano il tipo di atteggiamento anosognosico nei confronti della malattia necessario per mantenere la salute psicologica.

Patogenesi

La patogenesi dell'anosognosia, sulla base delle ragioni sopra esposte, a livello psicologico sembra una reazione difensiva "negazione", che è vista come un tentativo di evitare nuove informazioni indesiderate che vanno contro l'immagine di sé prevalente dell'individuo. Il paziente minimizza la sua situazione inquietante, inconsapevolmente sottostimandone il significato ed evitando così lo stress emotivo.

A rischio di sviluppare anosognosia sono individui egocentrici con una ridotta tendenza all'autocritica e all'eccessiva autostima.

Il problema del rifiuto della propria malattia si presenta in molte condizioni, è in fase di studio e non è stato ancora risolto in modo inequivocabile. I criteri per un approccio unificato ad esso e alle sue manifestazioni (totali o parziali) non sono stati sviluppati, quindi non ci sono statistiche sui casi di anosognosia. [9]

Sintomi anozognozii

L'anosognosia è osservata in diversi gruppi di pazienti e persino tra parenti di pazienti, pertanto le manifestazioni cliniche sono qualitativamente diverse nel loro contenuto. Il paziente può negare la presenza di sintomi della malattia, può concordare di essere malato, ma negare il danno causato dalla malattia o non voler essere curato. I primi segni compaiono in diversi modi: i risultati di test diagnostici, analisi e referti medici possono essere completamente ignorati o messi in discussione. Alcuni pazienti scelgono la tattica della distanza o la fuga diretta evitando il contatto con il personale medico, in alcuni casi i pazienti rivelano una volontà immaginaria di collaborare, che di fatto si trasforma in un tranquillo sabotaggio e nel mancato rispetto delle raccomandazioni.

Assegna l'anosognosia totale e parziale. Tra le manifestazioni di rifiuto c'è una sottovalutazione della gravità della malattia, una mancanza di consapevolezza della sua presenza in sé, ignorando le sue manifestazioni, semplice rifiuto completo e rifiuto con finzione e delirio. Tali manifestazioni possono essere permanenti o variare a seconda delle fasi patologiche.

L'anosognosia alcolica, come il narcotico, si manifesta principalmente con una totale negazione della presenza della malattia e dei relativi disturbi comportamentali e sintomi psicotici. I pazienti narcologici tendono a spostare la responsabilità del costante abuso di sostanze psicoattive e dei relativi problemi ad altre persone (spesso sono persone vicine), alla confluenza delle circostanze e rivelano, principalmente, una completa incapacità di auto-percezione critica.

Complicazioni e conseguenze

L'anosognosia diventa un contrappeso al trattamento. A causa del rifiuto della malattia, manca il tempo in cui al paziente può essere fornito l'aiuto più efficace. Spesso ciò accade nelle fasi iniziali della malattia grave, quando non vi sono ancora fastidi e dolori evidenti, che alimentano l'illusione del benessere. In generale, il personale medico richiede grandi sforzi per rendere il paziente in modo sobrio valutare la situazione e adottare misure per mantenere la propria salute e spesso la vita.

Diagnostica anozognozii

Innanzitutto, il paziente deve avere una malattia. Avere qualcosa da negare. In secondo luogo, secondo medici e parenti, non ha fretta di farsi curare, ignorando la sua malattia o non valutando adeguatamente il suo pericolo.

Fondamentalmente, la diagnosi viene fatta sulla base di un colloquio con un paziente, a volte ripetuto.

Per valutare i casi più comuni, come l'anosognosia alcolica, sono stati creati questionari per valutare l'atteggiamento del paziente nei confronti della sua malattia come una semplice mancanza di conoscenza al riguardo o una sua negazione totale o parziale. Il sondaggio dura circa mezz'ora, le risposte vengono valutate e interpretate di conseguenza istruzioni.

Anche i pazienti post-ictus vengono sottoposti a vari test, in particolare utilizzano il "Questionario sui disturbi della funzione esecutiva". Quando si supera questo test, le risposte del paziente sulle sue capacità vengono confrontate con le risposte dell'osservatore. Il questionario comprende quattro scale: due - valutazione soggettiva e obiettiva delle capacità fisiche, due - mentali.

Fondamentalmente, la diagnosi di qualsiasi tipo di anosognosia viene effettuata utilizzando il metodo dei test neuropsicologici o conducendo interviste cliniche con i pazienti.

Quasi sempre, la neuroimaging del cervello (risonanza magnetica o computerizzata con o senza angiografia) viene eseguita per stabilire la presenza di danni organici alle sue strutture. [10]. [11]

Diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale di anosognosia si riduce a determinarne il tipo:

  • distruttivo, espresso nel rifiuto della malattia e nella regressione, caratterizzato dalle idee più distorte sulla malattia e su se stesso;
  • moderatamente distruttivo, in cui una parte delle informazioni sulla malattia è consentita per la consapevolezza;
  • costruttivo quando le informazioni sulla malattia possono essere realizzate dal paziente.

Chi contattare?

Trattamento anozognozii

L'anosognosia nei pazienti somatici richiede principalmente un trattamento psicoterapico, nei pazienti psichiatrici spesso consiste nel trattamento medico di una malattia psichiatrica presente in un paziente. I farmaci sono prescritti a seconda delle condizioni del paziente. Spesso dopo il ritiro dei sintomi della psicosi, l'atteggiamento del paziente nei confronti della malattia cambia.

Il trattamento dell'anosognosia alcolica e narcotica comporta assistenza psicoterapica, spesso psicoterapia familiare, combinata con narcologica.

Con lesioni cerebrali organiche, dopo lesioni e ictus, a volte è necessario un trattamento chirurgico.

In casi particolarmente gravi e pericolosi per il paziente e la società, viene utilizzato il ricovero involontario, sebbene l'obiettivo principale del trattamento dell'anosognosia sia riconoscere la malattia del paziente e la necessità di cure. L'approccio in tutti i casi è individuale. [12]. [13]

Prevenzione

La negazione della loro malattia si forma come una reazione protettiva in molte malattie, quindi le misure preventive possono essere le più comuni. Mantenere un alto livello di salute mentale e fisica, facilitato dallo stile di vita, dall'alimentazione e dall'assenza di cattive abitudini, riduce al minimo il rischio di gravi patologie.

Inoltre, l'ampia consapevolezza della popolazione che cure mediche tempestive e qualificate possono curare molte malattie gravi che diventeranno incurabili nella fase avanzata dovrebbe svolgere un ruolo.

Previsione

L'anosognosia totale è prognosticamente più sfavorevole delle sue forme più leggere. Molto dipende dalla malattia in cui si è formato il fenomeno clinico. La prognosi più favorevole è per le persone intellettualmente sicure la cui malattia è stata respinta come reazione protettiva a nuove informazioni stressanti.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.